• Antje Annika Singer

La famiglia delle api.

Bildschirmfoto 2019 05 16 um 11.36.46

E' stato un piacere. Negli anni '70, Walter Lang decise di diventare autosufficiente. Diventa ben presto uno dei pionieri del movimento biologico in Germania. Che mi dici di oggi? Oggi Walter Lang GmbH è leader di mercato tra gli importatori di miele biologico in Europa.

"Sono bloccato con il miele", ride Karin Lang, un tecnico alimentare esperto. "E non solo lì", aggiunge con un sorriso. La cinquantenne portavoce dell'azienda e della famiglia è sposata con Gerrit, figlio del fondatore della Walter Lang GmbH. Insieme a lui e a sua sorella Theresia Lang, gestisce ora una delle più grandi aziende di apicoltura biologica in Germania, la Sonnentracht GmbH. "Siamo davvero una meravigliosa famigliola di api."

La storia dell'azienda di famiglia Lang inizia nel 1973, quando Walter Lang, allora trentenne padre di famiglia, si preoccupa delle origini e della qualità dei cibi più comuni. L'industrializzazione dell'agricoltura, con tutte le fertilizzazioni, la modificazione delle sementi e i pesticidi ad essa associati, sta prendendo velocità.

Honig1

L'ingegnere chimico addestrato di Brema non ama ciò che vede. Karin Lang riassume così la motivazione del suocero: "Voleva un cibo genuino, naturale e migliore". "Soprattutto, era interessato a una dieta sana per il suo piccolo figlio Gerrit. Ben presto gli divenne chiaro: "Questo è possibile solo come persona autosufficiente".

Non e' cosi' semplice, pero'. L'autosufficienza costa tempo, fa un sacco di lavoro. E da dove verranno i soldi per guadagnarsi da vivere? Walter Lang trova la chiave di tutto questo nella sua regione di vacanza preferita, la Provenza. Lì conosce il miele di lavanda ed è affascinato. "Solo il gusto lo incantava, ma soprattutto gli piaceva il lavoro con le api che creano questo prodotto naturale".

Walter Lang impara tutto quello che c'è da sapere sull'apicoltura e avvia una piccola azienda apicola nella sua casa vacanza francese. Allo stesso tempo, ha fondato un idillio autosufficiente, anche con le api, in una vecchia fattoria in Bassa Sassonia. Il business plan: Vive a lungo e lavora con la sua famiglia in azienda agricola, a margine distribuisce i primi prodotti della propria produzione. "Mio suocero ha sperimentato e faticosamente lavorato a mano le sue prime fette di frutta a fette di miele e frutta secca in una pressa appositamente costruita. Più tardi ha aggiunto noci e sviluppato muesli, biscotti e pasticceria".

Walter Lang colpisce il nervo del tempo. I seguaci del nuovo movimento alimentare naturale emergente sono entusiasti. Il marchio Allos è il risultato di un'acquisizione secondaria. Vende miele biologico e prodotti biologici. "Walter Lang ha fatto un lavoro pionieristico per trent'anni con Allo. Da un lato, ha partecipato in modo significativo alla definizione del termine "biologico" in Germania e alla definizione delle linee guida per un'apicoltura adeguata alle specie, che oggi si applicano in tutta Europa. D'altra parte, durante i suoi viaggi presso gli apicoltori di tutto il mondo, ha ripetutamente dimostrato di avere una propensione per i prodotti di successo".

L'amaranto, il chicco miracoloso sudamericano degli Incas, e un dolcificante alternativo, lo sciroppo di agave, sono stati scoperti da tempo. "E' difficile immaginare gli scaffali dei negozi tedeschi di alimenti salutari senza questi due ingredienti oggi." Allos si sta sviluppando con successo. Tuttavia, Walter Lang ha venduto il marchio nel 1998. "Voleva tornare alle sue radici, al miele. "E' qui che risiede la sua passione."

Insieme ai figli Gerrit, Theresia e Jakob, che entrano gradualmente nell'azienda di famiglia dopo aver completato la loro formazione, sviluppa un piano per il futuro. "L'entusiasmo per il miele è nei geni di tutti i Langs." Così Walter Lang ricomincia di nuovo nel 2001. Fonda la sua azienda di importazione di miele, Walter Lang GmbH, e la Sonnentracht GmbH, un'azienda di apicoltura biologica operante in Germania.

L'ambiente è favorevole. La domanda di miele biologico è in costante crescita dall'inizio del millennio. "Oggi, la quota è di circa il dieci per cento. Si tratta di 10000 su un totale di 100000 tonnellate di miele di cui il mercato tedesco ha bisogno. "Gli apicoltori tedeschi ne coprono solo il 20 percento." Dopo tutto, 400 tonnellate di miele biologico provengono dai 6000 abitanti del Sonnentracht-Imkerei, che con esso genera un fatturato di 1,5 milioni di euro - circa il dieci per cento del gesamten Absatzes dell'azienda.

Honig2

Per soddisfare la domanda, Lang ha bisogno di fonti di importazione affidabili. Usa i suoi contatti di Allos times e li espande continuamente. "In termini quantitativi, Romania, Brasile, Cile, Cile e Messico sono i più importanti dei nostri dodici paesi partner", afferma Karin Lang, descrivendo il settore di attività della Walter Lang GmbH, la cui gestione rimane a carico di Walter Lang. "Nel frattempo è supportato anche da suo figlio Jakob come maestro del miele e da sua moglie Cigdem Ercan nell'acquisto.

Oggi, in media 8000 tonnellate di miele biologico vengono importate ogni anno a Brema, più di qualsiasi altro importatore specializzato in Europa. In totale, il commercio di importazione e l'apicoltura di Walter Lang coprono la maggior parte della domanda di miele biologico tedesco e generano circa 50 milioni di euro all'anno.

Per la famiglia del miele, tuttavia, l'attività economica non è la prima priorità. Si tratta del quadro generale - api, miele, persone e ambiente.

"Ogni paese ha una tradizione e un rapporto diverso con l'apicoltura. La nostra missione è quella di realizzare un'apicoltura adeguata alle specie secondo le linee guida Bioland presso tutti i partner locali. Le api non solo sono essenziali per l'impollinazione, ma contribuiscono anche a preservare la diversità delle piante nelle rispettive regioni. L'apicoltura è quindi sinonimo di protezione ambientale attiva in tutto il mondo", Karin Lang sottolinea l'importanza dell'apicoltura.

È anche un'opportunità unica per la popolazione locale e la società locale di aderire a questa visione. "Senza una precedente formazione, chiunque può imparare l'apicoltura e garantire il proprio sostentamento in regioni uniche, alcune delle quali sono inaccessibili all'agricoltura intensiva. L'esodo rurale può essere impedito dal reddito del miele in alcuni luoghi".

Grazie agli importatori tedeschi, 36 apicoltori professionisti indipendenti con un totale di 4600 colonie di api hanno ora il loro reddito in Romania. In Brasile è un'azienda a conduzione familiare, che mantiene 1400 colonie di api di terza generazione. Dalla penisola messicana dello Yukatan, la terra dei Maya, una cooperativa composta da 120 famiglie di apicoltori indigeni di 17 regioni fornisce il miele di 5500 colonie di api.

"Siamo regolarmente sul posto, ispezioni e supporto, ma anche mediatori tra agricoltori e apicoltori, soprattutto quando l'impollinazione è l'ordine. Infine, ma non meno importante, sono necessarie diverse analisi di laboratorio complete per determinare la qualità di ogni singolo raccolto ed escludere gli ingredienti indesiderati - perché c'è sempre un rischio residuo".

Non per niente il motto "Honey is Money" si applica all'industria mondiale del miele. Poiché i margini sono relativamente elevati, il miele è stato per anni uno dei dieci alimenti più contraffatti. E' un gioco di gatto e topo tra contraffattori e controllori: le api vengono alimentate con acqua zuccherata, il miele viene preso troppo presto e immaturo, il miele viene essiccato a macchina, riscaldato fortemente, allungato con vari dolcificanti o estremamente filtrato.

Il risultato amaro è che il miele al banco di vendita spesso non è più un prodotto naturale. "Escludere questo è un chiaro valore aggiunto, che otteniamo rispetto al miele convenzionale, prodotto industrialmente con il nostro miele biologico", sottolinea Karin Lang. "Nella lavorazione successiva fino alla farcitura trattiamo il miele con cura, senza calore o filtro, in modo che rimanga il più naturale possibile.

I clienti che acquistano prodotti biologici sono spesso intenditori molto consapevoli che apprezzano specialità come le varietà di miele e accettano che i mieli biologici costano tra il 20 e il 30% in più dei concorrenti industriali. Solo con i marchi propri "Walter Lang" e "Serapis Culinar" l'amante del miele può scegliere tra più di quaranta mieli diversi. Da Maya l'Ape al miele Maya. Dal dolce all'amaro. Dal dolce all'amaro. Dalla luce al buio. Da liquido a cremoso o sabbioso-cristallino. "Con i mieli naturali, è possibile degustare non solo la varietà e le regioni, ma anche annate diverse.

Honig3

La loro sfida, spiega Lang, è ora quello di rendere questo appetibile ad un livello di domanda più ampio. "Perché l'interesse crescente e gratificante per le api e gli insetti non si riflette ancora direttamente sul tavolo della colazione. Il consumo totale di miele tende addirittura a diminuire".

Per questo motivo gli esperti di Walter Lang collaborano con i loro clienti per creare il giusto assortimento di miele. Il miele di acacia o miele millefiori come introduzione è completato da cuvée di miele fruttato, ricco ed esotico.

"Le possibilità di combinazione sono quasi inesauribili e dipendono sicuramente dalle stagioni regionali e dai raccolti per stagione. Quindi rimane eccitante ogni anno. Il miele è uno degli alimenti più antichi, puri e preziosi dell'umanità. Se lavoriamo con la natura invece che contro la natura, rimarrà così". ®

–––––––––––––––––––––––––

La pubblicità di Manuka.

Il gioco della domanda e dell'offerta in Nuova Zelanda è molto speciale. E' qui che il miele di Manuka, considerato estremamente sano, viene prodotto da una pianta da tè che esiste solo qui.

"Ogni anno di nuovo, non appena le quantità e la qualità del raccolto sono prevedibili, c'è un vero e proprio clamore. Poi inizia la caccia tra i commercianti - chi ottiene quanto a che prezzo", dice Karin Lang. Mezzo contenitore riempito con 300 chili di barili del miglior miele di Manuka potrebbe legare mezzo milione di euro. "Un bicchiere da 275 grammi per il cliente costa 35 euro o più da vendere. Uno sviluppo al limite", analizza in modo critico. Dopo tutto, ogni miele è benefico per la salute a modo suo e dovrebbe rimanere un alimento accessibile a tutti. "Un miele nazionale multifiori della stessa quantita' costa circa sei euro, per esempio."

–––––––––––––––––––––––––

Ciò che distingue il miele biologico.

"Solo le persone sane e forti, con cui il miele può maturare nei favi, forniscono un prodotto di alta qualità, delinea Gerrit Lang il quale Aspekt con la produzione di miele biologico. Tuttavia, poiché non è possibile prescrivere che le api volino solo verso gli agricoltori biologici e non verso i campi degli agricoltori convenzionali, è impossibile escludere il 100 per cento delle sostanze inquinanti. Pertanto, per il miele biologico si applicano soglie molto restrittive. Le analisi di laboratorio garantiscono che queste non vengano superate. Per ottenere il marchio "Bio", l'apicoltore misura quindi soprattutto il metodo di lavoro dell'apicoltore e l'allevamento delle api adatto alla sua specie. Si applicano i seguenti sette principi:

// 01: Mantenere pulito il proprio ciclo della cera

// 02: Trattamento rispettoso delle api e della loro regina

// 03: Selezione accurata della regione di raccolta e delle piante

// 04: Utilizzo di materiali e attrezzature naturali e sicuri per gli alimenti

// 05: Solo uso di farmaci biologici per le api

// 06: Elevati requisiti di qualità, gusto e naturalezza del miele

// 07: Azione ecologica coerente

–––––––––––––––––––––––––

Autore: Antje Annika Singer

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media