Skip to main content
  • Uwe Eilers

"Il peggio deve ancora arrivare."

(Tempo di lettura: 2 - 4 minuti)

Uwe Eilers, Geneon Wealth Management, è convinto che lasciare l'UE danneggerà a lungo termine l'economia britannica. "Tieni le mani lontane dai beni inglesi."

So bene che non è facile argomentare contro i dati economici attuali. Dopo tutto, il grande crollo dell'economia britannica, che molti si aspettavano dopo il britannico Yes to Brexit, non è riuscito a materializzarsi. Al contrario, il mercato borsistico britannico ha ottenuto ottimi risultati. E molti economisti stanno attualmente rivedendo verso l'alto le loro previsioni di crescita economica, quindi sull'isola è tutto verde?

{mprestriction ids="*"} Metto in guardia dall'essere accecato. Le conseguenze negative si manifesteranno solo nel tempo.

Permettetemi di iniziare con uno sguardo al settore finanziario. E' il cuore dell'economia britannica. Essa vive del suo orientamento liberale in un mercato finanziario e dei capitali globalizzato. E si stima che contribuisca per quasi il dieci per cento al prodotto nazionale britannico. Dopo il Brexit, tuttavia, Londra non può più essere il centro finanziario dell'Europa. Molte società finanziarie hanno quindi pianificato da tempo di trasferire la loro sede centrale nell'Europa continentale.

Anche le aziende manifatturiere stanno prendendo in considerazione la possibilità di trasferirsi, almeno in parte. Che ti succede? Temono di dover pagare in futuro i dazi doganali per le loro esportazioni verso l'Unione europea. E temono di non essere più in grado di trovare presto una forza lavoro sufficientemente qualificata ed economica. Dopo tutto, Brexit si occupa anche di limitare l'immigrazione.

Gli investimenti in Gran Bretagna diminuiranno quindi. La capitale sta gia' votando con i piedi. Solo alla fine di luglio 2016, i deflussi di capitali sono stati stimati a 5,7 miliardi di dollari.

Quando le società e il capitale cominciano a lasciare il paese, anche il gettito fiscale diminuirà presto. Tuttavia, l'onere dei costi per i servizi pubblici, ad esempio nel settore sanitario, aumenterà se i lavoratori stranieri dovranno essere sostituiti da lavoratori britannici, che di solito sono più costosi. Se il deficit pubblico aumenta, la conseguenza logica è un declassamento del rating del paese. I tassi d'interesse aumentano, la sterlina britannica continua a scendere - chi investe in obbligazioni britanniche subisce una doppia perdita.

La svalutazione della sterlina è la dimensione chiave per gli ottimisti. Sperano in un boom delle esportazioni. Credo che questo sia un regalo di Danaer. Ciò rende le merci straniere più costose, soprattutto nel settore delle necessità quotidiane, dove la Gran Bretagna importa molto. Diminuisce il consumo. Ciò non si riflette ancora nella fiducia dei consumatori, perché molti britannici preferiscono acquistare beni di consumo durevoli. Sembra che sospettino che il pericolo di ulteriori svalutazioni sia grande e che questi prodotti diventino ancora più costosi. Penso che tu abbia ragione.

L'emigrazione delle imprese, il calo degli investimenti e l'onere dell'aumento dei prezzi per i consumatori avranno a lungo termine un impatto negativo sul reddito reale e sulla crescita economica. Anche la stagflazione, non credo, è improbabile.

In questo contesto, anche il mercato immobiliare rimarrà sotto pressione. A Londra, si stima che i prezzi degli immobili per uffici sono già crollati del 10-20 per cento dal Brexit. Quello era solo l'inizio.

I mercati azionari, tuttavia, hanno finora beneficiato della speranza che le imprese orientate all'esportazione potessero aumentare il loro fatturato e i loro margini di profitto in considerazione del basso tasso di cambio della sterlina britannica. E' vero fino a un certo punto. Al più tardi, tuttavia, quando le merci britanniche provenienti da altri Stati membri dell'UE sono soggette a dazi all'importazione, anche questo è finito.

Come potete vedere, i rischi per gli investimenti sono già enormi. E la fase di incertezza è tutt'altro che finita. Nella prossima fase, la Scozia o l'Irlanda del Nord voteranno per ritirarsi dal Regno Unito. Il paese ha intrapreso un percorso ripido di cui abbiamo appena visto l'inizio. Stai lontano dai beni inglesi di qualsiasi tipo. ®

{/mprestriction}

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media