• Jan Lehmhaus

Meraviglie in miniatura.

L'automa. Più di 150 anni fa, la meccanica di talento ha iniziato a ricreare gli esseri viventi in automi artistici. Questi uccelli canterini, esseri umani e cani padroneggiano i movimenti e i modelli più complicati. Tuttavia, le loro prestazioni conoscono solo una direzione - verso l'alto.

L'uccello è piccolo, ma svolazza nella sua gabbia dorata. Gira forte e allegramente, proprio come se fosse vivo. In realtà, però, è una macchina. Il suo canto toccante nasce da un complicato gioco di soffietto e flauti, controllato da un delicato movimento a ruota e leve che ha inventato un genio della tecnica più di 150 anni fa: Pierre Jaquet-Droz.

Jaquet-Droz, nato nel 1720 nel Giura svizzero, ha studiato filosofia prima di dedicarsi alla costruzione di orologi e distributori automatici. Fin dal tardo Medioevo, i movimenti non solo hanno mosso le mani, ma anche le figure. Rotondo e rotondo. O avanti e indietro al ritmo dello scappamento.

Pierre Jaquet-Droz ha perfezionato il cosiddetto "Automaton" con un'attenzione scientifica e meticolosa ai dettagli. Ora sono state create meraviglie meccaniche, che sembravano muoversi in modo irregolare e quindi sembravano vive. Uccelli delle dimensioni di un colibrì, alloggiati in una tabacchiera dorata, saltato fuori quando si apre e ha cantato. I pastori suonavano melodie al flauto. Costruttori e artigiani hanno creato animali danzanti, cascate scintillanti e quartetti d'archi perfettamente sincronizzati.

Nelle corti d'Europa e nelle sue capitali i costruttori di distributori automatici hanno dimostrato le loro creazioni più difficili a pagamento. Lo stesso Jaquet-Droz, ad esempio, ha costruito tre androidi - repliche umane alte 70 centimetri - che possono scrivere, disegnare e persino suonare un organo. Sono ancora oggi visibili nel Kunsthistorisches Museum di Neuchâtel.

"Tuttavia, sono state vendute soprattutto opere più piccole, come le gabbie per uccelli canori e i carillon con scene in movimento", afferma Stefan Muser, proprietario della casa d'aste Dr. Crott, che si occupa anche di questa nicchia, oltre agli orologi storici. I collezionisti di tali pezzi non solo sono soddisfatti della finezza tecnica e dell'elaborata decorazione. Le apprezzano anche come testimonianze di storia intellettuale. E come investimento redditizio.

L'uccellino cinguettante - Jaquet-Droz ne ha costruito alcuni - ha raggiunto circa 300.000 dollari ad un'asta ad Antiquorum qualche anno fa.

Una coppia di pistole fabbricate intorno al 1820 dai fratelli Rochat, da cui non pallottole ma uccelli canterini in miniatura, è andata da un collezionista cinese per sei milioni di dollari ad un'asta di Christie's nel 2011.

Lo stesso Stefan Muser ha messo all'asta nel 2013, sempre di Frères Rochat, una scatola per uccelli cantata, realizzata intorno al 1815 per il mercato cinese. Ha portato 475.000 euro. "Certo, è difficile dare delle medie. Ma il fatto che il valore della lattina sia raddoppiato in 15 anni è già rappresentativo di questo genere", spiega l'esperto.

Gli aumenti di prezzo degli ultimi anni sono dovuti principalmente a due circostanze. "In primo luogo, lo stock di pezzi di prima classe del XVIII e XIX secolo è molto piccolo", informa Muser, "anche i ritrovamenti in soffitta o gli affari del mercato delle pulci sono molto improbabili in questa zona". In secondo luogo, la scarsità dell'offerta negli ultimi 20 anni ha incontrato la crescente domanda dei collettori di solventi, soprattutto cinesi. La passione per le meraviglie meccaniche ha una lunga tradizione nella terra del centro. Dalla fine del XVIII secolo sono tra le merci d'esportazione più preziose d'Europa. La fiaba di Andersen sull'usignolo meccanico dell'imperatore potrebbe avere un'eco.

"Oggi, i collezionisti cinesi dominano di nuovo il mercato", spiega Muser, "non racchiudono i tesori nemmeno nelle casseforti - come fanno i collezionisti tedeschi - ma li espongono con orgoglio nelle vetrine dei loro club". Si dice che in alcuni di questi incontri esclusivi, orologiai permanenti hanno curato la perfetta condizione dei delicati oggetti d'antiquariato.

Chi lo cerca intensamente troverà ancora pezzi interessanti anche dai primi tempi dei distributori automatici a cinque cifre. "Erano all'inizio, nel Rinascimento, un'antica specialità tedesca", spiega Muser, "provenivano da Augusta, Norimberga o Praga, i centri scientifici del loro tempo".

L'orologio da tavolo dorato a fuoco, per esempio, che il Dr. Crott ha acquistato la scorsa primavera al prezzo di 45500 euro, proviene dalla Germania meridionale. "Nell'ora, l'uomo al centro muove la testa, lo strano bestiario di cane, pantera e tre conigli corre in cerchio, salta su e giù", dice l'esperto. "Tali pezzi sono stati offerti dai designer ad una clientela esclusiva e hanno una corrispondente storia di provenienza: cardinali, case principesche, grandi mercanti".

La base meccanica ed energetica per queste sorprendenti imprese è fornita in molti casi dai movimenti. Le scene in movimento, tuttavia, sono molto più di un semplice accessorio per la misurazione del tempo, sono il sorprendente tema principale di un tale pezzo.

"I collezionisti hanno quindi bisogno di un livello di competenza molto più elevato rispetto all'acquisto di orologi storici", spiega Stefan Muser, "dopo tutto, l'acquirente deve essere in grado di valutare accuratamente l'intera complessità della costruzione e le sue condizioni. Perché se ci fossero problemi con la meccanica antica, ci potrebbero essere "una manciata o due specialisti" nel mondo che potrebbero ripristinare queste cose.

Comprano per la qualità e l'autore di spicco. Tuttavia, questo è spesso difficile da chiarire. Molti distributori automatici del XVIII e dei primi anni del XIX secolo non sono firmati o lo sono solo in modo poco chiaro. "A volte dobbiamo essere quasi detective per determinare la posizione esatta", spiega la collega di Muser Susanne Benz. Prima dell'ultima asta della dottoressa Crott, aveva analizzato una lattina con un motivo mitico che avrebbe potuto venire da Jean Abraham Lissignol, un maestro smaltatore. Solo - in un primo momento non è stato possibile provare la sua paternità. "Abbiamo finalmente scoperto la sua firma," ricorda Susanne Benz, "che era finemente inscritta microscopicamente nell'orlo di un mantello rosso".

Una nuova generazione di produttori di distributori automatici si assicura che l'offerta per gli amanti non si esaurisca completamente. Al SIHHHH di quest'anno, il Salone di Ginevra dell'Alta Orologeria, un prodotto completamente senza orologio frutto della collaborazione di MB&F, Reuge e Nicolas Court, è stato uno dei pezzi che hanno parlato: "Kelys & Chirp" è il nome della coppia ineguale di una tartaruga meccanica lenta e di un piccolo uccellino che salta fuori dal suo guscio - svolazzanti e svolazzanti. Le 72 copie della serie limitata costano 49900 euro ciascuna - forse un investimento nel futuro del collezionista.

E in qualche modo c'è ancora speranza per una grande scoperta. Perché non tutti i luoghi in cui Automaton è documentato e importante sono noti. Il "capostipite" degli uccelli cantori meccanici, Pierre Jaquet-Droz, ad esempio, si dice che abbia eseguito non solo i suoi androidi alle corti d'Europa, ma anche una "grotta" che sembra perduta: un paesaggio in miniatura pieno di divertimenti, musicisti, cascate e naturalmente cantando, svolazzanti uccelli.

Se parti di questo miracolo giacciono ancora non riconosciute in un deposito di un castello, sarebbe una sensazione. E vale diverse fortune;

______________________________

Automi - il mondo come teatro meccanico.

Il rivoluzionario francese Jean Paul Marat sfoglia comodamente attraverso una pila di manoscritti, naturalmente nella vasca da bagno. Una famiglia di pecore vive nell'idillio dell'attico borghese. Un macellaio taglia le costolette di agnello sotto con un'ascia.

Gli automi con i quali i loro creatori lucidano la storia e la letteratura mondiale - Marat è stata uccisa nella vasca da bagno - sono lontani parenti dell'Automaton, altrettanto sorprendenti e divertenti.

Lo storico dell'arte Schnuppe von Gwinner si occupa di questa nicchia del mondo dell'arte dall'inizio del millennio e conosce anche i primi protagonisti della scena, per lo più britannici. "Paul Spooner si è ispirato negli anni '80 ai telai meccanici della moglie, per poi sviluppare scene sempre più complesse della mitologia e della storia (artistica) sulla base di ingranaggi in legno, leve e dischi a camme. Oppure potrebbe inventare un gameplay molto personale, spesso con un senso dell'umorismo molto sarcastico".

Intorno Spooner presto sorse un'intera scena di artisti Automata. "Questi sono tutti veri nerd", sorride von Gwinner: "Molti erano in realtà insegnanti, come si può vedere non solo dal materiale didattico citato, ma anche dall'intenzione educativa. E anche se molti artisti hanno preso giocattoli di latta degli anni Venti come modello o satiravano le meraviglie meccaniche del XVIII secolo come Pierre Mayer (un bambino è nascosto nel suo genere tipico di scacchiatore orientale) - gli automi non sono azionati da una molla principale come i pezzi storici, ma da una manovella.

L'osservatore le anima immediatamente, sperimenta la trasformazione del semplice movimento circolare in una moltitudine di azioni diverse. Ecco perché gli automi non sono - come i loro predecessori - high-tech del loro tempo, ma decisamente low-tech. E anche i designer non nascondono i loro progetti di costruzione, ma li mostrano su YouTube.

I pezzi singoli altamente complessi possono costare circa 20000 euro e sono venduti in tutto il mondo. Ma la scena di un collezionista attivo in competizione per le migliori opere alle aste non è ancora emersa, dice Schnuppe von Gwinner: "Probabilmente nessuno degli artisti ha mai raggiunto una vita confortevole con il proprio lavoro.

Nella sua galleria online Craft2eu, la stessa von Gwinner offre opere di Robert Race, tra gli altri, che lavora in modo molto minimalista con flotsam e jetsam. Il London Cabaret Mechanical Theatre vende anche le opere di vari costruttori di Automata, con prezzi a partire da 40 o 50 sterline.

Alcuni artisti hanno anche cercato mercati di nicchia. Keith Newstead, ad esempio, è noto per le sue Donation Machines, che si trovano nei foyer dei musei britannici e raccolgono donazioni. L'inserimento di una moneta sblocca la manovella, che anima poi scene grandiose. Quando il boia di Mary Stuart ha bisogno di diversi tentativi di separare la testa dal torso, le cortigiane circostanti sussurrano più eccitate di colpo in colpo. Queste opere sono molto meno crudeli che divertenti perché presentano gli sfondi di narrazioni troppo familiari.

Oltre ad una scena Automata molto vivace negli Stati Uniti, ci sono anche giovani talenti qua e là in Germania. Ad Amburgo, Birgit Borstelmann crea piccole astronavi e scene marittime in legno di deriva.

A differenza dello storico Automaton, i giovani Automata non sono ancora adatti come oggetto di investimento. Ma poiché i loro principi di base comprendono una costruzione il più semplice e solida possibile, è probabile che mantengano la loro funzione e il loro valore aggiunto artistico per molti anni a venire.

______________________________

®

Autore: Jan Lehmhaus

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media