• Dr. Günter Kast

Cargo chic.

22 Wong 1

Imprenditorialità. La famiglia Wong di Papeete, Tahiti, ha sviluppato un modello di business molto speciale per necessità. La loro Compagnie Polynésienne de Transport Maritime unisce la navigazione passeggeri e quella merci, dirigendosi verso due destinazioni insolite nel Pacifico del Sud: le remote Isole Marchesias, dove è sepolto il pittore Paul Gauguin. E l'isola di Pitcairn, dove un tempo si nascondevano gli ammutinati del "Bounty" e dove vivono ancora oggi i loro discendenti.

Come ogni volta che l'"Aranui 5" è pronto a lasciare il porto di Papeete, Philippe Wong, nato nel 1972, sale a bordo lui stesso prima che le linee vengano rilasciate.

Il CEO della Compagnie Polynésienne de Transport Maritime (C.P.T.T.M.) accoglie gli ospiti abituali, mentre le gru girano sul ponte di prua. Questa volta si tratta di 1400 tonnellate.

"Questo è vicino al nostro record di 1600 tonnellate", spiega Wong. Ciò sottolinea l'efficacia del suo modello di business. Perché la "Aranui" non è una nave da crociera ordinaria.

Se volete sapere come è nata questa combinazione di trasporto passeggeri e merci, dovete guardare indietro nel tempo. Nel 1924 l'adolescente Wing Wong di Papeete salì a bordo di una goletta. Veniva da un villaggio della provincia cinese di Canton e voleva fare fortuna a Tahiti, proprio come avevano cercato di fare il fratellastro e i cugini.

Ma non è stato facile. Nei territori francesi d'oltremare, gli immigrati del Regno di Mezzo non sono stati accolti a braccia aperte. Molti diritti fondamentali sono stati negati. E così Wing Wong e sua moglie Yong Tai hanno impiegato parecchio tempo per aprire un negozio di generi alimentari nel centro di Papeete. Per rilanciare l'attività, hanno previsto di commerciare con l'arcipelago di Tuamotu, un gruppo di atolli 400 chilometri a nord-est di Tahiti. I Wong volevano fornire beni coloniali e tornare con copra e perle. Da solo: mancava una nave.

22 Wong 2

Solo nell'anno 1954 i due potevano noleggiare un caccia sottomarino, che era stato utilizzato dopo la guerra del Pacifico per la cattura degli squali, in modo favorevole. Successivamente i Wong acquisiscono il loro primo "Aranui", che viene lanciato in Nuova Zelanda. "Grande Via" significa "Aranui" in polinesiano. Potrebbe caricare 240 tonnellate e più tardi divenne il più grande esportatore di copra di Tahiti, anche in Italia e Germania. Tuttavia, Wing Wong non doveva più sperimentarlo da solo. E' morto di cancro nel 1962.

Gli anni successivi portarono luce e ombra per la famiglia. Le navi affondate, sono state comprate e rivendute. Il negozio di Papeete bruciato completamente durante un grande incendio. Le vendite di copra sono diminuite, i lavoratori portuali e gli equipaggi sono andati in sciopero. Il figlio di Wing Wong, Joseph, tuttavia, si è fatto strada e ha sempre cercato di espandersi un po' di più.

Quando trovò una nave più grande in Germania e la battezzò "Aranui 1", pensò di essere sulla strada giusta. Ma questa volta si era sforzato finanziariamente. I Wong non sono più in grado di far fronte ai prestiti, gli auspicati maggiori fatturati erano in attesa. Nella primavera del 1984 l'azienda si trovava di fronte al fallimento.

"Mio padre cercava disperatamente una via d'uscita con i suoi fratelli Ah Tin e Jules. Dopo tutto, è stato Jules a proporre l'idea", dice l'imprenditore. Jules Wong ha ricordato che in passato le navi da carico avevano portato con sé passeggeri di tanto in tanto, perché su isole remote senza aerodromi questo era spesso l'unico modo per arrivare da A a B. "L'unico modo per arrivare da A a B era quello di arrivare da A a B a B", dice. Che ne dici di offrire un passaggio più comodo per gli ospiti delle navi? E per colpire non solo i locali, ma anche i viaggiatori stranieri? Dopo tutto, il turismo nella Polinesia francese era un mercato in crescita. In questo modo gli ospiti avrebbero la possibilità di visitare isole altrimenti molto difficili da raggiungere.

La decisione è stata presa rapidamente e all'unanimità, ma i dubbi sono rimasti: I turisti si sentirebbero disturbati dalle attività di carico nei porti? Ci sarebbe abbastanza tempo per le rotte di diverse settimane della compagnia di navigazione? Apprezzerebbero davvero i luoghi e le bellezze naturali delle isole che hanno visitato?     

Specialmente l'ultimo punto era il mal di testa per i Wong. Dopo tutto, i Tuamotus e i loro atolli piatti, importanti per il trasporto merci, erano nel migliore dei modi di interesse per i subacquei.

Gli imprenditori hanno preso una decisione rischiosa e di vasta portata. In futuro chiameranno invece le sei isole abitate del Gruppo Marchesiano con le loro montagne in forte ascesa, a 1600 chilometri a nord-est di Tahiti. È lì, su Hiva Oa, che il pittore Paul Gauguin giace sepolto. Lì si è conservata una cultura polinesiana indipendente con danze e rituali arcaici. E lì i turisti vedrebbero i tiki - figure di pietra e legno - le cui dimensioni sono superate solo dai Moai sull'isola di Pasqua.

Allo stesso tempo, i Wong volevano investire in cabine più confortevoli e sale comuni più spaziose sulla nave successiva - l'"Aranui 1" aveva posto solo per 24 ospiti in quartieri piuttosto spartani. Cosa posso dire: "Il progetto di legge si è risolto", dice Philippe Wong oggi con una risata. L'"Aranui 2" aveva già 36 cabine per 90 passeggeri, mentre l'"Aranui 3", commissionato nel 2003, aveva già più del doppio delle cabine e fino a 200 ospiti.

I Wong introdussero il marchio "Aranui Cruises" per commercializzare le loro attività di crociera. Sono stati promossi in particolare mercati importanti come Francia, Germania, Stati Uniti e Australia. Mentre "Aranui 1" e "Aranui 2" hanno generato ancora più del 50% delle loro vendite con il trasporto merci, "Aranui 3" ha generato solo dal 30 al 35%. Il settore passeggeri è diventato sempre più il pilastro portante.

22 Wong 3

Tuttavia, la nave non attirava i tipici crociati: troppo poco lusso, niente cene glamour da capitano. Il turingia Jörg Nietzsche, che lavora come guida turistica sull'"Aranui" da dodici anni, dice: "Nei primi anni abbiamo avuto a bordo soprattutto viaggiatori individuali e zaino in spalla che volevano realizzare il loro sogno del marchesiano. Le cabine erano semplici, come ci si aspettava da una nave da carico. Direi che altrimenti il 95% di questi clienti non avrebbe mai viaggiato in gruppo". Nel frattempo, però, il pubblico è cambiato drasticamente. "Gli ospiti tendono ad essere più grandi, in media intorno ai 65 anni". Per il reparto marketing è una sfida gestire correttamente le aspettative. "Gli ospiti più giovani devono accettare il fatto che probabilmente saranno circondati da compagni di viaggio molto più anziani. E gli anziani devono sapere che il codice di abbigliamento è ancora molto informale - pantaloncini e pantofole per la cena non sono una violazione del galateo. Ma il pubblico non può aspettarsi un lusso neanche per quello".

E' sorprendente che i Wong, con le loro radici cinesi in particolare, non possano approfittare del boom turistico in Cina: "I viaggiatori cinesi hanno senza dubbio scoperto da soli le crociere. Ma vogliono grandi vasi con casinò, grande divertimento e molte opportunità di shopping", spiega il CEO Wong. "Non possiamo e non vogliamo tenere il passo." L'"Aranui 5", che è stato lanciato alla fine del 2015 - non c'era il "4" perché è un numero sfortunato in Cina - accoglie 254 ospiti in 103 cabine. Può trasportare 2500 tonnellate di merci e 700 metri cubi di carburante ed è la nave più confortevole dei Wong ad oggi. La famiglia ha dovuto investire 38 milioni di euro. La nave è stata finanziata con prestiti bancari, ma anche con sovvenzioni e agevolazioni fiscali da parte del governo regionale di Tahiti - e infine anche da Parigi. "L'indipendenza di Tahiti dalla Francia, voluta da alcuni gruppi politici, sarebbe per noi una catastrofe economica", precisa Philippe Wong.

Oggi, gli armatori cinesi godono di un'ottima reputazione tra la popolazione cinese. Per i Marchesi, sulle cui sei isole abitate non vivono nemmeno 10000 persone, l'"Aranui" è qualcosa come il cordone ombelicale del mondo. La gente del posto ha anche la possibilità di vendere souvenir e artigianato ai turisti. I viaggiatori mangiano nei loro ristoranti e prenotano safari in jeep, fanno immersioni o snorkeling. L'equipaggio, invece, aumenta le scorte di cibo fresco nelle città portuali e sostiene così i pescatori e gli agricoltori locali.

Circa 20 volte all'anno le isole sono chiamate "Aranui". I Wong concedono quasi sempre passaggi gratuiti per sostenere competizioni sportive o eventi culturali. Questo servizio è importante perché le oltre 100 isole della Polinesia francese sono distribuite su un'area delle dimensioni dell'Europa occidentale e i voli interni sono molto costosi.

L'"Aranui", che sventola la bandiera francese, è popolare anche perché impiega quasi esclusivamente polinesiani. Questi lavoratori sono più cari dei filippini, per esempio. Ma gli ospiti apprezzano molto lo stretto contatto con l'equipaggio locale. "Dai sondaggi sappiamo che questo è anche il nostro USP più importante", spiega il capo. L'equipaggio pratica danze locali con i turisti, ci sono cene comuni e serate karaoke, occasionalmente si beve una birra insieme al bar, casualmente e casualmente come sempre.

La vita imprenditoriale potrebbe quindi essere molto rilassata per la famiglia Wong - se non fosse per i nuovi concorrenti che ora competono con gli "Aranui". Anche le navi di lusso di Paul Gauguin Cruises e Silversea Cruises, ad esempio, si dirigono verso le Marchesi, ma senza carico a bordo. E naturalmente è possibile noleggiare privatamente barche a vela e catamarani per vivere il mondo insulare della Polinesia in modo molto individuale.

Per offrire ai loro ospiti abituali qualcosa di nuovo, i Wong hanno fatto il loro primo viaggio a Pitcairn, il più piccolo territorio d'oltremare britannico del mondo, in due viaggi speciali nel 2019.

L'isola è remota nel Sud Pacifico, lontana dalle importanti rotte di navigazione e senza aeroporto. Tuttavia, l'isola è famosa in tutto il mondo: nel gennaio 1790 il "ammutinamento del Bounty" finì qui. L'equipaggio della nave mercantile dirottata l'ha deliberatamente messa a terra al largo di Pitcairn per stabilirsi definitivamente sull'isola finora disabitata. La nave è stata incendiata al largo della costa in modo che nessuno in mare potesse prevedere il nascondiglio dei mutuatari.

Oggi a Pitcairn vivono solo 50 persone - quasi tutti discendenti dei leggendari ammutinati e dei loro membri dell'equipaggio polinesiano. Più di 200 anni dopo, gli "Aranui" vi ormeggiarono per la prima volta il 14 gennaio 2019. "Eravamo tutti un po' eccitati", ricorda Philippe Wong. "Perché la manovra di atterraggio è possibile solo quando il mare è calmo. Il piano B sarebbe stato usato se il moto ondoso fosse stato alto e le onde grandi".

Un'opzione sarebbe stata quella di portare a bordo alcuni dei discendenti degli ammutinati per le trattative. In ogni caso, i passeggeri dovrebbero immergersi nella storia dell'isola e farsi un'idea della vita di oggi in questo remoto avamposto.

E' ancora emozionante e un po' spaventoso quando fino a 254 crociati incontrano qualche decina di isolani. Wong rivela, tuttavia, che la nuova rotta sarà accompagnata da un altro, molto più grave cambiamento nel modello di business: sta costruendo una nuova nave, che si chiamerà "Aranui 6" o "Aranui Explorer". "E' essere una nave passeggeri pura. "Per la prima volta non ci sarà più carico."

La nave sarà esclusivamente sulla rotta meridionale per Pitcairn e farà scalo anche nell'arcipelago di Gambier, che appartiene alla Polinesia francese e per il quale i Wong non avrebbero comunque una licenza di trasporto merci. La famiglia ha discusso a lungo e intensamente di questo passo, dice Wong. Solo un membro del consiglio di famiglia non ha voluto dire addio al carico e ha detto che il carico dei container è parte integrante di un viaggio sull'"Aranui", di cui nessun passeggero vorrebbe fare a meno.

Alla fine, tutti erano d'accordo. La nuova nave sarà alimentata per la prima volta da motori elettrici per togliere il vento dalle vele della crescente critica al settore crocieristico come peccatore ambientale e "booster" del cambiamento climatico.

E l'"Aranui 5" continuerà a servire la rotta settentrionale verso le Marchesias. "In futuro avremo quindi due navi in funzione contemporaneamente", conferma il capo della società. Osa assumere il nuovo "doppio fardello": "Sono ancora giovane", dice con un occhiolino. Pensa ad un successore più tardi. Lui rivela solo così tanto: ci sono potenziali candidati. Ha un figlio con l'attuale moglie, e altri due discendenti sono di ex mogli. "C'è molto potenziale imprenditoriale.         

_________________________________

Con la nave da carico nei mari del sud.

// Informazioni generali

Tahiti Turismo: https://tahititourisme.de

// Arrivo

A Parigi (CDG), poi con Air Tahiti Nui (www.airtahitinui.com) via Los Angeles a Papeete su Tahiti. Registrazione ESTA richiesta per gli USA. I passaporti sono sufficienti per l'ingresso nella Polinesia francese.

// Organizzatore

www.aranui.com - Nell'aprile 2020 ci sarà un altro viaggio speciale a Pitcairn e all'arcipelago di Gambier. I prezzi per i viaggi standard di quasi due settimane partono da circa 5600 euro a persona in una suite premium con balcone (occupazione doppia), con un supplemento del 15% per la tratta Pitcairn.

// Programma di follow-up "Il Brando

Da Papeete, a soli 25 minuti in piccolo aereo si raggiunge l'atollo Tetiaroa, dove si trova il resort di lusso ecologico The Brando (www.thebrando.com). Marlon Brando si è innamorato dell'isola durante le riprese di "Mutiny on the Bounty", ha vissuto qui più tardi in un semplice alloggio e ha invitato buoni amici come Robert De Niro o Quincy Jones. Brando non ha vissuto per vedere l'apertura del resort nel 2014. E' morto nel 2004, ma se vuoi, puoi andare a pescare a mosca con il figlio di Brando, Teihotu, o farti mostrare l'isola da tua nipote Tumi. Prezzi a partire da 3300 euro più le tasse al giorno per una villa.

// Media

Rosemarie Schyma: "Mari del Sud", guida turistica DuMont, 2017

Robert Louis Stevenson: "Nei mari del sud", Casa editrice Belle Époque, 2017

Wolfgang Pistol: "Sulle tracce degli ammutinati del Bounty: Viaggi nei mari del sud verso l'isola di Pitcairn e Tahiti", 2016

_________________________________

®

Autore: Dr. Günter Kast

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media