• Cornelia Knust

Sulla strada per un altro campionato.

Einhell AufmacherEspansione. La famiglia di imprenditori Thannhuber della Bassa Baviera gestisce la produzione di elettrodomestici fai da te con obiettivi ambiziosi. Non solo in termini di prospettiva economica della Einhell AG. Anche i figli del fondatore Josef Thannhuber - Markus (a sinistra) e Philipp - avranno giustizia e spazio imprenditoriale.

La Hollywood Walk of Fame si estende per 15 isolati su entrambi i lati di Hollywood Boulevard a Los Angeles. Su uno sfondo di imponenti facciate in vetro, 2690 stelle sono incastonate con i nomi di artisti importanti.

Una rampa d'accesso in pietra con stelle e una facciata di vetro pronta per il cinema si trova anche in un sito commerciale nella parte più profonda della Bassa Baviera a Landau an der Isar. Dietro, tanti trapani, fresatrici, falci, seghe, sontuosamente presentati e illuminati. Sulle prime due stelle ci sono i nomi dei dirigenti in pensione della Einhell AG - Josef Thannhuber e sua moglie Gisela, ex capo delle finanze, occupano le prime due stelle. Il resto della lunga fila di stelle fino all'ingresso è ancora vuoto.

Il nuovo showroom della società quotata Einhell AG è probabilmente da intendersi come una dichiarazione. Qui a Landau, dove l'azienda sta costruendo un gigantesco magazzino a scaffali alti, non è solo un punto di trasbordo per attrezzi fai-da-te economici, prodotti nella lontana Cina e venduti in 90 paesi del mondo. Questo è un marchio emergente nel seno di una famiglia orgogliosa che sembra intenzionata a dare a molte altre generazioni l'opportunità di vivere l'imprenditorialità.

Affinché questo funzioni, il senior non ha inizialmente consegnato le redini ai suoi discendenti nel 2003, ma a una persona esterna: Andreas Krois, oggi 52enne, già capo della filiale in Austria e poi della divisione utensili. Da allora ha rappresentato l'azienda verso l'esterno e solo per questo motivo, secondo l'opinione della famiglia, è imperativo che continui a ricoprire l'importante posizione di presidente del consiglio di amministrazione. I suoi figli Markus e Philipp Thannhuber, attualmente 49 e 41 anni, hanno dovuto prima trovare il loro ruolo: uno come Chief Technology Officer, l'altro come vice presidente del consiglio di sorveglianza.

Oggi, si siedono relativamente rilassati per l'intervista tra tutti i dispositivi rossi. Dopotutto, possiedono un vincitore di Corona sotto forma del produttore di utensili Einhell (vedi testo "Doppia esperienza Corona" in basso). E credono di aver trovato un modo particolarmente intelligente di gestire la loro azienda - sia il processo di creazione del valore che l'interazione della famiglia.

Einhell 1

"L'impresa intelligente" - questo era già il titolo della tesi di dottorato sul tema della teoria organizzativa di Markus Thannhuber, laureato in fisica. Quando l'ha pubblicato in forma di libro nel 2004, era nel mezzo del suo progetto di lavoro per l'azienda di suo padre. Doveva ristrutturare la filiale ISC della Einhell, che forniva servizi informatici e di processo per l'intera azienda. Il padre lungimirante aveva già iniziato la globalizzazione negli anni '60, aveva la produzione in Asia dagli anni '70 e aveva fondato la prima joint venture a Chongqing in Cina nel 1994. Ma il business con i ritorni e la manutenzione, che è in bundle in ISC, non ha funzionato bene. Markus Thannhuber sembra aver cambiato idea. In ogni caso, è salito a bordo come Chief Technology Officer nel 2007.

Il fratello minore Philipp era più amante della libertà. Già da scolaro ha fondato un'azienda di purificatori d'aria e umidificatori. Laureato in economia aziendale e tecnico di elettronica energetica, ha poi fondato un produttore di utensili pneumatici. Ha rifiutato il piano di suo padre di fargli rilevare una filiale della Einhell. Ma Einhell - 1600 dipendenti, 725 milioni di euro di fatturato, otto per cento di rendimento prima delle tasse - è rimasta comunque parte della sua vita. Quando suo padre ha lasciato il consiglio di sorveglianza nel 2015, Philipp si è assunto il compito di rappresentare la famiglia in quell'organo.

Il nome Einhell deriva da Hans Einhell GmbH, la piccola azienda di installazioni elettriche di Landau di proprietà di uno zio di Josef Thannhuber, che avrebbe dovuto rilevare l'azienda. Nel 1964, però, ha semplicemente usato il nome e ha fondato la propria azienda. Ha iniziato come produttore a contratto di trasformatori e caricabatterie, è diventato un fornitore di griglie per barbecue, forni per sauna, serre e casette da giardino, e infine si è trasformato in un produttore di utensili elettrici per la casa e il giardino - utensili che possono essere acquistati nei negozi di bricolage o online e che sono prodotti anche da grandi concorrenti come Bosch o Makita.

A quel tempo, tuttavia, Thannhuber non si rivolgeva a clienti professionali, ma piuttosto al puro fai-da-te, piuttosto nel segmento dei prezzi bassi. L'azienda ha voluto uscire da questo angolo per anni. L'obiettivo è quello di trasformare il negozio generico in un'azienda focalizzata, e il giocatore di nicchia in un marchio forte.

Simile alla concorrenza, l'azienda si è concentrata su dispositivi cordless che funzionano con batterie sostituibili dal 2014. Einhell si considera addirittura il primo fornitore di un sistema di batterie cross-range in Europa. Sotto il nome di Power X-Change, l'azienda offre ora ben 200 utensili senza filo e attrezzature per il giardinaggio. La speranza: una volta che hai deciso di usare il sistema Einhell con le sue batterie ricaricabili, comprerai sempre nuovi utensili della serie. Qualità, lunga durata, buona riparabilità - questa è la valuta del mercato di oggi, anche, o soprattutto, per quanto riguarda il business sostenibile.

"Con questo modello di business a piattaforma, creiamo un rapporto a lungo termine con i clienti e quindi abbiamo una buona possibilità di guadagnare ulteriori quote di mercato", dice Markus Thannhuber. Il 40% delle vendite del gruppo deve essere generato con Power X-Change a medio termine. Rispetto alla concorrenza, l'azienda può segnare punti con l'efficienza delle batterie: Potenza, autonomia, longevità. La sofisticata elettronica della batteria protegge dalla scarica o dal sovraccarico. Il rapporto qualità-prezzo dei dispositivi è di prima classe.

I prerequisiti per questa caratteristica differenziante sono creati nel prodotto e nel processo, cioè con la già citata "Intelligent Enterprise". Perché Power X-Change è in una lega diversa. Le batterie agli ioni di litio che una volta facevano funzionare bene i tagliasiepi o i tagliaerba non sono sufficienti per trapani o seghe potenti, che devono sopportare carichi completamente diversi. La batteria, il motore e l'utensile devono essere perfettamente abbinati tra loro.

Per questo motivo, Einhell mantiene un gruppo di 300 tecnici e ingegneri che lavorano 24 ore su 24 in Cina e in Germania in diversi fusi orari. In qualsiasi momento, controllato da un algoritmo, sono in arrivo da 1200 a 1400 pacchetti di lavoro, che un sistema di gestione dei processi invia agli sviluppatori. Le fabbriche in Asia sono partner in questo processo. Einhell guida la catena. Non più solo un "Original Equipment Manufacturer" (OEM), cioè colui che assembla alla fine le parti fornite, ma il capo di un gruppo di Original Design Manufacturers (ODM) - cioè colui che crea un prodotto innovativo dalle varie quote di sviluppo dei partner, e lo fa in cicli molto brevi come richiede il mercato.

"I mercati possono essere aggiunti solo con buoni prodotti e una buona gamma di prodotti, ed entrambi fanno parte di una buona organizzazione", dice Markus Thannhuber. "Gestiamo quindi una 'fabbrica di progetti'. Non possiamo permetterci dei flop". Suo fratello spiega più in dettaglio come stanno cambiando l'azienda e le sue persone: "Ci stiamo concentrando dal cliente al dettaglio più verso il cliente finale. Questo richiede un orientamento del servizio molto diverso. Per fare questo, hai bisogno di un'ottima squadra che mantenga costantemente la tensione al suo interno".

Il mercato di vendita più importante è la regione Germania, Austria, Svizzera. In Germania, Einhell ha raggiunto una quota di mercato del 23% per gli utensili da giardino a batteria nel 2020, e l'undici per cento per gli utensili. La seconda regione più importante è l'Australia. Non si lavora più sulla Cina come mercato, contrariamente ai piani dell'anziano. La struttura del mercato non si adatta più alla gamma di prodotti, dicono. Invece, Einhell si sta avventurando, più tardi del previsto, con un partner locale nel mercato molto maturo e rischioso degli Stati Uniti, il più grande mercato del fai da te del mondo. Gli obiettivi sono anche ambiziosi sotto altri aspetti: Nei 40 paesi in cui Einhell è rappresentata dalle proprie filiali, l'azienda vuole "diventare il leader del mercato della libertà senza fili".

Einhell 2

Dinamico, cosmopolita, agile - ecco come vuole essere Einhell. E sta organizzando la sua struttura di gestione di conseguenza. Dalla metà del 2019, il consiglio di quattro membri include anche un responsabile dell'IT e della digitalizzazione. Proprio all'inizio, ha dovuto respingere un massiccio attacco informatico che ha interrotto l'azienda per giorni. Allo stesso tempo, i due fratelli sottolineano anche la cultura aziendale che è cresciuta, plasmata non solo dalla famiglia fondatrice. Ma anche da molti esperti della Bassa Baviera che hanno fatto grande l'azienda; laboriosi, affidabili, pratici, come dicono loro, e anche molto conservatori, come ammettono.

Markus Thannhuber parla apertamente dei suoi difficili primi anni. È vero che suo padre era molto accessibile, non un patriarca. Ma naturalmente il figlio era sotto osservazione da parte degli altri impiegati, dice. "Non è certo sempre piacevole lavorare con un socio", si mette nei loro panni. "Brillare con la performance, questo è l'unico modo per ottenere il riconoscimento", dice, descrivendo la sua carriera. Il fratello Philipp, in realtà il tipo più riservato, probabilmente non sarebbe stato così sofferente: "Non sono sicuro che mi troverei bene in una struttura dove non sono il capo".

Per mantenere questa famiglia unita e per evitare litigi anche nella prossima generazione, i Thannhubers si sono impegnati molto. Anche l'IPO da parte dei loro genitori nel 1987 - a quel tempo, nientemeno che l'imprenditore della vite Reinhold Würth servì come presidente del consiglio di sorveglianza - fu un passo importante. "L'IPO è stata una decisione molto lungimirante e certamente non facile per una coppia di imprenditori", dice Markus Thannhuber. Diritto delle società per azioni, consigli di sorveglianza, la massima trasparenza possibile - gli imprenditori familiari di solito non sono così entusiasti di queste cose. Ma questo non solo porta capitale, ma protegge anche dall'andare da soli. "Come membro della famiglia, sei abbastanza contento che tutti debbano sottomettersi", nota Philipp Thannhuber.

"Mai sotto lo stesso tetto", dicono i fratelli con una strizzatina d'occhio sul lavoro con il padre, ma anche tra di loro. La loro divisione dei ruoli è apparentemente ben ponderata. "Il mio fratellino è il capo", scherza Markus Thannhuber. Ma è più complicato di così. Alla Einhell AG, Markus è membro del consiglio di amministrazione e Philipp è membro del consiglio di sorveglianza. Nella holding di famiglia Thannhuber AG, è il contrario: "Questo significa che dobbiamo sempre essere d'accordo", spiegano i fratelli.

Con l'aiuto di una società di consulenza manageriale, hanno fondato un'associazione familiare con uno statuto e su questa base hanno scritto una costituzione familiare. Questo stabilisce le regole per la trasmissione delle azioni AG o la qualifica dei dirigenti, indipendentemente dal fatto che provengano dall'interno o dall'esterno della famiglia. In questo modo, i Thannhubers vogliono condurre la struttura del gruppo nel futuro secondo il principio della performance, assicurando allo stesso tempo giustizia ed equità e dando alla prossima generazione la massima libertà possibile.

I genitori detengono ancora l'undici per cento della holding di famiglia, il resto è condiviso equamente dai fratelli. Il 93 per cento delle azioni ordinarie sono detenute dalla famiglia, il sette per cento da altri privati. Solo le azioni privilegiate sono nel flottante. Tre figli di Markus e due figlie di Philipp portano le famiglie dei due fratelli nel futuro. Resta da vedere se tra loro ci sia un talento delle vendite o un guru dell'organizzazione. Le stelle sulla Walk of Fame ci sono già. Hanno solo bisogno di essere iscritti. ®

––––––––––––––––––––––

// Double Corona Experience.

Nella primavera del 2020, il consiglio di amministrazione della Einhell AG sembrava piuttosto preoccupato. I negozi di bricolage erano chiusi a causa della pandemia di Corona. Allo stesso tempo, le catene di approvvigionamento dalla Cina, dove l'azienda ha concentrato tutta la sua produzione, minacciavano di scattare. Ma poi i negozi hanno riaperto ed è iniziata un'enorme corsa su tutto ciò che può essere usato per migliorare la casa e il giardino, compresi gli strumenti per gli appassionati di bricolage e i giardinieri per hobby. Questo "effetto bozzolo" ha portato a "mesi molto intensi" alla Einhell.

In autunno, l'azienda ha esaurito le scorte. Allo stesso tempo, le catene di rifornimento globali erano finalmente fuori fase. I container d'oltremare si accumulavano nei porti degli Stati Uniti e della Gran Bretagna, e non ce n'erano in Asia. E gli armatori, che non avevano mai sperimentato un tale cambiamento nei cicli, non erano in grado di risolvere il problema, secondo Markus Thannhuber. Invece, i prezzi sono esplosi, in alcuni casi erano dieci volte più alti di prima: "Abbiamo avuto un'enorme crisi di sterzo da novembre 2020".

Questo si è un po' attenuato nel frattempo. Ma Einhell vuole comunque trarre delle conseguenze dall'esperienza: aumentare la diversità regionale nel panorama produttivo, cooperare ancora più strettamente con i partner dell'industria e della logistica, pianificare meglio e prenotare prima. Ma spostare la produzione dalla Cina all'Europa dell'Est, per esempio, è difficilmente possibile, dice. Le complesse reti intorno ai siti di produzione in Asia, necessarie per la fabbricazione di prodotti più complicati, non possono essere ricreate così rapidamente in una sede europea, credono i Thannhubers.

L'effetto Corona sugli affari (nel 2020, le vendite di gruppo sono aumentate del 20%) continuerà quest'anno, dicono. Dopo di che, l'azienda si aspetta principalmente un aumento della disoccupazione e una riduzione dei redditi delle famiglie a causa della crisi di Corona, che smorzerebbe la domanda. Philipp Thannhuber: "Il disastro economico deve ancora arrivare".

––––––––––––––––––––––

Autore: Cornelia Knust

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media