• Petra Bernadett Maier

Funziona.

Prodotti naturali. Una piccola azienda grigionese in Svizzera ha trovato una nicchia di nicchia redditizia con i prodotti Edelweiss. La famiglia dell'erborista Astrid Thurner produce cosmetici naturali a partire dal fiore alpino rigorosamente protetto.

La regina delle nevi, una figura fiabesca, siede in trono sulle cime delle montagne e seduce gli uomini con la sua bellezza per audaci tour di arrampicata. Se cadono a morte, la Regina delle Nevi getta una lacrima sulle rocce da cui sgorga una stella alpina. Altre tradizioni sostengono che la stella alpina ha poteri magici e protegge chi la indossa dagli spiriti maligni. "Ci sono innumerevoli miti che circondano la Stella Alpina. Mi piace particolarmente quello con i poteri", sorride Patrick Thurner.

La stella alpina, che cresce su pendii rocciosi e difficile da raggiungere, è da tempo considerata un simbolo dell'audacia eroica in poesie d'amore, storie e canzoni romanticamente trasfigurate. "Anche negli Stati Uniti, in America Latina e in Asia, tutti conoscono la Regina dei fiori alpini grazie al film d'amore 'The Sound of Music' o 'My Songs - My Dreams' del 1965", dice Thurner. "Se un gruppo di viaggiatori di queste regioni era nel negozio, lo scaffale viene rapidamente comprato vuoto." Thurner nella drogheria Surses nella regione svizzera di Savognin offre la forza della stella alpina in forma distillata.

Dal 2005, Astrid Thurner, 63 anni, utilizza qui i preziosi ingredienti della pianta. "Già nel XIX secolo la stella alpina era chiamata "Bauchwehbleaml" ed era utilizzata nella medicina popolare contro diarrea, dissenteria, tosse e mal di gola. Ma non è tutto. Con il suo habitat tra i 1600 e i 3400 metri sul livello del mare, Edelweiss ha sviluppato meccanismi di protezione altamente efficaci per sopravvivere alla luce intensa del sole e al freddo. Ecco perché gli estratti di stella alpina sono perfetti per proteggere e prendersi cura della nostra pelle". La stella di fiori di pelo contiene circa 60 ingredienti. I tannini e le vitamine A ed E, ad esempio, hanno un effetto antiossidante. Possono rinforzare la pelle e riparare piccoli danni.

"Volevo fare qualcosa con la Stella Alpina molto prima, quando ancora insegnavo cosmetici alla scuola professionale di Coira." Tutte le condizioni erano soddisfatte: Interesse, conoscenza e persino un'azienda. Dopo tutto, il marito di Astrid gestisce la farmacia Surses dal 1969.

Tuttavia, non è stato possibile affrontare una sfida: gli appalti pubblici. Poiché il "piede di leone", come indica il nome botanico Leontopodium, è stato a lungo imitato intensamente, è stata una delle prime piante ad essere posta sotto stretta protezione. L'uso come pianta medicinale o come base per cosmetici speciali era fuori questione.

Solo negli anni '90 la Stazione svizzera di ricerca agraria Agroscope è riuscita a coltivare la stella alpina. Le prime coltivazioni di stella alpina vengono piantate nelle montagne vallesane. "Questo ha spianato la strada al nostro modello di business Edelweiss."

Nel 2008, Astrid Thurner allestirà il suo primo campo con le piante bianche e molto pelose a 1600 metri di altitudine. A Savognin, su un versante meridionale calcareo, crescono 1200 piante. La seconda piantagione, da cui i Thurner ora ottengono la stella alpina, è tre volte più grande. Dal 2005, un mio amico agricoltore lo coltiva in Alta Engadina presso Sankt Moritz a 2000 metri di altitudine. "Più in alto viene coltivata la stella alpina, più sostanze contengono le piante", spiega l'imprenditore.

E' un bel lavoro, ma anche noioso. Coltivazione, cura e raccolta - tutto deve essere fatto a mano. Nelle fasi molto secche le piante hanno bisogno di acqua, a volte anche di un po' di concime a base di calce. Se le erbacce spuntano nelle piantagioni, spuntano. "Una pianta utile può essere raccolta solo per un periodo compreso tra i tre e i cinque anni. Per questo dobbiamo reimpiantare in certe aree ogni anno".

In piena estate, quando i fiori bianchi sono completamente maturi, aiutano tutti insieme. La famiglia Thurner, composta da quattro e nove dipendenti della farmacia, ha tagliato i fiori singolarmente. Poi le piante vengono delicatamente essiccate al sole. Capolini particolarmente grandi vengono pressati e offerti singolarmente come souvenir. In entrambe le piantagioni si possono raccogliere da 100 a 150 kg. Il rendimento non è lo stesso ogni anno. "L'anno scorso è stato un buon anno", dice il figlio Patrick Thurner, che oggi gestisce la farmacia.

L'estratto di stella alpina è fatto con fiori secchi. "Acqua, alcool e glicerina danno i migliori risultati. "Per certe creme, facciamo un estratto oleoso. Nel frattempo Patrick Thurner ha sviluppato una linea completa di cosmetici Edelweiss - dalle creme per il corpo, per le mani e per i piedi, alle maschere idratanti, alle lozioni per le mani, ai gel doccia, agli additivi per il bagno e agli oli per massaggi. Il tutto senza conservanti o additivi chimici, naturalmente: "Fa parte della nostra filosofia".

Drogaria Surses offre grappa alla stella alpina e tisane alla stella alpina per una "cura" dall'interno.

I prodotti che circondano la Stella Alpina sono diventati oggi un importante pilastro dell'azienda di famiglia. "Senza questo, l'azienda non sarebbe in grado di impiegare nove persone." Le vendite nel comprensorio sciistico dipendono troppo dalla stagione invernale. Il business della stella alpina bilancia un po' la stagionalità. Nei mesi estivi più deboli tutto ruota intorno alle piantagioni, al raccolto e alla produzione della linea cosmetica. In alta stagione in inverno ogni mano in farmacia viene utilizzata in alta stagione.

Patrick Thurner non ha paura della concorrenza. Se vuoi entrare nel piccolo mercato dei prodotti della stella alpina, devi prima di tutto investire molto: Le superfici coltivate sono scarse, l'allevamento è laborioso e gli impianti di produzione sono costosi. "Non credo che sarebbe possibile su scala industriale", dice Thurner. "I prodotti della Stella Alpina saranno sempre qualcosa per piccoli lotti."

L'azienda di cosmetici naturali Weleda sta progettando un passo più grande. Aveva già fallito una volta - nel 2008 - con una crema solare alla stella alpina. Il filtro minerale UVA dei cosmetici naturali non soddisfaceva più i requisiti recentemente innalzati della normativa europea. Ora Weleda ha sviluppato una nuova formula e la lancerà a febbraio. "Non vedo alcuna concorrenza in esso," Thurner rimane calmo, "è più che altro un vantaggio per noi. Perché dà alla stella alpina e ai cosmetici un riconoscimento ancora maggiore, soprattutto al di fuori della Svizzera".

A differenza dell'Unione Europea, la stella alpina è persino approvata e molto popolare come alimento in Svizzera. Gli estratti di stella alpina si possono trovare nello yogurt, nella birra o come tè e anche come grappa. Con quest'ultima, i visitatori non svizzeri della linea Edelweiss della famiglia Thurner, che comprende non solo cosmetici, ma anche tisane edelweiss e grappa alla stella alpina, possono rifornirsi durante la loro vacanza sulla neve o ordinare online su Drogaria Surses.

Astrid Thurner è ora in negozio solo una volta alla settimana. Dopo aver ceduto l'azienda a suo figlio Patrick nel 1999, ha completato la sua formazione di omeopata. In estate, il museo accompagna i visitatori interessati attraverso la flora delle montagne svizzere tre o a volte quattro volte alla settimana. In questo modo trasmette la sua vasta conoscenza dei fiori e delle erbe delle Alpi. ®

_____________________________

Guarigione stella alpina.

Il professor Hermann Stuppner dell'Istituto di Farmacia dell'Università di Innsbruck prevede che il potenziale della stella alpina è tutt'altro che esaurito. Gli scienziati ricercano da anni i principi attivi del fiore alpino. Circa 60 ingredienti sono stati isolati ed esaminati singolarmente. I ricercatori hanno estratto un derivato dai fiori e dalle foglie della stella alpina, che chiamano acido della stella alpina. E 'DNA-protettivo, lega i radicali liberi nel corpo e protegge anche contro le radiazioni UV dannose.

Dal punto di vista medico, tuttavia, la radice della pianta ha un potenziale molto maggiore del fiore. Gli scienziati hanno trovato in essa la leoligina, un promettente prodotto metabolico. Ha un effetto inibitorio sulle molecole che trasportano lipidi sanguigni dannosi e può portare alla calcificazione dei vasi sanguigni. I ricercatori hanno testato la sostanza sui topi impiantando un deposito di leoligina direttamente in un'arteria carotidea patologicamente addensata. Risultato: il diametro del vaso è sceso da una media di 43 micrometri per gli animali non trattati a 15 micrometri per gli animali trattati. Ora c'è la speranza che la Leoligin possa ottenere un effetto simile anche negli esseri umani. Prima dell'uso clinico, tuttavia, tutti i potenziali pericoli devono essere chiariti.

La scienza è ancora all'inizio del suo approccio all'uso della Leoligin nella terapia del cancro. Alcuni ricercatori sospettano che possa inibire la divisione cellulare delle cellule tumorali. Le prime indagini con colture cellulari di leucemia hanno dato risultati promettenti.

_____________________________

Sentiero avventura della flora alpina.

Su iniziativa di Astrid Thurner, nella regione è stato creato il Sentiero didattico della flora alpina da Somtgant a Mot Laritg sopra Savognin. La ferrovia di montagna Savognin porta i turisti alla stazione di Somtgant. La Chrütliwanderung è quindi adatta anche a grandi e piccini. Senza salita si attraversa Mot Laritg fino a Lai Lung per arrivare ad un piccolo lago con posti a sedere e grill place. Il sentiero tematico, lungo quasi cinque chilometri, si snoda in un mare di fiori colorati e profumati. Circa 130 pannelli informativi con foto spiegano i fiori, le erbe e le piante medicinali che si verificano. Una parte del percorso è accessibile anche per sedie a rotelle o carrozzine.

_____________________________

Autore: Petra Bernadett Maier

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media