• Dr. Günter Kast

Un uomo si mobilita.

Impegno. ::Italian Subs Addicted:: [] Il giorno (a destra) fornisce biciclette alle persone nei paesi in via di sviluppo. Ma il suo World Bicycle Relief dovrebbe essere più di un'organizzazione umanitaria. Per questo motivo il co-fondatore e comproprietario di SRAM, il secondo produttore di componenti per ruote al mondo, combina il suo programma umanitario con un approccio imprenditoriale.

È più un "serbatoio" che una bicicletta: la Buffalo Bike pesa ben 23 chili, il telaio e i raggi sono in acciaio temprato. Non ha ingranaggi e un semplice freno a contropedale. Il suo design ricorda una bicicletta militare svizzera. "Ma per l'Africa", dice Frederick King Day, "è il veicolo giusto".

Il portapacchi può sopportare carichi fino a 100 kg. Cerchi e pneumatici sono pesanti, ma a prova di foratura. E ha senso fare a meno di un circuito perché la polvere sulle strade raramente asfaltate del Continente Nero attaccherebbe i cavi.

La sua passione per le biciclette ha reso ricco Frederick King Day - o F.K. come tutti lo chiamano -. 40 anni fa, insieme al fratello Stan e ad altri compagni d'armi, ha fondato, insieme al fratello Stan, il produttore di componenti per biciclette SRAM con sede a Chicago (vedi riquadro, pagina 103). "Eravamo insoddisfatti dei circuiti standard. Ecco perché abbiamo sviluppato una maniglia rotante", riassume brevemente la sua innovazione. Oggi SRAM è il secondo produttore di componentistica al mondo dopo Shimano. Fratello Stan lavora ancora come amministratore delegato. Ma F.K. si sta gradualmente ritirando dagli affari operativi. Si concentra sul World Bicycle Relief (WBR) e sulle Buffalo Bikes.

Non e' che F.K. cercava disperatamente un ente di beneficenza. "Dopo lo tsunami che ha colpito il sud-est asiatico alla fine del 2004. Il mio primo impulso è stato quindi quello di raccogliere le donazioni e inviarle alle organizzazioni non governative (ONG)", dice: "Ma ho subito notato sul posto ciò che mancava di più". Gli aiutanti non erano mobili, non potevano nemmeno penetrare alle vittime. Questo mi ha fatto pensare. Dopo tutto, all'epoca lavoravo nell'industria ciclistica da più di 20 anni, e ogni giorno si tratta di una mobilità il più semplice possibile".

Alla moglie, la fotografa documentarista Leah Missbach Day, ha detto: "Facciamo qualcosa che abbia un effetto più duraturo, dove possiamo portare tutta la nostra esperienza". Con una bicicletta, un individuo potrebbe percorrere quattro volte la distanza nello stesso periodo e trasportare cinque volte di più che a piedi. Ed è molto più economico che chiedere sempre nuovi aeroporti, ferrovie e strade.

Con ulteriori donazioni dalla loro rete nell'industria della bicicletta, i due stanno mettendo a disposizione dello Sri Lanka un totale di 24.000 biciclette acquistate in India. Lì le biciclette diventano la guida dei soccorsi in caso di calamità. "E' stata la nascita della WBR."

Di conseguenza, diverse ONG hanno chiesto di trasferire il progetto in Africa. "Ma all'inizio non ha funzionato per niente. Abbiamo cercato di lavorare con biciclette che erano disponibili localmente", spiega F.K., "ma sono state fatte a buon mercato e presto si sono rotte. "Le biciclette altamente complesse provenienti dai paesi industrializzati erano ancora meno opzioni.

Le Giornate decidono di sviluppare il proprio veicolo. Oggi il telaio è costruito dal produttore di biciclette Giant in Cina, le parti provengono da fornitori di tutto il mondo, la Buffalo è assemblata localmente in Africa da meccanici che addestrano la WBR con donazioni. "La ruota deve quindi essere semplicemente costruita. Ogni meccanico deve essere in grado di ripararlo e avere sempre pronti i pezzi di ricambio giusti".

Un programma avviato dal WBR insieme al Ministero dell'Istruzione in Zambia è un esempio di ciò che una tale idea può realizzare. Con l'aiuto di donazioni, distribuiscono Buffalos agli insegnanti e agli scolari delle campagne, soprattutto alle ragazze, perché sono particolarmente svantaggiate. "Devono aiutare in casa la mattina presto, poi spesso camminando per diversi chilometri a piedi fino alla scuola. Quando arrivano lì, sono troppo stanchi per concentrarsi sull'apprendimento", dice F.K..

Con le ruote si possono evitare chilometri e ore di cammino. Un consiglio scolastico decide chi prende una bici. "E si assicura anche che i genitori non rivendano la bici o che i fratelli vadano al pub con essa."

E' importante ricordare che sponsorizzare non significa dare, ci sono condizioni rigorose. "Stiamo firmando un contratto con i futuri proprietari di biciclette", spiega F.K.. Si dice, ad esempio, che nei prossimi due anni un bambino dovrà recarsi a scuola regolarmente e puntualmente o un'infermiera dovrà consegnare i farmaci in modo affidabile in bicicletta.

Se la parte contraente vi si attiene, la bicicletta diventa di proprietà della parte contraente allo scadere di un certo periodo di tempo. Se il contratto è rotto, può essere ritirato da una commissione composta da autorità morali come l'anziano del villaggio e il sacerdote. "Non succede spesso, ma è già successo prima", dice Day. Altre ONG avrebbero nel frattempo copiato questo approccio.

Il fatto che un progetto di questo tipo possa funzionare ha anche molto a che fare con la rete F.K. Finora, l'imprenditore stesso ha investito molti soldi, tempo e impegno nel progetto del suo cuore.

Riceve inoltre un grande sostegno da parte dei clienti SRAM nel settore della bicicletta. Dopo tutto, il produttore di componenti fornisce pezzi di ricambio a più di 30 grandi produttori di due ruote - compresi i cani di punta come Specialized e Trek o il gruppo olandese Accell, che possiede Winora nella Bassa Franconia. Tutti questi clienti non aiutano con il denaro, ma anche con il know-how. Le vostre donazioni saranno immediatamente reinvestite in nuovi progetti, soprattutto in bicicletta. "Non c'è quindi un grande fondo di dotazione da amministrare", spiega F.K..

Un'altra particolarità dell'iniziativa: solo circa la metà delle biciclette inviate finora in Africa sono state finanziate da donazioni. L'altra metà è stata venduta sul mercato libero attraverso la sotto-società locale a scopo di lucro di WBR, Buffalo Bicycles Ltd.

Per gli standard africani, le biciclette sono costose. Costano l'equivalente di 165 dollari USA - per questo le persone in Zambia, dove la maggior parte dei "bufali" rotolano, devono lavorare per diversi mesi. F.K. pensa che questo vada bene, perché trasforma una bicicletta come questa in un oggetto di prestigio che tutti vogliono avere e al quale quindi presta particolare attenzione.

Questa è anche una lezione importante per gli imitatori: un prodotto, sia esso donato o acquistato, deve essere di alto valore. Molte ONG che inviano beni di consumo di scarto nel cosiddetto terzo mondo nei paesi industrializzati non soddisfano questo requisito. Il successo gli dà ragione. Infatti, le ruote sono molto richieste perché possono trasportare molto e sono riparate in modo affidabile dalla meccanica WBR. Allo stesso tempo, hanno colmato un vuoto perché il mercato africano è di scarso interesse per i produttori di ruote attivi a livello globale.

L'obiettivo di questa strategia è che i trader che offrono il "bufalo" un giorno non solo opereranno su una base autosufficiente, ma allo stesso tempo realizzeranno così tanti profitti che potranno di nuovo finanziare ruote per coloro che non possono permettersele. "Immagino che avremmo consegnato un milione di ruote. E 200.000 di questi sono stati distribuiti come donazioni. "Sarebbe meraviglioso, un vero sogno.

Affinché ciò avvenga, il maggior numero possibile di biciclette deve essere venduto tramite l'impresa sociale Buffalo Bicycles Ltd., filiale della WBR, perché solo allora il flusso di cassa rimarrà all'interno dell'organizzazione. Dopo tutto, la WBR è il loro unico proprietario. I rivenditori esterni di biciclette, invece, mantengono naturalmente i loro profitti e non finanziano i programmi del WBR.

In Zambia e Zimbabwe il modello sta già funzionando molto bene, in Kenya e Malawi ha ovviamente delle potenzialità. Solo in Sudafrica, dove il WBR ha gareggiato ben cinque anni fa, le cose sono difficili. F.K. non sa esattamente perché, ma il paese è già più motorizzato e il ciclismo non ha una grande tradizione. Questa era probabilmente una reliquia dell'epoca dell'apartheid, quando era semplicemente troppo pericoloso lasciare il proprio paese su due ruote. Gli americani americani hanno imparato una lezione importante: "Ogni paese è diverso, ha le sue peculiarità. Se non li prendi in considerazione, perdi".

Attualmente circa 3500000000 Buffalos rotolano attraverso dodici paesi africani. Rendono le persone mobili, creano accesso alle scuole e ai centri sanitari, ai farmaci contro l'AIDS. Nel corso degli anni, le Giornate hanno imparato che il WBR è più efficiente quando lavora con altre organizzazioni umanitarie e non li vede come concorrenti nella lotta per le donazioni. In Zambia, ad esempio, il WBR collabora con USAID e con il suo programma RAPIDS, che forma infermieri volontari per gestire l'epidemia di AIDS nel paese attraverso l'educazione e la distribuzione di farmaci. La WBR mette a disposizione dei volontari delle ruote per raggiungere i villaggi remoti senza perdere tempo prezioso marciando per ore attraverso la savana.

Il tempo è un fattore critico anche per i produttori di latte zambiani. Prima della comparsa dei "bufali", portavano i secchi di latte fresco a piedi fino al caseificio. Ci volle molto tempo, il latte diventava spesso acido e potevano trasportare fino ad un massimo di 30 litri. Ora usano due lattine da 50 litri, che arrivano al caseificio in pochissimo tempo sui portabagagli stabili delle ruote, anche sui pendii più brutali.

Il risultato: migliore qualità, prezzi migliori per gli agricoltori, maggiore produzione per il settore lattiero-caseario. Agli agricoltori che non potevano permettersi una bicicletta sono stati concessi microcrediti e la WBR ha lavorato con il Vision Fund per fornirli. "F.K. è lieta di dire: "Insieme possiamo rilanciare l'economia locale": "Ma raggiungeremo davvero il nostro obiettivo solo quando gli allevatori non avranno più bisogno delle nostre biciclette, ma potranno acquistare un piccolo camioncino dai proventi aggiuntivi per consegnare il latte", "Gli allevatori potranno acquistare un piccolo camion con cui consegnare il latte.

I dipendenti del WBR registrano il cambiamento in meglio con le relazioni di valutazione. Per la cooperativa di latte Palabana in Zambia, le statistiche dall'inizio del progetto cinque anni fa mostrano: il 25 per cento in più di latte consegnato, il reddito degli agricoltori è aumentato del 23 per cento, i tempi di trasporto verso la cooperativa sono diminuiti del 45 per cento.

F.K. vede la ragione più importante di questi successi nel fatto che non ha fatto affidamento sulle ricette classiche dell'aiuto allo sviluppo. "Potrebbe funzionare solo perche' siamo entrati nell'economia africana." Intende soprattutto il modello di impresa sociale attraverso il quale i bufali vengono venduti alla popolazione locale. "Questo ci mette sotto una certa pressione finanziaria. Come azienda, dobbiamo realizzare un profitto. Chi pensa al denaro semplicemente lavora in modo più efficiente. Quindi possiamo certamente applicare qui le strategie di successo dell'economia di mercato occidentale".

Nel frattempo, anche l'élite commerciale internazionale è venuta a conoscenza di WBR. F.K. ha collaborato con la grande banca UBS e la sua Optimus Foundation per avviare uno studio per documentare lo stato di avanzamento del programma, analizzare i fallimenti e proporre miglioramenti. Al World Economic Forum dello scorso anno a Davos, hanno lanciato congiuntamente la Davos Challenge e hanno dotato i partecipanti al WEF di contachilometri. Per sei chilometri percorsi - ovvero la distanza media dalla scuola nella Repubblica Sudafricana - un allievo ha ricevuto una Buffalo Bike. Anche il presidente di UBS Axel Weber ha aderito. In totale, più di 1200 chilometri si sono riuniti - e altri 200 "bufali" erano sulla strada. ®

_________________________________

Da zero alla marcia più alta - la storia di SRAM.

L'idea di fondare un'azienda di componenti per biciclette è nata dall'ex triatleta Stanley Ray Day (foto sotto), che non è riuscito a gestire il suo cambio Shimano durante l'allenamento di gara. La loro innovazione è stata una pratica impugnatura twist grip per ingranaggi da bicicletta, il Grip Shift.

Stanley e suo fratello Frederick King Day, chiamato F.K., provengono da una famiglia imprenditoriale. Suo padre era presidente e proprietario di Champion Home Builders, un produttore di case mobili. I due fratelli hanno collaborato con il designer e ingegnere Sam Patterson e l'avvocato Scott Ray King, il sestetto è stato completato da Mike Mercuri e Jeff Shupe. Il nome SRAM è un acronimo del nome e del secondo nome dei tre fondatori Scott King, Stan Ray Day e Sam Patterson.

Le immagini della cronaca aziendale li mostrano come sportivi occasionali che avvitano le prime parti in pantaloncini. Il Grip Shift è stato sviluppato alla fine degli anni '80 per biciclette da corsa e da triathlon, in seguito anche per mountain bike.

Dalla metà degli anni '90, l'azienda ha iniziato ad ampliare la propria gamma di prodotti attraverso sviluppi e acquisizioni di marchi propri. Nel 1997 SRAM ha rilevato la divisione biciclette dell'azienda tedesca Sachs, che dal 1907 costruisce mozzo ingranaggi per mozzi. A tale scopo, nel 1999 SRAM ha costruito un nuovo stabilimento con un centro di sviluppo nel parco industriale e commerciale di Maintal. I mozzi sono stati prodotti interamente a Schweinfurt, dove la maggior parte dei singoli componenti sono stati prodotti internamente o acquistati dalla Germania e da altri paesi europei. Nel 2002 è stato inghiottito il produttore di forcelle e ammortizzatori RockShox, nel 2004 il produttore di freni Avid. Con l'acquisto di Truvativ nel 2005, SRAM è stata in grado di ampliare il proprio portafoglio nei settori delle pedivelle, pedivelle, manubri, pedali e pedali per mountain bike. Nel 2007, l'azienda statunitense Zipp, che produce ruote per biciclette da corsa, è entrata a far parte dell'azienda.

Oggi più di 3800 dipendenti in 17 sedi in 13 paesi sviluppano e producono prodotti SRAM in tutto il mondo. Tuttavia, SRAM non è riuscita a rovesciare il leader del settore Shimano. Ma SRAM è, anche se con una certa distanza, il numero due al mondo.

Stanley Ray Day è ancora l'amministratore delegato dell'azienda. Suo fratello F.K. guida l'organizzazione umanitaria WBR. Entrambi sono azionisti di maggioranza di SRAM con le loro famiglie. Il resto delle azioni è detenuto da dirigenti ed ex dipendenti meritevoli.

_________________________________

Confronto:  Spendere contro l'imprenditoria sociale.

"La storia di F. K. Day è ispiratrice", dice Felix Oldenburg, "ed è esemplare.Gli imprenditori di Denn come lui sono sempre più alla ricerca di strategie imprenditoriali per contribuire ad un mondo migliore invece di limitarsi a donare".

Questi "imprenditori sociali", secondo il segretario generale dell'Associazione federale delle fondazioni tedesche, avrebbero tuttavia ancora grandi riserve: È possibile guadagnare denaro anche con l'aiuto? Invece di dare risposte semplici, Oldenburg suggerisce di porre domande migliori:

"Il primo è dopo il problema stesso e il suo ambiente di mercato. Il problema può essere risolto con un meccanismo di mercato? Questo non è il caso di molte sfide relative ai diritti civili o alla corruzione, ad esempio. Donare a una buona ONG è ancora il mezzo di scelta. I filantropi possono ora fare bene i loro compiti su Internet.

Poi, all'altro capo della scala di profitto ci sono settori come le energie rinnovabili o l'espansione della banda larga. Sostenerli senza un modello di rifinanziamento aziendale sarebbe un uso discutibile delle risorse o spesso un progetto che non coglie l'obiettivo.

Diventa interessante nel mezzo: Un'idea ha un mercato a un certo punto, ma può non dare i suoi frutti fino a quando non è più tardi, oppure il suo valore aggiunto è così distribuito che il rifinanziamento diventa difficile. Qui è importante trovare un equilibrio tra la donazione e l'investimento.

Il campo ancora nuovo della "finanza ibrida", cioè il finanziamento di tali modelli di business tra mecenatismo e mercato, è quindi la sfida più interessante dal mio punto di vista. Imprenditori con buone idee come F.K. Ci sono un sacco di giorni. Ma il finanziamento è spesso carente.

La filantropia è diventata confusa. Chiunque prenda sul serio l'impatto di un'idea dovrebbe anche rendere possibile la sua crescita. Il business è uno dei modi per raggiungere questo obiettivo. Allo stesso tempo, tuttavia, abbiamo anche bisogno di coloro che donano per i bisogni primari e per i prerequisiti dei mercati. Farli l'uno contro l'altro sarebbe stupido. Ma sarebbe altrettanto stupido non chiedere esattamente al mondo del sociale".

_________________________________

Autore: Dr. Günter Kast

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media