Il sopravvissuto.

Print Friendly, PDF & Email

024 NorCom 1 143922795Innovazione. Negli ultimi 30 anni NorCom ha dovuto superare molte situazioni difficili. Ma ogni volta il fondatore Viggo Nordbakk riesce a reinventare la sua azienda. Ora vuole scuotere il mercato automobilistico con il software Big Data.

I dati sono l'olio del futuro. Questo principio guida della quarta rivoluzione industriale si applica in particolare all'industria automobilistica. "La quantità di dati generati dai veicoli di oggi è enorme", spiega Viggo Nordbakk, CEO e fondatore dell'azienda di Monaco di Baviera NorCom. "Quando un'azienda testa un veicolo, spesso incorpora diverse migliaia di sensori. Essi forniscono un'ampia gamma di dati di misura, come la temperatura del lubrificante, del motore, dei freni e molto altro ancora. In un test come questo, 30 gigabyte di dati vengono generati dopo otto ore di guida".

Tuttavia, se si devono testare veicoli autonomi, il volume dei dati raggiunge una dimensione completamente diversa. "Allora puoi moltiplicarlo per un fattore 2000".

Senza dubbio - chi è in grado di controllare queste enormi quantità di dati apre un enorme potenziale commerciale. Viggo Nordbakk vuole una bella fetta di questa torta. "Abbiamo investito molti anni di lavoro di sviluppo nei nostri prodotti software EAGLE e DaSense, che possono analizzare tali quantità di dati. e avere qualche anno in anticipo sui potenziali concorrenti".

Nordbakk è alla ricerca di questo vantaggio sin dalla fondazione di NorCom nel 1989: "Infatti, i nostri sviluppi ci hanno ripetutamente permesso di aprire nuovi mercati prima di tutti gli altri. Questo ci ha permesso di generare buone vendite e profitti. Ma ci sono sempre stati cambiamenti nel mercato, quindi abbiamo sempre dovuto cercare nuovi argomenti e idee".

Questo è uno dei motivi per cui la storia imprenditoriale di Viggo Nordbakk è così interessante. E' iniziato a meta' degli anni '80. All'epoca, Siemens era alla disperata ricerca di ingegneri. Nato in Norvegia, ha iniziato a lavorare per l'azienda nel laboratorio di ricerca di Monaco di Baviera. Ma la sua esistenza come dipendente non lo rendeva felice. "Dopo tre anni, mi è stato chiaro che volevo fondare una mia azienda."

Quindi si ritira e partecipa ad una competizione mondiale. Si tratta di sviluppare un concetto per collegare tutti i computer di una rete ad un sistema omogeneo. "In realta', era l'inizio di Internet e l'alba di una nuova era." Nordbakk è l'unico europeo tra i vincitori. L'aspetto davvero notevole, tuttavia, è che gli ha dato accesso a tutte le proposte presentate. "Era una quantità gigantesca di documenti, circa 50 metri di cartellette, attraverso le quali mi sono fatto strada. Ma ne è valsa la pena. Alla fine, sono stato in grado di sviluppare un concetto che mi ha permesso di costruire una rete unificata da molti computer con sistemi diversi".

Con quest'idea nella sua valigetta, ora parte alla ricerca di un cliente - e lo trova alla Dresdner Bank. La banca gli paga un milione di marchi - e Nordbakk fonda NorCom, assume dipendenti e inizia a costruire il sistema, che deve soddisfare anche i più elevati standard di sicurezza. "Dopo un anno, siamo stati in grado di installare il nostro middleware DAP, come lo chiamavamo, su 40000 computer della Dresdner Bank in tutto il mondo.

E' un primo grande successo. E che gli apre le porte non solo alle altre banche, ma anche alla pubblica amministrazione, in particolare all'Ufficio federale del lavoro, che è ancora oggi uno dei suoi maggiori clienti, e agli uffici fiscali in Germania, di cui presto equipaggia il 70 per cento con il suo software.

E' in onda alla NorCom. Nel 1999 il fatturato è stato pari a 14,7 milioni di euro, l'utile operativo è stato pari a 2,2 milioni di euro e la crescita è stata nell'ordine delle tre cifre. In realtà, le cose stanno andando così bene che Microsoft vuole parlare con l'azienda di Monaco di Baviera. "Ma il mio dipendente, che aveva ricevuto la chiamata da Redmond, ha semplicemente rifiutato e me l'ha detto solo due mesi dopo", ricorda Nordbakk, che ancora oggi è chiaramente infastidito.

Forse sarebbe stata una grande occasione. Forse anche un grosso rischio. Nel frattempo, l'imprenditore ha fondato una joint venture con Dresdner Bank. "Si trattava di sviluppare nuove applicazioni per il nostro middleware. E' stato un ottimo affare per noi. Hanno pagato per lo sviluppo per dieci anni. E ci è stato anche permesso di vendere l'uno o l'altro prodotto che ne è uscito ad altre banche". Questo suona così bene che decide di quotare in borsa NorCom per apportare capitale alla joint venture e assumere un numero sufficiente di dipendenti.

Nel bel mezzo dell'euforia del Neuer Markt, nell'ottobre 1999, l'azienda diventa pubblica. Il corso dell'azione sale rapidamente dal prezzo di emissione di 19 euro a 155 euro. NorCom vale ora improvvisamente più di 1,5 miliardi di euro. Ma poi scoppia la bolla della New Economy. Anche se NorCom è riuscita a raddoppiare nuovamente le vendite nell'anno successivo all'offerta pubblica iniziale, l'entusiasmo tecnologico è svanito. Nella successiva recessione economica, molti progetti d'investimento vengono sospesi. Anche per NorCom c'è un problema particolare: Dresdner Bank sarà rilevata nel 2001. "Ma l'acquirente, Allianz, aveva le sue idee su come doveva apparire l'IT di Dresdner Bank. Ed eravamo fuori", ricorda Nordbakk.

024 NorCom 2 953480702

Questa è una situazione difficile per l'imprenditore. Ha costruito un enorme blocco dei costi, come molte altre nuove società del mercato hanno fatto costose acquisizioni - e ora le vendite stanno crollando. Le cifre di NorCom continuano ad essere in rosso, con un calo di 3,6 milioni di euro nel 2003. Le misure di ristrutturazione avviate sono entrate in vigore solo nel 2004 e le imprese della Nordbank hanno ottenuto un piccolo vantaggio. Anche se beneficia ancora di contratti di consulenza e di manutenzione continuativa, manca la fantasia di crescita. Non e' quello che gli investitori si aspettano da un'azienda tecnologica. Alla fine del 2004, il prezzo dell'azione era di soli 2,39 euro, il valore della società era di 17 milioni di euro - solo una frazione di quello di qualche anno prima.

Viggo Nordbakk ha urgente bisogno di un nuovo campo di attività. Egli beneficia del fatto che ha ancora un comodo cuscino di liquidità dell'IPO. "Abbiamo visto allora come Internet e la digitalizzazione stavano cambiando le case dei media e la televisione in particolare", ricorda. "Così abbiamo rilevato MaxiMedia Technologies GmbH e abbiamo iniziato a sviluppare un sistema editoriale per la produzione digitale di programmi televisivi, una sorta di programma da ufficio per la televisione". In questo modo è stato possibile pianificare e controllare un intero programma con tutto ciò che lo accompagna - testo, video, teleprompter o anche la luce. NCPower, come è stato chiamato il prodotto, è stato un successo. Non è utilizzato solo dalle emittenti tedesche, ma anche distribuito con successo in tutto il mondo - in Russia e nel Vicino e Medio Oriente.

L'intera faccenda ha una sola cosa: "Era un'attivita' relativamente gestibile". Per i clienti di medie dimensioni, non si tratta di circa 40000 computer come in Dresdner Bank, ma di circa 40 o 50 postazioni di lavoro dotate del software. "A un certo punto avevamo la maggior parte delle stazioni televisive sotto contratto, ma anche le stesse case dei media erano a corto di denaro. "Era troppo poco per vivere e troppo per morire". Ancora una volta manca la fantasia di crescita.

Il 2013 sarà un anno serrato. Il fatturato è ora di soli 18 milioni di euro circa, la metà di quello del 2010. Il deficit ammonta a quasi quattro milioni di euro e la liquidità che in passato si è sciolta insieme a circa 1,7 milioni di euro. Il prezzo dell'azione è di poco inferiore a 1,60 euro. La capitalizzazione di mercato è di soli 3,5 milioni di euro. Ora Nordbakk deve agire con urgenza. Se non riesce a infondere presto nuova vita alla sua azienda, probabilmente la perderà.

La cosa più importante di questo tempo è la Big Data. Con la diffusione e l'aumento dell'uso mobile di Internet, aumenta anche il volume dei dati. "Anche se non ha avuto molto successo economico, il nostro viaggio nel settore dei media ci ha dimostrato che siamo in grado di gestire grandi quantità di dati", spiega Nordbakk. Infine, NCPower ha incluso anche funzioni per l'editing dei video: "Questo richiede un'enorme quantità di potenza di calcolo. Allo stesso tempo, il nostro software ha permesso a molti editori di lavorare su un video alla volta, quindi si trattava fondamentalmente di una grande applicazione di dati".

In questo momento Viggo Nordbakk è in contatto con la casa automobilistica Audi. "In realta', volevamo vendere la NCPower li'. In tutto il mondo, quando è arrivato un nuovo veicolo, i redattori dell'azienda dovrebbero essere in grado di accedere e montare un video allo stesso tempo. E questo con i più altissimi requisiti di sicurezza. Ma poi qualcuno ci ha chiesto se possiamo fare qualcosa di simile per qualche centinaio di milioni di documenti. "Quindi e' una specie di sistema di gestione documentale, ma e' supportato da un'intelligenza artificiale."

024 NorCom 3 950348632

Lo sfondo: i dipendenti passano tra i 15 e i 20 minuti ogni giorno alla ricerca di documenti. Ciò costa al gruppo circa 60 milioni di euro all'anno. Il compito di Nordbakk era quello di sviluppare un software che riduceva questo tempo di ricerca a millisecondi. "Puoi farlo facendo cercare centinaia o piu' computer in parallelo. Inoltre, questo può anche essere personalizzato. Il sistema ricorda chi sta cercando e regola i risultati di conseguenza".

Se, ad esempio, un ingegnere è alla ricerca di un airbag, il computer gli offrirà una lista di priorità diversa da quella di un dipendente dell'ufficio legale che sta cercando documenti sullo stesso argomento. "Questo non è altro che apprendimento automatico", spiega Nordbakk, "abbiamo sviluppato un algoritmo in grado di comprendere e interpretare un documento".

Nordbakk e il suo team trascorrono quattro anni di sviluppo. Il risultato è il software di gestione documentale EAGLE, con il quale può affermarsi contro gruppi IT come IBM o SAP e che installerà con successo ad Audi nel 2017. Il costo previsto del contratto è di circa cinque milioni di euro. "Ma siamo ancora in fase di progetto." Attualmente, la casa automobilistica ha installato un team che raccoglie i requisiti dei dipendenti e li trasmette a NorCom, dove vengono implementati. "Attraverso questo progetto abbiamo uno sviluppo pagato per i prossimi anni e un riferimento che speriamo apra le porte a più clienti.

Ma poiché l'arresto del business tecnologico significa regressione, il fondatore di NorCom ha semplicemente sviluppato ulteriormente questa idea. "Abbiamo pensato che avremmo potuto semplicemente trasferire l'idea di base di EAGLE ai dati di misura. Dopo tutto, non importa se si tratta di documenti, temperature o cose del genere". EAGLE diventa DaSense. "Con DaSense siamo in grado di valutare i dati raccolti durante i test drive a Dubai - sul posto e in circa 20 minuti", spiega Nordbakk. Finora le cose sono andate diversamente: "I dati sono stati inviati in Germania in aereo e valutati solo lì. Se c'era qualcosa che non andava, può essere stato determinato giorni o settimane dopo. Poi i test sono ricominciati da capo. "Ci sono voluti tempo e un sacco di soldi."

L'abbondanza di dati non è un problema per DaSense. "Più dati, più intelligente è la macchina e più probabilità di trovare anomalie".

Sembra che abbia colpito ancora una volta il nervo del tempo con il suo prodotto. Daimler vuole utilizzare DaSense in tutto il suo reparto di sviluppo. "Questo è stato, ovviamente, una sorta di riconoscimento per noi. Speriamo che questo ci renda interessanti anche per altre case automobilistiche". Allora l'affare potrebbe essere abbastanza redditizio per NorCom. Questo perché l'azienda non solo riceve un canone di locazione, ma anche un pagamento che dipende dalla quantità di dati.

Come 20 anni fa, anche oggi l'atmosfera nella sede centrale di Monaco di Baviera è di nuovo in vena di ottimismo. Questo non è stato nascosto agli investitori sul mercato azionario. Negli ultimi tre anni il corso dell'azione NorCom è passato da poco meno di 4 EUR a oltre 66 EUR. Il valore dell'azienda è salito da otto a 130 milioni di euro. Dopo un semestre turbolento lo scorso anno, il titolo è tornato a circa 20 euro.

Una ragione importante per i forti alti e bassi potrebbe essere stata anche la speculazione su una potenziale acquisizione. "Naturalmente, il nostro sviluppo tecnologico risveglia i desideri", riflette Nordbakk. "Le aziende indiane e cinesi, in particolare, continuano a chiedercelo." Ma la vendita non è mai stata un'opzione per lui. "Controllo ancora circa il 30% del capitale. Tuttavia, questa non è una protezione contro un'acquisizione. Per questo abbiamo trasformato l'azienda in una GmbH & Co KGaA".

E' una mossa intelligente per l'imprenditore. Nel corso della trasformazione della forma giuridica, Nordbakk Investment GmbH, il cui unico azionista è Viggo Nordbakkk, si unirà a KGaA in qualità di socio accomandatario. Sebbene non detenga una partecipazione nel KGaAA, in futuro assumerà la gestione e la rappresentanza del KGaAA. In parole povere: grazie a questa costruzione, Viggo Nordbakk rimane il padrone di casa.

Egli accetta il fatto che ad alcuni azionisti che avevano sperato in un'acquisizione non piaccia questa situazione, così come il relativo ribasso del prezzo delle azioni. "Mi sto concentrando sulla ricerca di nuovi clienti per i miei prodotti. Allora anche il valore dell'impresa aumenterà di nuovo", chiarisce Nordbakk. Dopo tutto, nell'ottobre di quest'anno è stata annunciata una partnership con AVL List GmbH, uno dei più importanti fornitori automobilistici a livello mondiale. Tuttavia, NorCom non dispone ancora di stime circa l'entità delle vendite potenziali di questo progetto.

Rimane un problema: "Non siamo davvero un'azienda di vendita e marketing, ma un'azienda tecnologica innovativa", ammette Nordbakk in modo autocritico. Una strategia futura sarebbe quindi quella di collaborare con un partner commerciale. "Questo potrebbe funzionare sviluppando la piattaforma, con un partner tecnologico che si prende cura dei clienti e implementare le applicazioni personalizzate".

Anche se Viggo Nordbakk non vuole commentare il potenziale di vendita della sua azienda, ha parlato all'assemblea generale annuale del fatto che le case automobilistiche avrebbero raggiunto un volume di dati di diversi 100 petabyte nei prossimi anni. Un petabyte è di 1.000 terabyte.

Quanto Norcom possa essere tagliato da questa grande torta non è prevedibile. Secondo l'associazione di categoria Bitkom, ogni anno in Germania, con il software Big Data, vengono investiti oltre sei miliardi di euro. Dato che NorCom ha già il piede nella porta di Audi via EAGLE e Daimler via DaSense, le vendite annuali che a lungo termine si avvicinano ai tre milioni di cifre non sembrano irrealistiche.

Non è impossibile che Nordbakk reinventi la sua azienda lungo la strada. "Trovo la catena a blocchi incredibilmente eccitante", dice con occhi scintillanti. "Immagina come andrà in futuro: Hai un veicolo autonomo con costi di produzione di 40000 Euro. Questo deve ora guadagnare denaro per recuperare i costi per il proprietario della flotta. Può, ad esempio, dare ad altri veicoli il diritto di precedenza dietro pagamento di una piccola tassa. La base su cui ciò avviene è la catena a blocchi, perché le macchine possono concludere contratti tra loro in questo modo. "Oserei sviluppare il software necessario per farlo." ®

Autore: Gerd Hübner

Pin It

Indirizzo di pubblicazione

Private Wealth GmbH & Co. KG
Südliche Auffahrtsallee 29
80639 München

I social media

  • Tel.:
    +49 (0) 89 2554 3917
  • Fax:
    +49 (0) 89 2554 2971
  • Email:
    iQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Soziale Medien

         

   email