• Yvonne Döbler

Un paio di occhiali per tutti.

Impegno. Una persona vedente difficilmente può immaginare cosa significa non essere in grado di vedere correttamente: scrivere, leggere, cucire, cucire, riparare, raccogliere..... tutto è difficilmente realizzabile. Tuttavia, 700 milioni di persone non possono permettersi gli occhiali. L'insegnante di scuola secondaria Martin Aufmuth si è posto l'obiettivo di cambiare questa situazione.

Aprile 2012, fa caldo nell'ospedale di Kasana vicino a Kampala, capitale dell'Uganda. Proprio come le settimane prima erano state calde. Oltre i 30 gradi Celsius. E polverosa. E secondo Martin Aufmuth, non importa. Per lui, quest'ultima sera in città, quando imballa la sua piegatrice, i fili e gli utensili, è una serata molto speciale. "Funziona davvero", si meraviglia silenziosamente in se stesso.

In due settimane intense ha misurato gli occhi di 800 persone e ha venduto loro gli occhiali da un dollaro da lui stesso sviluppati. Persone che non avevano mai avuto gli occhiali prima d'ora. Credevano che non sarebbero mai stati in grado di permettersi gli occhiali. Che non ha potuto lavorare perché non ha visto niente. "Questa gente voleva davvero i miei occhiali, gli sono piaciuti molto. Ed erano disposti a pagare una giornata intera di salario per questo. E' stato un momento molto soddisfacente".

L'uomo con i capelli bianchi legati alla treccia sorride brevemente e poi guarda a terra. Senza dubbio: questo momento è stato molto, molto più che molto soddisfacente. E' stata la conferma del fatto che lui, Martin Aufmuth, insegnante di matematica e fisica di Erlangen, con forza, ingegno e coraggio, qualcosa di veramente grande ha messo sulle gambe.

Oggi, 300 persone lavorano per l'associazione EinDollarBrille e Aufmuth ha già venduto 80000 paia di occhiali in Africa e Sud America. Spontaneamente, dice, ha fondato l'associazione nel 2012 con l'aiuto di sei insegnanti della sua scuola. 180 degli attuali compagni d'armi sono volontari - imprenditori, direttori di banca, studenti, persone impegnate. Contribuiscono allo sviluppo di progetti, alla raccolta fondi, al marketing e alle pubbliche relazioni. Ma tutto passa dalla scrivania di Martin Aufmuth. Per lui, a malapena un giorno finisce sotto le dodici ore di lavoro, e sicuramente non passa un giorno senza che lui non abbia voluto avere altre mani. "Ma immagino che sia così che fanno tutti gli uomini d'affari. Il lavoro non si ferma mai. "Quando ho finito un argomento, il prossimo è già in linea.

Martin Aufmuth non era insoddisfatto di se stesso e della sua vita a quel tempo. "Con i temi globali, tuttavia, ho sempre avuto la sensazione che non c'era nulla che potessi fare da solo. Continuavo a dirlo a mia moglie: "Dovresti, mi piacerebbe molto. E durante una delle nostre passeggiate serali con mia moglie mi guarda e mi dice: "Si', vai avanti, allora. "Penso che questa sia una delle frasi di cui si pente di tanto in tanto nella sua vita.

Perché Martin Aufmuth fa. Sta setacciando le donazioni dell'Istituto Centrale Tedesco per le Questioni Sociali (DZI) e cerca un'organizzazione che viva un aiuto sostenibile per l'auto-aiuto. Un'iniziativa in Malawi organizza workshop nei centri di aiuto allo sviluppo del loro paese: i partecipanti creano una visione - come potrebbe essere la nostra vita? Poi prendono la decisione - cosa cambiamo? E implementare questo in modo coerente.

Aufmuth pensa a se stesso: "Perché non lo faccio anch'io? Ha in programma di acquisire 200.000 euro nei prossimi dieci anni per finanziare un centro di sviluppo in Malawi.

Ma non puoi farlo con lo stipendio di un insegnante. Così inventa la sua propria piattaforma di raccolta fondi, la BallonMillion: gli iniziatori ci hanno messo gli ultimi 100 euro su di essa, se 9999 sostenitori danno almeno 100 euro per un progetto di aiuto allo sviluppo presentato lì. 5500000000 Euro insieme. Martin Aufmuth finanzia così due centri in Malawi e Mozambico e riconosce che un individuo può anche - o soprattutto - fare la differenza se si pone un obiettivo chiaro e lo persegue con ironia.

Nel 2009 ha organizzato il più grande concorso tedesco per la protezione del clima per bambini e giovani. In un gioco per computer, è possibile alimentare un topo arcobaleno con CO₂ salvato. 40000 partecipanti avviano misure di protezione del clima a casa - nuovi frigoriferi, elettricità verde, lampade a risparmio energetico e altro ancora.

"E' stato anche un esercizio importante per me: avevo bisogno di un gran numero di sostenitori, era un progetto globale e aveva una direzione chiara. Ho imparato molto, soprattutto che la maggior parte delle persone sottovaluta la loro capacità di fare la differenza".

Durante questo periodo Aufmuth legge il libro "Out of Poverty" di Paul Polak sulla necessità di occhiali per il Terzo Mondo. Secondo l'OMS, si tratta di 700 milioni di unità in tutto il mondo. La perdita stimata di reddito causata da persone che non sono in grado di lavorare o di apprendere, o non sono più in grado di farlo, è di circa 202 miliardi di dollari all'anno per i 158 milioni di miopi da soli. Si tratta di un importo superiore al totale degli aiuti allo sviluppo erogati a livello mondiale. Nel 2011, ad esempio, l'importo è stato di 134,04 miliardi di dollari USA.

Per caso, il giorno dopo vede un paio di occhiali pronti per un euro nel negozio da un euro. "Lo capivo a malapena: Nel ricco mondo occidentale, gli occhiali sono venduti a un euro, e nei paesi poveri in via di sviluppo non esiste una cosa del genere". Comincia ad affrontare più intensamente il tema degli occhiali.

Naturalmente, non e' il primo a voler porre fine a questo abominio. Ma a quanto pare il primo a chiedersi perché i progetti well-meant non funzionano. Impara dal progetto di una ONG: "Se si guida nell'entroterra e si perdono gli occhi, e poi si consegnano gli occhiali mesi dopo, di solito non si riesce più a trovare le persone lì. La misurazione degli occhi e la regolazione degli occhiali devono ovviamente coincidere nel tempo. Anche la fornitura di occhiali vecchi non è una soluzione: la probabilità che gli occhiali usati corrispondano all'acuità visiva di entrambi gli occhi del ricevente è estremamente bassa; i costi per una rielaborazione esperta sono elevati.

E soprattutto: a un certo punto le lenti di ogni paio di occhiali saranno graffiate. Ma non c'è un sostituto perché l'ottico se n'è andato da tempo. "Ciò che serve sono occhiali che abbiano un bell'aspetto, siano economici e quasi indistruttibili. "Deve essere possibile fabbricare gli occhiali sul posto con mezzi semplici".

Nel 2010, nella cantina di casa sua, ha iniziato a sperimentare con fili di vari materiali. Cerca di piegarli e trova che la maggior parte di loro sono troppo morbidi. Alla fine, incontra un filo di ruggine primaverile. E' più duro, robusto, gentile con la pelle, non arrugginisce e viene lavorato in auto - la produzione di grandi quantità è quindi garantita. "E' stato perfetto - e anche bello, perche' assomiglia a Titanflex."

Nella fase successiva, sviluppa una macchina piegatrice che non richiede elettricità, perché non è disponibile ovunque e sempre nei paesi in via di sviluppo. Ora ordina occhiali dalla Cina - policarbonato a buon mercato con una superficie indurita che non si rompe se qualcuno ci si siede sopra. Ordina gli spessori da -6 a +6 diottrie, sempre a intervalli di 0,5 passi. "Nella maggior parte dei casi, e' abbastanza per una buona visione."

Nell'industria elettrica, il tubo termoretraibile viene utilizzato come guaina per cavi - Aufmuth lo usa per tirarlo sopra la tempia degli occhiali. Sopra il fuoco si restringe in modo da corrispondere esattamente alla circonferenza del filo e diventa una buona protezione dalla pressione per la pelle sensibile dietro le orecchie e sul naso.

Affinché gli occhiali siano indossati con piacere, devono essere anche belli. Aufmuth è alla ricerca di perle colorate con cui decorare i suoi occhiali con il minimo sforzo. Egli trova le perle di vetro ceche Rocailles - si adattano perfettamente al filo di un millimetro e sono disponibili in grandi quantità.

Martin Aufmuth ha passato un anno a lavorare con i suoi occhiali da un dollaro, poi è stato soddisfatto del risultato e, insieme ad un maestro ottico, si è unito ad un gruppo di medici che si sono recati in Uganda per operare su persone affette da glaucoma. Mentre il contenitore con le costose attrezzature dei medici è disorientato e arriva solo dopo una settimana, Aufmuth ha con sé tutto: la sua piegatrice 30x30x30x30 centimetri, la valigetta con gli occhiali e i pannelli ottici per registrare la forza degli occhi, l'utensile appositamente realizzato, tutti insieme del valore di circa 2500 euro. "Aha", pensa, "anche questo e' uno dei punti di forza del mio sistema".

Il maestro ottico distribuisce sul pavimento circa 1000 vecchi occhiali vecchi. Non ci sono scaffali e non ci sono nemmeno le misure. Lascia che la gente prenda quello che gli serve. "Non ha funzionato", dice Aufmuth. "Completamente innervosito, abbiamo finalmente imballato i vecchi bicchieri e li abbiamo portati in magazzino. Poi abbiamo iniziato a fornire alla gente i nostri occhiali, prodotti localmente dai nostri aiutanti africani. Dopo due settimane, circa 800 persone avevano ricevuto gli occhiali, anche il governatore provinciale e sua moglie erano felici quando hanno ricevuto gli occhiali da noi".

E Martin Aufmuth vive questo momento in cui sa che la sua idea funziona.

Da allora, la sua vita è cambiata. Nel 2015 viene dimesso dalle sue funzioni didattiche e diventa direttore generale dell'associazione. Ora lavora 70-80 ore alla settimana per la sua idea. "Ho pensato di prendere l'aereo, spiegarlo a qualcuno del villaggio e andrà tutto bene."

Un errore - diventa subito evidente che il progetto richiede un'organizzazione professionale in loco. Oggi Martin Aufmuth allestisce interi centri, formando sei persone per macchina piegatrice come produttori di occhiali, che producono circa 20000 paia di occhiali all'anno. I centri saranno poi gestiti da un responsabile locale, che si occuperà dell'infrastruttura, del magazzino e del controllo qualità. "La nostra esperienza ci dice che se non controlliamo ogni posto, siamo fregati in ogni posto. Dobbiamo anche effettuare controlli di qualità sugli ottici. Ad esempio, i dati di contatto di ciascun acquirente devono essere registrati. Chiamiamo e chiediamo se sono soddisfatti, se hanno mal di testa, se gli occhiali si adattano bene".

Il centro forma anche le squadre di ottici mobili che si recano nei villaggi e nelle scuole con occhiali e lenti per fornire alla popolazione aiuti visivi. "Aumentiamo i costi per la formazione di circa 1000 euro di donazioni, così come i costi per la costruzione di macchine piegatrici e impianti all'inizio", spiega Aufmuth.

Gli ottici ricevono un piccolo stipendio di base e sono pagati in base al successo. "La disoccupazione in paesi come Malawi o Burkina Faso supera spesso l'80% e un lavoro permanente è un colpo di fortuna.

A lungo termine, i centri locali si autotrasportano vendendo gli occhiali. Aufmuth non crede di poter finanziare l'associazione in Germania con il ricavato delle vendite: "Questo finanzierà gli stipendi dei dipendenti locali e comprerà materiale per la produzione di occhiali. Per la creazione delle strutture locali - la creazione di negozi, la realizzazione di campagne, la formazione e le macchine piegatrici - dipendiamo da donazioni e da un grande impegno volontario. Una volta raggiunto questo obiettivo, l'assistenza oftalmica di base dovrebbe essere finanziariamente indipendente sul posto".

In Burkina Faso questo obiettivo è già stato parzialmente raggiunto: i dipendenti, compresi quelli con disabilità motorie, vendono fino a 1000 paia di occhiali al mese, guadagnandosi da vivere.

Nel frattempo, Aufmuth stesso ha imparato molto. Se c'era il giorno di mercato del giorno prima, la gente non torna in città il giorno dopo per farsi misurare gli occhi. Oppure: se la distribuzione gratuita di farmaci contro l'AIDS avviene parallelamente alla sua campagna nel centro sanitario, nessuno viene lì per effettuare misurazioni oculistiche. Nessuno vuole essere sospettato di avere l'AIDS di fronte ai propri vicini.

La vendita è spesso preceduta da una fase di test. "La gente ha solo una vaga idea di vedere peggio degli altri." Recentemente ha dato 37 occhiali da provare per una settimana. Dovrebbero testare cosa cambia per loro nella vita di tutti i giorni quando hanno gli occhiali.

Il feedback era stato travolgente: "Un vecchio non aveva mai visto gli uccelli sugli alberi prima d'ora. Un allievo ha dovuto scrivere i compiti per un altro per anni perché la ragazza non sapeva più leggere - la ragazza era quasi più felice della ragazza che ha preso gli occhiali". Donne e uomini possono cucire di nuovo all'improvviso - questo è importante in questi paesi perché tutto è conservato e riparato. E quando le persone sperimentano quanto siano importanti gli occhiali per loro, cercano di raccogliere i soldi per loro.

Nel determinare il prezzo, l'imprenditore sociale si orienta verso le condizioni regionali. Nel ärmsten Ländern i costi per gli occhiali dovrebbero corrispondere a uno o due stipendi giornalieri locali. In un paese come il Malawi, ad esempio, si tratta di poco meno di cinque euro, l'equivalente di un pollo. "Tuttavia, non tutti i soggetti hanno comprato gli occhiali, molti semplicemente non hanno i soldi."

Attualmente sta pensando di aumentare i prezzi nelle città in modo da poterli abbassare in campagna e garantire così l'approvvigionamento di vetri nelle zone rurali. Martin Aufmuth non si considera un concorrente degli ottici locali: "I pochi ottici che esistono in questi paesi di solito siedono in città e vendono occhiali costosi ai ricchi. Non sono interessati a fornire alla popolazione povera occhiali a basso costo. Il sistema stabilito ignora completamente le esigenze di 700 milioni di persone".

L'Africa è un continente molto speciale. Non sempre tutto funziona come pianificato. "In Ruanda, per esempio, abbiamo dovuto chiudere il sito."

La legislazione locale stabilisce che solo la popolazione locale può creare e gestire una ONG. Quindi Aufmuth ha rinunciato a qualsiasi voce in capitolo. "Tuttavia, il management è diventato rapidamente indipendente in una direzione che non ha soddisfatto le nostre aspettative. Hanno formato sempre più produttori, anche se la distribuzione non ha funzionato. E loro vendevano principalmente occhiali pronti all'uso, il che non era il nostro obiettivo - vogliamo creare posti di lavoro non solo attraverso la formazione di alcuni produttori, ma anche di ottici. Alla fine, hanno cercato di ottenere i soldi dove era possibile senza pensare al futuro. Non lo faremo mai più. Se il governo impone tali vincoli, è meglio non realizzare un progetto".

Ora ha l'India a fuoco. "C'e' un'eccitante atmosfera di partenza." Recentemente, un piccolo team tedesco ha cercato localmente con quali persone di contatto possono collaborare. Una persona di contatto sul posto, appena assunta, creerà la prima sede. Egli chiarirà anche le condizioni giuridiche in base alle quali l'associazione può formare gli ottici e se ci sono sovvenzioni da parte del governo indiano per la formazione.

"Solo in India, oltre 300 milioni di persone affette da ametropia oggi non hanno accesso agli occhiali. Gli occhiali da un dollaro possono cambiare la vita di queste persone se riusciamo a costruire le strutture necessarie e a formare un numero sufficiente di ottici. Per la prima fase di start-up ci aspettiamo un fabbisogno finanziario di circa 250000 Euro". Si tratta di un sacco di soldi per una piccola organizzazione che ha solo 1,6 milioni di euro disponibili ogni anno per i suoi otto paesi di progetto.

Martin Aufmuth ha appena completato la tredicesima generazione della sua macchina piegatrice. Si tratta sempre di diventare ancora più semplice, ancora più flessibile. L'ultimo modello è contrassegnato in Braille, in modo che anche i non vedenti possano piegare i telai.

Quest'anno l'imprenditore sociale è diventato anche Ashoka Fellow. Ashoka distingue le persone che hanno un grande effetto sistemico in un'area. "Abbiamo una leva di 1 su 100. Gli occhiali offrono a chi li indossa possibilità 100 volte superiori a quelle che devono spendere per gli occhiali. Ci sono pochissime cose che hanno un tale impatto".

E' solo che a volte e' un po' pressato per la responsabilita'. Poi pensa ad almeno 699,9 milioni di persone in tutto il mondo che non hanno ancora gli occhiali. Sa che alcune persone muoiono di fame perché non possono vedere. "Non è un'esagerazione: chi ha già troppo poco per cui vivere e non può più coltivare correttamente il proprio campo a causa della sua scarsa vista è spesso minacciato di fame".

Quando nel 2015 Martin Aufmuth ha deciso di dedicarsi interamente al progetto EinDollarBrille, il ministro dell'istruzione Ludwig Spaenle gli ha concesso un diritto speciale di ritorno alla professione di insegnante sicuro fino al 2020. Oggi sa di non poter uscire da questo progetto.

"Non mi bastava, con la casa a schiera, la famiglia e il lavoro. Non volevo donare 50 euro per Natale. Volevo cambiare sistematicamente un problema. Una volta che sai che funziona, non si torna indietro".

__________________

Fondazione o associazione - come può l'impegno riuscire meglio?

// 01. L'associazione senza scopo di lucro: Per la fondazione di un'associazione (con capacità giuridica) sono necessari sette membri fondatori. Il capitale di avviamento non è necessario. Il numero di membri può cambiare facilmente. Il ruolo dei membri è forte. "L'assemblea generale elegge gli organi (comitato esecutivo, consiglio di fondazione) e decide su tutte le questioni fondamentali. Il comitato esecutivo dell'associazione deve aderire alle risoluzioni, informa l'avvocato Michael Summer, Taylor Wessing. In linea di principio, ogni membro dell'associazione ha lo stesso peso di voto. L'associazione potrebbe anche essere sciolta da una risoluzione dei membri. I fondi del club devono essere utilizzati tempestivamente e in conformità con lo statuto del club. "L'accumulo di fondi per raggiungere lo scopo dell'associazione con gli interessi non è consentito dalla legge fiscale. Le riserve possono essere costituite solo per determinati scopi", ha detto Sommer. Le associazioni senza scopo di lucro non sono soggette alla vigilanza giuridica statale // 02. La fondazione senza scopo di lucro: una fondazione è un patrimonio indipendente. Non ha membri e nessun partner. Nello statuto, il fondatore o i fondatori determinano lo scopo della fondazione, la sua struttura organizzativa, nonché la procedura e le persone che in futuro nomineranno i membri degli organi direttivi ("competenza per la nomina"). La Fondazione è rappresentata dal Consiglio d'amministrazione, vincolato dallo statuto e quindi dalla volontà del fondatore. Può essere controllato da un consiglio di amministrazione. Le fondazioni sono soggette al controllo giuridico statale da parte dell'autorità di fondazione. La loro dissoluzione è possibile solo a condizioni rigorose - dopo tutto, sono stati fondati per durare nel tempo. "Un motivo per l'autorità di fondazione esiste se l'adempimento dello scopo della fondazione è diventato impossibile. Questo vale anche per lo scioglimento di una fondazione da parte dell'organo di fondazione responsabile", spiega Sommer. // 03. Similitudini: La fondazione e l'associazione devono attenersi strettamente alle norme fiscali in materia di beneficenza (§§ 51 e seguenti del Codice tributario tedesco). Le donazioni di persone fisiche e aziende sono deducibili dalle imposte come spese speciali fino al 20% del reddito annuo totale. Le donazioni eccedenti tale importo possono essere riportate all'anno successivo. Ciò vale solo per le quote associative se l'associazione persegue finalità di aiuto allo sviluppo, istruzione, educazione o scopi simili. Inoltre, un importo massimo di un milione di euro può essere donato alle fondazioni e utilizzato a fini fiscali entro dieci anni. 04. Come lavorano insieme: La combinazione di un'associazione e di una fondazione vicina ad un'associazione ha un fascino particolare. L'associazione persegue gli scopi benefici dell'associazione, la fondazione la sostiene con i proventi del suo patrimonio, nonché con donazioni e, se necessario, eredità. "L'associazione è sollevato in modo tale con l'acquisizione di mezzi e la donazione può concentrarsi sulla raccolta di mezzi, spiega Michael estate: Il loro vantaggio è quindi il più grande e più rispettabile effetto esterno. La fondazione dovrebbe esistere accanto all'associazione e perseguire lo stesso scopo benefico. Come sostenere EinDollarBrille: Il sostegno all'associazione EinDollarBrille è possibile finanziariamente o accettando un posto onorario: Messaggio a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefono 09131-9232803. Conto donazioni: EinDollarBrille e.V. Sparkasse Erlangen IBAN: DE56 7635 0000 0000 0060 0444 15

__________________

®

Autore: Yvonne Döbler

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media