Arte. L'erba.

Print Friendly, PDF & Email

014 Bio on 1 P1010252coverRivoluzione. Nel giro di pochi anni, due italiani hanno trasformato un'idea in un'azienda da miliardi di dollari. E potrebbe così risolvere uno dei problemi più urgenti del presente.

Marco Astorri è un uomo coraggioso. Undici anni fa ha fondato un'azienda insieme al socio Guido Cicognani. Non c'è un solo prodotto in portafoglio. E' solo un'idea. E un pacchetto di cinque brevetti acquistati su un'isola del Pacifico. Sette anni dopo, nell'autunno del 2014, i due hanno quotato in borsa una parte della loro azienda. Il prezzo di emissione era di cinque euro. Oggi, il valore di un'azione oscilla tra i 50 e i 60 euro. Dieci volte superiore in quattro anni. E poiché Astorri e Cicognani detengono ancora il 60% delle azioni, i due sono ora anche uomini ricchi.

La valutazione di borsa di Bio-on da sola è già un'indicazione che qualcosa di insolito, qualcosa di grande sta accadendo lì. Il valore di mercato della società ha raggiunto il miliardo di euro. E questo nonostante il fatto che la società ha chiuso il 2017 con un utile di soli 5,2 milioni di euro. Il mercato sembra credere che l'azienda abbia un grande futuro.

Marco Astorri e Guido Cicognani sono infatti in procinto di risolvere uno dei grandi problemi del presente. Vendono il know-how per produrre plastica biologica. Una sostanza che cresce in modo del tutto naturale ed è biodegradabile al 100% alla fine della sua vita utile.

"Non è - dice Marco Astorri - una plastica basata su una risorsa naturale come l'amido di mais, che viene poi prodotto con un processo di produzione chimica. La bioplastica di cui parlo è prodotta in natura e alla fine della sua vita utile è anche riassorbita dalla natura. Senza residui. Senza inquinamento. "Può anche essere usato per generare nuova bioplastica."

Sembra fantastico? Sembra troppo bello per essere vero?

Per capire questa storia quasi incredibile, dobbiamo tornare al punto di partenza. Dopo Bologna del 2002, è una storia in cui le coincidenze giocano un certo ruolo. Una storia in cui due amici dimostrano quasi la stessa testardaggine che il coraggio. Ed è soprattutto la storia di un'intuizione visionaria che, iniziata cento anni fa in Francia, ha avuto uno spettacolo ospite a Honolulu ed ha raggiunto il suo culmine per il momento nell'entroterra bolognese.

Così, Bologna 2002. Insieme al socio Guido Cicognani, Marco Astorri fonda la società Lab-ID. Lab-ID opera nel campo della cosiddetta tecnologia RFID, l'identificazione senza contatto per mezzo di carte. "In poche parole - spiega Marco Astorri - abbiamo fatto i biglietti. Il nostro mercato si estendeva da Londra a Venezia. Le quantità erano enormi. ma il margine era ridicolmente piccolo".

Lab-ID divenne rapidamente il leader del mercato europeo. Uno dei clienti è Dolomiti Superski, una rete di dodici stazioni sciistiche delle Alpi italiane. "Solo per Dolomiti Superski abbiamo prodotto quattro milioni di biglietti per stagione", dice Marco Astorri. "E' stato questo cliente che mi ha cambiato la vita."

Quattro milioni di biglietti da sci sono un sacco di rifiuti. Soprattutto quelle centinaia di migliaia di persone che non finiscono nei bidoni della spazzatura, ma rimangono sdraiate sui prati e nei boschi dopo che la neve si è sciolta.

I responsabili di Dolomiti Superskis vogliono sapere se c'è altro materiale disponibile. Un biglietto che non è né di plastica né di cartone? La plastica inquina l'ambiente. Il cartone si scioglie in condizioni di umidità e bagnato. Ce ne devono essere altri, giusto?

Ce ne sono altri? Marco Astorri non può lasciare andare questa domanda.

Sembra assurdo, ma il problema è così tanto nella mente dell'italiano che termina il suo lavoro per Lab-ID e vende le azioni della sua azienda. Deve trovare una risposta. Il suo socio Guido Cicognani fa lo stesso per lui.

"Ci siamo chiusi in ufficio", dice Astorri. "Abbiamo cercato in Internet. Per giorni. Per settimane. Abbiamo cercato pagina per pagina. Vivevamo in ufficio. Dalla mattina alla sera abbiamo raccolto informazioni. Abbiamo raccolto prove circostanziali. Abbiamo seguito le tracce. Abbiamo seguito ogni pista."

Finalmente troverai quello che stai cercando. "Non l'uomo", dice Marco Astorri, "ma la natura ha inventato la plastica. La plastica - e questa è stata la mia grande sorpresa - esiste in natura da milioni di anni".

Il biologo e agronomo francese Maurice Lemoigne ne aveva già fornito la prova nel 1926. Solo i batteri della famiglia Bacillus Megaterium e gli alimenti di scarto contenenti zucchero, come i gusci di barbabietola da zucchero, sono necessari per produrre plastica. Se i batteri vengono alimentati, producono riserve di energia al loro interno, analogamente alle riserve di grasso che noi umani utilizziamo come riserve di energia.

Le riserve energetiche dei batteri sono costituite da polimeri. E i polimeri sono la sostanza di cui è fatta la plastica.

Maurice Lemoigne aveva scoperto niente di più e niente di meno che i batteri possono naturalmente produrre plastica. Plastica che è identica alla plastica che conosciamo e che è prodotta sinteticamente dal petrolio. Una rivoluzione.

014 Bio ON 4 Polymere P1010146def

Ma Lemoigne ha fatto la sua scoperta nel bel mezzo del più grande boom petrolifero. Per questo motivo è rimasta inosservata. Nessuno ha pensato di inseguirli. La produzione di plastica da polimeri sintetici era troppo semplice e soprattutto troppo economica.

Solo all'inizio degli anni 2000, quando il mondo ha cominciato a capire che la plastica a base di petrolio non era solo una benedizione, ma anche una maledizione, i primi brevetti sono stati richiesti per la scoperta di Lemoigne.

Poco dopo, nel 2007, Marco Astorri e Guido Cicognani hanno iniziato la ricerca di un materiale alternativo - e si sono imbattuti proprio in quei brevetti. "Un pugno di scienziati da tutto il mondo hanno lavorato su questo argomento e hanno sperimentato la produzione di bioplastiche", ha detto Marco Astorri. "La cosa più persuasiva che abbiamo trovato è stata l'opera di un americano alle Hawaii."

Così Astorri e Cicognani volano insieme al loro avvocato a Honolulu e comprano una serie di cinque brevetti. Il prezzo: poche centinaia di migliaia di dollari, dice Astorri.

E' cosi' semplice? Prima degli italiani, nessuno aveva avuto l'idea di acquistare i brevetti e sviluppare le bioplastiche? "Ma si', e' cosi'," dice Astorri. "L'hawaiano aveva già ricevuto diverse offerte da grandi multinazionali - e le rifiutò. Ci chiedevamo anche perché ci avesse scelto lui. La sua risposta è stata: Voi italiani siete semplicemente i migliori artigiani. Credetemi, anche noi eravamo sorpresi".

Questa è la prima pietra dell'azienda Bio-on, la prima pietra per la produzione industriale di bioplastiche. Ancora in viaggio di ritorno da Honolulu Astorri e Cicognani formulano la loro missione. Faranno la migliore bioplastica del mondo. Per la produzione, i batteri non devono essere alimentati con alimenti, ma esclusivamente con rifiuti dell'industria alimentare. Le bioplastiche devono essere biodegradabili al 100%. Né i batteri né il loro cibo possono essere manipolati geneticamente. Il prodotto deve essere al cento per cento compatibile con la salute umana.

"E questo", dice Marco Astorri, "è quello che fa oggi Bio-on". L'azienda bolognese ha ulteriormente sviluppato e perfezionato il metodo Lemoigne. In grandi vasche, soluzioni nutritive contenenti bolle di zucchero con batteri. Ogni dodici ore, i batteri raddoppiano. 40 ore dopo la nascita, iniziano a produrre polimeri. Il processo è molto simile al processo di fermentazione nella produzione della birra. Una volta che le riserve energetiche dei batteri hanno raggiunto la dimensione appropriata, i polimeri vengono estratti ed essiccati. Il risultato è una polvere granulare. La materia prima per la plastica.

"Questo granulato", dice Marco Astorri, "ora può essere utilizzato per produrre paraurti per auto. O per creare oggetti nella stampante 3D. È anche possibile realizzare materiale da imballaggio. O bottiglie per bere. O borse usa e getta. Puoi usarlo per tutto ciò che usa la plastica. "E' di plastica." Con una differenza enorme. Se la bioplastica finisce nell'ambiente, in acqua dolce o marina o nella terra, si decompone. Altri batteri riconoscono i polimeri come cibo e li consumano. Una sensazione.

014 Bio on 3 P1010216

Ogni anno vengono prodotte 300 milioni di tonnellate di plastica a base di petrolio. Plastica che grava pesantemente su acqua, oceani e suoli. Plastica che oggi si trova in quasi tutti gli organismi: nello stomaco degli uccelli, nelle branchie dei pesci, sì, anche nell'uomo. Plastica che impiega 500 o 600 anni per marcire.

La bio-plastica di Bio-on si scioglie in dieci giorni. "Quello", dice Astorri, "lo chiamo biodegradabile al cento per cento. Non è necessaria alcuna fornitura di energia. Nessun intervento umano. "La natura lo fa, e la natura lo assorbe."

Le possibilità di applicazione delle bioplastiche sono praticamente illimitate. Qualsiasi plastica esistente può essere sostituita. Senza sacrificare la funzionalità. La bio-plastica è altrettanto resistente. Altrettanto elastico. Altrettanto facile.

Piu' di quello. Le bioplastiche evitano anche altri svantaggi delle plastiche sintetiche. Essendo un prodotto naturale al 100%, non provoca allergie, reazioni di rigetto o intolleranze. I biopolimeri possono essere impiantati. Possono essere iniettati. Possono essere inghiottiti come guaina di compresse.

Il cuore di Bio-on non è quindi il grande impianto di produzione di polimeri biologici a Castel San Pietro Terme nell'entroterra bolognese. Il vero cuore di Bio-on sono i suoi laboratori di ricerca. In essi, ricercatori e scienziati dimostrano ciò che è possibile e fattibile con i biopolimeri: i cosmetici. Nanomedicina. Materiali intelligenti. Tessili. Imballaggio.

"Il nostro modello di business - dice Marco Astorri - non è mai stata la produzione diretta di polimeri, ma la vendita di know-how. Bio-on concede licenze per la produzione di bio-plastiche. E Bio-on consiglia le aziende nella costruzione di impianti idonei. Ma naturalmente dobbiamo prima mostrare cosa può fare la nostra bioplastica. Abbiamo stabilito gli standard per lo sviluppo futuro dei prodotti".

Il primo prodotto ad uscire dallo stabilimento in Italia è costituito da microsfere bio-plastiche per l'industria cosmetica. Creme per la pelle, peeling, dentifricio e crema solare contengono minuscole particelle di plastica che vengono rilasciate nell'ambiente attraverso le acque reflue - con conseguenze drammatiche per la natura.

"Le particelle di biopolimeri sono completamente innocue perché completamente riassorbite in acqua", dice Marco Astorri. "Ma non è tutto. Le particelle di biopolimeri possono trasportare umidità o profumi molto meglio dei polimeri sintetici. "Sono più intelligenti, per così dire." Va da sé che tutti i rappresentanti dell'industria cosmetica sono ora a Bologna per darsi la maniglia della porta.

Un altro settore che cerca intensamente il contatto con i laboratori di ricerca italiani è l'industria della moda. E' uno dei maggiori inquinatori. Non solo la produzione tessile è problematica. Durante ogni ciclo di lavaggio, minuscole fibre microplastiche entrano nell'acqua, con conseguenze dannose per la salute umana e la natura. I polimeri biologici di Castel San Pietro Terme possono aiutare anche qui.

014 Bio on 2

"Attualmente", dice Astorri, "abbiamo sviluppato più di cento diversi biopolimeri. Ma questo è solo l'inizio. I nostri polimeri organici sono come la farina. È possibile creare migliaia di ricette diverse da esso. Non sappiamo nemmeno dove andrà a finire tutto questo".

Infatti, i ricercatori italiani hanno fatto un nuovo passo avanti solo a settembre. Finora i batteri si nutrivano di rifiuti agricoli contenenti zucchero: gusci di barbabietole da zucchero, canna da zucchero, patate o frutta. Ora i ricercatori hanno scoperto una seconda famiglia di batteri che si nutrono di grassi, in particolare di vecchi grassi fritti.

"Un miliardo di litri di olio da frittura in disuso viene prodotto ogni giorno solo in Nord America e in Asia", dice Marco Astorri. "E deve essere smaltito con grandi spese. Immaginate un po'. e possiamo usarlo per fare la bioplastica".

In realta' e' una storia quasi incredibile. L'azienda ha già venduto 13 licenze. Stanno per essere firmati altri sette contratti di licenza.

Le bioplastiche stanno già provocando una sensazione nell'industria cosmetica e dell'abbigliamento. I primi giocattoli per bambini in bioplastica saranno presto lanciati sul mercato. I primi occhiali in bioplastica saranno presto disponibili. Sono in corso trattative con i produttori di generi alimentari e l'industria degli imballaggi.

Bio-on guadagna denaro da ogni prodotto che sarà realizzato con le bioplastiche in futuro. E due volte. La costruzione di un impianto di produzione di bioplastiche costa circa 20 milioni di euro. Bio-on riceverà circa due milioni di euro per ogni impianto costruito secondo i piani di costruzione di Bio-on. La produzione dei biopolimeri genererà quindi ulteriori introiti da licenze. Più aziende si concentreranno sulla produzione di bioplastiche, maggiori saranno i profitti di Bio-on. E' un po' come una pressa per i soldi.

Con un'idea imprenditoriale così lucrativa, Astorri non deve temere i concorrenti e gli imitatori? "Sono tutto rilassato", dice. "Quasi vent'anni di ricerca sulla nostra bioplastica. E' molto meno costoso comprare una licenza che cercare di imitarci".

Anche il bolognese ha avuto un po' di fortuna. Ha finalmente avviato la sua azienda nel 2008 nel bel mezzo della grande crisi finanziaria. All'epoca non era nemmeno possibile ottenere un prestito bancario. Così ha dovuto cercare modi alternativi di finanziamento e ha trovato un'udienza in quattro zuccherifici italiani. Stanno sostenendo la sua ricerca con dieci milioni di euro. Dovrebbero poi essere in grado di utilizzare la sua tecnologia gratuitamente. Ma tutti e quattro gli zuccherifici sono falliti nel corso della crisi economica globale. E Astorri è riuscito a tenere per sé i suoi successi di ricerca.

Il fatto che Astorri e Cicognani non hanno mai ceduto alla tentazione di indebitarsi anche in seguito ha permesso loro di vendere inizialmente solo una piccola parte della loro azienda - il dieci per cento - quando si sono resi pubblici in autunno. Successivamente, i due hanno poi effettuato un aumento di capitale in cui la loro quota è stata ridotta al 30 per cento ciascuno. "Abbiamo investito tutto il capitale che abbiamo ricevuto in ricerca e sviluppo", dice Astorri. "Questa e' la nostra risorsa piu' importante."

E poi esce con la sua scoperta piu' sorprendente. "C'era un'altra domanda che mi ha fatto andare avanti: Se i batteri possono mangiare il grasso, non possono mangiare l'olio?". La risposta è sì. I batteri bio-ons sono persino in grado di consumare petrolio. Se i batteri sono sparsi su un tappeto di petrolio nell'acqua, questo è scomparso nel giro di tre settimane. "I nostri batteri", dice Marco Astorri, "possono pulire gli oceani. Che ne dici di questo?" Infine, il petrolio greggio è anche un materiale naturale costituito da idrocarburi. Più cibo per i batteri Bio-ons.

Ogni anno vengono prodotte mille tonnellate di bio-plastica in uno stabilimento produttivo come quello di Castel San Pietro Terme. Se nei prossimi anni solo l'1% della produzione mondiale di materie plastiche dovesse essere convertito in bioplastiche, ciò significherebbe la costruzione di 3000 impianti. I ricavi della licenza di Bio-on ammonterebbero quindi a sei miliardi di euro. "Ci sono problemi per i quali le persone non hanno ancora trovato una soluzione. Ma ora abbiamo la soluzione al problema della plastica nelle nostre mani", dice Marco Astorri. "La rapidità con cui la bioplastica sostituirà la plastica convenzionale dipende ora dagli sforzi dell'industria e dalla volontà dei consumatori.

Va da sé che la bioplastica viene utilizzata per la prima volta dove i margini sono più elevati, come ad esempio nell'industria cosmetica. Ma troverà gradualmente applicazione in un numero sempre maggiore di settori. E ad un certo punto le ultime bottiglie e tazze possono essere fatte di plastica organica. Allora Marco Astorri non solo sarebbe un uomo molto ricco. Ma anche molto felice.

Autore: Sabine Holzknecht

Pin It

Indirizzo di pubblicazione

Private Wealth GmbH & Co. KG
Südliche Auffahrtsallee 29
80639 München

I social media

  • Tel.:
    +49 (0) 89 2554 3917
  • Fax:
    +49 (0) 89 2554 2971
  • Email:
    iQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Soziale Medien

         

   email


latest logo pw

einloggen oder abonnieren

latest logo pw

einloggen oder abonnieren

latest logo pw

login or subscribe

latest logo pw

login or subscribe

latest logo pw

Ouvrir une session ou s'abonner

latest logo pw

Ouvrir une session ou s'abonner

latest logo pw

Iniciar sesión o registrarse

latest logo pw

Iniciar sesión o registrarse

latest logo pw

effettuare il login o iscriversi

latest logo pw

effettuare il login o iscriversi