• Dr. Günter Kast

Nella culla del mondo.

IMG 7099

Viaggio. Richard Leakey è il paleoantropologo più famoso del mondo. Nell'estremo nord del Kenya, sul lago Turkana, ha cercato per decenni gli inizi dell'Homo sapiens. Eccolo, ora sta progettando il primo museo della storia dell'umanità. Era già in grado di ottenere il famoso architetto Daniel Libeskind entusiasta del grande progetto. Ora ha bisogno di clienti.

Due giorni fa ha piovuto nell'Illeret, un vero e proprio acquazzone. Nel semi-deserto sulla riva nord-orientale del lago Turkana questa è una piccola sensazione. Richard Leakey è corrispondentemente eccitato quando guida il suo SUV nell'Area 1. Anni fa, ha trovato qui le ossa di un uomo in anticipo. Ora, dopo la pioggia torrenziale, nuovi fossili possono emergere attraverso il lavaggio. Con uno sguardo concentrato cerca nel sottosuolo.

I 35 gradi all'ombra non sembrano dare molto fastidio a Leakey. Anche se ha gia' 73 anni. Anche se ha perso entrambe le gambe in un incidente aereo nel 1993 ed è dipendente da protesi. Non ci vuole un quarto d'ora, poi scopre un osso nel terreno argilloso e duro, presumibilmente di una specie di antilope estinta da tempo.

Un sorriso si affretta sulla faccia di Leakey. Chiama Woto Hurri, uno dei suoi assistenti. Più tardi recupererà il reperto professionalmente, lo porterà al vicino Turkana Basin Institute (TBI) e lo preparerà lì con una sorta di trapano dentale e prodotti chimici. "E' un compito di Sisifo", ammette il ricercatore. "Solo l'1% di tutti i ritrovamenti sono ossa umane. Ma il bacino del Turkana è un sito di scavi preistorici di livello mondiale, il nostro asilo nido. A volte tra le nostre scoperte c'e' un sei con un numero in piu'".

Il TBI esiste ormai da otto anni con due siti sul lago Turkana, quello vicino a Illeret e un altro vicino a Turkwel sulla riva occidentale del lago. Il progetto è stato avviato dalla famiglia Leakey e dalla Stony Brook University di New York, che voleva creare una sorta di campo base per esplorare la storia dell'umanità in questa regione inospitale e il più vicino possibile ai siti di scavo. Leakey è riuscita a raccogliere 20 milioni di dollari dalla Stony Brook University e da mecenati privati per lo sviluppo del TBI.

Spesso Leakey stesso non viene più qui nel nord del Kenya. Il viaggio da Nairobi è troppo arduo. Il clima è troppo rigido. Ha anche un successore competente nella figlia Louise, che supervisiona gli scavi e gestisce il TBI.

86 Leaky 3

Recentemente, tuttavia, è ripartito per il "Jade Sea", come viene chiamato anche il lago Turkana per il suo colore verde turchese. Al suo fianco c'era Daniel Libeskind, il famoso architetto americano e urbanista di origine polacco-ebraica. Il padre spirituale del Museo Ebraico di Berlino aveva incontrato la figlia di Leakey, Louise, durante un safari fotografico nella vicina Tanzania e aveva mostrato grande interesse per il lavoro della famiglia.

Louise ha poi organizzato il pranzo tra suo padre e Libeskind. "Gli ho raccontato con attenzione i progetti del mio museo", dice Richard Leakey. Il famoso architetto divenne curioso.

Insieme hanno volato verso il lago Turkana, dove si trova il museo. "Libeskind ne fu subito entusiasta. Ha detto spontaneamente: "Ci sto! E ha aggiunto che questo potrebbe essere il suo progetto più importante", ricorda Leakey. Non si aspettava una reazione così positiva. Dopo tutto, la maggior parte delle persone sono piuttosto intimidite quando escono da un piccolo motore ad elica nel deserto del nord del Kenya.

A prima vista, l'area intorno al lago Turkana è in realtà l'antitesi a un luogo che i gestori turistici vorrebbero: caldo torrido, polveroso, alla fine del mondo. Il vento del deserto spinge nelle capanne rotonde della semi-nomade Turkana, che sono rivestite in ferro ondulato. Le capre secche cercano cibo sul terreno sterile. Sono sorvegliati da bambini dall'aspetto serio, a piedi nudi, sporchi e incrostrati. All'orizzonte il mare luccica nella nebbia, potente come un mare, undici volte più grande del Lago di Costanza, pieno di coccodrilli.

La capitale del Kenya, Nairobi, si trova a 1000 chilometri di distanza. Chiunque abbia il coraggio di percorrere il difficile percorso in un veicolo fuoristrada è in strada per almeno tre giorni su piste traballanti - se i pneumatici resistono e non ci sono rapine da parte di banditi. Le guerre tribali sono la regola piuttosto che l'eccezione. Sono tenuti con i kalashnikovs, che sono economici da avere nel vicino Sudan meridionale.

Libeskind ha lasciato tutto senza impressione. I due uomini cominciarono a fare progetti. La sala centrale del primo museo di storia umana al mondo si innalzerà in futuro su 15 piani al di sopra del semideserto. Questa "cattedrale", in cui un'enorme doppia elica del DNA dovrebbe simboleggiare l'essenza della vita, sarà circondata da edifici la cui forma è basata sulle asce a mano e altri strumenti dell'età della pietra. L'ensemble traccerà dall'alto i contorni del continente africano.

Se il museo mostrerà anche importanti reperti ominidi così come altri scavi e fossili, Leakey lascia aperto, ma sembra essere piuttosto contrario: "Non penso molto di esporre tali reperti, chiusi a chiave e dietro vetro. È molto più importante per lui dare risposte facilmente comprensibili alle grandi domande dell'umanità: "Da dove veniamo? Cosa ci rende umani? Chi sono i nostri antenati? Perché c'erano dinosauri e perché sono morti? "Perché c'è la vita sulla terra, perché l'evoluzione?

La tentazione è grande di respingere i piani di Leakey a causa dell'inospitalità della zona come una fantasia. Chi verrà qui a visitare un museo? Richard Leakey stesso scherza: "Per tutta la mia vita ho fatto cose che mi è stato detto che avrei dovuto lasciar stare meglio". E' determinato a porre fine a questo progetto. E sa bene che non ha tempo per sempre. Il ricercatore ha subito trapianti di reni e fegato e ha lasciato tracce di cancro alla pelle sul viso trattato al sole per tutta la vita. "D'ora in poi, mi concentrerò esclusivamente sul museo, ci passerò tutto il mio tempo. "La costruzione dovrebbe iniziare tra due o tre anni, e l'apertura tra cinque anni.

Selvaggiamente determinati e senza paura - i Leakeys sono sempre stati così. I nonni di Richard Leakey arrivarono in Kenya come missionari nel 1890. Egli stesso, convinto ateo e scienziato, ha una visione critica del retroterra protestante dei suoi antenati. Ma sottolinea che i suoi antenati sono venuti poveri e indigenti in Africa orientale e non volevano avere niente a che fare con i ricchi coloni bianchi che nella prima metà del XX secolo hanno coltivato uno stile di vita piuttosto piacevole (spesso a spese dei neri).

I genitori di Richard, Louis e Mary Leakey, furono i primi successi diretti come esploratori della storia umana. La madre di Richard, Mary, madre di Richard, ha trovato i più antichi fossili conosciuti dei primi esseri umani in Tanzania. E suo padre Louis confutò molti scienziati del suo tempo che credevano che l'uomo venisse dall'Asia e avesse solo poche centinaia di migliaia di anni. Egli è di fatto anche l'autore della teoria secondo cui l'origine dell'umanità si trova in Africa - un punto di vista che oggi è di nuovo messo in dubbio.

Per Richard Leakey, nato e cresciuto a Nairobi, era chiaro che un giorno avrebbe seguito le orme dei suoi genitori. Ha solo 22 anni quando, su un volo sul lago Turkana, sospetta che la regione possa essere ricca di fossili. Nel 1967, il giovane sconosciuto si guadagnava da vivere nei safari. "Per arrivare a riva, ho dovuto noleggiare prima i cammelli." Ma lo sforzo ne vale la pena: nel 1969 fa la sua prima grande scoperta qui: la sua gente recupera il cranio quasi completamente conservato di un uomo preistorico che visse qui più di 1,7 milioni di anni fa. Scava anche attrezzi di pietra dalla cenere vulcanica.

86 Leaky Aufmacher 2

Leakey fa costruire un campo d'aviazione in modo che possa tornare in qualsiasi momento. Nei vent'anni successivi, con scoperte sempre nuove, fece scalpore e rafforzò la sua reputazione di paleoantropologo più famoso del pianeta. Nel 1984, scopre il famoso ragazzo turco di fama mondiale. Lo scheletro completamente conservato contribuisce in modo significativo al fatto che la tesi "Fuori dall'Africa" sull'origine degli esseri umani è comprovata. Qui, al lago Turkana, è nata l'umanità, sospettati Leakey. Solo per questo motivo non poteva esserci un posto migliore per il museo.

Nel frattempo, la famiglia sta già facendo ricerche sull'albero genealogico degli ominidi della terza generazione. I Leakeys rappresentano oltre la metà di tutte le descrizioni di ex parenti umani. E anche la moglie di Richard, Maeve, ha la sua parte.

Louise, la loro figlia, cresce nel bush e sa guidare una Land Rover anche come scolaretta delle elementari. Oggi gestisce il TBI ed è sposata con Emmanuel de Merode, principe belga (e discendente di Re Leopoldo). Da allora Emmanuel de Merode si è fatto un nome come direttore del Parco Nazionale Virunga nella Repubblica Democratica del Congo e come impavido animalista.

Uno di questi è Richard Leakey. La lotta contro il bracconaggio e il commercio dell'avorio è sempre stata per lui importante quanto la ricerca delle origini dell'umanità. Ha fatto bruciare grandi mucchi di zanne di elefante confiscate e non ha avuto paura di pasticciare con potenti oppositori e denunciare l'eccessiva corruzione in Kenya. Le sue protesi alle gambe ne sono un testimone eloquente. Dopo tutto, lo schianto del suo piccolo aereo nel 1993 è stato molto probabilmente un tentato omicidio.

Leakey era sotto protezione personale perché aveva ricevuto lettere minatorie e telefonate. Le manipolazioni del relitto sono state effettivamente rilevate. Sta giocando da solo: "Nessuno poteva provare che si trattava di un sabotaggio. Ok, hanno cercato di uccidermi. "Ma ho deciso di continuare a vivere.

86 Leaky 4

Oggi, il ricercatore scherza persino sui suoi tronconi delle gambe: "Mi permettono di tirarmi fuori da spiacevoli eventi sociali. "Finto dolore fantasma, e tutti mi rimpiangono. Leakey preferisce passare il tempo nei suoi vigneti sul Grabenbruch piuttosto che sul parquet. Qui ha sperimentato con successo lo Chardonnay e il Pinot Noir, due vitigni non esattamente creati per la coltivazione all'equatore. Ma e' cosi' che zecca. Vuole dimostrare che funziona ancora.

Chiunque conosca la storia della vita di Richard Leakey non ha dubbi che renderà possibile anche l'apparentemente impossibile con il museo. La stessa Leakey prevede un costo totale di circa 100 milioni di dollari USA. Finora, solo Tullow Oil, una compagnia britannico-irlandese di gas e petrolio con sede a Londra, che produce oro nero nel bacino del Turkana, ha impegnato tre milioni di dollari - "solo" 97 milioni sono ancora mancanti. Attualmente è in trattative con grandi fondazioni negli Stati Uniti, riferisce Leakey.

Anche il presidente del Kenya Uhuru Kenyatta ha sostenuto il progetto, come il ministro del turismo. "Il museo dovrebbe essere una dichiarazione. Qualcosa di cui l'Africa può essere fiera. E per ricordare che abbiamo tutti le stesse radici, indipendentemente dal colore della pelle, dalla razza, dalla nazionalità o dalla religione".

Leakey sta attualmente reclutando un team di exhibition designer. Essi integreranno anche un planetario nel museo. Lì i visitatori potranno vedere un film sull'origine della terra. "Se la storia del nostro pianeta potesse essere pressata in un solo giorno, noi umani ci appariremmo in esso solo negli ultimi due secondi. "Siamo solo un batter d'occhio nel flusso del tempo". Vuole trasmettere tali intuizioni ai visitatori in modo semplice e giocoso. Utilizzeranno la tecnologia multimediale per capire come paleoantropologi e archeologi lavorano insieme, quali processi biomolecolari e metodi di datazione usano, e quale ruolo gioca la genetica in questo senso. Ha già un nome per il museo: Ngaren, la parola Turkana per iniziare.

Leakey spera che il suo progetto dia una spinta al bacino del Turkana, che gli sta molto a cuore: nuove strade, più voli da Nairobi, forse anche un aeroporto internazionale come Arusha nella vicina Tanzania, ma soprattutto più turisti. "Il lago Turkana è un posto molto speciale", dice. "Puoi odiarlo. O amarlo. Sono diventato irrimediabilmente dipendente da lui.

__________________________________

Una delle ultime grandi avventure per gli individualisti - der Trip to Lake Turkana.

Il bacino del Turkana è una fornace ardente al confine con l'Etiopia, costantemente minacciata dalla siccità, la povera casa del Kenya, luogo di sopravvivenza degli artisti. I novizi africani che vogliono solo vedere i "Big Five" e vivere in lussuosi lodge sono più indicati per i famosi parchi nel sud del paese. Ma per tutti coloro che vogliono sperimentare qualcosa di molto speciale, il "Jade Sea" potrebbe essere la destinazione giusta.

Anche se i bracconieri hanno decimato la popolazione animale nel Parco Nazionale di Sibiloi sulla sponda orientale del lago, la riserva è ancora un ecosistema ricco di specie. Se siete fortunati, vedrete gazzelle di giraffa dal collo lungo che stanno in piedi sulle zampe posteriori per mangiare, antilopi di Beisa o il raro piccolo kudus. Le antilopi della lira e le zebre greve pascolano sulla riva del lago. Se soggiornate presso la pensione Kenya Wildlife Service di Alia Bay, siete sicuri di avere le mandrie per voi stessi, perché più di 500 turisti non visitano il parco - ogni anno! Che contrasto con le folle che affollano il Masai Mara durante la grande migrazione animale.

Il tedesco Wolfgang Deschler gestiva un tempo il leggendario Oasis Club in riva al lago. Alla fine degli anni '80, celebrità come Mick Jagger, David Bowie e Thomas Gottschalk sono arrivati con l'idrovolante nel paesaggio lunare arido. In piscina si sono svolti servizi fotografici per riviste di moda e John le Carré ha fatto ricerche per il suo romanzo del 2001 "Der ewige Gärtner", in cui anche Deschler ha un ruolo da protagonista. Diceva sempre: "Non ci sono molte persone interessanti che vengono qui".

Tempi passati. Il tedesco ha venduto il club molto tempo fa. Disordini politici, conflitti tribali, attentati dinamitardi, pirati sulla costa - ci sono molte ragioni per il crollo del turismo in Kenya. La culla dell'umanità affondò in un sonno crepuscolare.

È particolarmente affascinante viaggiare via terra dalla valle dell'Omo in Etiopia meridionale, l'unico affluente del lago Turkana, fino a Illeret nel Kenya settentrionale. Louise Leakey pensa addirittura che questo sia l'unico modo per comprendere l'intera dimensione della regione transfrontaliera come vivaio di Homo sapiens. Il padre di Leakey, Richard, padre di Leakey, fece anche importanti ritrovamenti di ominidi durante le sue spedizioni nella valle dell'Omo. Il fiume è anche la linea di vita del lago Turkana.

Poiché il fornitore statale etiope di energia elettrica sta distruggendo l'Omo in progetti giganteschi - tre centrali elettriche su cinque sono già in funzione - e allo stesso tempo molta acqua viene deviata per le piantagioni di cotone e canna da zucchero, l'Omo è sempre meno in grado di svolgere la sua funzione di linea di vita: Il livello dell'acqua sta scendendo, il lago Turkana è salato. E le tribù che vivono nella valle dell'Omo non hanno il fango fertile delle inondazioni, che permette loro di coltivare i raccolti sulle rive.

La maggior parte dei 16 gruppi etnici della Valle dell'Omo, patrimonio mondiale dell'UNESCO, conservano ancora le loro tradizioni arcaiche. I Suri bevono il sangue fresco del loro bestiame, a cui aprono con una freccia l'arteria carotidea. Le donne Mursi indossano con orgoglio le loro pesanti labbra in argilla. I Kara dipingono i loro corpi con ornamenti artistici. Il ricercatore italiano etiope Carlo Conti Rossini ha quindi battezzato la valle "museo di populi", Museo dei Popoli.

Chi viaggia da qui più a sud, attraverso il "verde" confine con il Kenya, riconoscerà lo scintillio e i riflessi del lago nella distesa infinita. E trova un piccolo mare senza scarico, che perde l'acqua solo per evaporazione.

Qui è dove vivono i Dassanech. Le loro capanne rotonde sono state recentemente ricoperte di ferro ondulato per proteggerle dal vento che soffia costantemente. Sul versante etiope nel delta dell'Omo la tribù caccia i coccodrilli e cattura il persico del Nilo - sul versante keniota intorno a Illeret si allevano capre e bestiame.

I Dassanech e i loro vicini del lago meridionale, i Turkana, hanno tradizionalmente combattuto sanguinose faide. Riguarda le donne rapite, il bestiame rubato, l'agognato pascolo e i diritti idrici. Un tempo combattevano queste lotte con bastoni e lance. Ma da quando i kalashnikov a basso costo provenienti dal Sudan meridionale hanno inondato sia la valle dell'Omo che il bacino del Turkana, il tributo di sangue è aumentato drasticamente. Un Dassanech, che vuole essere accettato come uomo, deve uccidere l'uomo di una tribù vicina, così lo richiede il codice d'onore. I turisti non hanno quindi nulla da temere.

Sul lago Turkana, dimenticato dal mondo, non ci sono traghetti nonostante le sue enormi dimensioni. Se volete visitare Central Island, l'isola vulcanicamente attiva in mezzo al lago, avete bisogno di una barca a motore in grado di resistere alle onde alte fino a due metri e ai venti pericolosi. E anche allora ci vuole una buona ora da Alia Bay prima che i contorni dell'isola misteriosa emergono dalla foschia.

Central Island è una specie di piccole Galapagos, un paradiso per gli uccelli con colonie di cormorani, pellicani, aironi, cicogne e fenicotteri che vivono nei laghi craterici con le loro diverse concentrazioni saline e colori. E poi ci sono i coccodrilli del Lago Turkana, che si riuniscono nel "Crocodile Lake" di Central Island in gennaio e febbraio per deporre le uova. Si dice che circa diecimila siano la più grande concentrazione di queste lucertole in tutta l'Africa.

La densità turistica, invece, è trascurabilmente bassa. Coloro che traducono a Central Island e vi si accampano in confortevoli tende da safari probabilmente avranno l'isola tutta per se stessi. L'Africa difficilmente può essere vissuta in modo più intenso e originale.

__________________________________

Guida turistica.

Un viaggio combinato "Culla dell'umanità" nell'Etiopia meridionale (Valle dell'Omo) e nel Kenya settentrionale (Lago Turkana), per esempio, potrebbe assomigliare a questo: Da Addis Abeba con volo charter per la Omo Valley (Lumale Camp); poi per Omorate (timbro di uscita) e attraverso il confine "verde" per Illeret in Kenya (registrazione alla stazione di polizia), Sibiloi National Park con Alia Bay, Central Island, riva occidentale del Lago Turkana (Lobolo Camp), trasferimento all'aeroporto regionale di Lodwar e volo per l'aeroporto nazionale di Nairobi-Wilson. Ecco il francobollo d'ingresso per il Kenya. Trasferimento in taxi all'aeroporto internazionale e volo di ritorno. I visti turistici per entrambi i paesi devono essere ottenuti in anticipo in Germania.

Organizzatore

Lo specialista britannico dell'Africa orientale, Wild Philanthropy (https://wildphilanthropy.com), fondato dal naturalista e animalista William Jones, è l'unico organizzatore con partner locali nell'Etiopia meridionale e nel Kenya settentrionale che gestisce confortevoli tendopoli in bellissime località. I consulenti di viaggio mettono insieme tour individuali con piccoli aerei a noleggio. Jones puo' anche organizzare visite al TBI. Prezzo per quattro persone a partire da circa 900 Euro per persona al giorno (tutto compreso).

Sicurezza

Attualmente il Ministero federale degli affari esteri emette avvisi di viaggio per alcune regioni dell'Etiopia meridionale e del Kenya settentrionale, ma questo vale solo per i singoli viaggiatori.

__________________________________

Autore: Dr. Günter Kast

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media