• Cornelia Knust

Condizioni estreme.

Print Friendly, PDF & Email

Bauer Malediven Bayat2 editCampione nascosto. Quando ci si immerge, si ha bisogno di aria pulita e sicura. Il produttore di compressori Bauer di Monaco di Baviera è considerato il leader di mercato e l'asso del settore. Una donna di terza generazione lo guida attraverso un ambiente sempre più ostile.

Il foro nel ghiaccio ha un diametro di un solo metro e uno spessore di un metro e mezzo. Sotto: 4000 metri di oceano. Temperatura dell'acqua meno 1,8 gradi, temperatura esterna meno 30. Ulrich Freier, assicurato con una corda, indossa una tuta speciale, una maschera facciale con due attacchi respiratori, la bombola subacquea sulla schiena, la pompa al plancton in mano, a scelta la cinepresa. Ora si tuffa, vede dal basso il pazzo paesaggio di ghiaccio formatosi dal basso, la luce sferica, vede il krill: nuvole di piccoli esseri viventi cancerogeni, cibo per foche e balene e ragione di tutto lo sforzo che si fa qui.

Inverno in Antartide. Un team di 50 ricercatori in missione di diverse settimane sul tema del cambiamento climatico e della catena alimentare. Sul ponte di poppa dei "Polarstern", i loro rompighiaccio, sono i compressori Bauer. Riempiono i serbatoi dei subacquei con aria compressa a 300 bar. Aria molto secca in modo che i regolatori non congelino in questo freddo. Aria molto pulita in ogni caso: il monossido di carbonio della propulsione della nave non deve perdersi nel riempimento della bombola e, in caso contrario, il compressore deve spegnersi immediatamente.

"Passiamo regolarmente da due a tre mesi in un'area che in realtà non è accessibile, all'interno di una gigantesca corrente oceanica, in condizioni estreme", ha detto Freier, 55 anni, biologo con dottorato. "I compressori devono essere estremamente affidabili e offrire un'eccellente tecnologia di filtraggio. Bauer è il fornitore leader a livello mondiale, e per molto tempo non è successo nulla dopo Bauer in competizione".

Freier, che ha già tenuto una conferenza sul cambiamento climatico presso la sede aziendale di Geretsried in Alta Baviera, elogia i compressori Bauer non solo perché sono fatti su misura per la sua missione e gratuiti - dopo tutto, i suoi test in condizioni estreme sono una buona pubblicità per l'azienda e anche un'espressione del suo impegno per gli oceani.

Bauer è uno di quei campioni della classe media globalizzata e guidata dalla tecnologia che adornano la terra degli ingegneri. 280 milioni di euro di fatturato del gruppo, 1200 dipendenti, leader mondiale nel mercato dei compressori subacquei con quasi il 70 per cento di quota di mercato e anche nel settore dei compressori nella sua classe di prestazioni a seconda del settore numero uno a tre. Un'azienda di famiglia come un libro illustrato, allo stesso tempo conservatore e innovativo, con un sacco di sentirsi a proprio agio nel mondo del lavoro, come il motto aziendale "Qualità. Il nostro DNA".

Nel mondo che lo circonda: la crescente concorrenza dell'Estremo Oriente, le crisi politiche, la regola degli algoritmi. La difficoltà: un ampio e complesso portafoglio prodotti per un'ampia varietà di industrie, produzione di linee di assemblaggio accanto alla costruzione di impianti, clienti importanti accanto a clienti molto piccoli. Non banale: la battaglia per i migliori dipendenti, gli ingegneri e gli operai di maggior talento.

La terza generazione deve gestire il rapido cambiamento. Dopo Hans Bauer, il fondatore, e Heinz Bauer, il carismatico capo senior, l'azienda è ora gestita da una donna.

Monika Bayat, Bauer, 48 anni, ha un dottorato in storia dell'arte, ma ha anche studiato economia aziendale. Ha anche sposato un ingegnere con esperienza nel settore informatico: Philipp Bayat, 57 anni. Soprattutto, però, ha avuto un'infanzia tipicamente imprenditoriale: domande aziendali al tavolo della colazione, stringere la mano alla festa di Natale, lavoro natalizio, stage.

Bauer1

Monika Bayat inizialmente accompagnava il padre in viaggio d'affari. Nel 2002 ha iniziato come sua mano destra in azienda. Ciononostante, c'era un certo scetticismo sull'approccio al ruolo imprenditoriale. "Ho visto fin da piccola come la vita di mio padre sia dominata dal suo lavoro", dice. Mancavano anche modelli di ruolo incoraggianti: "Le donne come imprenditrici e forse allo stesso tempo le madri sono poche e lontane nell'ingegneria meccanica".

Tuttavia, ha fatto il passo dopo il dottorato. Uno non poteva fare a meno dell'altro, questa era la condizione. Coloro che vogliono realizzare un profitto in famiglia devono anche lavorare per essa: "Il ruolo del partner puro non era destinato a noi figli", ha detto Bayat.

Nel frattempo lei stessa ha tre figli e può leggere nella ricca lista del "Manager Magazin" quanto sia ricca. Padre Heinz, 78 anni, che ha rilevato l'azienda dal padre negli anni '70, gliela ha consegnata nel 2012. L'anziano è ancora costantemente sulla strada in fabbrica e probabilmente non lo lascerà andare finché è sano. Tuttavia, la figlia e il marito sono responsabili della gestione della holding.

Entrambi lodano Heinz Bauer: "Mio padre è molto diplomatico e ancora una forte fonte di idee", dice sua figlia. "Tutti e tre abbiamo un buon rapporto armonioso." E suo marito, responsabile del controllo e delle vendite dell'azienda, concorda: "Ho grande rispetto per mio suocero. Il fatto che non ci convinca che non ci convincerà è in realtà atipico per un imprenditore purosangue. E che ha rinunciato al 100 per cento delle azioni in un colpo solo..... rispetto".

Monika Bayat ha scelto la finanza e il marketing come sua sfera di attività, e una villa in stile Art Nouveau sulle rive dell'Isar a Monaco di Baviera come suo ufficio.

In costume bianco, la donna d'affari riceve gli ospiti ad un tavolo da riunione molto spazioso sotto il soffitto con stemma.

L'estetica le sembra importante anche nel lavoro all'esterno di Geretsried. La mensa è stata progettata dall'interior designer Design-Funktion di Monaco di Baviera: con mobili alla moda, isolamento acustico e illuminazione discreta. Sulla parete una foto del capo anziano, ingegnosamente assemblata da minuscoli ritratti dei dipendenti. Nella zona ospiti separata c'è una foto di grandi dimensioni della coppia di imprenditori con il padre.

Mentre camminiamo attraverso la produzione, diventa chiaro che Bauer fa quasi tutto da sé - un'azienda altamente integrata.

"Solo così possiamo controllare la qualità dei prodotti e garantire tolleranze di produzione soddisfacenti", afferma Monika Bayat. "La tecnologia di produzione è per noi una competenza fondamentale", cita Philipp Bayat il suocero. Solo in questo modo, non c'è dubbio per la coppia di imprenditori che l'alta affidabilità dei propri prodotti è possibile.

Nel reparto di lavorazione dei metalli del fornitore interno "Uniccomp", i migliori blocchi compressori fresati vengono prodotti in varie dimensioni. Poi arriva il capannone per la produzione di compressori a pistoni: montaggio, collaudo, stoccaggio. Ci sono un sacco di lavoro manuale, alcune isole di produzione, alcuni robot. Il blocco compressore diventa una macchina: tubi flessibili, valvole, comandi, comandi, raffreddamento, filtri, indicatori di pressione trovano il loro posto. Intorno ad esso c'è una pelle metallica di colore blu o giallo, con una serie più recente una conchiglia elegantemente grigia.

Ruota sempre intorno alla compressione di aria o gas fino ad una pressione di 500 bar, anche 1000 bar è possibile, se necessario. Questa compressione avviene in più fasi utilizzando pistoni e cilindri disposti in cerchio. In alternativa, l'aria può anche essere compressa con due viti ad incastro - in un compressore a vite. Tecnicamente, in entrambi i casi è impegnativo come con un motore. Il calore di attrito deve essere raffreddato con acqua o aria, la condensa deve essere separata dall'acqua e dall'olio. Anche la lubrificazione delle parti mobili dovrebbe sempre funzionare nonostante le più piccole tolleranze.

La gamma di prodotti è impressionante. Si va dalla pratica attrezzatura per le stazioni subacquee, le stazioni dei vigili del fuoco o i garage alle grandi attrezzature per le navi e le piattaforme petrolifere. Nel mezzo, ci sono innumerevoli applicazioni industriali in vari settori industriali. Bauer è in grado di fornire anche stazioni di rifornimento complete di gas naturale.

Quasi il 90 per cento del business proviene dall'estero. Una rete insolitamente ampia di filiali e centri di assistenza copre tutto il mondo. Nei grandi mercati di clienti come USA, Cina e India, ci sono altre linee di assemblaggio per i compressori: da un lato per garantire che possano sempre essere consegnati rapidamente, e dall'altro perché le autorità rendono obbligatorie alcune porzioni di produzione locale e standard di prodotto speciali.

Ma il cuore della produzione batte a Geretsried, una piccola città nel paesaggio da libro illustrato a est del lago di Starnberg vicino a Monaco di Baviera, il luogo disegnato dalle fabbriche di esplosivi dell'ultima guerra mondiale e dagli insediamenti sfollati subito dopo. Qui Bauer recluta coraggiosamente apprendisti tra i diplomati locali e li forma personalmente nell'"Accademia Bauer". Qui si spera di ottenere un piccolo pezzo di area commerciale per un'ulteriore espansione, prima che il sindaco lascia che tutto si riempia di edifici residenziali, perché in questa regione i prezzi esplodono.

Tutto ebbe inizio nel 1946 nel salotto di Hans Bauer a sud di Monaco: la città fu distrutta, i sopravvissuti affamati. Bauer, ex ingegnere della fabbrica di motori di Sendlinger, figlio di un fabbro e costruttore di macchine agricole, fonda un'officina. Il primo piccolo compressore fu progettato per trattori che riordinavano le rovine e poi avevano con sé il martello pneumatico. Dopo di che, secondo la cronaca dell'azienda, i compressori da costruzione erano il grande business.

Con sempre maggiore successo, sempre più parti dell'edificio residenziale Bauer sono state ridedicate. L'Alpinum doveva cedere il passo, così come il resto del giardino. Nel 1954, una parte interessata svizzera ha ordinato una grande partita di compressori ad alta pressione per lo sport subacqueo per un cliente degli Stati Uniti, termine di consegna di un anno. Si trattava di uno sviluppo completamente nuovo e di una grande sfida tecnica. La lubrificazione dell'ultimo stadio del compressore in particolare ha causato problemi.

Per finire, il cliente è saltato fuori dall'America. Tuttavia, nel 1956 Bauer consegnò il primo modello con il nome "Utilus" (dopo la parola latina "utilis" per utile), che allo stesso tempo sta per il motto "I nostri subacquei hanno sempre aria e sicurezza". Che stabiliscono uno standard, creano un marchio. Figure di culto come Hans Hass e Jacques Cousteau avevano una cosa in comune con le loro navi Xarifa e Calypso: i compressori Bauer a bordo.

Le vendite hanno superato la soglia del milione. Non potevo piu' farlo in garage. Negli anni '70, il trasferimento in una sede più grande a Monaco di Baviera portò alla liberazione e preannunciò la successiva fase di espansione sotto Heinz Bauer: applicazioni industriali e una presenza internazionale. Ma anche nel nuovo posto c'era finalmente una ristrettezza opprimente. I blocchi di compressori sono stati trasferiti in un nuovo sito commerciale a Geretsried nel 2002. Quattro anni fa è seguito dal montaggio del compressore, un investimento di 15 milioni di euro.

"La sfida ora è mantenere la leadership tecnologica ed essere sempre un passo avanti rispetto alla concorrenza", spiega Monika Bayat, spiegando le sfide attuali. "Ad esempio, con il controllo dei dispositivi tramite app e connessione cloud e un dispositivo di misura integrato per la qualità dell'aria, che offre un reale valore aggiunto".

Infine, le repliche illegali provenienti dalla Cina stanno facendo scendere i prezzi, come dicono i dipendenti. Alcuni clienti acquistano a prezzi più bassi anche in Italia. "I clienti non sono più così impegnati e richiedono tempi di consegna molto brevi", afferma Bayat. Dobbiamo occuparci delle sanzioni, delle fluttuazioni dei tassi di cambio sui mercati dei capitali, come la recente svalutazione della lira turca, della guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina e, naturalmente, di Brexit.

C'è anche la necessità di ottimizzazione all'interno dell'azienda stessa. La clientela è eterogenea, le varianti della già ampia gamma di prodotti sono ampie. "Ecco perche' ci servono volumi piu' alti. La modularizzazione è all'ordine del giorno", dice Philipp Bayat: più parti identiche da cui vengono poi creati prodotti personalizzati. E la digitalizzazione, cioè il controllo dell'intera catena del valore con la moderna tecnologia informatica. Il dipartimento del personale non cerca più solo ingegneri di sviluppo e maestri nella fresatura CNC, ma anche esperti di software.

Philipp Bayat, già in SAP, è nel suo elemento: "Stiamo portando il nostro software aziendale completamente nel cloud come parte del processo di digitalizzazione. Ci stiamo impegnando per un'integrazione funzionale di ERP, PLM, e-procurement, CPQ, CRM e webshop come unica fonte di verità".

Tradotto, questo significa approssimativamente: tutti i mezzi di produzione, le singole fasi di produzione, le parti dei fornitori, la preparazione dei preventivi, la comunicazione con il cliente, le vendite via Internet devono essere coordinate con l'aiuto di un unico software e gestite come un database affidabile. E non sui propri computer, ma su server farm esterne.

"Collegando l'intera catena del valore, possiamo offrire tutti i nostri prodotti, da un compressore portatile per aria respirabile a una complessa stazione di rifornimento di gas naturale, ai nostri rivenditori e partner attraverso il web shop, riducendo così in modo significativo i nostri costi di processo e di vendita", continua Bayat. Un tour de force, una ricostruzione totale.

Bauer3

Bauer si avvicina a questi cambiamenti da una posizione di forza. Questo perché l'azienda a conduzione familiare è ancora in netto vantaggio rispetto alla concorrenza internazionale. "Ho lavorato nelle stazioni subacquee di tutto il mondo, c'è un compressore Bauer ovunque", informa Alexander Hermann, amministratore delegato di Sub Sea, un rivenditore di sport acquatici con negozi a Stoccarda, Francoforte sul Meno e Monaco di Baviera. "Il prezzo di questi dispositivi è certamente più simile a una Mercedes che a una Polo, ma funzionano in modo affidabile e vengono riparati il più rapidamente possibile in caso di dubbio. Come fornitore di sport subacquei, non posso semplicemente scendere a compromessi", spiega Hermann.

Alla domanda sulla sua strategia di crescita, Monika Bayat risponde in modo piuttosto conservativo: "Identificare tendenze e nuovi segmenti di mercato, scoprendo applicazioni per le quali è possibile utilizzare anche i compressori.

Parla di idee per una maggiore sicurezza e protezione ambientale nel campo del fracking negli Stati Uniti. Oppure da nuovi clienti delle catene di supermercati francesi che vogliono trasformare le merci deteriorate in biogas per il proprio parco automezzi.

Non c'è bisogno di innervosirsi a causa di una quota di capitale proprio superiore al 60 per cento - un valore elevato che spesso si verifica nelle aziende gestite dal proprietario. Bayat non vuole diventare dipendente da banche o investitori. "Questo è importante per me. Vogliamo rimanere un'azienda di famiglia", dice con voce ferma.

La donna in costume bianco cita Gustav Mahler. Non vuole "adorare le ceneri, ma trasmettere il fuoco" ai bambini ancora piccoli. "Durante gli incontri con i clienti e le visite in fabbrica, devono fare un discorso spontaneo", riferisce la madre orgogliosa. Avevano già completato un corso di formazione sui compressori.

Ricercatori come Uli Freier contano su questa nuova generazione. Perché il suo lavoro in Antartide ruota attorno al futuro di questi bambini, al riscaldamento e all'acidificazione degli oceani, forse rompendo le catene alimentari in mare quando i crostacei krill non riescono più a svernare sotto il ghiaccio. "Erano ore molto commoventi da Bauer", dice Freier della sua conferenza. "Quello che la politica ama ignorare ha toccato molto queste persone nella pianta. Raramente ho ricevuto richieste così entusiastiche". ®

Autore: Cornelia Knust

Foto: BAUER // Bettina Theisinger // Y-40

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media