• Gerd Hübner

Investimento con legame familiare.

221881590.jpg

Selezione. In uno studio in corso, il Center for Entrepreneurial and Financial Studies (CEFS) dell'Università Tecnica di Monaco di Baviera, per conto della Stiftung Familienunternehmen, ha esaminato se le azioni delle aziende a conduzione familiare sono il miglior investimento. I risultati stanno facendo sì che gli investitori si siedano e ne prendano atto.

La leggenda secondo cui le azioni delle imprese familiari sono il miglior investimento è stata a lungo raccontata e sostenuta da argomentazioni logiche. "Le decisioni di un consiglio di amministrazione che lavora con capitale proprio sono valutate in modo più approfondito. La strategia è più focalizzata sul lungo termine e non sui prossimi dati trimestrali. Queste aziende pensano in termini di generazioni e operano con maggiore cautela", afferma il professor Rainer Kirchdörfer, presidente della Fondazione per le imprese familiari. Ma ora la fondazione voleva sapere esattamente: Esiste davvero un nesso scientifico tra l'andamento del mercato azionario e la struttura proprietaria dell'azienda?

Un primo studio condotto dal CEFS per conto della Fondazione per il periodo 1998-2008 mostra in realtà una correlazione debolmente positiva tra influenza familiare e performance. "Quello era un inizio. Eravamo ancora più entusiasti di vedere se i risultati sarebbero cambiati nel periodo successivo, dal 2009 al 2018", spiega il professor Christoph Kaserer, TU Munich, che ha lavorato su entrambi gli studi.

Nell'attuale studio di follow-up, i ricercatori del Center for Entrepreneurial and Financial Studies (CEFS) dell'Università Tecnica di Monaco di Baviera hanno esaminato 475 società quotate del CDAX.

Le imprese familiari in senso lato sono quelle in cui la famiglia fondatrice detiene almeno il 25% dei diritti di voto e/o detiene un mandato di vigilanza o di gestione. Le imprese familiari con un'influenza sostanziale sull'impresa oltre che sono state classificate come imprese familiari in senso stretto. "Si tratta di circa il 20% delle aziende intervistate, mentre 40 possono essere considerate aziende a conduzione familiare in senso lato", spiega Kaserer.

I risultati sono stati impressionanti. "Le aziende a conduzione familiare hanno ottenuto risultati migliori sia in termini di ricavi che di cifre chiave rilevanti per gli utili, come il rendimento delle attività e il rendimento del capitale proprio. La differenza rispetto alle altre aziende è aumentata con una maggiore influenza familiare", ha detto Kaserer. "Naturalmente, anche le piccole dimensioni medie delle imprese a conduzione familiare e gli effetti sull'industria hanno avuto un ruolo importante. Ma questi effetti possono essere controllati con metodi statistici".

L'eccitante domanda ora era: le azioni delle aziende a conduzione familiare hanno ottenuto risultati migliori anche dopo la razionalizzazione? Secondo Kaserer, il risultato era chiaro. "Le imprese familiari mostrano una performance operativa superiore alla media, attribuibile alla struttura proprietaria. "Questo e' il risultato chiave dell'indagine."

Al fine di soddisfare le esigenze degli investitori, i ricercatori hanno effettuato un confronto del portafoglio tra società a conduzione familiare e non a conduzione familiare e hanno ponderato le azioni di entrambi i portafogli in base alla capitalizzazione di mercato e alla liquidità. "Il portafoglio di aziende sulle quali la famiglia fondatrice non ha alcuna influenza di controllo ha registrato un incremento medio annuo del 15% in valore tra il 2009 e il 2018. Per le aziende a conduzione familiare in senso lato, questo era già il 17,2%. E le aziende familiari, in senso stretto, generano addirittura il 23,2% all'anno".

Di cosa si trattava? "Oltre all'importanza di un azionista di riferimento e di un orientamento strategico a lungo termine, sembra che anche la struttura del capitale abbia avuto un ruolo importante", spiega Kaserer. "La quota mediana di capitale proprio delle aziende familiari è del 42 percento, delle altre aziende solo del 28 percento." Ovviamente, le imprese a conduzione familiare operano con maggiore cautela. "E questo sembra aver dato i suoi frutti soprattutto durante gli anni di crisi dal 2008 al 2012", ha continuato lo scienziato.

Kirchdörfer ha un'opinione simile: "Abbiamo osservato che le aziende a conduzione familiare quotate in borsa hanno superato la crisi finanziaria meglio di altre aziende e da allora si sono riprese più rapidamente.

Oltre all'elevata quota di capitale proprio, è decisivo anche l'azionista di riferimento, che può aiutare nelle crisi con capitale fresco. "Con altre aziende, d'altra parte, contrarre prestiti tramite banche o il mercato dei capitali è difficilmente possibile durante una crisi", dice Kaserer.

A quanto pare, le imprese familiari agiscono anche in modo anticiclico negli alti e bassi dell'economia. "Marc Decker, Head of Asset Management di Merck Finck Finck Privatbankiers, analizza: "In tempi di crisi, tendono a comprare di più, mentre le grandi aziende di solito risparmiano i costi in modo prociclico per migliorare l'aspetto delle prossime relazioni trimestrali.

"Tuttavia, le aziende familiari hanno uno svantaggio dal punto di vista dell'investitore", limita Kaserer. "I fondatori di solito vogliono reclutare futuri manager dalla loro famiglia. Questo può portare al fatto che le persone migliori non sempre vengono selezionate. Troviamo quindi ripetutamente che l'influenza familiare è più forte e più positiva nelle mani della prima generazione. Ad ogni generazione, tuttavia, l'effetto sembra diminuire".

Tuttavia, è interessante notare che uno studio del Credit Suisse, un'importante banca svizzera, conferma questo fenomeno di rendimenti azionari più elevati su scala globale. Tutto ciò suggerisce che gli investimenti in azioni di società in cui la famiglia fondatrice ha un'influenza significativa andranno a vantaggio degli investitori per lunghi periodi di tempo. Gli investitori dovrebbero essere vigili solo quando il cambio di generazione è imminente.

Come investire nelle aziende familiari.

Il German Entrepreneurial Index (GEX) contiene aziende i cui proprietari detengono dal 25 al 75% dei diritti di voto e che sono state rese pubbliche negli ultimi dieci anni. Un certificato di indice UniCredit (DE000HV0A0A098) riflette le sue prestazioni.

H&A Unternehmerfonds Europa (LU029454040942), lanciato nel 2007, investe in tutta Europa in società in cui uno o più grandi azionisti privati hanno una comprovata influenza sulla strategia aziendale. Secondo Morningstar, il fondo è aumentato dell'8,11% all'anno in dieci anni, superando leggermente il MSCI Europe.

Uno dei criteri di selezione delle azioni Berenberg 1590 Mittelstand (DE000A14XN59), lanciate alla fine del 2015 e incentrate sulle aziende tedesche, è che le famiglie fondatrici svolgono un ruolo importante nella gestione aziendale. In tre anni, ha portato il 12,22% all'anno. Altri fondi che hanno attuato questa idea sono ODDO BHF Génération (FR0010574434) e Bellevue Funds BB Entrepreneur Europe (LU04151539181860).

®

Autore: Gerd Hübner

Foto: AdobeStock/BillionPhotos

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media