• Prof. Maximilian Werkmüller

Cosa può fare lo Stato?

Nella crisi di Corona, il governo ha chiesto ai cittadini notevoli restrizioni. Era legale? E: Era proporzionale? Maximilian Werkmüller, professore all'Università di Allensbach, fornisce risposte.

Chiunque si occupi di tali questioni farebbe bene a ripensare brevemente al marzo di quest'anno. Numerosi malati hanno dovuto essere sottoposti a cure mediche intensive. I sistemi sanitari dei nostri vicini sono crollati. Si potrebbe leggere il "Triage".

È comprensibile (ex ante ed ex post) che il governo tedesco abbia voluto risparmiare alla popolazione tedesca condizioni e immagini simili. La legge sulla protezione dalle infezioni offre ai governi federali e statali la possibilità di adottare misure adeguate per proteggere la popolazione. Questo fornisce già una risposta sostanziale: Lo Stato deve proteggersi dalle minacce. Non solo "può" farlo, ma "deve" farlo. E questa protezione può anche essere legata alla limitazione dei diritti fondamentali. Durante l'isolamento, questo è stato esercitato in modo trasversale. Anche l'ultimo emendamento alla legge sulla protezione dalle infezioni, che comporta la più ampia riduzione delle libertà civili democratiche dai tempi della legge sui poteri di emergenza del 1968, è a priori inoppugnabile. Tuttavia, la "spezia" sta nell'applicazione della legge da parte dell'amministrazione e nel termine delle misure. Questo deve essere appropriato.

Le conseguenze prevedibili per l'economia sono già devastanti. Quanto più a lungo i virologi riconosciuti si contraddicono pubblicamente, tanto più la vita dei cittadini si riduce alle loro quattro mura e tanto più spesso si dice che le capacità di emergenza fornite sono state, grazie al cielo, utilizzate solo in minima parte, tanto maggiore è la pressione sugli organi statali per giustificare l'allentamento delle restrizioni alla libertà personale.

Nel frattempo, i primi tribunali hanno dovuto affrontare le restrizioni legate alla Covid19. In particolare, le questioni normative sono state oggetto di diversi procedimenti. Si trattava di come i diritti fondamentali possano essere limitati - solo dalla legge e non da una sentenza generale, che è all'incirca alla pari di un "cenno". In Baviera, in seguito alle critiche del Tribunale amministrativo di Monaco, anche il governo statale aveva successivamente scelto lo strumento "superiore" nella gerarchia delle norme, uno strumento statutario basato su una legge, per curare retroattivamente potenziali carenze costituzionali - una curva di apprendimento con un effetto segnaletico. Se all'inizio dell'isolamento i tribunali sostenevano ancora le misure ordinate, la Corte costituzionale del Saarland ha recentemente messo in dubbio l'idoneità di un isolamento rispetto all'obiettivo da raggiungere di per sé - uno schiaffo clamoroso per l'amministrazione. Queste e altre decisioni simili ricordano a coloro che hanno il potere di adattare la portata delle restrizioni al rispettivo sviluppo della situazione.

Il cittadino trova la tutela dei diritti fondamentali soprattutto presso la Corte di giustizia europea e la Corte costituzionale federale: solo questi tribunali possono annullare immediatamente e per il futuro le norme e le leggi, oltre a prescrivere un regolamento, fino a quando il legislatore non avrà apportato dei miglioramenti.

"Appiattire la curva" - questo obiettivo dichiarato è stato (apparentemente) raggiunto. La domanda più importante ora è: cosa succede in caso di una seconda ondata? Lo Stato può quindi imporre un'altra serrata e quindi infliggere un certo colpo mortale a parti della sua stessa economia nonostante gli aiuti globali? Certo che no. In questo caso, credo che ci sarà un procedimento anche davanti alla Corte costituzionale. Il fatto che i "custodi della costituzione" abbiano attualmente, per la prima volta, accettato le denunce dei cittadini contro gli acquisti di obbligazioni da parte della BCE è, a mio avviso, un chiaro segnale per la tutela dei diritti fondamentali in tempi difficili.

Sopravviveremo a Corona e così il nostro sistema. Una volta che la minaccia sarà diminuita, riconquisteremo le nostre libertà - su questo non ho dubbi.

È compito erculeo dei leader eletti bilanciare gli interessi contrastanti dei malati, da un lato, e della salute e dell'economia, dall'altro. Per fare questo, è necessaria una buona visione d'insieme, una mente lucida e una mano ferma. Finora, a quanto pare, ne abbiamo avuto abbastanza.

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media