• Gerd Hübner

L'Alchimista.

IbuTec 1La tecnologia. Ulrich Weitz trasforma materiali semplici in materiali high-tech. E così ha trasformato una piccola azienda, precedentemente di proprietà dello stato, in un fornitore di successo globale per l'industria. I prodotti della sua azienda IBU-tec sono particolarmente apprezzati nel futuro mercato della tecnologia delle batterie.

Il reattore di pulsazione è una di queste cose. Gli ingegneri possono parlarne per ore senza che i profani capiscano una parola. Ulrich Weitz rende tutto più facile. "Preferisco spiegarlo con l'esempio delle lasagne. Quando lo si mette in forno, il ripieno è in uno stato relativamente liquido. Un processo termico aggiunge energia alle lasagne e ne modifica lo stato aggregato. Migliore è il forno, migliore è il suo sapore alla fine".

Weitz e la sua azienda IBU-tec hanno il miglior forno con il reattore di pulsazione, unico al mondo. "Possediamo tutti i brevetti essenziali. Con questo e con i nostri forni rotativi siamo in grado di produrre polveri ultrafini e di influenzarne le proprietà". I rispettivi materiali possono quindi essere lavorati in modo ancora più rapido ed efficiente dai clienti Weitz. "In altre parole, le lasagne semplicemente migliorano".

L'azienda, con sede nella tranquilla città della Turingia di Weimar, produce tra l'altro materiali catalitici per la purificazione dell'aria e l'industria chimica, materiali ceramici per articolazioni dell'anca o prodotti dentali, nonché per l'elettromobilità e l'accumulo di energia.

Ogni anno tratta e raffina materiali per un valore di 290 milioni di euro. Il settore dei materiali per batterie, in particolare, è in rapida crescita. "Perché il processo di produzione dei materiali utilizzati in una batteria ne determina la durata e l'efficienza", spiega Weitz. "E possiamo influenzare direttamente questo processo con la nostra comprensione della tecnologia.

Non c'è dubbio che Ulrich Weitz ha costruito qualcosa di molto speciale negli ultimi 20 anni. "Qui nella Germania dell'Est, dopo tutto, la produzione si trova soprattutto nella Germania dell'Est. Ma bisogna cercare a lungo per trovare qui un vettore di know-how come IBU-tec, per il quale sia le società quotate in borsa DAX che le società internazionali vengono a Weimar", afferma con orgoglio.

La storia avventurosa dell'azienda è iniziata 115 anni prima dell'era Weitz. Poiché nella regione esiste il travertino, una pietra calcarea di colore chiaro, nel 1885, non lontano dalla cava dove si estrae la calce, è stata fondata un'impresa di scalpellini. Lì le lastre di pietra calcarea sono macinate e utilizzate come davanzali nelle case. Dopo la seconda guerra mondiale, un'azienda statale utilizza la calce purissima per produrre, tra l'altro, filtri per le maschere respiratorie. Nel 1974, quando l'uso della calce per questa applicazione non era più utile, questa prima parte della storia si conclude.

Di conseguenza, in collaborazione con l'Università Bauhaus di Weimar, sul sito verrà costruito un impianto di ricerca e sviluppo per il cemento. "A quel tempo, qui venivano costruiti forni per cemento e forni rotativi. Ingegneri e chimici dell'università hanno iniziato a studiare come impostare i prodotti in modo migliore e più rapido", spiega Weitz. Con la caduta del Muro, anche questo episodio è finito. Ma ora l'ex direttore dell'istituto e un collega della Germania Ovest hanno deciso di acquistare il sito, compresi gli edifici e le strutture. "Questo era già coraggioso all'epoca. Sembrava ancora come dopo la guerra. Gli edifici non erano mai stati restaurati o ristrutturati", dice Weitz.

I nuovi proprietari hanno fondato l'Istituto per i materiali da costruzione e la tecnologia ambientale - IBU-tec. Sviluppano idee per prodotti nel settore dei materiali, chiedono sovvenzioni - e se l'autorità pubblica competente le considera abbastanza interessanti, mettono a disposizione denaro. "La fregatura era che nessuno pensava alle applicazioni concrete, figuriamoci che qualcuno pensava alle vendite", dice Weitz. Così, fino al 2000, l'azienda vivrà di sussidi statali. Nella crisi economica successiva allo scoppio della bolla della New Economy, tuttavia, il settore pubblico deve fare economia. "I sussidi governativi sono stati tagliati. E siccome l'azienda era fortemente indebitata all'epoca, volevano venderla".

È proprio in questo momento che lo stesso Ulrich Weitz, nato a Weimar, è alla ricerca di un'azienda. "Ho sempre avuto in mente di avviare un'attività in proprio all'età di circa 40 anni". Dopo aver studiato ingegneria meccanica, Weitz ha lavorato prima per il produttore di ascensori Otis a Berlino, poi presso la sede centrale di Otis a Parigi, dove è stato responsabile di un totale di 22 fabbriche. Poi si è trasferito alla società di ingegneria meccanica Winkler und Dünnebier. "Il mio compito principale era quello di mettere l'azienda in forma per un'IPO".

Così, nel 2000, ha acquisito tutte le conoscenze necessarie per costruire e gestire un'azienda. "Ho visto subito che cosa aveva di valore la IBU-tec - avevano sviluppato e brevettato il reattore di pulsazione. Pensavo che con una gestione e una vendita professionale si potesse costruire un business funzionante".

Nell'anno dell'acquisizione, IBU-tec con 13 dipendenti ha realizzato un fatturato di circa 150000 euro. Weitz chiede un prestito e compra l'azienda. Si concorda - naturalmente - di mantenere il prezzo d'acquisto riservato. "L'importante era che ci fossero beni immobili nei locali della fabbrica", dice. "Quindi avevo dei titoli che mi permettevano di chiedere un prestito".

Ora le sue capacità di gestione sono richieste. "Il primo passo è stato quello di sviluppare una strategia promettente per l'azienda in termini di risorse finanziarie, ma anche di stabilire un sistema di controllo, di risorse umane o di gestione della qualità". C'erano un sacco di idee scientifiche. Separare il grano dalla pula non è stato facile, ha detto. "Non sono un ingegnere di processo, ma sono riuscito ad acquisire questa competenza e la vicinanza all'Università Bauhaus mi è stata di grande aiuto in questo senso. Il nostro primo prodotto è stato la polvere catalitica per l'industria automobilistica. Così abbiamo iniziato a produrre corpi ceramici per catalizzatori".

La strategia imprenditoriale di Ulrich Weitz si basava già allora sul forte reparto di Ricerca e Sviluppo (R&S). L'imprenditore lo mette a disposizione dei suoi clienti. Funziona così: per esempio, un'azienda vuole produrre materiale per batterie per motori elettrici. "Ha poi idee precise sulle proprietà del materiale di cui ha bisogno per la produzione. Così il partner conosce il risultato finale, ma non sa esattamente come arrivarci. E l'allestimento di un proprio laboratorio di prova è di solito troppo costoso. È qui che entriamo in gioco noi", spiega l'imprenditore. Nei suoi laboratori, gli esperti dell'azienda collaborano con il cliente fino a quando il materiale non ha le proprietà desiderate.

IbuTec 2

"Quindi i contratti di ricerca e sviluppo sono in ultima analisi i nostri apriporta. Dopo tutto, naturalmente vogliamo produrre i materiali corrispondenti in quantità maggiori. Dopotutto, i margini di profitto sono molto più elevati. Per questo motivo negli ultimi anni abbiamo ampliato la capacità dei nostri forni e reattori. E il reattore di pulsazione in particolare, perché è unico, ci porta grandi vantaggi.

Solo quando un prodotto entra nel mercato di massa e supera le capacità dell'IBU-tec, i clienti investono solitamente in impianti di produzione propri e più grandi. Anche la progettazione e la costruzione di tali impianti fa parte della gamma di servizi della IBU-tec.

Weitz ha fatto molta strada nell'attuazione di questa strategia. Nel 2000, la divisione Ricerca e Sviluppo rappresentava ancora il 90% del fatturato dell'azienda, mentre oggi ne rappresenta solo il 70%. E da 13 dipendenti e 150000 euro di fatturato sono diventati 250 dipendenti, 48,5 milioni di euro di fatturato e 7,1 milioni di utile.

Il presupposto era un investimento costante. Nel corso degli anni Weitz ha investito complessivamente 33 milioni di euro in undici forni rotativi e nove reattori a pulsazione, oltre a nuovi magazzini e all'ampliamento del sito. Allo stesso tempo, però, ha sempre prestato attenzione alla stabilità finanziaria della sua azienda. "Abbiamo finanziato tutto questo esclusivamente con l'utile netto dell'esercizio. La nostra quota di capitale proprio si aggira ancora intorno al 60%".

Tuttavia, poiché è diventato subito chiaro che la crescita non poteva essere finanziata attraverso acquisizioni, Weitz ha iniziato a preparare se stesso e la sua azienda per un'IPO nel 2008. "Per me, il mercato dei capitali offre le condizioni ideali per una crescita inorganica".

Nel 2017 decide di fare questo passo. IBU-tec è la prima società ad essere inserita nel segmento delle borse valori Scale, creato appositamente per le aziende più piccole. Un aumento di capitale - Ulrich Weitz detiene da allora il 70% dell'IBU-tec - porta a 16,5 milioni di euro. Con questo capitale rileva la BNT Chemicals GmbH, specializzata nei processi chimici umidi. Ciò significa che la IBU-tec è ora in grado di utilizzare anche processi chimici liquidi per produrre polveri, ad esempio per l'industria farmaceutica. "Questo ci ha permesso di ampliare la nostra gamma di prodotti nel campo dell'ingegneria dei processi termici".

L'azienda ha ora quattro sedi e occupa importanti mercati futuri. "Questo è particolarmente importante per noi perché sappiamo che il business dei catalizzatori automobilistici non continuerà a crescere dopo lo scandalo del diesel", dice Weitz. "La produzione di catalizzatori per la purificazione dell'aria nell'industria chimica, l'approvvigionamento dell'industria farmaceutica e soprattutto il settore dei materiali per batterie stanno quindi diventando sempre più importanti". Il fatto che questo concetto stia dando i suoi frutti era già evidente l'anno scorso, quando la crescita dei materiali per batterie ha compensato il calo dei catalizzatori automobilistici.

In realtà, quest'anno avrebbero voluto scrivere un altro capitolo della loro storia di successo a Weimar. Dopo tutto, Weitz aveva accumulato capacità di produzione. Attrezzato per un boom di richieste da parte dei produttori di batterie. Ma con lo scoppio della pandemia di corona, però, tutta l'attività economica si è fermata. E le prospettive future sono segnate prima di tutto da un grande punto interrogativo.

Non è la prima sfida imprenditoriale che Weitz deve affrontare. "Durante la crisi finanziaria abbiamo avuto un calo del 45 per cento delle vendite in soli 14 giorni", dice. "A quel tempo, si trattava solo di garantire la liquidità. Per quanto sia stato doloroso - abbiamo dovuto licenziare i dipendenti, ma in questo modo siamo riusciti a generare un flusso di cassa positivo anche nell'anno di crisi".

Rispetto a questa volta, la situazione all'IBU-tec non sembra così drammatica questa volta. Finora ci sono state solo piccole modifiche e rinvii degli ordini annunciati dai clienti per i prossimi mesi, ha informato Weitz in aprile. "L'ampia diversificazione della nostra azienda, con diverse centinaia di progetti individuali all'anno e un gran numero di clienti provenienti da una vasta gamma di settori industriali, sta ora dando i suoi frutti.

La cosa più importante per lui ora è una politica di informazione coerente e aperta nei confronti dei suoi dipendenti. Egli garantisce inoltre la tutela della salute dei suoi collaboratori e l'adozione di misure precauzionali adeguate. E se le cose peggiorano? "Penso che la nostra sana base finanziaria ci aiuterebbe a ottenere finanziamenti che garantiscano la sopravvivenza dell'azienda".

L'imprenditore non ha quindi perso di vista i suoi obiettivi strategici. "Vogliamo continuare a crescere e, in particolare, portare avanti l'internazionalizzazione", dice. A questo proposito può già puntare ai successi iniziali. Mentre all'epoca dell'IPO l'IBU-tec svolgeva ancora il 95% delle sue attività con i clienti tedeschi, ora il 15-20% degli ordini proviene dall'estero. E Weitz ha già conquistato il suo primo cliente asiatico nell'importante settore dei materiali per batterie. "Naturalmente tutto è ormai irto di incertezze, ma non riesco a immaginare che il megatrend dell'elettromobilità finisca. Qui abbiamo costruito una capacità produttiva annua di 3.000 - 4.000 tonnellate, di cui attualmente utilizziamo solo il dieci per cento circa. Quando questo argomento riprenderà a prendere velocità, noi ci saremo".

___________________________________________________

// Come investire in IBU-tec.

Il prezzo di emissione delle azioni IBU-tec nel 2017 è stato di 16,50 euro. Ciò ha portato la società ad un valore di mercato di 66 milioni di euro.

Nel 2019 Ulrich Weitz era riuscito ad aumentare le vendite da 16,8 a 48,5 milioni di euro, soprattutto grazie all'acquisto di BNT. Il prezzo del titolo è salito di poco più di 21 euro.

Nella crisi della corona, le azioni IBU-tec hanno perso un valore enorme. Alla bassa di metà marzo, il titolo era quotato solo a 7,70 euro. A metà maggio l'IBU-tec valeva nuovamente 46 milioni di euro al prezzo di 11,50 euro. Se nel 2021 l'azienda riuscisse a tornare sul suo vecchio percorso di crescita e a realizzare il potenziale di crescita nel campo della mobilità elettrica, in futuro sarebbe possibile realizzare un fatturato di ben oltre 50 milioni di euro. Un investimento al livello attuale sarebbe quindi interessante.

___________________________________________________

®

Autore: Gerd Hübner

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media