• Dr. Günter Kast

Rinunciare? Non ci credo.

Virunga 1Filantropia. Il nobile belga Emmanuel de Merode ha fatto del salvataggio del famoso Parco Nazionale del Virunga, la riserva naturale più antica e ricca di specie dell'Africa, l'opera della sua vita. Con l'aiuto di mecenati internazionali e imperturbato da un tentativo di assassinio, sta attuando passo dopo passo il suo Piano Marshall per il Congo orientale. Ribelli, Ebola, avide compagnie petrolifere e politici corrotti non possono fermarlo.

Il viaggio di un'ora e mezza di macchina dalla sede del Parco Nazionale Virunga a Rumangabo alla centrale idroelettrica di Matebe mostra in rapido movimento il motivo per cui il paradiso e l'inferno sono così vicini in questa regione. Perché il parco nazionale è uno dei luoghi più terribili e allo stesso tempo uno dei più belli del mondo.

La strada è una strada fangosa e scossa, con buche grandi come crateri di bombe. La povertà regna nei villaggi. Mancano acqua pulita, servizi igienici, elettricità, stazioni sanitarie, scuole, posti di lavoro. Le persone traumatizzate dalla guerra siedono apaticamente davanti alle caserme di legno. Sono sfuggiti al genocidio in Ruanda - per poi finire come rifugiati nel Congo orientale, il "mattatoio" dell'Africa, dove le milizie con i loro bambini soldato diffondono da decenni paura e terrore.

Ma se si guarda più lontano verso l'orizzonte, si vede un idillio verde e lussureggiante. Diverse centinaia degli ultimi gorilla di montagna vivono nelle fitte foreste, innumerevoli specie di uccelli, farfalle colorate, antilopi rare come bonghi e okapi. I vulcani si ergono fino a 4500 metri nel cielo. I turisti possono salire sul Nyragongo e ammirare il lago di lava liquida dal bordo del cratere. È il più grande sulla terra - uno spettacolo affascinante di notte e un punto culminante per ogni fotografo.

Virunga 2

Arrivo a Matebe. L'area è protetta con filo spinato e cancelli pesanti. Il direttore del parco Emmanuel de Merode esce dal Landcruiser, le sue guardie del corpo non lo perdono mai di vista per un secondo. Le guardie tengono un termometro a pistola alla testa di ogni visitatore - controllo Ebola. Nel nord del parco, l'epidemia scoppiata nel 2018 aveva ucciso migliaia di persone. Il controllo della febbre e il lavaggio delle mani in una soluzione disinfettante hanno lo scopo di evitare una nuova fiammata.

L'impianto idroelettrico di Matebe è il progetto di punta di Virunga. Qui de Merode vuole dimostrare che la formula "sviluppo economico = pace = sopravvivenza del parco" può funzionare. Il fiume Rutshuru non deve nemmeno essere arginato per questo. Il dislivello delle sole chiuse genera fino a 14 megawatt di elettricità con l'aiuto delle turbine tedesche. Oggi ci lavorano già 600 persone. Le luci lampeggiano in un centro di controllo all'avanguardia, i giovani controllano l'impianto ad alta tecnologia. Nei padiglioni adiacenti ci sono dei laboratori di modellismo dove, ad esempio, vengono realizzati i mobili per i nuovi rifugi turistici. L'energia elettrica proveniente dall'acqua aziona seghe e rettificatrici. Più indietro c'è anche un giardino modello. Un sorriso si libra sul volto di de Merode. Gli piace quello che vede. In mezzo alla miseria e al caos, Matebe sembra un progetto di un'altra stella.

Emmanuel de Merode è nato nel 1970 a Cartagine, Tunisia. È il secondo figlio di Carlo Guillaume, Principe (Principe) de Merode, capo della Casa di Merode, e di sua moglie, il Princesse Hedwige de Ligne. La famiglia è una delle più antiche e influenti famiglie aristocratiche del Belgio. Poiché i suoi genitori lavorano per le Nazioni Unite, de Merode è cresciuto in Kenya, dove ha sviluppato una passione per le savane e le montagne dell'Africa orientale. È venuto per la prima volta nella Repubblica Democratica del Congo nel 1993 per un progetto di ricerca nel Parco Nazionale di Garamba. Dopo un intermezzo in Gabon, è tornato ad attuare il programma di conservazione del Parco del Virunga avviato dalla London Zoological Society - prima come coordinatore del programma di sviluppo dell'UE per il Congo orientale a Goma, poi come CEO dell'ONG di conservazione WildlifeDirect e dal 2007 in poi come responsabile del parco.

Quando de Merode diventa capo del parco nel 2008, sa che si sta assumendo un compito quasi impossibile. Come dovrebbe proteggere gli animali qui, quando le persone non devono essere protette? Prima licenzia i ranger che cacciano di frodo e vendono illegalmente la legna. Poi aumenta gli stipendi dei dipendenti, crea uniformi adeguate, veicoli a quattro ruote motrici, computer.

Il capo in persona si trasferisce in una piccola tenda di tre metri per quattro e lascia il grande edificio coloniale al suo staff. La maggior parte dei giorni mangia riso e fagioli. Gli piace la vita semplice. Allo stesso tempo, raccoglie donazioni in tutto il mondo per la costruzione di strade, scuole di villaggio e stazioni sanitarie. Vuole fare del parco un modello per un Congo migliore.

A tal fine, de Merode ha fondato l'Alleanza Virunga, un partenariato pubblico-privato (PPP) in cui le istituzioni statali, la società civile e il settore privato lavorano insieme. La metà degli utili così generati viene reinvestita nella conservazione della natura e l'altra metà in progetti di sviluppo. In consultazione con le ONG, sono le stesse persone a decidere quali di queste devono essere.

In qualità di direttore del parco, il belga è ufficialmente subordinato all'autorità per la conservazione della natura ICCN, ma di fatto agisce in modo ampiamente indipendente, tenendo conto delle circostanze politiche. "Il nostro obiettivo è quello di realizzare quattro progetti fondamentali passo dopo passo: elettrificazione, agricoltura, pesca sostenibile e turismo. Nel 2013, la produzione economica del parco è stata stimata dal WWF a poco meno di 49 milioni di dollari. In circostanze ideali, potremmo ricavarne 1,1 miliardi. E creare 45000 posti di lavoro! Indirettamente, ancora più persone vivrebbero del parco e delle sue risorse.

La produzione di energia idroelettrica gioca un ruolo chiave in questo concetto perché rende il parco stesso un imprenditore. Già quest'anno le centrali esistenti - altre ancora in costruzione - dovrebbero essere redditizie dal punto di vista operativo. "Virunga è già la seconda più grande utility della vicina città di Goma, che conta 1,5 milioni di abitanti", spiega de Merode. "Se tutti gli impianti producono elettricità, saremo addirittura il secondo fornitore in tutto il Congo".

Ciò va a beneficio delle famiglie e delle piccole imprese come mugnai, meccanici, panettieri e parrucchieri. Attualmente, 150 aziende sono tra i clienti. I fornitori di pesce pescato in modo sostenibile dal lago Edoardo hanno bisogno di elettricità per raffreddarlo. Sono clienti anche la torrefazione del caffè biologico e la fabbrica di sapone, in cui viene lavorato l'olio di palma di produzione locale. "Il potenziale agricolo è enorme", entusiasma de Merode. "L'Est del Congo può diventare il granaio e il granaio di tutta l'Africa".

de Merode utilizza il fatto che lo sviluppo del business delle società affiliate è legato al consumo di energia come una sorta di sistema di allerta precoce. "Se i consumi diminuiscono, mandiamo dei consulenti alle aziende e chiediamo cosa succede".

Un importante effetto collaterale dell'elettrificazione è che sempre meno abitanti del posto cucinano con la carbonella. Questo indebolisce la base di potere dei ribelli che commerciano carbone e protegge la foresta dove vivono i gorilla. Tuttavia, non è facile convincere le persone a cambiare, perché l'elettricità è più costosa del carbone.

Il turismo svolge un ruolo speciale nel concetto di parco nazionale. Rispetto alle centrali elettriche, contribuisce ancora poco alle entrate della Virunga Alliance. Ma il suo valore simbolico non può essere sopravvalutato. "Il turismo è la svolta per eccellenza", conferma de Merode. "Tutti amano i gorilla. Abbiamo l'unico orfanotrofio di gorilla di montagna del mondo a Rumangabo, e diversi gruppi nelle foreste abituati alle visite umane". Durante la stagione delle piogge, un permesso di visita costa solo 200 dollari - rispetto ai 1500 dollari del vicino Ruanda, questo è molto poco e un buon motivo per gli amanti degli animali meno abbienti per recarsi in Congo.

Anche in questa parte del progetto, il parco non è solo un intermediario, ma anche un imprenditore, un lodge operator e un tour operator. Nel 2010 e nel 2011, 5000 visitatori ciascuno è venuto dopo che Virunga aveva costruito un confortevole e circa un milione di dollari di lodge a Rumangabo. Nel novembre 2012, però, il gruppo ribelle M23 ha superato la sede centrale e ha preso Goma. Il parco è rimasto chiuso per un anno intero. Nel 2018 de Merode ha dovuto chiudere di nuovo il parco.

Julie Williams, direttore del turismo di Virunga, rimane ottimista. Nel 2019 ci sono stati 2000 visitatori, dopo tutto. "Virunga non è per tutti i viaggiatori. Non tutti vogliono essere scortati da ranger armati. Vogliamo zaino in spalla e miliardari, ma soprattutto vogliamo persone con il giusto atteggiamento e un interesse genuino".

Virunga 3

Attualmente sta facendo costruire nuovi lodge e campi tenda. Manda i suoi cuochi in ristoranti gourmet per la formazione. E per rilassarsi dopo il vulcano e i tour delle scimmie, c'è ora un campeggio in tenda su un'isola del lago Kivu. Anche nella parte centrale e settentrionale del parco, attualmente ancora controllata dai ribelli e quindi troppo pericolosa per i turisti, si stanno costruendo nuovi alloggi.

A un certo punto, sogna Williams, ci sarà un grande tour del Congo che permetterà ai turisti di visitare gli altri parchi unici del paese, dove attualmente non ci sono infrastrutture turistiche.

Tuttavia, questo è ancora un sogno del futuro. de Merode ha dovuto scoprire da solo che il Congo orientale è un posto pericoloso, dopo aver cercato di convincere la compagnia petrolifera britannica Soco International a fermare le sue trivellazioni di prova nel parco. Ha approfittato del pubblico. Leonardo DiCaprio ha prodotto per Netflix il film documentario "Virunga", che ha rappresentato la lotta di de Merode contro le trivellazioni petrolifere nel parco. Il 15 aprile 2014, due giorni prima della premiere, il veicolo di de Merode si è trovato sotto tiro mentre tornava da Goma alla sede centrale di Rumangabo.

Quattro proiettili lo hanno colpito allo stomaco e alle gambe. Ha risposto al fuoco, è fuggito con l'aiuto dei residenti locali ed è stato portato di corsa in un ospedale di Goma per un intervento chirurgico d'urgenza. Le sue condizioni erano critiche, ma è sopravvissuto. I colpevoli non sono mai stati catturati, lo sfondo non è mai stato spiegato. "Per fortuna non ho effetti a lungo termine", dice. "L'unica volta che sento le sue ferite è sui voli a lungo raggio e quando corro". Le persone che indossano l'uniforme a volte si fanno male, continua, fa parte del lavoro. "Me ne pentirei terribilmente se mi arrendessi per questo".

Dopo la prima del documentario Netflix, un pubblico mondiale indignato, l'UNESCO, l'UE, l'Unione Europea, i parlamenti britannico, tedesco e numerosi altri parlamenti hanno aumentato la pressione su Soco a tal punto che la società ha lasciato scadere la licenza nel 2015. "Non c'è dubbio nella mia mente che senza il film di Netflix, il parco non esisterebbe oggi".

La popolarità aggiunta de Merode usa questo per raccogliere fondi. Nel 2017, ad esempio, correrà la maratona di Londra per attirare l'attenzione sui problemi delle vedove dei ranger del parco caduti. Viene raccolto più di un milione di dollari USA, che vengono raddoppiati dal filantropo svedese Paul Leander-Engström.

Questo impegno da parte di sponsor privati è importante per il parco. Attualmente, l'UE sta ancora finanziando il 60% degli investimenti dell'Alleanza. Il restante 40 per cento è diviso in parti uguali tra i proventi del turismo e le donazioni. I soldi per lo sviluppo del sistema elettrico di Matebe provengono principalmente dalla The Schmidt Family Foundation (TSFF) del fondatore di Google Eric Schmidt e di sua moglie Wendy. Sei degli undici milioni di dollari investiti sono stati concessi da TSFF come donazione, il resto come prestito. Il principale committente delle centrali elettriche e delle condutture è Howard Buffett. Il figlio del leggendario investitore, venuto per la prima volta in Congo a vedere i gorilla a metà degli anni Novanta, ha donato un totale di 39 milioni di dollari. "Quando si è avvicinato a noi, non avevo idea di chi fosse", ammette de Merode.

Virunga 4

Fino al 2022 de Merode voleva essere indipendente dai finanziamenti pubblici. Non sembrava impossibile. Perché allora la centrale idroelettrica Matebe produrrebbe delle eccedenze. Ma ora il virus ha anche vanificato i suoi piani. Il parco è inizialmente chiuso fino a giugno, e non ci sono entrate derivanti dal turismo. "Avevamo tanto sperato di poter pestare il gas adesso. Ma questa ulteriore crisi non ci abbatterà", si incoraggia de Merode.

Questo rende ancora più importante per lui e per il suo ambizioso progetto di ottenere ulteriori sponsor privati. Da quando l'attore e produttore statunitense Edward Norton ha versato i primi 10.000 dollari nella pentola della Fondazione Virunga nel 2007, in effetti ha già ottenuto molto in questo senso. "Gli sponsor possono sostenere progetti specifici o, ad esempio, stabilire che il loro denaro sia destinato esclusivamente a progetti particolarmente sostenibili", spiega il direttore del parco. Ad esempio, lo svedese Leander-Engström dona alle vedove dei ranger del parco caduti attraverso la sua fondazione "The World We Want Foundation (3W)". E sostiene anche una fabbrica di cioccolato di coltivatori di cacao locali come parte di una joint venture. Purtroppo, secondo la de Merode, non ci sono privati tedeschi tra gli sponsor. L'ambasciatore tedesco a Kinshasa ha tuttavia manifestato interesse per il sostegno finanziario.

Sulla via del ritorno da Matebe alla sede del parco inizia a piovere con un'intensità che è possibile solo ai tropici. In pochi minuti la pista si trasforma in uno scivolo di argilla, i fossati si trasformano in torrenti torrenziali. A questo si aggiunge la notizia che i caschi blu hanno sparato a un dimostrante a Beni, la precaria situazione della sicurezza minaccia di ribaltarsi ancora una volta. De Merode ne prende nota stoicamente. Egli sa che qui il paradiso e l'inferno sono molto vicini. Un po' più di paradiso, un po' meno inferno - questo lo renderebbe molto felice. Quasi provocatoriamente dice: "Ho il miglior lavoro del mondo nel parco più bello ed emozionante dell'Africa!

––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Ecco come si sostiene il Parco Nazionale.

// 01. donare e donare

Chiunque desideri sostenere finanziariamente la Fondazione Virunga deve contattare direttamente Emmanuel de Merode. L'editore organizzerà il contatto. A parte questo, tutti coloro che vengono al parco come visitatori aiutano il parco, perché tutte le infrastrutture turistiche sono gestite dal parco stesso. Il 50% delle tasse di autorizzazione per la risalita del vulcano e per il tracciamento dei gorilla va all'autorità statale per la conservazione della natura ICCN di Kinshasa, il 20% copre i costi di gestione del parco e il 30% viene investito in progetti di villaggio.

// 02. viaggio

I turisti sostengono il progetto Virunga attraverso i loro viaggi. Turkish Airlines (www.turkishairlines.com) vola da dodici aeroporti tedeschi via Istanbul a Kigali/Rwanda. Un visto per più ingressi per 70 dollari USA può essere ottenuto al momento dell'ingresso. Da qui il viaggio prosegue in auto fino al confine della Repubblica Democratica del Congo vicino a Goma. Il visto del Congo per il Parco di Virunga sarà fornito dall'organizzatore. Heike van Staden, responsabile di Elangeni African Adventures (www.elangeni.de) mette insieme pacchetti completi con volo o da Kigali.

––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

Media e link

Emmanuel de Merode ha scritto più di una dozzina di libri scientifici ed è stato uno degli autori del libro "Virunga: la sopravvivenza del primo parco nazionale africano". Il documentario Netflix "Virunga" di DiCaprio è stato nominato all'Oscar nella categoria "Miglior documentario" (https://virungamovie.com)

Maggiori informazioni: Fondazione Virunga/Alleanza e sito web del parco: https://virunga.org; Andrea Böhm: "Dio e i coccodrilli": A Journey through the Congo", Pantheon Verlag; Tim Butcher: "Blood River - Into the Dark Heart of the Congo", Frederking & Thaler; David Van Reybrouck: "Congo - A History", Suhrkamp.

––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––––

®

Autore: Dr. Günter Kast