• Markus Kaim

Riavvio con il presidente Biden.

(Tempo di lettura: 2 - 4 minuti)

L'Europa ha ora l'opportunità di definire una nuova agenda transatlantica. "Non dobbiamo aspettare le iniziative degli Stati Uniti, ma fare attivamente offerte agli Stati Uniti", chiede Markus Kaim, Stiftung Wissenschaft und Politik.

L'elezione di Joseph Biden a 46esimo presidente degli Stati Uniti non significa che le relazioni transatlantiche torneranno allo status quo prima del 2017. L'ambiente internazionale è cambiato troppo nel frattempo. L'Europa dovrà ora chiarire meglio di prima quale politica si aspetta da Washington, ma anche cosa è disposta a fare da sola. Cinque blocchi tematici costituiscono la base di una rinnovata agenda transatlantica.

// 01 Definire la politica economica transatlantica.

Nella politica commerciale, è importante che le tariffe dell'acciaio e dell'alluminio imposte da Trump e le controtariffe europee siano abolite. La Commissione UE può offrire all'amministrazione Biden nuovi accordi per singoli settori industriali nell'ambito di colloqui commerciali bilaterali. Anche la modernizzazione delle regole dell'OMC, ovvero il loro adattamento alla mutata economia digitale mondiale, è di grande importanza.

Per quanto riguarda la politica energetica, gli Stati Uniti e l'UE dovrebbero, in linea di principio, scambiarsi opinioni sui loro concetti di politica energetica e sulla loro compatibilità con gli obiettivi climatici di Parigi. Se la Germania vuole sostenere l'amministrazione Biden nei suoi rapporti con il Congresso, un'opzione sarebbe quella di imporre una moratoria sul progetto Nord Stream 2.

Nella politica digitale, l'obiettivo è quello di sviluppare un approccio coordinato che aumenti la resistenza delle aziende tedesche alle aggressive politiche economiche cinesi. Tale dialogo dovrebbe anche fornire un forum per discutere gli standard di protezione dei dati, il diritto della concorrenza, le piattaforme digitali e la tassazione dei servizi digitali.

// 02. concludere l'alleanza transatlantica per il vaccino.

Verso la fine dell'anno 2020/21 saranno probabilmente disponibili i primi vaccini contro il coronavirus. Le aziende europee e americane si contendono i profitti. Un'alleanza transatlantica per il vaccino potrebbe dare a tutti nel mondo l'accesso al vaccino Covid-19. Come secondo passo, entrambe le parti dovrebbero concordare un'agenda per una politica sanitaria globale volta a rafforzare i sistemi sanitari nei paesi terzi e a renderli più immuni da future crisi.

// 03 Contenere la Russia, stabilizzare i vicini dell'Europa.

L'idea di fondo della politica russa di Biden è che Mosca è un "nemico" degli Stati Uniti, che mira a indebolire, se non a distruggere la NATO e l'UE a lungo termine. Un leitmotiv generale dell'amministrazione di Biden sarà quindi il contenimento dell'influenza russa. L'Europa potrebbe offrire una politica sull'Europa dell'Est che avrebbe una dimensione di politica di sicurezza, di riforma e di politica economica. Si potrebbero discutere i progetti e le priorità dei trasporti, dell'energia e delle infrastrutture digitali nella parte orientale dell'UE e nel suo vicinato orientale.

// 04. disputa nucleare con l'Iran - ritorno alla diplomazia.

Il cambio di presidente permette all'Europa di tornare alla cooperazione con Washington e di spostare l'attenzione della sua politica iraniana dagli sforzi per salvare l'accordo nucleare allo sviluppo di un nuovo approccio transatlantico verso Teheran. L'obiettivo sarebbe in primo luogo quello di raggiungere un accordo provvisorio che almeno congeli le attività nucleari dell'Iran e in cambio fornisca un concreto sollievo economico. Allo stesso tempo, le sanzioni extraterritoriali statunitensi contro le imprese europee dovrebbero essere sospese.

// 05. riorganizzare le competenze in Europa.

Dobbiamo evitare che nelle prossime settimane una cascata di politici europei si avvicini a Washington in modo scoordinato. La Germania dovrebbe utilizzare le rimanenti settimane della sua presidenza di turno dell'UE per coordinare le diverse priorità all'interno dell'UE. Solo così sarà possibile far sì che gli Stati europei parlino e siano ascoltati con una sola voce. A medio termine non c'è modo di aggirare l'introduzione del voto a maggioranza nella politica estera e di sicurezza comune e il rafforzamento di Josep Borrell come "ministro degli esteri" dell'UE.

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media