• Mariella Bauer-Hallberg

Effetto di profondità.

100 Andreas Franke MG 8025

Sponsorizzazione. Il fotografo e subacqueo viennese Andreas Franke (in alto) fornisce la sua arte fotografica con una dichiarazione politica. Naufragi in fondo all'atollo del bikini fanno da sfondo al suo messaggio antinucleare. E' ancora alla ricerca di sostenitori per l'attuazione.

"Tutti noi abbiamo ancora questa guerra fredda nella nostra mente, l'idea che il domani possa essere semplicemente finita", dice Andreas Franke, nato nel 1967. Improvvisamente, all'inizio del 2017, questa sensazione era di nuovo lì.

Che l'equilibrio politico internazionale del potere è squilibrato, le armi nucleari rappresentano di nuovo un pericolo reale. L'artista fotografico non è ovviamente solo con questo disagio. E' persino condiviso dal Comitato Norvegese per il Nobel. Il premio Nobel per la pace di quest'anno è stato assegnato alla Campagna internazionale per l'abolizione delle armi nucleari (ICAN).

L'arma antinucleare di Frankes è la telecamera. "Non posso scrivere, non posso dipingere, posso solo protestare come artista con i mezzi a mia disposizione", spiega Franke. Nel giugno di quest'anno ha viaggiato per due settimane nell'Atollo del Bikini nell'Oceano Pacifico. Il luogo dove gli Stati Uniti hanno condotto test di armi nucleari tra il 1946 e il 1958. Ancora oggi l'atollo del bikini è inabitabile per l'uomo, ma la radioattività si è diffusa fino al mare. A 60 metri di profondità si trovano i relitti delle navi affondate per testare la loro resistenza nucleare - ancora oggi testimoni contemporanei della fede nella deterrenza nucleare. Franke scatta 6000 fotografie di sei relitti, tra cui il Principe Eugenio, una delle due grandi navi militari tedesche che furono portate nell'atollo del Bikini nel 1946 e affondate durante l'operazione Crossroad. Vuole inserire situazioni quotidiane in queste foto subacquee. Una donna con una borsa della spesa in mano, per esempio, un'altra con un bambino in braccio. Il suo messaggio: Chiunque può essere interessato in qualsiasi momento. "Ci sediamo a tavola, ci parliamo, e ora che succede, veniamo spazzati via."

L'appassionato subacqueo ha sviluppato il modo speciale di comporre i suoi quadri all'inizio degli anni Novanta. "All'epoca, la composizione fotografica, una tecnica speciale in cui le diverse parti di un'immagine sono unite digitalmente, era ancora un'abilità speciale", ricorda Franke. Come un creativo sempre alla ricerca di nuovi motivi, "per immagini che non sono ancora state viste", il fotografo si è immerso per la prima volta nella barriera corallina, ha fotografato pesci e coralli.

Ma "il calcio molto più grande" gli fu dato dai naufragi, questi silenziosi protagonisti di un bizzarro mondo sottomarino. Il Barone austriaco Gautsch, noto anche come il Titanic dell'Adriatico, è il primo relitto sottomarino che fotografa. Quando guarda le foto a casa, però, pensa: "Abbastanza bene, ma manca ancora qualcosa". Ha copiato nella foto una persona che aveva appena preso in studio.

100 Franke Making of neu

Durante un viaggio subacqueo in Egitto nel 2009 Franke legge un articolo sull'affondamento del Vandenberg nel Florida Keys National Park. Ed è stato immediatamente "acceso".

La Vandenberg è una nave da guerra americano-americana della seconda guerra mondiale. Costruito nel 1943, è utilizzato sia come porta missili che come trasportatore di truppe. Ora dovrebbe diventare una specie di barriera corallina artificiale. Creare nuovi habitat per la flora e la fauna dei fondali marini con questa particolare struttura. "Diversi milioni di dollari sono stati investiti nella costosa depurazione di oli, amianto e altri materiali nocivi. "Questo mi ha interessato immediatamente.

Un anno dopo, l'austriaco visitò il Vandenberg a 30 metri di profondità, equipaggiato solo con una macchina fotografica e una bombola di ossigeno. "Il problema con le immagini subacquee è la luce molto speciale. A causa della densità dell'acqua e delle particelle in sospensione, c'è solo una certa lungimiranza. E' un po' come una giornata di nebbia", erklärt Franke. È anche affascinante il fatto che i diversi colori dipendono dal mare. Non sono necessarie ulteriori sorgenti luminose. Le fotografie possono essere scattate senza problemi fino a 60 metri di profondità.

A questo punto ha già in testa la composizione finita. Il risultato sono immagini di ballerini che vanno all'altalena sulla ringhiera muschiata, bambini in triciclo con orsacchiotti in mano sul ponte di prua, o uomini che pugilano davanti all'enorme parabola satellitare. "Ogni naufragio è un palcoscenico su cui posso giocare con le mie idee".

100 Overview Franke

Al suo volo di ritorno dalla Florida a Vienna, pensa di esporre i quadri finiti sott'acqua sul relitto del Vandenberg. "Punto di vendita unico", risponde l'azienda di marketing Franke. "Dove altro c'è una mostra fotografica che viene mostrata a 30 metri di profondità?" Inoltre, le immagini cambiano quando hanno trascorso da tre a quattro mesi in mare. L'acqua di mare penetra sotto le cornici e lascia delle striature sulla foto. Diversi abitanti del mare come cozze o animali di muschio a ventaglio si depositano sulle foto.

Solo i magneti sono utilizzati per fissare al naufragio le foto di un metro per un metro e mezzo e cinquanta foto. E stanno ricevendo molta copertura mediatica.

Circa 10000 subacquei hanno visitato il mondo sottomarino surreale in tre mesi. La stazione televisiva americana CNN riporta, la BBC britannica e anche la rivista tedesca "Stern".

A brevi intervalli, Franke sta portando avanti altri due progetti. Ha fotografato e montato la Stavronikita al largo di Barbados e la Mohawk, anche al largo della Florida, una nave da guerra della seconda guerra mondiale che, tra le altre cose, aveva trasmesso via radio i dati meteo per il D-Day. Ha riassunto i tre progetti sotto il titolo "Il mondo che affonda".

Franke spera ora in un'eco simile nel progetto fotografico "The Nuclear Fleet". "Perche' per me e' una vera questione di cuore." Le immagini di "Sinking World" non sarebbe offensivo, sarebbe piuttosto lirico. "La "Flotta Nucleare", invece, dovrebbe fare la differenza, "qualcosa si può strofinare lì". Da un lato, ha scelto deliberatamente l'atollo del Bikini come "terribile vittima dell'irresponsabilità nucleare".

D'altra parte, spera che queste immagini suscitino scalpore e intensifichino la sua "silenziosa protesta artistica nella lotta globale per il disarmo nucleare".

Finora l'artista ha finanziato i preparativi di tasca propria. Ora devono essere create 24 immagini. Per poter realizzare effettivamente il progetto, ha bisogno di sponsor. "Solo la produzione delle immagini costerà più di 100.000 euro. "Non posso piu' farcela da solo".

A partire da metà maggio 2018, i quadri saranno appesi al Vandenberg, la sua "nave galleria con le pareti perfette".

Franke dovrebbe quindi essere di nuovo sicuro dell'attenzione dei media . Attraverso il gallerista americano Howard Rosenbaum, il fotografo ha già avuto contatti con l'organizzazione Global Zero, la più importante associazione americana per un mondo libero da armi nucleari, sostenuta da grandi di Hollywood come Robert De Niro, Matt Damon e Michael Douglas. "Global Zero ha mostrato interesse per l'integrazione del progetto Flotta Nucleare." L'organizzazione sta pianificando una serie di conferenze in Vaticano e celebrerà il suo decimo anniversario nel dicembre 2018.

Il futuro di Franke sarà nella fotografia d'arte con dichiarazioni politiche? Non vuole dirlo in modo così assoluto. "Ma se il progetto fa davvero la differenza, ne diventi dipendente." E ci sarebbero ancora cosi' tanti argomenti esplosivi. Inquinamento con la plastica in mare, per esempio. "Quando chiudo gli occhi, ho un sacco di foto in testa."

__________________________

Arte con dichiarazione - il Prix Pictet.

Il Prix Pictet, assegnato ogni 18 mesi dalla banca svizzera Pictet dal 2008 e dotato di 100'000 franchi svizzeri, è uno dei più prestigiosi premi artistici per la fotografia e la sostenibilità.

Un gruppo di giornalisti internazionali, galleristi e intenditori d'arte propone per il premio opere di artisti fotografici provenienti da tutto il mondo. Questo approccio crea un "ampio spettro di artisti noti e meno noti", spiega Loa Haagen Pictet, curatrice del premio. Una giuria indipendente nomina un elenco ristretto tra i lavori proposti e seleziona il vincitore.

Il Prix Pictet è stato lanciato con l'idea che "tutti abbiamo una responsabilità nei confronti della società", dice la danese Loa Haagen Pictet. Questioni come l'inquinamento ambientale, il lavoro minorile o la migrazione e i rifugiati svolgono quindi un ruolo importante.

"Gli artisti si comportano come sismografi. Guardano le condizioni sociali con occhi critici e sensibili", spiega Loa Haagen Pictet: "Consideriamo il nostro premio come un incoraggiamento, anche per fotografi molto affermati e di successo.A Sie dovrebbe quindi essere concessa una certa libertà, anche se limitata nel tempo, per poter pensare liberamente e realizzare progetti senza pressioni finanziarie, la cui realizzazione forse non sarebbe stata altrimenti possibile".

Per la giuria è importante che, quando si selezionano le immagini, esse portano davvero un messaggio. Si trattava di fare domande che erano rilevanti in questo momento. I rispettivi argomenti non sono definiti in modo restrittivo, ma piuttosto associati a termini aperti come "acqua", "crescita" o "spazio".

Le immagini vincenti del passato dimostrano che i giurati interpretano effettivamente gli argomenti in modo ampio. Un'immagine del fotografo canadese Benoit Aquin, che mostra l'inquinamento atmosferico in Cina, è stata premiata per il termine "acqua". Il tema "Terra" ha vinto "Domenica Picnic" dell'israeliano Nadav Kander, che mostra una famiglia al fiume Yangtze cinese sotto un ponte autostradale nella megalopoli di Chongqing.

L'attuale vincitore del leitmotiv "Spazio" è l'irlandese Richard Mosse con la sua serie di immagini "Heat Maps", che può essere tradotta come mappa del calore corporeo (in alto).

Con una termocamera progettata per uso militare, in grado di identificare gli esseri viventi giorno e notte da un'altezza di 50 chilometri e utilizzata per la sicurezza delle frontiere, Mosse ha creato immagini di ruscelli e campi profughi. La foto vincente mostra il campo di tiro a Berlino-Tempelhof. Mosse cerca così di avviare un discorso sul fatto che milioni di rifugiati e migranti sono partiti per trovarsi in una sorta di limbo, esclusi dalla vita sociale.

__________________________

®

Autore: Mariella Bauer-Hallberg

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media