Energia concentrata.

Print Friendly, PDF & Email

BMZ MK105776 BearbeitetTecnologia del futuro. Sven Bauer, CEO e fondatore del gruppo BMZ, ha trasformato l'azienda di Karlstein am Main nella Bassa Franconia in un attore globale nel settore dell'accumulo di energia. Ora vuole avviare la propria produzione di batterie in Germania per diventare indipendente dai fornitori asiatici.

Il problema del cambiamento climatico sarà affrontato solo se smetteremo di usare combustibili fossili nel prossimo futuro - niente petrolio, niente gas, niente carbone", dice Sven Bauer. Poi si corregge da solo. Parlare di un "problema" è sbagliato. Gli piace di più "sfidare". "Perché la buona notizia è che una vera rivoluzione energetica è possibile. Possiamo decarbonizzare tutti i settori - elettricità, trasporti e calore. Ma per questo abbiamo bisogno di sistemi di immagazzinamento dell'energia, grandi quantità di sistemi di immagazzinamento dell'energia. Ed è qui che entro in gioco io".

Bauer e il suo gruppo BMZ sono nel bel mezzo di una gigantesca storia di crescita. "Tutti gli analisti del settore concordano sul fatto che la domanda globale per l'accumulo di energia triplicherà da 120 gigawattora oggi al 2025. Un lavoro su cinque in Germania dipende presto dalla batteria". Il tosaerba a batteria, il trapano a batteria, la batteria del computer portatile - tutto questo esisteva dieci anni fa. "Ma ora sta sorgendo l'età della E. Il desiderio della massima mobilità individuale possibile è il grande problema di una società individualizzata".

Anche per i proprietari di case si profila una rivoluzione: "Mentre la maggior parte dell'elettricità generata dalle celle solari sul tetto doveva essere immessa per molto tempo nella rete di un'azienda di servizi pubblici, ora possono utilizzarla essi stessi con i moderni sistemi di immagazzinamento dell'energia". I costi di acquisto di un impianto fotovoltaico si ammortizzerebbero più rapidamente, rendendo nel contempo autosufficienti i proprietari di abitazioni e garantendo la sicurezza dell'approvvigionamento. Inoltre, sarebbe più economico se i gestori di rete e le aziende di pubblica utilità introducessero presto tariffe elettriche ad ora del giorno per attenuare i picchi. Chi produce un'eccedenza sul proprio tetto può decidere se utilizzarla direttamente o venderla se l'elettricità è particolarmente costosa.

"Rideranno, ma le batterie sono davvero la mia grande passione", sorride Sven Bauer. "Le batterie e gli accumulatori di energia mi hanno affascinato per 25 anni. Sembra banale, ma ho trasformato il mio hobby nella mia professione. E' incredibilmente eccitante vedere come le batterie degli smartphone diventano sempre più piccole, per esempio, o cosa possono fare le batterie delle e-bike in questi giorni".

BMZ 1

Bauer, nato nel 1966 a Erlenbach am Main, è un attrezzista formato, ha superato l'esame di maestro artigiano, ha poi studiato scienze ingegneristiche presso l'Università Tecnica di Darmstadt e infine è passato allo specialista di batterie Saft GmbH come direttore di produzione. Nel 1994 Saft vuole separarsi dalla sua attività di accumulatore. Questo porta a un management buy-out che, tuttavia, va male e porta all'insolvenza.

Ora Bauer vede la sua occasione. Si occupa da solo dell'insolvenza e rileva i macchinari dalla massa fallimentare. A bordo ci sono i suoi compagni d'armi Claudia Reimer e Thorsten Gotthardt. Tuttavia, poiché non hanno capitale a loro disposizione e le banche si mostrano chiuse, l'allora unico agricoltore venticinquenne solleva egli stesso il necessario marchio D 150000. "Ho messo tutto su un'unica carta, racimolato tutti i soldi insieme, persino annullato i miei contratti di mutuo edilizio."

BMZ - l'abbreviazione che sta per "Battery Assembly Centre" - ha solo dodici dipendenti in quel momento. Bauer riconosce l'enorme potenziale delle celle agli ioni di litio come mezzo di immagazzinamento dell'energia, quando molti concorrenti fanno ancora grande affidamento sulle batterie al piombo e al nichel-cadmio. Le vendite sono in continua crescita. Claudia Reimer e Thorsten Gotthardt lasciano l'azienda - "come concordato", come sottolinea l'imprenditore.

Nell'agosto 2008 poi la battuta d'arresto. Un capannone di produzione e un magazzino bruciano completamente a causa di un difetto tecnico. Circa 200 vigili del fuoco riescono a spegnere l'incendio solo dopo diverse ore - il litio brucia come uno stoppino. La società subisce una perdita di 17 milioni di euro. "L'incendio è stato un evento chiave. Eravamo, ovviamente, assicurati. Ma questo non risolve le sfide a breve termine, dopo tutto, eravamo in una situazione di rapida crescita in quel momento e dovevamo prendere decisioni rapide".

Sven Bauer sta correndo un altro rischio completo. Egli distribuisce i compiti ai suoi collaboratori più vicini e dice loro di promettere ai clienti che tutti gli ordini saranno consegnati in tempo. "Abbiamo visto la crisi come un'opportunità, abbiamo lavorato finché non siamo caduti. Dopo tutto, avevamo ordinato celle per 20 milioni di marchi tedeschi dai nostri fornitori. In due mesi abbiamo prodotto più di prima dell'incendio, senza sapere se l'assicurazione avrebbe pagato". Alla fine, ha regolamentato, ma l'ultima rata di 2,5 milioni di marchi ha dovuto essere revocata con un accordo. "Questo e' stato il mio giorno piu' costoso fino ad oggi", dice Bauer.

Cosa l'ha fatto andare avanti allora? "Ero sicuro che le batterie sarebbero state la cosa piu' importante." Oggi, BMZ è uno dei maggiori operatori nel settore globale delle batterie. Circa quattro dei cinque pacchi batteria venduti in Germania provengono da casa sua. "Equipaggiamo carrelli elevatori, autobus, gru, barche, sedie a rotelle e biciclette elettriche, per non parlare delle auto." Per tenere il passo con la produzione, Bauer investe una somma di tre cifre in un nuovo centro logistico e nell'ampliamento della sede centrale di Karlstein - un sacco di soldi per un imprenditore di medie dimensioni. Tutto dovrebbe essere pronto entro la fine del 2019. "Ma stiamo investendo anche in altre località. "Perché dobbiamo essere lì quando inizia il boom delle auto elettriche."

Esattamente quando lo sara', neanche Bauer puo' prevederlo. Il capo della BMZ si aspetta una curva di crescita simile a quella delle e-bike: "Prima molto piatta per molto tempo, poi improvvisamente in forte salita". Sono i clienti finali a fare il marketing, secondo il motto: "Entrate e provatelo". "Improvvisamente è molto veloce.

E poi le batterie per auto saranno il grande argomento di vendita".

BMZ TE15431 Bearbeitet

Con le e-bike, Bauer ha già vissuto esattamente questo sviluppo. Molti clienti finali non sanno nemmeno chi è responsabile di quale parte della loro ruota elettronica. Certo, il motore viene da Bosch, Brose, Shimano o Panasonic. "Ma non costruiscono la batteria", spiega Bauer. "E' per questo che hanno bisogno di noi. I produttori di motori si stanno avvicinando a noi e vogliono il nostro know-how: come fa la cosa a diventare impermeabile? Quanto possiamo farla piccola? Come aumentare la capacità di stoccaggio? "Come ridurre la velocità di scarico a basse temperature?"

BMZ fornisce tutto questo da un'unica fonte. Anche Torqeedo (patrimonio privato di cui si riferisce l'azienda sul numero 03/15), oggi leader mondiale nei motori elettrici per imbarcazioni da Starnberg vicino a Monaco di Baviera, ha accompagnato l'azienda fin dall'inizio. "I nostri ingegneri di sviluppo sono sempre sul posto." È questo servizio completo che rende BMZ così indispensabile per molti clienti. "Aiutiamo con la certificazione DIN e l'accettazione del TÜV, così come con la costruzione, la progettazione o il riciclaggio".

Ci vorrebbe un'intera armata di esperti, dai chimici agli ingegneri elettrici, dagli avvocati agli ingegneri dei materiali. Una batteria per una e-bike, che viene caricata in media da 60 a 80 volte all'anno, potrebbe forse essere offerta anche da altri. Ma con un carrello elevatore la cui batteria è in uso dalle 60 alle 80 ore settimanali, le cose sembrano diverse. Bauer è convinto che un dispositivo ad alta tecnologia non sarà mai una "merce", un prodotto scambiabile. Lo stesso vale per le batterie delle auto. I produttori si affidano a diversi sistemi di raffreddamento e riscaldamento, su hardware e software diversi. "Tutto questo è molto complesso e sta cambiando rapidamente. Ogni sei mesi, nuove batterie vengono sul mercato da noi".

Le case automobilistiche tedesche, compresi i produttori premium, hanno ormai riconosciuto almeno in parte i segni dei tempi. "Bauer è convinto che i maggiori bloccanti al momento sono i commercianti. "Perché hanno di più da perdere. Guadagnano di più con la manutenzione e il servizio dei motori a combustione che con la vendita di auto nuove". Per lui, non importa in linea di principio chi vince la gara: "Possiamo costruire tutte le batterie e implementare tutte le soluzioni tecniche".

Era chiaro fin dall'inizio al capo della BMZ che sarebbe stato in grado di attrarre gli specialisti necessari a Karlstein, nella provincia della Franconia, solo se avesse offerto loro più di altri. "Non possiamo e non vogliamo pagare quanto nelle regioni metropolitane", dice. Inoltre, in ogni caso non sono stati trovati esperti in materia di batterie. "Così facciamo uscire i giovani dall'università e li formiamo con noi, li tiriamo su passo dopo passo. Ci vorrà del tempo, ma non c'è altro modo".

Per lui è particolarmente importante offrire un ambiente entusiasmante, molto personale e a stretto contatto con il capo senza grandi gerarchie. "Contiamo sulla responsabilità personale, sulla velocità, sul rischio."

Bauer vede la sua BMZ come una grande start-up: "Le nostre persone possono commettere errori, dovrebbero addirittura commettere errori. Questo è l'unico modo per creare innovazione. Possiamo imparare molto dagli Stati Uniti. Lì questa cultura è molto più diffusa e accettata. In Germania, tutto deve essere sempre perfetto. Ma la nostra industria è anche e soprattutto una questione di velocità".

Gli piace come Samsung reagì al primo iPhone di Apple all'epoca: "Hanno inviato tre team di sviluppo di 150 persone all'inizio, arco di tempo: sette mesi. "Alla fine, solo una, l'idea migliore, sarebbe stata implementata." Bauer ama un approccio di questo tipo - con una grande differenza: i team Samsung, che non hanno avuto successo, sono stati licenziati. "Non sarebbe successo con noi. Il fallimento è consentito. E molti anni di esperienza sono un tesoro che custodiamo".

L'imprenditore è stato spesso confermato ufficialmente che questa è la strada giusta da percorrere. BMZ è stata quattro volte tra le "Top 50 aziende bavaresi" e nel 2018 ha ricevuto il premio "Zukunftsarbeitgeber" dall'Università Tecnica di Monaco di Baviera.

Chiunque abbia esperienza di Sven Bauer nei suoi rapporti quotidiani con i suoi dipendenti può ben capirlo. "Sven, stavo pensando a come potremmo riciclare sensibilmente i nostri rifiuti", annuncia un montatore durante un tour di produzione. Sven, l'amministratore delegato, vuole essere educato da tutti, fa lo stesso. Poco tempo dopo sta insieme all'installatore e a un product manager e ascolta l'idea concentrata. "Tutti contribuiscono al successo. Ne sono consapevole ed è molto importante. In BMZ, tutti hanno voce in capitolo e sono i benvenuti a utilizzarla in modo costruttivo. Le idee migliori a volte provengono dalla produzione e non da strateghi altamente retribuiti. Vengo da sfondi molto semplici e non ho mai perso la presa. Vado dal mio popolo all'altezza degli occhi. Alla BMZ, tutti dovrebbero sentirsi apprezzati".

Finora Sven Bauer ha affrontato tutte le sfide con questo atteggiamento. Ma il grande banco di prova - anche per la Germania come sede aziendale - lo aspetta ancora. "La Germania dipende dai fornitori asiatici per le celle delle batterie. Noi stessi acquistiamo celle per oltre 120 milioni di euro all'anno. È pericoloso e non può andare avanti così". Attualmente, il mercato delle cellule agli ioni di litio è dominato da Samsung, LG, Panasonic e Sony, che rappresentano circa il 90% del mercato.

BMZ 2

"L'unica cosa rassicurante di questo scenario è che da più di 20 anni manteniamo un rapporto di fiducia, in particolare con i produttori giapponesi, che va ben oltre il tradizionale rapporto cliente-fornitore e ci garantisce quindi un elevato livello di sicurezza delle forniture. BMZ ha persino fatto produrre da Sony le proprie celle per pacchi batterie speciali. Tuttavia, l'Europa non deve lasciare questo mercato in crescita agli asiatici: "Molti prodotti chimici e macchine per la produzione di cellule provengono comunque dalla Germania. Sarebbe logico allestire la nostra produzione di celle in Germania per poter coprire a lungo termine almeno in parte della nostra domanda interna", sostiene Bauer.

Il ministro federale dell'economia, Peter Altmaier, ha ora affrontato la questione e ha lanciato un programma di finanziamento di diverse centinaia di milioni di euro. Un consorzio con un team di esperti di rinomate aziende e università deve avviare la produzione di celle e produrre un gigawattora entro il 2022. Entro il 2028, l'obiettivo è di 8 gigawattora. "Siamo dentro con nostra figlia TerraE", ci informa Bauer.

TerraE è stata fondata nel 2017 dopo che sei aziende associate al KLIB (Competence Network for Lithium-Ion Batteries) avevano formato un'iniziativa per costruire un impianto di produzione in serie su larga scala. All'interno del consorzio, tuttavia, vi erano conflitti di interesse: nessuno dei partecipanti era disposto a sostenere il rischio da solo o in larga misura da solo. Quindi Bauer ha rilevato l'avvio per un milione di dollari.

Oggi TerraE è il suo biglietto per Berlino. La domanda di finanziamento è stata elaborata e presentata al Ministero federale dell'economia e dell'energia (BMWi). L'unica cosa che manca è il "via" della politica. "Siamo sulla strada giusta. Abbiamo elaborato insieme un piano orientato al futuro, l'abbiamo riassunto in un'applicazione completa e abbiamo avviato con successo il processo di selezione. Ora abbiamo ancora bisogno di investitori del settore per dimostrare iniziativa".

Berlino, purtroppo, in passato, è andata oltre l'argomento, mentre il governo cinese, ad esempio, ha promosso gli sviluppatori di cellule con alti sussidi. "Ma ora qualcosa si muove finalmente." Anche il Ministero federale dell'istruzione e della ricerca intende investire mezzo miliardo di euro. Attualmente, sembra che la Renania settentrionale-Vestfalia potrebbe diventare la sede della prima fabbrica di celle tedesca. Forse ci sarà anche un altro consorzio in direzione della ricerca sulle cellule. Bauer non vuole rivelare alcun dettaglio, solo che TerraE è coinvolta anche in questo caso.

Questo equilibrio non è privo di rischi per l'imprenditore. Dopo tutto, vuole offrire ai suoi partner tedeschi il know-how e il capitale iniziale senza infastidire i fornitori asiatici di cui c'è urgente bisogno. Pertanto, solo alla fine del 2018 ha firmato contratti di fornitura a lungo termine con i produttori coreani di batterie per un valore di quasi un miliardo di dollari. Naturalmente, i piani per la produzione tedesca avevano sconvolto i partner asiatici, ma si erano tenuti colloqui costruttivi con tutti gli interessati. "Troveremo ancora la maggior parte delle nostre cellule dai nostri partner dell'Estremo Oriente. Ma abbiamo bisogno di sicurezza in Europa", spiega Bauer.

Allo stesso tempo, ha in programma di lanciare sul mercato la sua cella estremamente efficiente come fase intermedia. Deve essere utilizzato principalmente in sistemi a batteria di proprietà dell'azienda e specifici per il cliente. La promessa per i clienti: durata di vita più lunga del 100%, potenza superiore del 68%, energia superiore dell'88%, 400% di corrente di carica in più e fino al 60% di capacità in più.

Per Bauer, il tema delle fabbriche di celle è così importante perché BMZ sta crescendo rapidamente. Nel 2000 aveva ancora speso un obiettivo di fatturato di 500 milioni di euro per il 2020. Entro il 2019 saranno già 560 milioni, l'anno successivo saranno più di 700 milioni. Non ha nemmeno paura del raffreddamento dell'economia globale. "Durante la grande crisi finanziaria del 2008, BMZ è cresciuta del 10%. "Per noi, era anche solo un'occasione per avere brave persone."

Non si aspetta alcun problema neanche dal punto di vista tecnologico. "Penso che sia improbabile che qualcuno inventi rapidamente un tipo completamente nuovo di sistema di immagazzinamento dell'energia che renda inutili le batterie agli ioni di litio usate da BMZ. Rimarranno lo standard almeno fino al 2030. Non penso che due studenti di Harvard avrebbero trovato qualcosa a cui 2500 ingegneri Samsung non avrebbero mai pensato".

La questione del capitale potrebbe diventare più seria. La rapida crescita e gli elevati investimenti in ricerca e sviluppo devono prima essere finanziati. Bauer, che in precedenti occasioni ha sempre sottolineato che una IPO distruggerebbe la cultura aziendale, pensa ora a una IPO?

"E' una delle tante opzioni", ammette oggi l'imprenditore. Egli potrebbe immaginare, ad esempio, la conversione della GmbH in KGaA e l'emissione di azioni privilegiate senza diritto di voto. "Ma tutto dipende da molti fattori. Al momento stiamo facendo solo ciò che il mercato dei capitali chiama disponibilità all'IPO".

Quindi Sven Bauer, il cui BMZ sarà 25 anni quest'anno, ha ancora molto da fare. Che il prossimo quarto di secolo avrà lo stesso successo e che la nostra forza innovativa non diminuirà. Fare qualcosa di buono con il nostro lavoro per un ambiente migliore e più pulito, in cui veicoli e attrezzature di ogni tipo sono alimentati esclusivamente da motori elettrici la cui elettricità proviene da fonti di energia rinnovabile. E che in questo modo possiamo affrontare la sfida del cambiamento climatico". ®

_________________________

Sven Bauer e la sua "start-up" BMZ.

Secondo BMZ, è ora il numero 1 sul mercato europeo delle batterie agli ioni di litio. Il gruppo - 2800 dipendenti - ha la sua sede centrale a Karlstein am Main, dove si trovano due unità produttive di 4800 metri quadrati, e dispone di ulteriori stabilimenti produttivi in Cina, Polonia e Stati Uniti, nonché di filiali in Giappone e Francia. Inoltre, ci sono sedi di ricerca e sviluppo in tutto il mondo.

Il boss di BMZ Bauer ha ricevuto numerosi premi, tra cui "Il miglior imprenditore tedesco", "Imprenditore mondiale dell'anno" e "Imprenditore dell'anno" per tre volte. E' anche autore del libro "AkkuWelt" e ricercato relatore a conferenze di settore.

_________________________

Autore: Dr. Günter Kast

Foto: BMZ

Pin It

Indirizzo di pubblicazione

Private Wealth GmbH & Co. KG
Südliche Auffahrtsallee 29
80639 München

I social media

  • Tel.:
    +49 (0) 89 2554 3917
  • Fax:
    +49 (0) 89 2554 2971
  • Email:
    iQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Soziale Medien

         

   email