• Sabine Holzknecht

Sii coraggioso.

102 Williams 1Coraggio civile. L'attivista Jody Williams è riuscita, cosa che le Nazioni Unite non sono state in grado di fare, a convincere la comunità internazionale a rinunciare alle mine terrestri. Per questo ha ricevuto il Premio Nobel per la pace quasi 20 anni fa. Sta girando il mondo da allora, scuotendo la gente. Perché quello che lei può fare, gli altri possono fare.

"Ciao, sono Jody!" L'americano ha una stretta di mano ferma. Passa da una sedia all'altra, da una fila all'altra. Saluta ogni individuo nell'auditorium, ascoltatore per ascoltatore. "Ciao, sono Jody!"

Ma tutti quelli che si sono recati alla sua lezione sanno chi è. Jody Williams. Per sentirli, sono venuti gli uomini. Una fondazione del Nord Italia e il "Centro per la Pace" hanno invitato a questo evento.

Finalmente, Jody ha finito il suo giro di benvenuto. Siede davanti al podio, tra il traduttore simultaneo e l'ospite. "Perche' sei qui?" chiede nel corridoio. "Perché sei qui?"

Jody Williams è un'icona. Lei, una semplice insegnante del Vermont, New England, USA, ha ricevuto il Premio Nobel per la pace nel 1997. Insieme all'organizzazione "International Campaign to Ban Landmines" da lei fondata, ha dato un contributo significativo al fatto che le mine terrestri non sono più utilizzate in molte parti del mondo di oggi.

"Sono partita da zero", dice, "quando ho iniziato nel 1992, avevo zero dipendenti e quasi nessuna risorsa. Cinque anni dopo ho condotto una campagna mondiale e le mine antiuomo sono state bandite in tutto il mondo". Ad oggi, 164 Stati hanno firmato e ratificato l'accordo. 32 paesi non hanno ancora firmato. Si tratta di paesi asiatici come la Cina, il Bangladesh, il Pakistan e la Russia. Singoli paesi del Nord Africa come l'Egitto o la Libia sono tra questi. E gli Stati Uniti.

"Perche' sei qui?" chiede di nuovo Jody Williams, e i tacchi dei suoi stivali da cowboy rossi fanno rumore sul pavimento in parquet.

C'è un uomo che è ansioso di vedere la sua comunità domestica produrre carri armati che sono stati venduti alla Russia e utilizzati in Siria per sostenere le truppe di Bashir Al-Assad. Ci sono insegnanti che in seguito vogliono raccontare ai loro studenti dell'incontro con un premio Nobel per la pace. Gli avvocati sono venuti per saperne di più su come funzionano le campagne internazionali. Casalinghe isolate. E tre suore che non vogliono mettere la pace terrena esclusivamente nelle mani di Dio.

Questo e' il pubblico di Jody Williams. Il Premio Nobel è stato assegnato quasi 20 anni fa, ma Williams non si è seduto a riposare sugli allori. Ha girato il mondo per 20 anni, scuotendo la gente. Per dar loro coraggio. Per dire loro: "Quello che ho fatto io, puoi farcela."

Il messaggio centrale di Jody Williams è: Sei insoddisfatto? Sei preoccupato? Non sei d'accordo con il modo in cui stanno andando le cose? Beh, fai qualcosa. Alzati. Unitevi. Di' che e' abbastanza. Hai il potere di cambiare le cose.

Non appena una massa critica di persone si raduna, possono verificarsi dei cambiamenti. Ma c'è sempre qualcuno che deve iniziare. Un individuo o una manciata di persone coraggiose a cui altri possono unirsi.

"Ti ricordi la storia di Google?" chiede Jody Williams in giro. Google, il cui motto per anni è stato "Don't be evil" e poi trasformarlo in "Do the right thing".

La ricognizione americana e i droni da combattimento avrebbero dovuto essere in grado di identificare e distruggere obiettivi come persone, edifici o automobili mediante il riconoscimento automatico delle immagini. Ma il tasso di errore era del 40%. Quindi il Dipartimento della Difesa ha coinvolto Google. L'intelligenza artificiale dovrebbe essere utilizzata per migliorare i risultati. Nell'estate del 2017, Google ha firmato un accordo con il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Nome del progetto: Maeven. Dopo tutto, l'azienda della Silicon Valley aveva molta esperienza con l'intelligenza artificiale. I suoi algoritmi - e i suoi scienziati - dovrebbero ora lavorare per l'esercito americano. Nella posta interna, Google ha chiesto la massima segretezza. Tuttavia, l'affare è stato reso pubblico - grazie a dipendenti coraggiosi. Dodici dipendenti si sono poi dimessi per protestare. Altri 4000 dipendenti hanno chiesto a Google di non partecipare al business della guerra. 830 scienziati ed etici internazionali hanno criticato la leadership di Google in una lettera aperta.

Alla fine, Google si è arreso. Alcune persone si erano alzate e avevano detto: "No. Non con noi. Migliaia di persone si erano unite. Alla fine, una societa' multimiliardaria si e' arresa.

Di conseguenza, gli amministratori delegati di 236 aziende tecnologiche americane si sono impegnati a non lavorare per scopi militari, ora e in futuro. Migliaia di scienziati hanno fatto lo stesso con loro. "Quello", dice Jody Williams, "è attivismo. E questo è qualcosa che chiunque può fare, indipendentemente dalla ricchezza, dall'istruzione, dallo status o dalla razza. "Ci vuole solo coraggio."

Anche il calciatore americano Colin Kaepernick ha dato prova di coraggio quando si è inginocchiato due anni fa, mentre la sua squadra ha cantato l'inno nazionale americano prima di una partita. Il giocatore di colore voleva dimostrare contro il razzismo e la violenza della polizia negli Stati Uniti. Altri calciatori hanno seguito il suo esempio, inginocchiandosi durante l'inno nazionale o alzando i pugni in segno di protesta. Improvvisamente il razzismo negli Stati Uniti non era più un tabù, ma una questione che muoveva la società e contro la quale era pronta a combattere.

Colin Kaepernick ha poi ricevuto minacce di morte da parte dei fan bianchi arrabbiati e ha perso il lavoro. Nessun club voleva più assumerlo. Ma poi Nike era dietro di lui. Il produttore statunitense di articoli sportivi ha ingaggiato Kaepernick per uno spot di due minuti che è stato trasmesso in tempo per l'inizio della nuova stagione calcistica. E ha fatto una dichiarazione con esso. Questa è un'altra variante dell'attivismo.

Da molto tempo ormai, il potere non è nelle mani solo dei politici e dei capi di Stato. I veri stringer pullers sono le multinazionali, le corporazioni globali. E - ed è questo il punto cruciale - possono essere convinti dal potere dei consumatori di prendere posizione, di assumersi delle responsabilità e di influenzare la politica. Possono così diventare un fattore decisivo. Gli interessi nazionali rendono sempre più difficile per gli attori politici affrontare le grandi sfide globali. Un esempio è il problema del riscaldamento globale. In passato, le conferenze delle Nazioni Unite sul clima hanno chiaramente dimostrato dove si trovano i limiti di questa istituzione.

"L'influenza dei cinque poteri di veto è diventata troppo forte", dice Jody Williams. Se la Russia, gli Stati Uniti, la Cina, la Gran Bretagna o la Francia non sono d'accordo con una decisione delle Nazioni Unite, possono impedirne la realizzazione - con un solo voto. La Russia e gli Stati Uniti in particolare hanno fatto ampio uso di questo diritto.

Così come all'epoca le Nazioni Unite non sono riuscite a vietare l'uso delle mine terrestri, oggi la lotta contro la crisi climatica richiede azioni e iniziative ad altri livelli.

Un buon esempio è il Climate Action Summit, un vertice non istituzionale sul clima tenutosi a San Francisco nel settembre 2018. Qui non sono stati gli Stati che si sono impegnati a ridurre le emissioni di CO2 , ma gli attori locali più piccoli. L'iniziativa RE100, alla quale aderiscono più di 150 aziende attive a livello mondiale, ha un obiettivo simile. Entro il 2020 vogliono coprire il 100 per cento del loro fabbisogno energetico esclusivamente con energie rinnovabili. Ci sarà Ikea, Coca-Cola, H&M e BMW. Oppure la "Under2Coalition", alla quale hanno aderito più di 200 governi locali e che si è formata su iniziativa dei governi del Baden-Württemberg e della California. Oppure il "Patto globale dei sindaci", che comprende più di 9000 sindaci.

102 Williams 3

Tutte queste iniziative si sono impegnate a ridurre volontariamente le emissioni di CO2. D'ora in poi. In sintesi, possono ottenere di più degli ingombranti organismi delle istituzioni internazionali.

Il capitale - e il suo potere - è usato anche oggi come mezzo e strumento. Nel 2012 l'attivista ambientale Bill McKibben ha fondato il cosiddetto Movimento di dismissione. La sua preoccupazione: Per convincere gli investitori, gli azionisti, i fondi statali e pensionistici e persino le chiese a smettere di investire in aziende che si guadagnano da vivere con i combustibili fossili.

Con successo. Secondo McKibben, più di 7000 miliardi di dollari sono stati ritirati alle compagnie petrolifere dall'inizio della sua campagna. La Rockefeller Foundation ha trasferito una fortuna da un miliardo di dollari, così come il fondo sovrano norvegese. Molte università britanniche e americane hanno aderito al movimento, in Germania l'Università di Gottinga. La città di New York è a bordo, e l'Irlanda è il primo paese al mondo ad essersi pronunciato a favore di un completo ritiro dagli investimenti fossili. Alla campagna partecipano anche singole aziende. Allianz non ha assicurato imprese carboniere dal maggio 2018.

Anche la tendenza verso investimenti sostenibili va in questa direzione. Nel frattempo, più di 25 trilioni di dollari USA sono già stati investiti in tutto il mondo secondo criteri che tengono conto della protezione dell'ambiente, delle preoccupazioni sociali e sociali e del buon governo societario. E il volume dei prodotti finanziari in cui i classici criteri di rendimento, sicurezza e disponibilità sono integrati da aspetti ecologici e sociali cresce ogni anno a tassi a due cifre. In particolare, sta acquistando importanza l'impegno - il dialogo con le aziende sui temi della sostenibilità.

Gli investitori possono ottenere molto se si uniscono. Il ritiro di capitale non solo indebolisce il prezzo delle azioni. Anche la raccolta di capitali esterni sta diventando sempre più difficile. E l'accettazione sociale sta diminuendo. Ciò riduce l'influenza politica ed economica. La pressione a cambiare il comportamento è in aumento.

La campagna "Chi mi ha fatto i vestiti?" è anche per minare l'accettazione sociale. Mentre il movimento di disinvestimento devia il capitale dai singoli grandi investitori, molte piccole persone vogliono fare una grande differenza in questa campagna. Dopo il crollo del Rana Plaza in Bangladesh il 24 aprile 2013 e l'uccisione di 1135 persone - principalmente sarte tessili -, gli stilisti Cary Somers e Orsola de Castro hanno fondato il movimento "Fashion Revolution".

Con la domanda "Chi mi ha fatto i vestiti", vogliono creare consapevolezza delle condizioni di lavoro insicure e di sfruttamento nel settore della moda e obbligare i produttori ad essere più trasparenti.

La campagna si è ora espansa in tutto il mondo. Il 24 aprile è diventato "Fashion Revolution Day". Milioni di persone provenienti da quasi 70 paesi partecipano con eventi, flash mob e post. In questo giorno indossano i loro vestiti a sinistra per attirare l'attenzione sull'etichetta "Made in ....".

102 Williams 4

Tutto è iniziato con due donne che si preoccupano di chi ha cucito i loro vestiti - chi e, soprattutto, in quali condizioni. Cinque anni dopo, milioni di consumatori si pongono questa domanda, costringendo i produttori a ripensare le loro catene di produzione.

"Il cambiamento", dice Jody Williams, "inizia sempre con il rendere visibile un problema o una lamentela e la società comincia a svilupparne la consapevolezza".

Insieme ad altre cinque donne che hanno ricevuto il Premio Nobel per la pace, Jody Williams ha fondato nel 2006 la "Nobel Women's Initiative". Il loro obiettivo è quello di sostenere i gruppi di donne in tutto il mondo nelle loro campagne per l'umanità, la pace, l'uguaglianza e la giustizia attraverso le loro conoscenze e le loro reti.

102 Williams 2 Nobel Women 2103 a credit John Murphy Aurora PA copy

"Viaggiamo", dice Jody Williams, "nella Repubblica Democratica del Congo, dove lo stupro viene sistematicamente usato come arma contro le donne. Visiteremo il Messico e l'America Latina, la regione dove le donne vengono uccise più spesso al mondo. Abbiamo visitato i Rohingya nei campi profughi in Bangladesh". Jody Williams è certa che le donne sono la chiave della pace. Sostenere le donne e i loro movimenti in tutto il mondo significa rafforzare la pace in tutto il mondo.

"Ognuno di voi", dice Jody Williams, "fa parte di un gruppo che rappresenta un insieme più grande. Ognuno di voi può decidere di continuare come prima. O per usare la sua influenza nel gruppo di elettori, consumatori, dipendenti, datori di lavoro, contribuenti, azionisti per guidare le cose che sono importanti per voi in un'altra direzione".

La lezione e' finita. Jody Williams, appena un attimo fa piena di energia, sembra improvvisamente stanca. Sono esausta. Ancora una volta i tacchi sferragliano sul pavimento i loro stivali da cowboy rossi. "Sii coraggioso", dice alla fine. "Ricordate, avete tutti l'opportunità di cambiare il mondo." ®

Autore: Sabine Holzknecht

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media