• Sonia Marin

Dove sta il futuro sul c(l)ippe.

Fugo

Filantropia. Zita Cobb, che ha fatto fortuna nell'industria della fibra di vetro, vuole salvare la sua casa Fogo Island, nella provincia canadese di Terranova, e darle una prospettiva economica con uno straordinario hotel no-profit e una fondazione. E' convinta: "Il nostro successo può essere imitato da altre comunità dipendenti".

"Sai, la gente nella mia famiglia e sulla nostra isola muore presto", dice Zita Cobb. "E' meglio non rimandare i sogni a dopodomani." Non è stato quindi difficile per lei smettere di guadagnare soldi ad un certo punto e iniziare qualcosa di nuovo: "Cancellare la povertà".

La donna lanky con l'acconciatura corta non deve adattarsi per guardare con i piedi per terra. E' lei, piu' di quanto volesse essere. Cobb è nato nel 1956, nove anni dopo che Terranova è diventata una provincia canadese. E' cresciuta nel nido di 700 anime del braccio di Joe Batt sull'isola di Fogo. L'isola è persino, per gli standard del Canada orientale, molto lontana dai sentieri battuti, a pochi giorni di viaggio dalla capitale di Terranova, St. John's, situata nell'Atlantico del Nord Atlantico e nel suo iceberg Avenue, che il Titanic un tempo era un disastro.

Il padre di Cobb, Lambert, era un pescatore nell'ottava generazione. Né lui né sua moglie sapevano leggere o scrivere correttamente. "La nostra casa non aveva elettricità e acqua corrente", dice Cobb, cresciuto con sei fratelli. Quando si ammalò di tubercolosi all'età di sei anni, sopravvisse, il che la rese dura, disse una volta.

Tuttavia, ha trovato la sua casa "idilliaca" da bambina. Solo suo padre non poteva comprarne nessuna. Sempre meno pesci sbarcati nelle sue reti. Ora hanno catturato i grandi pescherecci da traino che erano comparsi anni prima e hanno svuotato gli stock di merluzzo bianco. Cobb ricorda ancora bene il giorno in cui suo padre tornò a casa, pepato l'unico merluzzo catturato sul pavimento, e poco dopo cominciò a bloccare le persiane e la porta d'ingresso con assi. Il 10 luglio 1975, i Cobbs lasciarono la loro patria per ricominciare da capo in Ontario.

La figlia si è iscritta in economia alla Carleton University di Ottawa e ha assunto l'industria petrolifera dell'Alberta dopo la laurea. Si è poi trasferita in California e ha lavorato per JDS Fitel nel settore delle fibre per dieci anni, più recentemente come CFO. Nel 1999 la società si è fusa per formare JDS Uniphase. Come responsabile della strategia, Cobb ha fatto più di 40 acquisizioni. Nel 2001, all'età di 42 anni, ha annunciato e argentato le sue stock option per un valore di 61 milioni di dollari. Secondo Forbes, all'epoca era la terza donna dirigente più retribuita del Nord America.

"Era un periodo super-intensivo. Ma quel passo era necessario. Due settimane di golf non mi bastavano per riprendermi". Si prende una lunga pausa, naviga negli oceani per cinque anni. Poi riceve una lettera in cui il consiglio comunale si lamenta dello stato della casa dei suoi genitori sull'isola di Fogo. Si vergogna, ci viaggia subito, ristrutturata. E poco tempo dopo trasferisce qui la sua residenza per salvare l'intera isola. Guardando indietro, dice con un occhiolino: "A quel tempo non avevo idea che avrei lavorato di più che mai nei prossimi dodici anni. Le donazioni sono davvero un lavoro a tempo pieno".

Zita Cobb non sa esattamente come aiutarla a casa all'inizio. Nel 2007, insieme al fratello maggiore Tony e al fratello minore Alan, ha fondato una fondazione di beneficenza e ha apportato la maggior parte dei suoi beni privati. Battezza la fondazione "Shorefast" - il nome dato alla staffa che fissa a riva una tradizionale trappola per il merluzzo bianco. E' il ricordo del suo defunto padre. Cobb ha un debole per l'arte e quindi vuole essere coinvolto in questo campo. L'idea: promuovere gli artisti contemporanei preservando e facendo rivivere le antiche tradizioni della loro patria, come il ricamo delle trapunte e la costruzione di barche. Nel 2011 aprirà sei studi in cui gli artisti ospiti potranno lavorare e vivere per un certo periodo di tempo. Gli studi sono progettati dall'architetto canadese Todd Saunders, finanziato dalla Fondazione.

Il progetto sta iniziando bene, ma il committente si rende presto conto che, sebbene l'isola di Fogo si stia facendo conoscere nel mondo dell'arte, non necessariamente sta migliorando le condizioni di vita degli isolani. L'esodo aveva già raggiunto il suo triste culmine nel 1992, quando il merluzzo bianco è stato inserito nella Lista Rossa delle specie in via di estinzione e la sua cattura è stata vietata. Dei 6000 discendenti di pescatori inglesi e irlandesi, solo un terzo circa è rimasto sul Fogo. Per questo motivo vuole creare un progetto di faro turistico nel suo paese e quindi creare posti di lavoro - un hotel che il mondo non ha mai visto prima.

Zita Cobb si prende il suo tempo. Viaggiare per il mondo, raccogliere idee. Visita gli ostelli tradizionali giapponesi, i cosiddetti Ryokans, Southern Ocean Lodge a Kangaroo Island in Australia, Wickaninnish Inn nel Tofino a Vancouver Island, Lapa Rios Lodge in Costa Rica, Lofoten, "perché la natura nel nord della Norvegia ha molto in comune con Terranova".

Poi se ne va. Di nuovo con Saunders come progettista e architetto. Alla fine, il Fogo Inn doveva costare 41 milioni di dollari canadesi, di cui il 75 per cento proveniva dalla Fondazione, il resto da fondi pubblici. Poiché la natura e l'Atlantico selvaggio sono le stelle della sua isola, lei vuole mettere l'hotel il più vicino possibile al surf e idoneo per l'approvazione. Avete in mente un edificio costituito da diversi cuboidi bianchi sovrapposti, alcuni dei quali poggiano su pilastri di sostegno sulla nuda costa rocciosa e sono quindi modellati sul disegno delle capanne dei pescatori di Terranova. Tutti i mobili, tutti gli interni dovrebbero essere fatti dalla gente del posto. 25 designer da tutto il mondo volano per scambiare idee con gli artigiani locali. Inoltre, il Fogo Inn dovrebbe operare nel modo più efficiente possibile dal punto di vista energetico e concentrarsi anche sui prodotti regionali in cucina.

Fugo1

Dopo la sua apertura nel 2013, la Locanda diventerà presto una calamita per i turisti architettonici e gli amici dei rifugi esclusivi. Le 29 camere e suite sono quasi sempre al completo, nonostante i prezzi a partire da 2000 dollari canadesi a notte. "Siamo stati redditizi nel nostro quarto anno, molto prima del previsto."

Al piano terra c'è una galleria d'arte che presenta opere di artisti ospiti degli studi di Fogo Island. Tutti i mobili e gli accessori dell'hotel, fatti a mano dagli isolani, possono essere acquistati dagli ospiti. Un punt chair, ad esempio, è ben al di sopra dei 3000 euro. Il ristorante è anche popolare ed è anche votato dai buongustai come uno dei dieci migliori ristoranti del Canada. La maggior parte dei circa 80 dipendenti provengono dall'isola, molti sono rimpatriati. Oltre alla Fischer-Kooperative, la "Locanda" è il più grande datore di lavoro. I visitatori lodano la grande ospitalità del personale. "E' nel nostro sangue", dice Cobb. "Durante la formazione del personale, abbiamo dovuto sottolineare espressamente che non dobbiamo accogliere gli ospiti al check-in.

Cobb dice, tuttavia, che le è diventato chiaro fin dall'inizio che non poteva salvare la sua patria con il solo turismo. L'hotel è il cuore economico della fondazione, la Cash Cow. I profitti che vi sono stati realizzati sarebbero ritornati completamente a Shorefast. La fondazione è quindi in grado di promuovere progetti sociali, concedere microprestiti alle nuove imprese e organizzare business angels.

Sedici piccole imprese avevano già beneficiato di tassi d'interesse favorevoli e di generosi piani di rimborso - tra cui un panificio che voleva espandersi, un nuovo Bed & Breakfast, una cooperativa agricola. Anche i costruttori di barche e le ricamatrici di trapunte sono sostenuti in modo che possano guadagnarsi da vivere con la loro imbarcazione. Il merluzzo pescato con le lenze a mano è venduto a ristoranti gourmet in tutto il Canada. La sostenibilità ecologica funziona solo se viene garantita la sostenibilità sociale.

Lei usa un esempio per spiegare esattamente ciò che lei capisce da questo. Recentemente, tutte le cose che possono essere acquistate nel Fogo Island Shop hanno la cosiddetta "Etichetta Nutrizione Economica". E 'costruito come la tabella nutrizionale stampata sul cibo, anche simile nel design. Solo che non mostra il contenuto di grassi e calorie, ma le percentuali per la manodopera, il materiale e i costi di imballaggio, l'origine dei materiali e il margine di profitto. "Questo rende trasparente agli acquirenti chi e cosa supportano." Questo è molto importante per Cobb: anche senza questo depliant, può spiegare in dettaglio l'origine di ogni mobile del Fogo Inn e i relativi flussi di cassa.

"Il rapporto tra il valore reale delle cose e il loro valore finanziario è sbilanciato", dice, "non c'è alcun riferimento, non si capisce perché qualcosa costa così tanto e così tanto". Ecco perché vuole aggiungere al più presto un foglio informativo ambientale al foglietto illustrativo: "In modo che ogni ospite che viene qui possa vedere quanto è grande la sua impronta di CO2. L'hotel stesso ha già la stampa più piccola possibile. Quest'anno sarà obbligatorio compensare il viaggio con certificati di CO2".

Le iniziative commerciali dovrebbero generare un profitto del 10%. Insieme alle donazioni, queste saranno utilizzate per sostenere progetti senza scopo di lucro: Programmi per artisti e geologi, per la tutela del patrimonio culturale. "Vogliamo preservare la conoscenza accumulata sull'isola di Fogo per generazioni." Già nel corso del 2019 il suo progetto poteva funzionare completamente senza donazioni.

Alla domanda su come ha misurato il successo, dice Zita Cobb, i numerosi premi di architettura per il Fogo Inn e l'attenzione internazionale che ha ricevuto l'ha naturalmente deliziata. "Ma, cosa più importante, siamo riusciti a fermare l'emigrazione. Dal 6000 siamo scesi al 2000 - ora siamo di nuovo più di 2500".

fugo2

Sull'isola vicina, che non ha Fogo Inn, senza patrono, il numero di abitanti continua a diminuire, passando finalmente da 2000 a 140. Questo è un tema che riguarda tutti: "Il crescente divario tra città e campagna, il continuo esodo rurale è direttamente collegato allo spostamento a destra di chi si sente lasciato indietro. "E' un problema globale."

Ecco perché si chiede fino a che punto il suo modello di Fogo può essere copiato da altri. E' ottimista e ha appena fondato un Istituto di Economia Comunitaria per la "Best Practice Sharing". Prima di tutto, grazie al boom delle azioni, ci sono molte persone ricche come lei. Spesso tendono a investire in progetti di beneficenza senza obiettivi o piani - e sono poi delusi se i fondi non arrivano nel posto giusto. Raccomanda di concentrarsi sulle nostre radici e di utilizzare la leva dove la nostra conoscenza è grande: "Devi capire esattamente quali sono le risorse di una regione. Come benefattore, devo chiedermi: come posso attraccare aree remote al mondo globale? Anche lo Stato deve ovviamente dare il suo contributo, ad esempio con un Internet veloce".

Se si vuole che una pausa blu fogo abbia successo, anche la comunità della rispettiva regione deve essere intatta. Quando ha presentato per la prima volta i suoi progetti per l'isola di Fogo, forse il dieci per cento degli abitanti erano entusiasti. Probabilmente l'inizio con la sponsorizzazione artistica è stato semplicemente troppo lontano dalla vita quotidiana della maggior parte delle persone qui presenti. Poi sono arrivati l'hotel, gli altri progetti. Oggi, 200 persone ne hanno beneficiato. "Con solo 900 famiglie sull'isola, fa una grande differenza." Nel frattempo, si stima che nove residenti su dieci siano sostenitori di Shorefast. Cobb non spreca energia sul restante dieci per cento: "C'è sempre. Non ne vale la pena."

All'inizio ha pensato: "Se le cose vanno male, non posso presentarmi sull'isola". Nel frattempo, è chiaro che non andrà male. La prima colazione è il loro dono permanente agli undici villaggi dell'isola. "Ma in realta' sto facendo tutto questo per i miei genitori defunti. "Non voglio che la sua casa sia orfana e priva di significato." ®

________________________

Prossima filantropia.

L'esempio di Zita Cobb dimostra che la filantropia sta attraversando un cambiamento massiccio. Felix Oldenburg, segretario generale dell'Associazione federale delle fondazioni tedesche, delinea il futuro dell'impegno privato:

"Posso portarla su un volo turistico? Partiamo dalla base dei fatti: Negli ultimi dieci anni, la ricchezza è aumentata rispetto a qualsiasi altro decennio prima. Le donazioni o il patrimonio delle fondazioni tedesche, d'altro canto, non sono quasi aumentate. Forse avete anche liquidità in attesa di decollare e perseguire uno scopo superiore?

Dal punto di vista degli uccelli, ci sono più organizzazioni nel mondo che mai che cercano donazioni e sostegno. Ma più in alto ci alziamo, più difficile diventa la domanda: quali donazioni funzionano effettivamente? Rendo davvero un'organizzazione più forte attraverso i miei soldi? O torna dopo poco tempo con una domanda più elevata? Non si dovrebbe cambiare l'intero sistema invece di sostenerne solo alcuni? Quanto tempo dovrei investire per ottimizzare l'effetto del mio denaro? Più intelligenti sono le domande che ci poniamo, più difficile può essere la decisione. E poi i soldi rimangono invece di volare.

No, spendere soldi in modo ragionevole per il mondo non è più facile che guadagnarli. Ma proprio come non avete organizzato l'investimento completamente senza banche, piattaforme, consulenti, dovreste andare tutti da soli alla ricerca di un'offerta di senso convincente per la vostra fortuna duramente aumentata.

La maggior parte di essi ha un obiettivo molto chiaro: il più possibile dovrebbe "arrivare", vale a dire che non si dovrebbe perdere denaro sulla strada verso la persona o l'organizzazione bisognosa o svantaggiata. Lo trovo strano. Nell'economia, non saremmo soddisfatti del fatto che il valore sia al massimo mantenuto. Dovrebbe moltiplicarsi attraverso un'azione intelligente all'interno dell'azienda. A mio avviso, quindi, un'autentica offerta di senso sociale dovrebbe anche creare "più" risorse. Naturalmente, questo è possibile solo se si estende l'orizzonte temporale. E chiunque lo faccia si trasformerà da donatore a breve termine in un filantropo lungimirante, un investitore, forse anche un donatore.

A mio avviso, il fatto che di recente abbiamo investito meno ricchezza in termini percentuali per risolvere i problemi urgenti del nostro mondo è un triplice segnale d'allarme. In primo luogo per molte delle organizzazioni che lavorano per il bene e forse devono offrire effetti diversi rispetto al passato. In secondo luogo, per il legislatore, che dovrebbe fornire incentivi contemporanei per gli investimenti sociali su larga scala. E in terzo luogo, per il settore finanziario, che dovrebbe finalmente integrare l'accumulo di ricchezza e la filantropia".

________________________

Autore: Dr. Günter Kast

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media