• Yvonne Döbler

L'educazione vale la pena.

Bildung 177400275Fondi. I fondi per l'istruzione finanziano gli studenti ambiziosi delle università private coprendo le tasse d'iscrizione e le spese di soggiorno. In questo modo, contribuiscono anche a superare le difficoltà di finanziamento durante il periodo di Corona. I rimborsi vengono effettuati quando gli ex studenti guadagnano. Un investimento a valore aggiunto.

Alexander Volkov sta studiando Management Internazionale nel suo quinto semestre alla WHU Otto Beisheim School of Management di Vallendar. "Sono orientato al fondatore", dice il ventiduenne, spiegando sia la scelta dell'università che il finanziamento dei suoi studi: "L'UA ha una grande reputazione di focolaio imprenditoriale, che è dove volevo davvero andare. E come finanziamento ho trovato una variante ideale, il cui rimborso si adatta in modo flessibile alla mia successiva situazione reddituale".

I suoi genitori sarebbero stati disposti a pagare i suoi studi - dopotutto, WHU costa 40.000 euro - ma "vorrei assumermi la piena responsabilità di me stesso e preferisco portare io stesso il finanziamento", dice l'imprenditore in erba. Anche un prestito bancario era fuori questione: "Sarebbe stato dovuto alla fine degli studi. Non tiene conto della mia situazione reddituale. Era troppo rigido per me, non riesco ancora a prevedere come andrà il mio inizio nella vita professionale", spiega Volkov. Ecco perché ha deciso di sostenere il Brain Capital Education Fund

Il modello di Brain Capital è semplice: il capitale viene raccolto da investitori privati e istituzionali, raggruppato in una società a responsabilità limitata e poi assegnato a studenti ambiziosi. Brain Capital finanzia le tasse scolastiche delle 33 università partner di Brain Capital, il costo della vita e i soggiorni all'estero nell'ambito degli studi. Gli investitori privati ricevono i diritti di partecipazione agli utili per il loro impegno, gli investitori istituzionali una cambiale. Se gli studenti raggiungono un reddito lordo minimo di 30000 euro durante la loro vita lavorativa, una certa percentuale di questo è dovuta come rimborso per dieci anni.

Nel caso di Alexander Volkov sarà del cinque per cento. Il rimborso totale è limitato al doppio dell'importo finanziato. "Non vogliamo massimizzare il ritorno degli studenti di particolare successo, ma piuttosto un ritorno obiettivo - che si aggira intorno al sei per cento", afferma René Maler, CEO di Brain Capital, spiegando il concetto.

È "win-win-win-win" per tutti gli interessati: l'università ha un reddito sicuro e, oltre ai figli di genitori benestanti, ha anche giovani impegnati e orientati al rendimento che vogliono avere una buona istruzione, indipendentemente dal loro background finanziario familiare. Gli studenti ne beneficiano perché possono permettersi un'istruzione che non avrebbero potuto permettersi senza finanziamenti e rimangono flessibili nel rimborso. Oltre all'obiettivo di rendimento, ciò significherebbe anche una diversificazione per i finanziatori, perché il risultato sarebbe indipendente dall'andamento dei mercati dei capitali. A ciò si aggiunge il valore aggiunto che essi finanziano l'istruzione in Germania e quindi garantiscono le pari opportunità.

Il ritorno e l'impatto hanno convinto anche Hans Wilhelm Korfmacher. Fin dall'inizio è stato un investitore istituzionale, presidente del Consiglio di gestione della Versorgungswerk der Wirtschaftsprüfer e dell'ufficio di revisione giurato. "Siamo convinti della professionalità con cui è organizzata la finanza studentesca".

L'investitore è lieto di essere stato coinvolto nello sviluppo di Brain Capital. "Il percorso professionale non dovrebbe dipendere dai soldi dei genitori. Pertanto, sono lieto che questo modello permetta ai giovani di finanziare la loro carriera indipendentemente dai loro genitori. Per un investitore istituzionale, il finanziamento degli studenti tramite Brain Capital combina quindi in modo eccellente la possibilità di ricevere rendimenti interessanti non correlati sul capitale investito e allo stesso tempo di contribuire alle pari opportunità", spiega Hans Wilhelm Korfmacher.

Brain Capital è stata fondata nel 2005 presso l'UMS da ex studenti ed è oggi il più grande fornitore privato in questo settore con una quota di mercato del 75%. I concorrenti più importanti sono CareerConcept (attualmente non dispone di liquidità gratuita per assumere nuovi partecipanti al finanziamento) e Deutsche Bildung AG.

Brain Capital finanzia attualmente circa 7400 studenti, di cui quasi 4300 sono in fase di rimborso. In questo modo è ora possibile verificare per la prima volta se l'idea di investimento mantiene quanto promesso all'inizio. "Ci stiamo avvicinando al nostro obiettivo di un ritorno del sei per cento", è fiducioso Maler. Nel 2010, i candidati del primo fondo avevano completato i loro studi "Ma non tutti hanno iniziato a lavorare immediatamente e hanno raggiunto il reddito minimo. Ci vorranno altri due o tre anni prima che il rimborso sia completato". Poiché i creatori del fondo per l'istruzione si aspettavano un'inflazione più alta e un corrispondente aumento più forte del reddito degli accademici, non dovrebbe raggiungere il sei per cento. "Ma non manca molto".

Ciò ha confermato che il concetto è fondamentalmente valido. "Abbiamo un business plan per ogni singolo vaso, per ogni GmbH, e distribuiamo gli studenti tra i corsi di studio e le università in modo da ottenere una buona diversificazione del rischio", spiega Maler. I dati statistici necessari a tal fine provengono da 15 anni di esperienza - e dai CV degli alumni, che sono forniti dalla rispettiva università: "In questo modo, sappiamo esattamente quale percentuale di laureati fa in media un anno sabbatico, quanti collegano un master, quanti iniziano, quali lavori ottengono. E possiamo calcolare un'aspettativa di reddito medio per studente e per programma di laurea. Quindi il singolo caso non è affatto importante. Il mix deve rendere probabile il ritorno del nostro obiettivo".

Poiché il potenziale di reddito degli studenti determina in ultima analisi il successo di questo investimento, la selezione dei candidati è un fattore chiave. "Gli studenti che studiano in una delle nostre università partner hanno già vinto un concorso di qualificazione per un posto all'università. Tuttavia, prima che Brain Capital si impegni finanziariamente, gli studenti devono non solo presentarci il loro CV e la loro candidatura, ma anche avere un colloquio personale con noi". L'obiettivo del colloquio è quello di scoprire quali sono gli obiettivi dello studente con i suoi studi. "Vogliamo capire quale sia la motivazione del giovane all'università", spiega Elisabeth Rudolf-Sipötz, anche amministratore delegato della società finanziaria studentesca.

Alexander Volkov è stato in grado di spiegare bene la sua motivazione. Dopo il diploma di scuola superiore nel 2017, ha completato uno stage presso un'azienda farmaceutica e ha trascorso un po' di tempo in Australia. Si vede nel settore sanitario in futuro, "ma vedrò quali altre idee mi verranno durante gli studi".

Rispetto a molti dei suoi compagni, è un privilegiato. Oggi, gli studenti che finanziano i loro studi con un lavoro part-time sono spesso in difficoltà. La pandemia di Corona ha portato via le loro fonti di reddito. Perché molti lavori da 450 euro, come quelli che gli studenti hanno nei ristoranti e negli uffici, non sono più disponibili. "E coloro che ora iniziano a lavorare e devono rimborsare un prestito studentesco possono solo ora rendersi conto di quanto sia rigido un tale prestito", riflette Maler.

Corona ha avuto finora scarso effetto sui rimborsi degli studenti finanziati da Brain Capital. "Per la maggior parte, continuano a pagare come al solito. Il motivo è probabilmente dovuto al fatto che abbiamo professionisti molto ben addestrati, i nativi digitali, che sono stati in grado di spostare il loro lavoro nell'ufficio di casa e sono difficilmente colpiti dai licenziamenti. Ci sono riduzioni di pagamento soprattutto nel turismo e nell'industria alberghiera, "ce ne sono alcune nel lavoro a orario ridotto", dice Maler. Pagano meno, ma nel complesso questo è inferiore al tasso di default annuale già calcolato, in modo che il calcolo del rendimento dell'investimento non sia ancora influenzato. "È ormai evidente quanto sia importante finanziare programmi di studio in diverse università e ottenere così una diversificazione del rischio.

È interessante il fatto che la domanda di finanziamenti per gli studenti stia ora aumentando in modo significativo. "Molti studenti stanno ancora facendo un master, dopo tutto, e chiedono ulteriori finanziamenti", spiega Elisabeth Rudolf-Sipötz. Riconoscono che l'inizio della loro carriera può essere ritardato o accidentato e apprezzano il valore di un rimborso basato sul reddito.

"Possiamo quindi reagire in modo molto flessibile alle richieste", chiarisce Rudolf-Sipötz. Così è stato anche per Alexander Volkov, che l'anno scorso ha ricevuto una borsa di studio completa dall'UMS: "Ho parlato subito con Brain Capital e abbiamo scambiato i finanziamenti. Ora non sono più le tasse universitarie, ma le mie spese di vita di 600 euro al mese e il finanziamento di un corso all'estero". ®

–––––––––––––––––––

Come investire - in un fondo per l'istruzione.

Gli investitori istituzionali ricevono una cambiale, gli investitori privati possono partecipare alla GmbH promotrice attraverso i diritti di partecipazione agli utili. Questi si chiamano fondi nel reparto vendite e ognuno di essi riunisce circa 100 candidati provenienti da diversi corsi di studio e università.

La A GmbH è dotata in ogni caso di un importo medio a due cifre di milioni di euro. Gli investitori istituzionali sono principalmente fondi pensione, casse pensioni e assicurazioni. "In alcuni casi, devono rispettare impegni di tasso d'interesse garantito del quattro per cento con i loro clienti. Dato che ciò è difficilmente possibile nell'attuale contesto dei tassi d'interesse, apprezzano molto la nostra idea di investimento", afferma René Maler. L'importo minimo di investimento per gli investitori istituzionali e molto facoltosi è di dieci milioni di euro, con un investimento massimo di 100 milioni di euro.

Brain Capital sta attualmente lanciando un nuovo fondo per questo gruppo target. La maggior parte dei rimborsi inizierà circa due anni dopo che i primi laureati del master avranno preso servizio - cioè circa sette anni dopo l'inizio del fondo.

Gli investitori privati possono partecipare con importi compresi tra 10.000 e 500.000 euro. Più di 250 investitori privati lo hanno già fatto. Tuttavia, attualmente non vi è alcuna offerta sul mercato in questo settore. "Vediamo sempre più richieste, la prossima GmbH per questo gruppo di investitori arriverà presto", promette René Maler.

–––––––––––––––––––

Autore: Yvonne Döbler

Foto: iStock/hxdbzxy // iStock/alexsl

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media