• Mariella Bauer

Colorato.

Kremer 1Esclusività. Quando la premier league dei musei e degli artisti internazionali è alla ricerca di colori storici, si reca nella provincia sveva. Lì, l'azienda a conduzione familiare Kremer realizza milioni di vendite con pigmenti di colore unici.

Da bambino, David Kremer dice che a un certo punto non era più in grado di vedere le cave. Nel frattempo, questo si è fortunatamente realizzato. Se il giovane capo dell'azienda dell'Algovia Kremer Pigments parte oggi per un viaggio, porterà tonnellate di pietra o terra colorata ad Aichstetten, nella profonda provincia sveva. Perché il 37enne fotografo formatosi è affascinato da ciò che si può fare come suo padre, il fondatore dell'azienda, Georg Kremer, 72 anni, fondatore dell'azienda: pigmenti di colore.

"La nostra specialità è la produzione di pigmenti, alcuni dei quali sono stati dimenticati per secoli, a partire da materie prime come terra, pietre, ossa, piante o minerali", spiega David Kremer, che oggi gestisce l'attività insieme al padre. Pigmenti ambiti da artisti come il tedesco Anselm Kiefer o musei come il Guggenheim di New York, il Getty Research Institute di Los Angeles, il Louvre francese, il Prado spagnolo e i musei della Pinacoteca di Monaco.

Questa lucrativa idea di business è nata piuttosto per caso. A metà degli anni Settanta, un mio amico restauratore cercava un blu specifico per la rappresentazione del cielo in una chiesa medievale inglese. Un blu che l'industria, che si concentrava sulle vernici chimiche, non produceva più. Georg Kremer, allora dipendente del dipartimento di chimica analitica dell'Università di Tubinga, "non aveva idea della produzione di vernici". Ma il suo interesse è stato suscitato.

Kremer ha cercato nei libri e ha trovato una ricetta del 1820 per lo "smalto" usato dai pittori barocchi. Questo pigmento può essere ottenuto da vetro di cobalto colorato di blu intenso. Più fine è il vetro è macinato, più pallido risulta il tono del colore. Nella sua cantina, trasformata in laboratorio, il dottore in chimica si occupava della produzione dei pigmenti di smalto. Con successo. Il pigmento di colore si integrava perfettamente con la sacra volta celeste.

La rete del restauratore fu presto informata che a Tubinga c'era un chimico che amava approfondire la produzione di pigmenti storici. In realtà, Kremer aveva acquisito il gusto per lo smalto attraverso la produzione di smalto. "Mio padre ha fatto un viaggio per dipingere", dice David Kremer. Ha giocherellato con i pigmenti di colore che pensava di aver dimenticato e ha visitato tutte le fiere importanti d'Europa con una piccola valigia piena di pigmenti. L'hobby della cantina è diventato un'azienda.

Kremer 2

Nel 1977, il chimico fondò la Kremer Pigments con circa 25.000 marchi di capitale. Per i primi 15 anni, l'azienda era composta solo dal fondatore e da due dipendenti. Oggi conta quasi 50 dipendenti, due uffici commerciali a New York e Monaco di Baviera e un fatturato di circa quattro milioni di euro all'anno. "Con un tasso di crescita annuale del cinque per cento", dice David Kremer. "Tutto finanziato con risorse proprie, senza un solo prestito bancario".

Le vendite sono divise quasi equamente tra la Germania e gli altri paesi, guidati dagli Stati Uniti, poi Francia, Italia, Inghilterra e Svizzera. Inizialmente la gamma di prodotti si adattava ad una pagina del catalogo, ma oggi comprende 260 pagine con circa 6000 prodotti. "Tuttavia, produciamo solo noi stessi ciò che non possiamo comprare con una migliore qualità sul mercato", spiega David Kremer. Ad esempio, degli oltre 1500 pigmenti, circa 250 sono prodotti a mano nel nostro impianto di verniciatura. Kremer vende anche pigmenti moderni, prodotti sintetici, oltre a vecchie vernici e olii, resina sintetica, leganti e solventi, utensili, pennelli e letteratura specializzata. "Ma naturalmente la produzione interna è il nostro punto di forza".

Soprattutto per quanto riguarda la conservazione dei monumenti, il restauro e la pittura sofisticata, i clienti non accettano compromessi. Poi è d'obbligo una visita al leader mondiale del mercato in questo ristretto segmento. Le materie prime provenienti da tutto il mondo vengono macinate, setacciate, raschiate o filtrate qui in un elaborato lavoro manuale per ottenere polveri di pigmenti fini.

Dagli anni Ottanta, la manifattura è di casa in un mulino per cereali del XVII secolo ad Aichstetten. A quel tempo il mulino malato è stato ristrutturato con l'aiuto di tutta la famiglia, l'Aitracher Mühlbach che scorre sotto la casa principale è stato pulito e la turbina di 100 anni fa è stata rimessa in funzione.

Oggi riforniscono l'azienda di elettricità. Per il processo di macinazione è stata portata ad Aichstetten anche una pressa italiana, una cosiddetta smerigliatrice a tegame, con due dischi verticali e pesanti che ruotano su una piastra di base. È qui che ora vengono schiacciati sassi e grumi di terra, come il lapislazzuli che è stato estratto in Afghanistan per 8000 anni. "I nostri esploratori locali stringono le mani sopra la testa quando sentono che stiamo polverizzando le preziose pietre semipreziose".

Il pigmento estratto dalla gemma è stato chiamato dagli imprenditori "Fra-Angelico Blue", dal nome del pittore rinascimentale fiorentino. Un chilo di questo pigmento costa circa 16000 euro. Sebbene la produzione interna rappresenti solo una piccola parte della gamma di prodotti, il blu lapislazzuli, il rosso porpora e il verde veronese generano circa un quarto del fatturato. Il rosso porpora, prodotto da una lumaca che si trova nel Mediterraneo, è il prodotto più costoso a 2000 euro al grammo. Il nero avorio, ricavato dalle zanne degli elefanti, può essere "carbonizzato e venduto" dagli abitanti dell'Algovia solo a severe condizioni imposte dal consiglio regionale del Baden-Württemberg. Un grammo per 5,70 euro, "non proprio costoso", ma esclusivo. "In realtà, solo noi lo facciamo. In tutto il mondo".

Grazie ai buoni rapporti con la concorrenza, anche nella produzione di vernici chimiche, l'Allgäuer può oggi servire i suoi circa 200.000 clienti elencati per corrispondenza con tutto ciò che un artista o un restauratore desidera. L'ordine più grande è stato quello dei pigmenti per la cosiddetta Cappella Sistina del XXI secolo, il dipinto del soffitto della Sala dei diritti umani dell'ONU di Ginevra, completato nel 2008. "All'epoca vendevamo tonnellate di pigmenti", ricorda soddisfatto il giovane capo, anch'egli entrato in azienda nello stesso anno.

Kremer 3

Quando il padre, allora sessantenne, volle organizzare la successione nell'azienda, le sue sorelle, che avevano quattro e due anni più di lui, gli salutarono con la mano. Kremer, che aveva appena finito gli studi di fotografia a Berlino, è venuto ad Aichstetten con la moglie spagnola e il giovane figlio. "Per due anni, in liberta' vigilata." Aveva viaggiato alle fiere, aveva fatto lui stesso viaggi di colore, aveva scavato nelle cave, e così si era sempre "infilato un po' più in là".

Oggi padre e figlio sono "una squadra ben coordinata". Tuttavia, il senior "detiene ancora il maggior numero di quote in termini percentuali", mentre il resto è diviso tra David Kremer e le due sorelle. Anche per il capo junior la collaborazione funziona in modo sorprendentemente fluido. "Le cose si discutono con noi", sorride rilassato. Ha deciso "di modernizzarsi lentamente e di non fare cambiamenti rapidi e radicali".

Una chiara divisione dei compiti tra padre e figlio "non ne avrebbero bisogno". Il padre ha costruito la biblioteca specialistica di 4000 volumi, è molto bravo a dissotterrare "vecchie ricette" e la forza del figlio sta più nella comunicazione esterna e nel commercio di materie prime. "Mi piace molto." Il passaggio di testimone finale è un argomento? No, "mio padre può lavorare qui tutto il tempo che vuole", dice il giovane capo con un occhiolino. Anche in questo caso, gli svevi si affidano al dialogo invece che al confronto.

L'attuale pandemia dimostra quanto sia creativa e adattabile l'azienda. "Anche se abbiamo dovuto chiudere i negozi di Monaco e New York, stiamo facendo ottimi affari con i solventi". Anche i set di partenza per acquerelli e vernici a olio, lanciati l'anno scorso a circa 70 euro ciascuno, si stanno dimostrando a prova di crisi.

"Ci consideriamo un fornitore di conoscenze in questo mercato in crescita", spiega Kremer. Con i set, composti da tre diversi pigmenti, legante, strumenti e istruzioni, i profani interessati possono mescolare i colori da soli. Il Creative Impulse Award 2020, presentato a Creativeworld, la principale fiera internazionale per il mercato creativo, sottolinea il fatto che Kremers è in linea con le ultime tendenze.

Altre idee per il futuro? David Kremer pensa a qualcosa, si alza e va a prendere tre bottigliette con i pigmenti. Verde chiaro, beige sabbioso, rosso opaco. Aveva visitato il pittore di paesaggi Peter Land in Islanda. Nella parte occidentale dell'isola, vicino al vulcano Snaefellsjökull, avrebbe trovato questi tre bellissimi colori della terra a metà estate. "Esistono solo lì. In tutto il mondo ci sono ancora molti posti così. Devo solo attraversare il mondo ad occhi aperti" ®.

Autore:Mariella Farmer

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media