• Yvonne Döbler

Sembra fantastico.

Instrumente aufmacherFilantropia. Quando la cultura e la ricchezza si accordano su un obiettivo, si crea qualcosa di speciale. Comprare strumenti ad arco storici e metterli a disposizione dei migliori musicisti è un modello d'investimento che beneficia la società e addirittura ripaga.

"Che tragedia", pensò Kent Nagano quando assunse il suo incarico di direttore generale di musica dell'Orchestra Filarmonica di Stato di Amburgo cinque anni fa. Tutti gli strumenti storici ad arco che l'orchestra aveva avuto - alcuni fin dalla sua fondazione nel 1828 - erano stati distrutti nella guerra. "L'Orchestra Filarmonica di Stato di Amburgo rappresenta una delle più grandi tradizioni musicali del mondo.Posso sentire - e percepire - il DNA unico nel suono dell'orchestra", dice sorridendo, "Oltre alle eccezionali capacità e talenti all'interno dell'orchestra, i musicisti hanno una grande consapevolezza, sensibilità e devozione alla musica e alla sua tradizione".

Questa abilità speciale dovrebbe essere esercitata su strumenti speciali - Kent Nagano vuole quindi offrire ai musicisti l'opportunità di suonare di nuovo su strumenti a corda storici. Dal 2015, ha fatto ripetuti tentativi di acquistarli per la Filarmonica. Nonostante i migliori contatti e molti sostenitori, gli è stato subito chiaro: questi strumenti sono troppo costosi per essere acquistati per un'intera orchestra, per esempio tramite donazione. Oggi, gli strumenti storici costano più di 250.000 euro. Se il liutaio era famoso, come Antonio Stradivari, sono possibili prezzi di milioni di euro.

Ma Nagano, direttore d'orchestra americano con radici giapponesi, non si arrende: il suo ultimo tentativo sarà un successo. "Abbiamo ricevuto diversi strumenti dagli investitori in un solo anno. Se non fosse per Corona, potremmo già fare concerti con loro".

La chiave di tutto ciò è un concetto di investitore innovativo e due partner. L'idea: un investitore compra uno storico strumento a corda e lo presta a uno dei Filarmonici di Amburgo. Per garantire che il suo suono sia in armonia con gli altri strumenti, viene selezionato congiuntamente dai musicisti, dal Maestro Nagano e dal consiglio di amministrazione dell'orchestra. Lo strumento sarà acquistato tramite la J&A Beare di Londra, la più grande casa commerciale di strumenti musicali storici del mondo. Christian Reister è responsabile dell'assistenza agli investitori.

Il 48enne è conosciuto sul mercato per la mediazione di violini, viole e violoncelli storici. La sua specialità: fa incontrare musicisti di grande talento e ricchi investitori. "Alcune persone hanno esigenze di investimento, vogliono diversificare, hanno un'affinità per la musica e una vena altruistica - pensano che questi strumenti dovrebbero essere suonati e non appartengono a una cassaforte. All'inizio dell'anno, sono riuscito a fare in modo che Darius Preuß, un talentuoso violinista emergente di 17 anni, potesse acquistare un violino italiano di alta qualità da un investitore", dice Reister. Il musicista e il mecenate si sono conosciuti ed entrambi sono felici della loro collaborazione.

Instrumente

Nagano sta usando questo modello anche per la Filarmonica. Per gli investitori, ha un duplice fascino: in primo luogo, gli strumenti storici a corda offrono una buona opportunità di diversificazione, perché i prezzi di questi beni tangibili mobili si sviluppano in modo relativamente indipendente da quelli di altre classi di attività. E in secondo luogo, la performance è impressionante. "In passato, il rendimento medio annuale degli strumenti di alta qualità è stato dal cinque all'otto per cento - e in alcuni casi significativamente più alto", dice Reister.

Il concetto di investitore è semplice: il musicista (nel caso della Filarmonica, è il consiglio dell'orchestra) firma un contratto di prestito. Nel contratto, il musicista si impegna a maneggiare correttamente lo strumento e spesso si assume anche i costi dell'assicurazione all-risk. Il premio annuale è di solito tra lo 0,2 e lo 0,5 per cento del valore dello strumento. Per uno strumento da 250.000 euro, si tratta di meno di 1.000 euro all'anno. Questo copre la distruzione, il danneggiamento o anche la dimenticanza nella metropolitana. "Consiglio di seguire il valore dell'assicurazione ogni due o tre anni con una perizia di valore, in modo che il rischio sia sempre completamente coperto", chiarisce Reister.

Inoltre, il contratto di prestito regola la manutenzione dello strumento da parte di un esperto precedentemente determinato - i cui costi sono anche a carico del musicista. "L'investitore chiama così suo uno strumento gestito da un libretto di assegni", spiega Reister. Inoltre, il musicista suona un concerto annuale a casa del suo mecenate - ma la Filarmonica rinuncia a questa clausola. "È una vera collaborazione. Per il musicista, lo strumento storico apre nuovi mondi di suono e la possibilità di essere percepito a livello mondiale. Allo stesso tempo, assicura il capitale dell'investitore. Gli strumenti a corda storici non devono necessariamente essere usati per mantenere il loro valore, ma uno strumento suonato da professionisti rimane in buone condizioni. E l'investitore ha accesso a un ambiente interessante". Kent Nagano aggiunge: "Vorrei che più persone investissero riconoscendo l'importanza vitale della cultura e della musica per la nostra società.Il valore di uno strumento storico non si misura solo in termini di denaro, ma anche in termini di suono e dell'effetto che ha sui musicisti e sulla nostra società in generale. È un investimento che porta la tradizione orchestrale nel XXI secolo".

Reister consiglia a chi è interessato a questo modello di tenere uno strumento ad arco storico per almeno cinque anni - più a lungo è meglio è. "Le fondazioni familiari comprano questi strumenti con la prospettiva di tenerli per i prossimi 30 o 40 anni, cioè almeno una generazione. Gli investitori non guadagnano alcun reddito corrente in questo modo, ma non ci sono quasi nemmeno costi correnti. Un profitto è realizzato attraverso l'aumento di valore quando lo strumento è venduto".

Gli esempi del passato dimostrano che questo può essere considerevole. Lo Stradivari "Tom Jenkins", costruito nel 1667, fu venduto nel 1948 dal rivenditore di Londra. WE Hill & Sons per 1000 sterline. Da Sotheby's ha portato circa 375000 sterline nel 1995. "È un ritorno annuale di oltre il dodici per cento", spiega Tim Ingles, ex dipendente di Sotheby's e co-proprietario della casa d'aste Ingles & Hayday.

"Marie Hall" - uno Stradivari del 1709 venduto per 22000 sterline nel 1968 e passato di mano per 473000 sterline da Sotheby's nel 1988 - ha fatto ancora meglio. "È quasi un ritorno annuo del 16%", calcola Ingles, spiegando: "Negli anni '70 e '80, l'inflazione e l'aumento della domanda internazionale nel mercato dei violini avevano portato a questi grandi salti di prezzo - oggi penso che il sette per cento sia un'aspettativa di rendimento realistica".

Il proprietario privato dello strumento lo realizza anche esentasse dopo dodici mesi. Coloro che lasciano in eredità una collezione di strumenti ad arco che serve al grande pubblico possono anche approfittare di altri benefici fiscali (vedere il testo "Strumenti ad arco storici e l'uomo delle tasse" in fondo).

L'idea di investire in strumenti a corda storici non è nuova. Ma l'uso per un'intera orchestra, come sta progettando Kent Nagano, non è mai esistito prima: "Gli investitori possono così investire congiuntamente in uno stock, ancora da creare, di 25 strumenti di alta qualità e dal suono eccezionale, di cui la Philharmonic State Orchestra può disporre in prestito", spiega Reister.

Il volume totale dell'investimento sarà di circa 20 milioni di euro. Come per ogni investimento, anche per questo c'è una strategia di uscita: "Dopo cinque anni al più presto", dice Reister. Per l'Orchestra di Stato, ciò significherebbe che sarebbero necessari nuovi strumenti. Ecco perché è prevista anche un'estensione. "Noi, come orchestra, siamo interessati a una partnership duratura e siamo felici di trovare dei mecenati che condividano il nostro amore per la musica", conferma Nagano.

L'idea sembra buona. Ma ci sono anche dei rischi. Prima di tutto, il prezzo e la qualità devono essere giusti al momento dell'acquisto. Un esempio mostra quanto sia difficile valutare correttamente il valore di uno strumento ad arco storico: Nel 2014, la viola "Macdonald" creata da Stradivari nel 1719 doveva essere messa all'asta dalla casa d'aste Sotheby's per 45 milioni di dollari. Poiché solo undici di questi strumenti, ma diverse centinaia di violini di Stradivari sono ancora conservati, questo prezzo sembrava realistico. Di fatto, però, non è stato trovato nessun acquirente. "Uno dei grandi problemi è l'opacità del mercato. Oggi molti strumenti di punta sono venduti privatamente. Quindi i prezzi raggiunti non possono essere tracciati", spiega l'esperto Tim Ingles.

Per avere una visione realistica del mercato, Christian Reister raccomanda la "Fuchs-Taxe", dal nome del suo editore: Si tratta di un elenco di prezzi raggiunti per i violini storici nel passato che è stato conservato dal 1907.

Almeno altrettanto importante - e difficile - è la classificazione della qualità: risulta dalla condizione, la provenienza, a chi è attribuito lo strumento, l'età, il periodo creativo del costruttore dello strumento, il suono, i proprietari precedenti - chi lo ha suonato, chi lo ha posseduto. "Una documentazione completa dell'originalità è essenziale. Chiunque cerchi di comprare dovrebbe avere certificati di autenticità, scansioni CT, perizie e rapporti dendrocronologici", consiglia Reister, "perché questi sono i documenti che un potenziale acquirente chiederà in seguito all'investitore attuale".

Le insidie si annidano anche nei documenti e nelle attribuzioni stesse. "Dalla scuola di un particolare liutaio" non significa che sia stato il liutaio stesso. Ecco perché la regola è: non scendere a compromessi sui documenti e leggerli molto attentamente", dice Reister.

Ultimo ma non meno importante, la qualità del restauro è anche significativa. Dopo tutto, gli strumenti storici sono quasi sempre restaurati. "Il manico spesso non è più l'originale, ma il corpo e il cartiglio dovrebbero almeno essere stati fatti dallo stesso liutaio. Un rapporto dettagliato sulle condizioni degli esperti indipendenti è particolarmente importante in questi casi".

Gli strumenti ad arco storici - i costruttori di violini importanti includono Guarneri del Gesù, Antonio Stradivari, Guadagnini, Bergonzi, Guarneri, Montagnana, Amati e Grancino, ma anche maestri come Gagliano e altri - di solito non sono disponibili per meno di 250000 euro. E i violini contemporanei della classe superiore possono anche essere un buon investimento. L'investimento necessario è quindi tra 45000 e 80000 euro - gli strumenti di Stefan-Peter Greiner, Martin Schleske, Alessandro Ciciliati o Francesco Toto, per esempio, sono molto richiesti.

Tim Ingles vorrebbe attualmente ispirare gli investitori soprattutto per i violini del 19° e dell'inizio del 20° secolo: "Vedo il maggior potenziale di apprezzamento del valore negli strumenti italiani e francesi di alta qualità in particolare". Tra i suoi preferiti c'è il liutaio francese Jean Baptiste Vuillaume: "Quando ho iniziato la mia carriera da Sotheby's nel 1994, i suoi violini venivano messi all'asta per circa 30000 sterline, molto raramente per 40000 sterline. Oggi portano regolarmente 150000 sterline. In una delle nostre aste nell'ottobre 2020 abbiamo raggiunto un nuovo prezzo record di 312000 sterline". È meno convinto della maggior parte degli altri liutai francesi e tedeschi che hanno lavorato all'inizio del XX secolo: "Negli ultimi 27 anni in cui sono stato nel settore, il loro valore non è quasi mai aumentato".

Per gli investitori privati che vogliono lasciare la selezione a un esperto, questo rende il servizio di Reister ancora più interessante. "Non solo trovo gli strumenti adatti per gli investitori, ma presento anche ai mecenati dei musicisti emergenti di talento raccomandati da professori o direttori famosi. E con progetti orchestrali come quello del Maestro Nagano, sto pensando a una nuova soluzione di investimento, forse anche tramite tokenizzazione", rivela sorridendo, "Sarebbe affascinante - investire in strumenti di ieri con la tecnologia di domani". ®

–––––––––––––––––––––

Gli strumenti a corda storici e il fisco.

"Gli investimenti in strumenti storici a corda sono interessanti anche dal punto di vista fiscale", spiega Philipp Windeknecht, avvocato e consulente fiscale di Flick Gocke Schaumburg, fornendo i dettagli:

// 01. imposta sul reddito

Nella maggior parte dei casi, gli strumenti a corda sono tenuti come beni privati per scopi fiscali. Un guadagno sulla vendita è quindi tassabile solo se l'acquisizione e la vendita avvengono entro un anno. Il periodo di speculazione è esteso a dieci anni se il reddito imponibile è stato derivato dall'uso degli strumenti. Questo è il caso del leasing a pagamento. La vendita di parti di una più grande collezione di strumenti detenuti a lungo termine e/o ereditati non è tassabile, poiché non porta all'assunzione di un'attività commerciale. Non esiste nemmeno una "regola dei tre oggetti" come nel caso dei beni immobili.

02. imposta di successione e donazione

La base per la tassazione è il prezzo di acquisto del commerciante determinato nel metodo del valore comparativo alla data di riferimento. Questo valore è ridotto dai costi che il venditore deve sostenere all'asta, come lo sconto per l'acquirente, la commissione del venditore, il trasporto, l'assicurazione, il marketing e i costi di illustrazione.

L'Inheritance and Gift Tax Act prevede un'esenzione (parziale) per i beni culturali, che possono includere strumenti a corda storici. La piccola esenzione (60 per cento) si applica alle collezioni scientifiche - che possono essere anche strumenti storici a corda. Per esempio, tracciano lo sviluppo storico della fabbricazione di strumenti a corda. A causa del mercato estremamente piccolo, anche una manciata di strumenti esclusivi è considerata una collezione.

Ulteriori requisiti: La conservazione del bene culturale deve essere di interesse pubblico per la sua importanza artistica, storica o scientifica. E i costi annuali dovrebbero superare il reddito generato. Lo strumento deve anche essere situato prevalentemente all'interno dell'UE o in uno stato dello Spazio economico europeo e rimanervi per almeno dieci anni. La custodia permanente in un paese terzo, come la Svizzera, non è deducibile dalle tasse. L'uso dello strumento nei tour di concerti in tutto il mondo, d'altra parte, non è fiscalmente dannoso.

Inoltre, il collezionista di strumenti deve essere preparato a concludere un contratto di prestito. Questo contratto deve prevedere il trattamento accurato degli strumenti sia da parte del prestatore che del mutuatario, così come la loro conservazione e cura in modo sicuro. I beni culturali che sono stati nella famiglia per almeno 20 anni o che sono iscritti in un registro di beni culturali di valore nazionale in conformità con il § 7 Para. 1 della legge sulla protezione dei beni culturali (Kulturgutschutzgesetz) sono ammissibili per la grande esenzione fiscale del 100 per cento. Questo requisito viene esaminato individualmente per ogni strumento della collezione e l'esenzione fiscale viene concessa di conseguenza.

03. il caso dell'eredità

Se l'evento dell'eredità si è verificato, gli eredi possono successivamente soddisfare i requisiti di cui sopra entro sei mesi. Tuttavia: l'esenzione fiscale cessa di applicarsi con effetto per il passato se gli strumenti sono venduti dall'erede entro dieci anni dall'acquisizione (data di morte o data di esecuzione della donazione) o se le condizioni per l'esenzione fiscale cessano di applicarsi entro questo periodo.

–––––––––––––––––––––

Autore: Yvonne Döbler

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media