• Yvonne Döbler, Gerd Hübner, Klaus Meitinger

Investimento per il futuro.

54 20190914 DSF5824

Investimenti sostenibili. Coloro che integrano aspetti della sostenibilità nei loro processi di investimento non solo produrranno maggiori rendimenti in futuro. Contribuisce inoltre ad un cambiamento positivo nell'economia e nella società. Perche' il capitale puo' muoversi molto.

"Non stai usando sacchetti di plastica? Andare in bicicletta in città invece che in SUV? Ma avete mai pensato a quello che la vostra capitale sta facendo nel frattempo", chiede Michael Huber del Vermögenszentrum Frankfurt: "Perché rende l'esercizio fisico molto größeren-Einfluss".

"Possiamo essere tutti dei veri catalizzatori nei mercati dei capitali. Forniamo capitale proprio e di debito. Premiare le aziende con esso. O punirli con l'astinenza. E innescare eco-innovazioni. Questa è diventata una megatrend, un vero e proprio movimento", aggiunge Oliver Borgis di Weberbank. Investimento per il futuro.

"Questo è un grande problema per i clienti con un alto valore netto e soprattutto per le giovani generazioni. Vogliono sapere Papa', mamma, come ci guadagniamo da vivere? Come siamo sostenibili", informa Fabian Strube, Robeco.

Quindi gli investimenti sostenibili sono stati a lungo fuori dall'angolo "verde". "Ha senso e, se implementato correttamente, dovrebbe anche portare più ritorni in futuro. In considerazione di una regolamentazione più forte e di consumatori più critici, le imprese sostenibili sono semplicemente meglio posizionate in linea di principio in im Wettbewerb .Le aziende sono più sostenibili e hanno un rischio di reputazione significativamente inferiore", spiega Axel Angermann, Chief Economist del Gruppo Feri.

Le strategie di attuazione più comunemente utilizzate sono l'esclusione, le migliori della categoria e l'impatto. Nell'esclusione, le convinzioni dell'investitore definiscono l'universo d'investimento. Nell'approccio best-in-class, sono i criteri ESG - ambiente, affari sociali e governance - che contano. In ogni settore, o si individuano le migliori aziende o quelle che migliorano di più secondo questi criteri. "Coloro che investono in questi miglioratori hanno il massimo impatto", dice Alexander Prochnow-Ast, responsabile del Portfolio Management presso il Family Office della Volksbank Kraichgau, convinto.

Impatto è in realtà la parola chiave che guida in particolare le famiglie imprenditoriali. Esso sprofonda il capitale in giovani start-up i cui prodotti e servizi potrebbero cambiare il mondo. "Si tratta naturalmente di finanziamenti early stage con allen Chancen e rischi", afferma Stefan Ebner, Partner di Focus Asset Management di Monaco di Baviera. "Ma ha anche l'effetto più diretto quando, ad esempio, si investe in aziende che sviluppano tecnologie migliori per la pulizia o lo stoccaggio dell'acqua", spiega Marc Flügel, Robeco. "Stiamo effettivamente cercando candidati idonei attraverso la nostra rete", concretizza Ebner, "zum Beispiel sarebbe l'ideale come azienda tecnologica in grado di filtrare la CO2 dall'atmosfera".

Per gli investitori privati, la diversità delle strategie significa: "Devono essere chiari su come vogliono realizzare personalmente la sostenibilità nei loro portafogli", afferma Thomas Buckard, CEO di Michael Pintarelli Finanzdienstleistungen AG di Wuppertal. "Molti investitori hanno una vaga idea di quello che vogliono, ma finché non diventa una strategia d'investimento, c'è molto da dire".

In realtà, il diavolo è nel dettaglio. Con il petrolio, l'energia nucleare e il tabacco, potrebbe essere ancora facile fare una dichiarazione. Ma questo non è così facile per le aziende industriali con molte aree di vendita e siti produttivi globali. Anche classifiche apparentemente inequivocabili come le emissioni di CO2 sono piene di insidie. Nelle prime posizioni, ad esempio, ci sono quasi solo banche e compagnie di assicurazione. Perche' non producono nulla fisicamente. "La CO2 puo' ancora essere misurata. Ma con i criteri ESG ci saranno sempre opinioni qualitativamente diverse. Ecco perché l'UE vuole continuare a chiarire cosa significa sostenibilità", afferma Michael Huber.

"Il mondo della sostenibilità non è in bianco e nero", spiega Ebner. C'è sempre un "cosa parla a favore, cosa contro", e alla fine della giornata il ritorno deve essere giusto.

Per la propria valutazione, l'industria utilizza essenzialmente i dati di tre case di analisi: MSCI, Sustainalytics e ISS Ökom. I loro rating definiscono il mondo degli investimenti della sostenibilità come lo sanno gli investitori dal rating del fondo. Alexander Prochnow-Ast, ad esempio, guarda ai punteggi di sostenibilità e tralascia il terzo inferiore. "Allora stiamo cercando i migliori professionisti del settore."

Lo stesso Stefan Ebner ha sviluppato un database con il quale calcola l'impatto di un'azienda. "Possiamo quantificare quale quota delle vendite viene generata con aspetti positivi e quale con aspetti negativi, in modo da poterli ponderare".

Oliver Borgis vota per una combinazione di esclusione e best in class: "Usa criteri completi per escludere sistematicamente alcuni investimenti e applicare l'analisi fondamentale classica e il best in class al resto dell'universo. Noi stessi consideriamo criteri di sei gruppi principali con tolleranza zero per cento e di otto gruppi principali con tolleranza del dieci per cento a livello aziendale".

Il team Robeco è più intransigente: oltre a standard minimi definiti attraverso criteri di esclusione, i criteri ESG sono saldamente ancorati in ogni processo di investimento. "Inoltre, siamo convinti che la ricchezza va di pari passo con la responsabilita'." Il gestore olandese degli investimenti esercita quindi attivamente i propri diritti di voto e avvia un dialogo con le imprese per migliorare i comportamenti e, a lungo termine, il rendimento degli investimenti. Alexander Prochnow-Ast consiglia agli investitori di utilizzare i rating MSCI come linea guida: "Danno a un'azienda il timbro che dimostra anche la conformità ai criteri ESG dell'UE. Le azioni di queste società saranno in futuro acquistate da investitori istituzionali, quindi è ragionevole includerle in portafoglio in anticipo".

Una nuova sfida per i banchieri.Devono essere partner di riferimento degli investitori, creare trasparenza, avere un'opinione sugli effetti delle società - e quindi mantenere l'aspetto dei rendimenti im Auge. "Naturalmente, coloro che interpretano ESG in modo troppo rigido rendono l'universo d'investimento troppo piccolo. Creare un portafoglio bilanciato con un'allocazione del rischio ridotta al minimo è difficile", afferma soddisfatto Thomas Buckard. Il futuro è che l'investimento di capitale avviene su zwei Ebenen"Il puramente economico, secondo i vecchi indicatori fondamentali. E quello sostenibile. Utilizzati insieme, i depositi diventano sostenibili e redditizi", afferma Axel Angermann.

La sostenibilità non è un'unica strategia d'investimento, ma uno dei numerosi strumenti analitici che gli investitori dovrebbero utilizzare.

"Forse", riflette Michael Huber, "in 15 anni un portafoglio avrà esattamente lo stesso aspetto di oggi - con la differenza che le aziende hanno fatto i loro compiti e ora operano in modo coerente secondo i criteri ESG. Allora la nostra capitale avrebbe davvero cambiato il mondo".

________________________

Nuovo regolamento.

L'UE vuole fare chiarezza e definire nei prossimi anni ciò che unter Nachhaltigkeit dovrebbe essere compreso. Oliver Borgis della Weberbank di Berlino lo trova "una misura sensata". "Ma non risolve definitivamente ciò che ESG è esattamente. Si troverà il minimo comune denominatore", miint Alexander Prochnow-Ast.

I banchieri sono meno entusiasti del "Piano d'azione dell'UE per il finanziamento della crescita sostenibile". "In parte impone al settore finanziario come deve tenere conto dei criteri ESG nelle sue decisioni di investimento, questo è un errore", afferma Mark Flügel di Robeco. I politici dovevano definire il quadro, creare ordine, ma non occuparsi di come attuarlo. "Questa è un'economia pianificata", critica Axel Angermann.

________________________

®

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media