• Gerd Hübner

Ne vale la pena.

Eltif aufmacherInvestimenti in beni immobili. Alla luce dei tassi d'interesse persistentemente bassi e dei tassi d'inflazione in aumento in tutto il mondo, la domanda di beni reali è in aumento. I fondi d'investimento europei a lungo termine, o ELTIF, sono progettati per fornire un accesso efficiente in termini di commissioni, trasparente e strettamente regolamentato a classi di attività come infrastrutture, debito privato o private equity.

A volte una buona idea ci mette un po' di più a prendere piede. "Già nel 2015, la Commissione europea ha concepito l'European Long-Term Investment Fund (ELTIF), una struttura d'investimento regolamentata uniformemente a livello europeo per investimenti illiquidi", spiega Markus Pimpl dello Swiss Partners Group. L'idea era quella di prendere diversi piccioni con una fava: "L'UE voleva reindirizzare gli investimenti privati in infrastrutture o società non quotate per migliorare la competitività internazionale della zona euro, colmare il divario di finanziamento in settori come le energie rinnovabili o le infrastrutture digitali, e creare un'alternativa attraente per gli investitori in Europa a tasso zero".

L'unica cosa è che l'approccio non è veramente decollato. "Il punto critico era che è costoso progettare un tale fondo secondo le specifiche", spiega Pimpl. Fondamentalmente, ci vuole un team di esperti molto grande e ben collegato per analizzare molti potenziali progetti e investimenti. Ma questo vale di solito solo se la domanda di un ELTIF è alta. Inizialmente, però, non era così.

Ora questo sta cominciando a cambiare. Con la convinzione che i tassi d'interesse sui mercati dei capitali rimarranno molto bassi per molto tempo a venire, ma che i tassi d'inflazione probabilmente aumenteranno allo stesso tempo, gli investimenti che offrono una certa protezione contro la perdita del potere d'acquisto stanno attualmente venendo più in evidenza. "Gli investimenti a lungo termine - in aziende private, macchinari, navi, immobili o temi infrastrutturali come i trasporti, l'acqua, l'approvvigionamento di energia alternativa - hanno chiaramente senso in questo contesto", è convinto Daniel Oyen, del family office von Plettenberg, Conradt & Cie. "I rendimenti di tali investimenti sono più alti di quelli dei titoli fruttiferi, perché questi sono di solito difficili da vendere durante la loro durata di dieci a 15 anni. E anche gli investimenti in infrastrutture sono spesso legati al tasso di aumento dei prezzi. Questo dà agli investitori una certa protezione dall'inflazione".

Da soli, tali investimenti non sono facilmente accessibili. Soprattutto nel settore delle infrastrutture, sono spesso richieste somme di investimento molto alte. In passato, quindi, la strada per gli investitori privati era spesso quella dei fondi chiusi. Ma questi veicoli sono caduti sempre più in discredito negli ultimi anni a causa di errori economici, casi di frode, la loro spesso elevata mancanza di trasparenza e costi elevati. "Questo ha danneggiato l'intera classe di attività su tutta la linea, e non credo che si riprenderà ai vecchi livelli pre-2008", dice Oyen.

Il Fondo europeo per gli investimenti a lungo termine sta ora entrando in quella breccia. Questo perché gli ELTIF sono soggetti a regolamenti molto severi che tutti gli emittenti devono rispettare e che servono a proteggere gli investitori. Le tasse, per esempio, devono essere completamente trasparenti. "Se un cliente sottoscrive un ELTIF, sa esattamente quali costi dovrà sostenere durante la durata", spiega Pimpl.

Inoltre, solo i cosiddetti gestori qualificati di fondi d'investimento alternativi (AIFM) sono ammissibili come emittenti - i fornitori dubbi sono esclusi. Inoltre, ogni ELTIF viene scambiato ogni giorno di negoziazione e le informazioni attuali possono essere richiamate in qualsiasi momento con l'aiuto del rispettivo numero internazionale di titoli (ISIN). Questo non è il caso dei fondi chiusi. Inoltre, ogni veicolo deve avere una maturità chiaramente definita. Il fondo matura in questa data definita. Una vendita anticipata non è prevista - dopo tutto, l'investimento è progettato per il lungo termine. Tuttavia, l'emittente può permettere agli investitori di riscattare le quote a certe condizioni.

Soprattutto, però, ci sono regole molto precise su dove e quanto un ELTIF può investire. Sono permessi solo investimenti illiquidi, cioè private equity, progetti di infrastrutture o debito privato, ma anche brevetti o immobili, per cui il 70% del volume del fondo deve essere sempre investito. La quota di investimenti liquidi può ammontare solo a un massimo del 30 per cento. I fondi di fondi, che di solito hanno commissioni elevate, non sono assolutamente ammessi.

È particolarmente importante che questi fondi abbiano una diversificazione sufficiente. "In linea di principio, un singolo investimento non può rappresentare più del dieci per cento del volume del fondo", spiega Timo Werner di Commerz Real, che recentemente è entrato nel mercato ELTIF con KlimaVest. "Se - cosa che può accadere in casi eccezionali - le partecipazioni individuali sono leggermente superiori a questa soglia, una singola partecipazione non può superare il 20% del volume del fondo, e le partecipazioni che superano il limite non possono superare il 40% del volume del fondo in totale. Questo è quindi un limite rigido. Inoltre, ogni attività materiale deve avere un volume minimo di dieci milioni di euro".

Tuttavia, poiché un singolo investimento non può superare il dieci per cento del portafoglio, è obbligatorio per un ELTIF avere un volume totale di almeno 100 milioni di euro. "Questo significa che i fornitori più piccoli e meno professionali escono dal mercato. Quasi solo i grandi iniziatori possono gestire questo, dove gli investitori possono essere molto sicuri che sono effettivamente competenti nella gestione patrimoniale", aggiunge Oyen.

Soprattutto alla luce delle cattive esperienze con il mercato degli investimenti chiusi, questo è importante. "La qualità degli ELTIF e la corrispondente gestione dovrebbe quindi essere relativamente alta", dice, concludendo: "Nel complesso, gli ELTIF offrono quindi un'opzione affascinante, trasparente e ben regolamentata per aggiungere attività illiquide a un portafoglio".

Detto questo, gli investitori dovrebbero naturalmente controllare dove ogni ELTIF è investito. "Ciò che è eccitante di questo concetto è che in definitiva tutto ciò che non è liquido può essere impacchettato in un tale fondo", spiega Markus Pimpl. Alcuni fondi, per esempio, sono monotematicamente focalizzati sul private equity o sulla produzione di energia. Altri mescolano diverse aree e quindi hanno un maggior grado di diversificazione. "Questa è probabilmente l'opzione migliore per gli investitori che investono in beni reali per la prima volta", riflette Daniel Oyen.

L'esperto consiglia attualmente cautela nei confronti dei fondi che concedono prestiti privati alle aziende in larga misura - debito privato. "Al momento, non è assolutamente chiaro quante altre aziende potrebbero finire nei guai a causa della crisi di Corona". Un portafoglio azionario ampiamente diversificato, aggiunge Oyen, dovrebbe produrre rendimenti che sono dal tre al quattro per cento sopra il tasso di inflazione in prospettiva. Soprattutto se è inclusa un'alta percentuale di private equity, tuttavia, i rendimenti mirati possono essere anche a due cifre inferiori. "Tuttavia, ogni investitore deve essere consapevole che un tale rendimento non può essere raggiunto senza rischio", aggiunge Pimpl. Per esempio, gli investimenti in società non quotate in borsa non sempre rendono come previsto. Nel peggiore dei casi possono anche fallire completamente.

Tuttavia, l'aggiunta dovrebbe valere la pena in vista dell'alta trasparenza e delle caratteristiche di sicurezza aggiuntive. Uno studio recente della banca privata Hauck & Aufhäuser insieme alla Leipzig Graduate School of Management ha esaminato l'effetto dell'aggiunta di attività reali a un portafoglio standard di obbligazioni, azioni, metalli preziosi e liquidità. Il risultato: in passato, il rendimento sarebbe generalmente aumentato e le fluttuazioni del portafoglio sarebbero state inferiori. E dato che gli investimenti in beni materiali diventeranno probabilmente ancora più importanti in futuro, l'ELTIF dovrebbe guadagnare un posto importante nelle strategie di investimento. ®

–––––––––––––––––––––––––––––

Come investire in ELTIF.

In primo luogo, gli investitori devono essere qualificati per investire in un ELTIF. Solo gli investitori con più di 100000 euro di attività finanziarie sono autorizzati a comprare azioni ELTIF. Inoltre, fino a un capitale liquido di 500000 euro, la sottoscrizione è limitata al dieci per cento delle attività finanziarie. Questo è stato stipulato per ragioni di protezione dell'investitore, in modo che l'investimento a lungo termine non limiti troppo la libertà di disposizione e la liquidità dell'investitore.

Secondo il regolatore finanziario europeo ESMA, ci sono ora circa 50 ELTIF autorizzati alla vendita in tutta l'UE.

Un ELTIF di pura infrastruttura, per esempio, è KlimaVest (ISIN: LU21839003) di Commerz Real. Si concentra sulle energie rinnovabili come i parchi eolici e solari. "Noi traiamo vantaggio dal fatto che abbiamo già molti anni di esperienza nella gestione di tali asset, conosciamo il mercato, gli sviluppatori di progetti e i fornitori di servizi e possiamo valutare in modo affidabile se un singolo parco eolico o solare rappresenta un investimento attraente nell'ambito di una solida due diligence di acquisizione e di un'analisi della posizione", dice Timo Werner, Commerz Real. Complessivamente, il fondo mira a un rendimento dal tre al quattro per cento all'anno.

Con PG Private Markets (LU2232093604), Partners Group ha lanciato un ELTIF misto. Questo fondo consisterà in circa il 50% di investimenti di private equity, 20% di progetti di infrastrutture e 20% di immobili e 10% di prestiti diretti alle imprese, cioè debito privato. Nonostante questa ampia diversificazione, il prodotto dovrebbe generare un basso rendimento a due cifre.

Anche la società statunitense BlackRock vuole entrare nel mercato - da un lato con un prodotto orientato al private equity (LU1916394486) e, insieme a Deutsche Bank, con un ELTIF di infrastrutture. Altri fornitori includono Muzinich, specializzato nel mercato dei prestiti privati con il suo Firstlight Middle Market ELTIF (LU1946044911), e Amundi.

–––––––––––––––––––––––––––––

Autore: Gerd Hübner

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media