• Jan Lehmhaus

E' l'ora dei musei.

092 Uhren 1 In der Schatzkammer des MuseumsMostra. L'industria orologiera ha sempre presentato con orgoglio i suoi prodotti nei propri musei. Recentemente, alcune spettacolari nuove collezioni sono state aggiunte alla collezione per fornire approfondimenti speciali. Non valgono un viaggio solo per gli appassionati di orologi.

Gli edifici della manifattura di orologi Zenith a Le Locle, in Svizzera, sono un monumento alla storia industriale europea. Sono stati accuratamente restaurati anni fa, quando Le Locle e il vicino La Chaux-des-Fonds sono stati dichiarati patrimonio dell'umanità. Quest'estate, l'azienda ha aperto un museo a Le Locle per mostrare ai visitatori di tutto il mondo il valore della manifattura orologiera. Zenith lavora a stretto contatto con l'Ente per il turismo di Neuchâtel, che spera di attirare più ospiti per la notte nell'austera regione e sta progettando la creazione di una "Strada delle fabbriche" a questo scopo.

Dopo 150 anni di storia molto movimentata, Zenith appartiene al Gruppo LVMH e può vantare grandi meriti tecnici - tra l'altro, nel 1969 l'azienda ha presentato uno dei primi calibri cronografici automatici, l'El Primero. Nel nuovo museo, Zenith ha ora qualcosa di molto speciale da offrire: la soffitta della manifattura, un luogo quasi mitico per l'industria orologiera, l'epitome della sua più grande crisi e rinascita.

Quando Zenith cadde nelle mani di un'azienda americana al di fuori dell'industria durante la crisi del quarzo degli anni '70 e ordinò la distruzione dei vecchi mezzi di produzione, il capo dello studio cronografico Charles Vermot resistette. Nasconde sotto il tetto i disegni costruttivi, gli utensili e gli spazi vuoti di El Primero, li costruisce in mattoni e li evoca solo quando gli orologi meccanici diventano di nuovo un argomento negli anni Ottanta. Concretamente, Rolex cercava un azionamento automatico per il suo cronografo Daytona, e Zenith aveva ancora qualcosa in memoria.

092 Uhren 2 Zenith

Questa romantica storia della rinascita dell'orologeria di precisione è al centro del Museo Zenith. Si basa su installazioni multimediali accanto a vetrine ben riempite, ma fortunatamente ha lasciato l'attico quasi intatto. Un po 'disordinato e polveroso ci sono vecchi libri contabili, strumenti di punzonatura e accessori al crepuscolo. Non solo gli appassionati di orologi sono attanagliati dalla presenza di tempi passati - e ne vedono la continuazione durante il tour attraverso la produzione attuale.

Nelle grandi fabbriche di oggi, lo sviluppo e la produzione sono realizzati con mezzi completamente diversi da quelli precedentemente utilizzati dai musei. Poiché l'orologeria si era affermata dopo la crisi del quarzo come alternativa puramente tecnica, quasi anti-industriale al prodotto elettronico di massa, per lungo tempo i moderni macchinari sono stati a malincuore presentati ai visitatori dei laboratori. L'automazione era tabù, anche se le postazioni di lavoro CAD e la fresatura CNC non solo garantiscono quantità maggiori, ma anche una precisione maggiore di quanto sarebbe stato possibile con la produzione manuale.

Una nuova generazione di manager si presenta ora in modo diverso, mostrando con orgoglio le apparecchiature con cui si produce la micromeccanica avanzata. IWC ha appena costruito un nuovo stabilimento a Schaffhausen. È stato progettato in modo tale che migliaia di visitatori possano osservare ogni anno il processo di produzione. Naturalmente si possono vedere molti lavori manuali - in camere bianche perfettamente isolate - ma anche macchine automatiche per la posa della pietra e robot che eseguono i tradizionali tagli sui ponti di fabbrica e sui circuiti stampati.

Il giovane CEO di IWC Christoph Grainger-Herr dimostra che l'alta orologeria è un'esperienza high-tech. Nelle vicinanze, presso la sede della manifattura, lo storico David Seyffer gestisce il piccolo Museo IWC. Ha già accompagnato la sua fondazione nel 2007 "con il solito attrito tra architetti, scenografi, storici e proprietari. ma probabilmente sono necessarie perche' accada qualcosa di straordinario".

092 Uhren 3 IWC

La presentazione degli oltre 200 pezzi esposti è accompagnata da un'insolita audioguida e da installazioni che rendono tangibile il carattere meccanico. "Dobbiamo anche tenere il passo con i tempi", dice Seyffer, "la tendenza è verso l'intrattenimento. E musei rinomati dimostrano che questo non è affatto in contraddizione con la mediazione culturale. Dopo tutto, il British Museum utilizza anche la realtà virtuale. Questo è anche il sentiero che seguiremo". Finora i visitatori sono stati circa 7000 all'anno, ma dall'apertura della nuova manifattura il numero è aumentato. "E si pongono nuove domande, vogliono sapere che cosa ha a che fare la produzione moderna con l'orologeria classica", dice Seyffer. "Allora possiamo dimostrare qui che l'automazione in particolare è nella tradizione del fondatore dell'azienda Florentine Jones - e che, d'altra parte, ci sono processi che le macchine non sono in grado di eseguire. Per questo motivo abbiamo anche una postazione di orologiaio qui nel museo, dove i visitatori possono osservare da vicino il lavoro con le minuscole parti. "Non importa dove andiamo, l'orologiaio rimane".

La più grande fondazione museale dell'anno ha avuto luogo lontano dai punti caldi dell'orologio: nella piccola città della Foresta Nera di Schramberg. Qui ha sede Junghans, che in passato era il più grande produttore di orologi al mondo in termini di numero di pezzi. 100 anni fa, l'azienda ha fatto costruire un insolito stabilimento di produzione, un'enorme costruzione di terrazze, le cui facciate delle finestre fornivano a centinaia di dipendenti la luce ideale per il montaggio in fabbrica e la cui struttura delle scale ha qualcosa di surreale.

092 Uhren 4 Junghans

L'edificio tutelato è stato abbandonato dall'indebolimento del produttore ed è rimasto vuoto per molti anni. È stata infine acquisita dall'imprenditore di Schramberg Hans-Jochem Steim, che ora possiede Junghans. In due anni la casa è stata ampiamente ristrutturata, dotata di un ascensore a vetri inclinato e ridedicata a museo. Arkas Förstner ha accompagnato l'opera come architetto d'interni - ed è rimasto direttore del museo. Ci sono nove terrazze, lunghe 42 metri ciascuna, ma larghe solo 4,50 metri. In totale, abbiamo quasi 2000 metri quadrati a nostra disposizione. La famiglia Steim acquistò la collezione Engelmann come base. Ora documenta lo sviluppo della produzione di orologi della Foresta Nera su quattro terrazze".

Tra i pezzi esposti ci sono i primi distributori automatici. Quando Giovanni Battista viene decapitato con una o dodici battute all'ora di oggi, riflette la credenza popolare e l'istinto tecnico del gioco. Il sentiero prosegue verso il basso attraverso le terrazze fino alla vasta collezione Junghans. Qui potete vedere non solo orologi, ma anche il vecchio materiale pubblicitario dell'ex azienda mondiale e macchine straordinarie.

L'edificio a terrazza è probabilmente l'unico museo dell'orologio in cui è esposta anche una linea di produzione di cristalli per orologi, dal cristallo di rocca al componente elettronico. "Qui non stiamo cercando di creare un'immagine di manifattura trasfigurata romanticamente. Junghans è sempre stata sinonimo di produzione industriale e non di orologeria di precisione ad alto prezzo", spiega il direttore del museo Förstner, "ed è per questo che l'azienda è orgogliosa dei suoi orologi elettrici ed elettronici.

Da 1000 a 1500 visitatori al mese in questo momento. Questo è naturalmente espandibile, ma alla fine il museo non fa quasi nessuna pubblicità. "Abbiamo ancora molto da fare", dice Förstner, "dobbiamo inventariare attentamente la collezione Junghans. Vogliamo rendere possibile un lavoro scientifico. E in futuro, l'edificio stesso sarà anche più fortemente tematizzato". Dopo pochi mesi, diventa chiaro quale mostra affascina di più i visitatori: la costruzione di terrazze unica nel suo genere.

Anche il Museo tedesco dell'orologeria Glashütte risiede in un importante edificio storico: l'antica scuola di orologeria che domina il centro città. Ma non c'è niente di elettronico da vedere lì. "Questa non è semplicemente la nostra tradizione, noi mostriamo la meccanica", dice il direttore del museo Reinhard Reichel.

Inaugurata nel 2008 come fondazione congiunta del marchio Glashütte Original e della città, la mostra comprende circa 500 orologi Glashütte, vecchi orologi da tasca, pezzi della RDT e i prodotti delle dieci marche di Glashütte. "Naturalmente, molti collezionisti e visitatori specializzati vengono da noi, ancora e ancora, solo per le mostre speciali", spiega Reichel, "ma possiamo anche accogliere i turisti che sono in viaggio verso Praga o che stanno facendo un giro in autobus attraverso la Svizzera sassone. Offriamo visite guidate in cinque lingue".

092 Uhren 5 Glashuette

Circa 35000 visitatori vengono a casa ogni anno. L'équipe del museo ritiene di avere il dovere di essere un "fattore di promozione dell'orologeria" e ha quindi identificato un gruppo target speciale: i bambini. "All'inizio abbiamo completamente sottovalutato l'argomento", ricorda Reinhard Reichel. "Ora i programmi per bambini sono al centro del nostro lavoro. Loro possono creare i loro orologi al nostro tavolo da disegno, abbiamo fatto un giro del museo ad Halloween - sono rimasto molto colpito da me stesso come le casse d'oro e i gioielli scintillano. E i bambini più grandi possono cimentarsi sul tavolo da lavoro con una lente d'ingrandimento e delle pinzette".

Reichel non vuole solo "offrire più esperienza". Spera inoltre che alcuni giovani prendano in considerazione la possibilità di trasformare il vecchio mestiere in una professione. I musei stanno lavorando sul futuro dell'orologeria. ®

_________________________________

Vale la pena fare un viaggio nel tempo.

// Manifattura orologiera Zenith

Rue de Billodes, CH-2400 Le Locle

Visita guidata di tre ore (multilingue) attraverso il museo e l'attuale produzione orologiera, il venerdì, a partire dalle 9 del mattino. La registrazione è richiesta all'indirizzo www.explorewatch.swiss

// Manifattura orologiera IWC

Baumgartenstrasse 15, CH-8201 Schaffhausen, Germania

Orario di apertura: Da martedì a venerdì dalle 9 alle 17:30

Sabato dalle 9 alle 15:30

// Museo della Terrazza Junghans Terrace Building Museum

Strada Lauterbacher 68, 78713 Schramberg, Germania

Orario di apertura: Da martedì a domenica dalle 10 alle 18:00

// Museo dell'orologio tedesco Glashütte

Schillerstrasse 3a, 01768 Vetreria

Da lunedì a domenica dalle 10 alle 17 (24.12.2018, 08.01. alle 12.01. 2019 chiuso); fino al 06.01.2019 mostra speciale sulla storia della scuola orologiaia Glashütte.

_________________________________

Autore: Jan Lehmhaus

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media