• Miriam Zerbel

Martin si mobilita.

78 Soltes Koberstaedt EHH 002 20x30

Imprenditore sociale. Lo sviluppo economico in Africa ha bisogno di un nuovo concetto di mobilità. L'imprenditore Martin Šoltés e i suoi colleghi hanno quindi sviluppato un veicolo elettrico speciale. Per migliorare la vita di molti africani, cerca investitori di impatto.

Con lo zaino sulla schiena, accompagnato da quattro studenti, Martin Šoltés, dottorando all'Università Tecnica di Monaco di Baviera, si trova ad Accra, capitale del Ghana, in Africa occidentale. È gennaio 2014. Il loro progetto: rilanciare l'economia delle regioni rurali dell'Africa e allo stesso tempo ottenere qualcosa per l'ambiente.

Dopo due settimane è chiaro: i problemi per le persone in campagna iniziano dove si fermano le strade. Poiché il trasporto promesso in camion non ha avuto luogo, l'agricoltore si siede di fronte ai resti marci del suo raccolto invece di venderli nella prossima città. "Il nostro risultato è stato che gli agricoltori avevano bisogno di un veicolo adatto alle loro esigenze - accessibile, resistente, versatile, per lo sci di fondo e indipendente dal carburante", dice Šoltés. "La migliore soluzione economica, tecnica ed ecologicamente sostenibile è un veicolo elettrico".

Tornando a Monaco di Baviera, inizia il progetto di ricerca sulla mobilità di aCar. La mobilità è un bisogno umano fondamentale. Gli scambi economici, la partecipazione sociale, l'indipendenza e l'autonomia sono difficili da realizzare senza mobilità. E' la base per il progresso e lo sviluppo, per le pari opportunità. Šoltés e i suoi studenti sono convinti: "Solo se mettiamo a disposizione degli abitanti delle zone rurali un veicolo ecologico possiamo fare qualcosa per risolvere il problema più grande a lungo termine: l'esodo rurale.

Per essere all'altezza di questa affermazione, è necessario sviluppare un veicolo che abbia un aspetto completamente diverso da quello a cui siamo abituati dalle nostre strade. "Doveva essere adattato alle esigenze locali - rustico, non rotto, con trazione integrale e bassa manutenzione", spiega Šoltés.

78 Evum 2

Il primo prototipo di aCar alla TU è ancora fatto di legno e cartone. Per ottenere un feedback dai potenziali clienti, alcuni africani sono invitati a Monaco di Baviera.

I ricercatori imparano da loro, per esempio: Ciò che l'Europallet è per gli europei, il sacchetto di riso è per loro. In questo modo la zona di carico è adattata alle dimensioni del sacco di riso africano. Nel frattempo, anche gli scienziati hanno ottenuto il sostegno dell'industria.

Con l'aiuto di diverse aziende di medie dimensioni dell'industria automobilistica, costruiscono in pochi giorni, senza fronzoli, un carrello a piattaforma biposto a trazione elettrica. La prova di concetto si svolge poi sul posto, in Ghana. "Dopo i primi metri non si è più discusso", spiega con orgoglio Šoltés.

Insieme a Sascha Koberstaedt, Šoltés inizia la sua avventura imprenditoriale nel 2017 con la sua azienda come spin-off del TU Monaco di Baviera. Con il nome - Evum - i due stabiliscono un segnale forte. "Essa deriva dal latino 'aevum', che si traduce in immortalità. E' il nostro motto. "Vogliamo che i nostri prodotti durino per sempre".

E qualcos'altro è diverso dall'industria automobilistica classica. "La nostra preoccupazione principale non è il profitto monetario, ma l'impatto. Vogliamo ottenere un impatto positivo concreto e misurabile sull'ambiente e sulla società. e rendere il mondo un posto migliore".

I primi investimenti saranno effettuati da partner di piccole e medie imprese. Tre aziende partecipano allo start-up con un totale di cinque milioni di euro. Attualmente è in costruzione una fabbrica di modelli a Bayerbach, nella Bassa Baviera, per la produzione in serie, che dovrebbe iniziare nella primavera del prossimo anno. Qui è possibile acquisire esperienza e affrontare possibili malattie infantili. 1000 veicoli all'anno saranno costruiti a partire da aprile del prossimo anno.

"I nostri imprenditori sono vicini all'argomento e credono in noi", assicura Šoltés. Questo era essenziale per i due fondatori. Parlano di "smart money", non solo denaro, ma anche impegno e know-how. E dalle rapide decisioni dei loro investitori. In generale, l'idea di Evum era convincente. "Eravamo nella fortunata posizione di poter scegliere come formare la nostra base azionaria."

Uno degli azionisti è Joachim Glatthaar. L'impresa edile di medie dimensioni della Svevia vi ha partecipato due anni fa. Pur provenendo da un settore completamente diverso, è convinto del potenziale di Evum: "Evum occupa una nicchia di mercato, offre punti di vendita unici e un buon rapporto prezzo/prestazioni. "Saranno trionfanti nel prossimo futuro."

Che inizialmente non c'è da aspettarsi alcun ritorno - nessun problema per l'autoconfessato fan dell'Africa Glatthaar. Lo stesso vale per le nuove imprese, dice. "L'importante per me è che il veicolo sia un prodotto sostenibile." Se dovesse farlo, sarebbe disposto ad investire ancora di più: Glatthaar vuole restarci.

Ciò che piace all'imprenditore: il purista Evum-Stromer è un vero asino da carico e può trasportare un carico utile di una tonnellata, che si tratti di persone o merci. L'autonomia della batteria è di 80 chilometri "ed è completamente sufficiente per lo scopo", dice Šoltés. "Inoltre, una piccola batteria fa risparmiare risorse. Niente aria condizionata, niente airbag, niente radio. Ci siamo concentrati sull'essenziale. All'inizio non avevamo nemmeno una porta. Ma non ha funzionato".

È anche interessante il fatto che la batteria offre molte altre possibilità di applicazione. Può essere una fonte di energia per una pompa o - con sovrastrutture aggiuntive - trasformare il veicolo in uno studio medico mobile e una stazione di trattamento delle acque. I moduli solari sul tetto dell'auto forniscono ulteriore energia. La batteria viene caricata ad una normale presa a 220 volt, che dura sette ore.

Ma anche in Africa non è possibile fare a meno del lusso. "I coprimozzi cromati, per esempio, sono estremamente importanti. Senza di loro, un'auto non è un'auto. o altoparlanti con un'interfaccia con un telefono cellulare per ascoltare musica".

78 Evum 3

A medio termine, l'aCar sarà prodotta in Nigeria, Ghana, Kenya e Tanzania. "Anche questa è una parte importante del nostro concetto", spiega il fondatore. "Non vogliamo esportare, vogliamo dare alla gente posti di lavoro sul campo." Non affronterebbe neppure gli ostacoli alle importazioni e le restrizioni agli scambi.

La prima microfabbrica in Africa potrebbe aprire nel 2021. Per evitare l'acquisto di macchine costose, il montaggio è orientato al lavoro manuale. Gli esperti locali vengono formati in Germania prima di trasmettere le loro conoscenze in Africa. Il maggior numero possibile di componenti deve essere prodotto localmente per rafforzare l'economia locale.

Solo le parti più complesse come le batterie e i motori elettrici devono ancora essere importati. "Con un prezzo di circa 10000 euro, il trasportatore elettrico dovrebbe essere accessibile anche per le condizioni africane".

Contrariamente alle aspettative iniziali, il carrello elettrico minimalista ha nel frattempo suscitato interesse anche in Europa. Custodi, vivaisti, vivai, viticoltori, agricoltori alpini, aziende comunali, tutti vedono nella Evum-Mobil qualcosa che finora mancava loro - più di uno strumento che di un'auto.

Anche per questo motivo l'imprenditore svevo Glatthaar ha fondato insieme a Evum una società di vendita. A partire da metà novembre, l'azienda di medie dimensioni intende avvalersi dei contatti con le autorità locali e gli artigiani del Baden-Württemberg. Questo è un colpo di fortuna per Evum e i suoi 50 dipendenti. Anche se dalla recente revisione della Evum mobile sono state introdotte estensioni come il "triangolo comune", che può essere utilizzato per integrare moduli aggiuntivi come una spazzatrice o uno spazzaneve, gli adeguamenti al mercato europeo non sono necessari. "I nostri clienti europei hanno esigenze molto simili a quelle africane."

Šoltés prevede che inizialmente fino al 90% delle auto sarà venduto in Germania. A causa dei maggiori costi di produzione e della più complessa omologazione stradale, il prezzo di circa 30000 Euro è tre volte superiore a quello della versione africana.

"Il nostro impegno deve essere anche imprenditoriale", sottolinea Šoltés l'idea dell'imprenditoria sociale e dell'impatto degli investimenti. "Si tratta di realizzare un profitto e ottenere un impatto sociale allo stesso tempo. Consentiamo la mobilità delle persone nelle aree rurali dei paesi emergenti e in via di sviluppo. E con l'azionamento elettrico evitiamo emissioni nocive come CO2 o azoto, contribuendo così a migliorare l'aria e a ridurre il rumore. "Possiamo provarlo."

Entro il 2025, una produzione annua di oltre 100.000 veicoli deve essere dominata in undici mercati. Poi, l'imprenditore è fiducioso, la sua azienda realizzerà anche un profitto.

Tuttavia, Evum avrà bisogno di ulteriore capitale a partire dalla primavera 2020. Secondo i calcoli dell'impresa in fase di avviamento, i costi di avvio della produzione in serie ammontano a 10-15 milioni di euro. Siamo ora alla ricerca di investitori orientati all'impatto, che vogliono fornire capitali a medio e lungo termine, condividere l'idea di Evum e sono inizialmente soddisfatti che il loro investimento renderà il mondo un po' migliore. ®

Autore: Miriam Zerbel

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media