How to earn it

  • Gerd Hübner

Una volta la Cina e ritorno.

DSC04927 Arne WEBER and Fan YANG outside the production lines. Photo by Faye LiangStrategia di espansione. Arne Weber e sua moglie Fan Yang hanno costruito con successo un'azienda tecnologica in Cina. Per accelerare la crescita, l'imprenditore sta ora rivolgendo la sua attenzione al suo paese d'origine. Un emozionante viaggio avventuroso tra diverse culture e strutture aziendali si avvia verso un lieto fine.

Continua a leggere

  • Hanns J. Neubert

Tutto sul banco di prova.

Risiko shutterstock 275012546Rischi climatici. Il cambiamento climatico causato dall'uomo sta portando a forti piogge, inondazioni, tempeste sempre più forti e ondate di calore in tutto il mondo. È ora che le aziende si preparino.

Continua a leggere

  • Dr. Günter Kast

Single Malt - maturato per 30 giorni.

Bespoken Stu and Martin 2Innovazione. Con la loro azienda Bespoken Spirits, Martin Janousek (nella foto sopra, a sinistra) e Stu Aaron producono whisky ad alta prova in un processo veloce e tuttavia si lasciano alle spalle decenni di invecchiamento in botte nelle degustazioni alla cieca. Questo potrebbe rivoluzionare il mercato del whisky - non necessariamente a scapito delle distillerie affermate.

Continua a leggere

  • Yvonne Döbler, Sabine Holzknecht, Hanns-J. Neubert

Missione Innovazione.

weltretter aufmacher

Salvatore del mondo. Per vincere la lotta contro il cambiamento climatico, il mondo dipende da nuove idee. La scena delle start-up è in pieno boom, gli investitori d'impatto stanno fornendo capitale. Dieci storie di imprenditori che stanno facendo la differenza.

Se l'umanità vuole avere una possibilità di raggiungere gli obiettivi climatici, deve contare sull'inventiva degli imprenditori. Perché, secondo l'Agenzia Internazionale dell'Energia, quasi la metà delle riduzioni di emissioni necessarie entro il 2050 dovranno essere raggiunte attraverso tecnologie che attualmente esistono solo sulla carta.

Mission Climate è una missione innovativa. "E stanno succedendo molte cose in questo momento. Sempre più giovani investitori finanziano sempre più giovani imprenditori con idee innovative", analizza Andreas Rickert, CEO di Phineo, co-CEO dell'investitore d'impatto Nixdorf Kapital e membro dei consigli di sorveglianza di diverse società d'investimento d'impatto: "Il mercato degli investimenti d'impatto sta decollando".

L'impatto combina un impatto sociale - la riduzione delle emissioni di CO2, per esempio - con un ritorno finanziario. Rickert attribuisce il fatto che questa idea stia guadagnando sempre più seguaci a tre fattori che si rafforzano a vicenda: "In primo luogo, il clima sociale generale. Molte persone - consumatori e investitori - sono preoccupati. Si chiedono cosa possono fare. Questo spinge i politici ad agire. Allo stesso tempo, più investitori del settore tradizionale del capitale di rischio stanno cercando aziende con impatto. E stanno trovando dei fondatori innovativi".

Uno di questi investitori d'impatto è Thomas Festerling, CFO di GreenTec Capital Partners a Francoforte. Cerca investimenti d'impatto dal 2015 e si concentra sull'Africa.

"La popolazione sta crescendo incredibilmente in fretta lì. Se non implementiamo subito un approvvigionamento energetico sostenibile in Africa, avremo lo stesso problema della Cina. Per sviluppare l'economia e la società, si bruciano sempre più combustibili fossili", spiega Festerling e conclude: "Ogni euro investito nella protezione del clima in Africa genera oggi più impatto climatico che altrove. Perché qui c'è la possibilità di saltare completamente l'età fossile".

In questo momento, ci informa Festerling, le start-up stanno spuntando come funghi anche in Africa. "Sono motori di innovazione e incubatori. Le loro idee sono poi spesso adottate da aziende più grandi". I membri della giovane generazione africana hanno ricevuto la loro educazione negli Stati Uniti o in Europa, ora tornano e vogliono fare la differenza in patria. "Sostengono con tutto il cuore le loro idee".

Per aumentare le probabilità di successo economico, GreenTec ha sviluppato un approccio (speciale) di venture-building per l'Africa. "Sosteniamo le aziende molto presto, anche prima di qualsiasi flusso di denaro. Se il progetto non funziona, possiamo rapidamente tirare la corda".

Il successo sembra dargli ragione. "Il nostro primo prodotto finanziario è stato lanciato 2,5 anni fa. Ci sono sette aziende in esso. In base alle valutazioni dei round di finanziamento successivi, siamo a un ritorno (IRR) di oltre il 30%. Certo, sono guadagni non realizzati - ma dimostra che non dobbiamo nasconderci dagli altri fondi di capitale di rischio".

"Questa è la chiave - gli investimenti a impatto sono già oggi al passo con i prodotti finanziari classici", chiarisce Rickert. E poiché le idee che possono aiutare a ridurre le emissioni si rivolgono a un mercato enorme, questo non dovrebbe cambiare.

Quando si sente parlare Rickert e Festerling, si può quasi sentire lo spirito di ottimismo. Forse non è troppo tardi dopo tutto. Nelle pagine seguenti, gli autori di private-wealth raccontano le storie emozionanti di dieci fondatori che hanno deciso di fare la differenza. Trasmettono speranza. Perché ci sono molte, molte altre menti innovative là fuori.  

                

Weltretter1

Via la CO2.

Il progresso decisivo sulla strada verso un mondo neutrale per il clima è stato raggiunto già nel 1999, quando Klaus Lackner, un fisico tedesco che ora lavora negli Stati Uniti, ha proposto per la prima volta un processo per rimuovere l'anidride carbonica dall'aria, il cosiddetto processo di cattura del carbonio. L'idea era di filtrare grandi quantità di CO2 direttamente dall'aria e immagazzinarla in serbatoi geologici.

Dieci anni dopo, questo concetto era così avanzato nella ricerca che un collega di Lackner, David W. Keith, fondò la società Carbon Engineering nella British Columbia, Canada. Nel 2010, un'altra azienda con un'idea simile è stata lanciata - Global Thermostat. Il suo co-fondatore e CEO è la matematica Graciela Chichilnisky. Il suo focus accademico è sull'economia ambientale e del benessere e sullo scambio di emissioni. È stata determinante nel formulare la sezione dello scambio di emissioni del protocollo di Kyoto delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico, che è diventato legge internazionale nel 2005. È anche uno degli autori principali del rapporto di valutazione 2007 dell'IPCC.

Due aziende, un'idea. Carbon Engineering sta progettando due enormi impianti che utilizzeranno l'energia rinnovabile per rimuovere fino a un milione di tonnellate di anidride carbonica dall'atmosfera ogni anno. L'impianto in Texas, la cui costruzione inizierà all'inizio del prossimo anno, dovrebbe essere pronto per la fine del 2024. Una seconda è in costruzione in collaborazione con la società Storegga Geotechnologies nel nord-est della Scozia e dovrebbe essere in funzione entro il 2026. Sarà quindi il più grande impianto di cattura del carbonio in Europa.

Storegga Geotechnologies prevede di produrre idrogeno dal gas naturale prodotto nel Mare del Nord. La CO2 risultante sarà catturata nell'impianto di ingegneria del carbonio e iniettata in caverne di petrolio vuote sotto il fondo del Mare del Nord attraverso gli oleodotti e i gasdotti esistenti.

Lo stoccaggio geologico dell'anidride carbonica, noto come sequestro del carbonio, è stato usato dall'industria per decenni. Più di 200 milioni di tonnellate di CO2 sono state immagazzinate con successo in serbatoi geologici in tutto il mondo finora. Tuttavia, non è stato ancora studiato a fondo per quanto tempo il gas serra rimarrà dormiente lì, sigillato. Dovrebbero essere molte migliaia di anni.

In Texas, d'altra parte, la maggior parte della CO2 filtrata è usata per il cosiddetto recupero migliorato del petrolio nel controverso processo di fracking. In questo processo, la CO2 viene iniettata nel sottosuolo per spremere ulteriore petrolio dai pozzi stagnanti. L'anidride carbonica rimane nel terreno nella speranza che si trasformi in pietra nelle condizioni geologiche del luogo. Lo svantaggio di questo metodo è che può al massimo rendere i combustibili fossili neutrali per il clima. Per il momento, questo non contribuisce molto alla necessaria diminuzione della concentrazione del gas serra nell'atmosfera.

Se l'ingegneria del carbonio ora cattura due milioni di tonnellate di CO2 all'anno, sembra molto all'inizio - ma è solo una goccia nell'oceano. Perché i ricercatori del clima suppongono che il mondo dovrà rimuovere almeno 40 miliardi di tonnellate di anidride carbonica dall'aria ogni anno entro la fine del secolo per far fronte alle emissioni residue del traffico aereo e navale, della produzione di acciaio e cemento e dell'agricoltura, che non possono essere rimosse così facilmente a costi inferiori. Sarebbero molte migliaia di aspirapolvere ad aria della scala che Carbon Engineering sta progettando. La redditività di tali impianti dipende principalmente dal costo per tonnellata di CO2 catturata rispetto al prezzo globale della CO2. Carbon Engineering non commenta i costi, anche se l'azienda è altrimenti esemplarmente trasparente nelle sue informazioni. Ma in uno studio del 2018, il fondatore di Carbon Engineering e professore di Harvard David W. Keith è arrivato a una gamma di prezzi da 94 a 232 dollari per tonnellata una volta che la tecnologia raggiunge la scala commerciale. Questo è ancora lontano dal prezzo che le aziende pagano oggi per l'anidride carbonica commerciale per i processi industriali - tra 65 e 110 dollari.

Il termostato globale funziona in modo più economico. Nel suo impianto dimostrativo a Huntsville, in Alabama, sembra essere in grado di rimuovere la CO2 per soli 120 dollari USA a tonnellata. Sarebbe veramente innovativo. Perché questo metterebbe già il prezzo nella gamma di quello che le aziende pagano oggi per il gas di anidride carbonica industriale. A differenza di altre iniziative di cattura del carbonio, Global Thermostat non ha quindi bisogno di sussidi governativi o di crediti di carbonio dal commercio di CO2 per essere economico e redditizio.

La tecnologia di Global Thermostat si basa su leganti chimici organici attaccati a nidi d'ape di ceramica porosa che agiscono come spugne di carbonio. Materiali e processi simili sono stati usati per decenni per altri scopi e hanno dimostrato di poter scalare bene.

Weltretter2

Le sostanze chimiche legano la CO2, che viene aspirata tramite grandi ventilatori, sia direttamente dall'atmosfera che dai camini delle centrali elettriche o da una combinazione di entrambi - questo è unico finora. A una temperatura relativamente bassa, da 85 a 100 gradi, la CO2 può essere eliminata con il vapore, che idealmente può essere ottenuto dal processo o dal calore residuo di altre aziende. I favi di ceramica possono poi essere ricaricati con CO2. Questo processo richiede solo vapore ed elettricità; non ci sono emissioni o acque reflue.

Visto il prezzo favorevole, non c'è da meravigliarsi che ci siano già contratti con grandi aziende come la Coca-Cola. La multinazionale delle bevande vuole utilizzare il gas per le sue bevande gassate. Anche il gigante del petrolio e del gas Exxon è a bordo. Vuole usare la CO2 per iniziare un business di carbon-to-fuel, per produrre petrolio sulla base dell'anidride carbonica.

I mercati di Global Thermostat sono quindi in tutti quei settori produttivi che già richiedono CO2. Oltre all'industria delle bevande e dei combustibili, si tratta di produttori di plastica e di materiali da costruzione, nonché di gas industriali e di impianti di desalinizzazione dell'acqua dove l'acqua pulita deve essere arricchita con carbonati che possono essere prodotti dal gas CO2.

Quindi le prospettive per l'ambiente - e le aziende - sono gigantesche. Oggi, i venture capitalist sono ampiamente d'accordo che la cattura diretta di CO2 potrebbe diventare una delle più grandi industrie del mondo entro la metà del secolo.       

®

Weltretter3

Raddoppia il rendimento.

Fotovoltaico e agricoltura - non possono lavorare sulla stessa terra? "Si può", informa Reiner Egner, CEO di Tubesolar AG: "Verdure, lattughe, pomodori, peperoncini - tutte queste e molte altre piante hanno in parte ottenuto rese migliori sotto i nostri sistemi pilota agro-fotovoltaici che su terreni coltivabili senza pannelli solari".

L'idea: generare elettricità con pannelli solari in forma di tubo. Sono installati su palafitte a un'altezza di, diciamo, cinque metri sopra i terreni agricoli. I vantaggi: La permeabilità alla pioggia e l'elettricità pulita, così come la facile ombreggiatura dei terreni agricoli, che protegge il suolo in caso di sole estremo. "La linea di fondo è che si possono ottenere rendimenti più elevati in agricoltura e allo stesso tempo si può generare elettricità pulita", spiega Egner. Ci sono sempre più giorni caldi e lunghe siccità in tutto il mondo, dice. I tubi solari aiutano a ridurre l'essiccazione del terreno, sono permeabili alla pioggia, resistenti alle intemperie e i trattori possono passarci sotto. Alla fine, la visione è che i tubi fotovoltaici a film sottile raggiungano una capacità di produzione annuale di 250 megawatt.

I mercati target di Egner non sono solo l'agro-fotovoltaico ma anche i tetti commerciali industriali con relativo inverdimento - "un mercato con un potenziale di gigawatt nella sola Baviera per gli edifici commerciali esistenti e pianificati. Utilizzando i nostri moduli su tetti industriali e commerciali, in combinazione con tetti verdi, diamo un contributo significativo alla protezione dell'ambiente e del clima, generando allo stesso tempo energia". Il team ha già risolto le sfide più importanti per quanto riguarda la statica e l'area di contatto con l'aria, ha detto.

Tubesolar è stata fondata alla fine del 2019 come spin-off della produzione del laboratorio Osram/Ledvance di Augsburg. Oltre a Reiner Egner, Jürgen Gallina, Chief Technology Officer, è membro del consiglio da allora, e l'azionista di maggioranza è Bernd Förtsch, un imprenditore di Kulmbach.

A quel tempo, Osram/Ledvance produceva, tra le altre cose, tubi fluorescenti che servono come base per i tubi fotovoltaici a film sottile. "Il prodotto aveva bisogno di un investitore perché gli investitori cinesi non volevano creare una produzione solare in Germania", racconta Egner. E non erano interessati ai tubi solari e al know-how dei dipendenti. Vesselinka Koch, che aveva portato l'idea dei tubi a film sottile a Osram, gli chiese di dare un'occhiata più da vicino all'azienda - cosa che fece.

Nel processo, Egner ha incontrato sviluppatori motivati e ingegneri meccanici con una grande esperienza in un mercato che il banchiere esperto considerava avere un futuro promettente. "Abbiamo poi trovato degli investitori strategici che hanno acquisito dei brevetti per la produzione di tubi solari e abbiamo assunto dieci dipendenti come primo passo".

Una cooperazione che Tubesolar ha concordato con l'American Ascent Solar (ASTI) offre un potenziale particolare. La start-up ha acquisito una partecipazione nella società statunitense per 2,5 milioni di dollari, assicurandosi così una seconda fonte di fornitura di grandi volumi di fogli fotovoltaici a film sottile per i suoi moduli a tubo di vetro. Ci sono anche piani per creare un impianto di produzione comune in Germania e per sviluppare celle solari speciali.

Queste celle tandem di perovskite CIGS sono molto efficienti ed economiche da produrre. "Hanno quindi un potenziale dirompente nell'industria solare, dato che le celle di silicio monocristallino leader del mercato si avvicinano sempre più alla loro efficienza massima pratica", scrive l'analista Karsten von Blumenthal di First Berlin Equity Research.

Nel 2020, Tubesolar ha generato una perdita netta di 2,3 milioni di euro. Anche nella prima metà del 2021 non sono state generate vendite. La perdita netta è stata di 1,2 milioni di euro. L'azienda aveva bisogno di denaro principalmente per la costruzione di un impianto di produzione completamente automatizzato. A questo scopo, il Libero Stato di Baviera ha promesso una sovvenzione di 10,8 milioni di euro, e Tubesolar sta raccogliendo un'altra parte attraverso due aumenti di capitale che sono già stati collocati. Nel marzo di quest'anno, il più recente è stato completato con successo con 6,5 milioni di euro. "Con il nostro impianto di produzione automatizzato, possiamo scalare e offrire prezzi competitivi", dice Egner.

Il rischio maggiore per Tubesolar è l'attesa della certificazione dei moduli da parte del TÜV. Egner se lo aspetta nei prossimi mesi. La produzione può iniziare solo dopo che la certificazione è stata concessa - "ci aspettiamo di iniziare le vendite nella seconda metà del 2022", informa Reiner Egner.

®

Weltretter4

Legno invece di olio.

Quando Florent Héroguel chiude gli occhi, vede un mondo in cui il petrolio non ha più alcun ruolo. "La nostra visione è che tutto ciò che è prodotto dal petrolio oggi può essere prodotto dalla biomassa domani - grazie alla tecnologia della nostra start-up Bloom".

Come funzionerà? Bloom prende un carbonio che si trova già in grandi quantità in natura, la lignina, e lo trasforma in una materia prima chimica che può essere usata ovunque siano stati usati finora i combustibili fossili. "La lignina", spiega Remy Buser, cofondatore e attuale CEO di Bloom, "è il secondo biopolimero più abbondante sulla terra. È il materiale portante del legno - simile al cemento armato in un edificio. La sua struttura è molto simile a quella del petrolio. Solo che non è stato ancora utilizzato perché per molto tempo è stato semplicemente impossibile estrarlo".

Per molto tempo, i ricercatori apparentemente non hanno semplicemente capito la sua struttura e le sue proprietà. Reazioni inaspettate e indesiderate hanno portato ripetutamente alla distruzione della lignina durante il processo di estrazione. Ecco perché la sua estrazione non è mai stata redditizia fino ad ora. Bloom ha ora superato questa debolezza.

L'azienda è emersa da uno spin-off dell'Università École Polytechnique Fédérale di Losanna ed è stata fondata nel 2019 dai due chimici Remy Buser e Florent Héroguel. Bloom ha sede a Marly, un sobborgo di Friburgo nella Svizzera francese. Bloom", spiega Remy Buser, "ha utilizzato strumenti analitici all'avanguardia per sviluppare una "chimica di stabilizzazione" unica. Permette di estrarre la lignina nella sua struttura naturale e di sfruttare pienamente le sue proprietà per applicazioni nell'industria chimica".

Il potenziale della lignina è davvero notevole. Il legno, per esempio, è composto dal 40-50% di cellulosa, dal 20-30% di emicellulosa e dal 15-30% di lignina. Oltre alla cellulosa e alla chitina, la lignina è il polimero più abbondante in natura. Ora che la tecnologia di Bloom ha reso redditizia l'estrazione della lignina, si aprono enormi opportunità per utilizzare e sfruttare le riserve già esistenti di questa materia prima.

Il mercato dei carboni e dei composti di carbonio è davvero enorme. Si trovano in quasi tutti gli oggetti della nostra vita quotidiana - in linea di massima ovunque ci sia della plastica: plastica, automobili, medicine, vernici, persino nel cibo sotto forma di aromi. In Germania, l'87% dei composti di carbonio provengono da materie prime fossili come il petrolio greggio, il gas naturale o il carbone. Per il momento. Perché se i fondatori di Bloom hanno la loro strada, questo cambierà in futuro.

Non c'è carenza di lignina come materia prima. La sola industria della carta produce circa 50 milioni di tonnellate di lignina come prodotto di scarto ogni anno - un prodotto di scarto che ora può essere trasformato in una materia prima estremamente preziosa e sostenibile. "Se si prende una tonnellata di legno che ha un valore di 100 dollari, questo legno contiene materie prime che valgono 1000 dollari", calcola Remy Buser.

Inoltre: "La risorsa legno è prodotta in modo sostenibile e la sua produzione non è in concorrenza diretta con il cibo, quindi non c'è nessun problema etico", sa lo scienziato forestale Dr. Marcus Lingenfelder dell'Università di Friburgo.

Bloom è ancora in fase di avvio. "La tecnologia è stata convalidata su scala pilota, ora deve diventare un processo commerciale", dice Remy Buser. "A lungo termine, vorremmo aprire una nuova fonte di carbonio sostenibile, specialmente per l'industria petrolchimica. Tuttavia, l'ingresso nel mercato sarà inizialmente attraverso mercati a basso volume e ad alto valore".

I mercati di cui parla Buser sono i profumi, gli aromi e i cosmetici - mercati con margini tradizionalmente molto alti. Un'altra area molto interessante è il mercato della resina fenolica, che ha già superato il valore di dieci miliardi di dollari USA qualche anno fa.

"Questi mercati possono essere integrati nella strategia di Bloom entro i prossimi 18-24 mesi", spiega Sebastian Heitmann, partner della società tedesca di impact investment Extantia. Sebastian Heitmann accompagna Bloom da oltre un anno ed è convinto del concetto. "La tecnologia si adatta, il team lavora con grande motivazione - in meno di due anni avremo i primi risultati concreti".

"Il fatto che tutti coloro che ancora oggi usano prodotti a base fossile dovranno adattarsi a un mondo decarbonizzato gioca a nostro favore", dice Remy Buser, "i legislatori contribuiranno a promuovere questa transizione".

Heitmann è sicuro: Bloom avrà ripagato l'investimento necessario per costruirlo al più tardi nel 2030. Se il modello di business avrà pieno successo, Bloom diventerà un gigacorno: un'azienda la cui tecnologia fa risparmiare più di un miliardo di tonnellate di CO2 all'anno. In prospettiva, questo ridurrebbe le emissioni di CO2 in tutta l'UE del 33%. Che è circa quanto le emissioni di CO2 di 35 milioni di automobili. Un enorme impatto positivo.            

®

Weltretter5

Carburante da CO2.

Una delle grandi speranze nella lotta contro il cambiamento climatico è l'elettromobilità. Ma anche se ci fossero sufficienti stazioni di ricarica, linee elettriche corrispondenti e grandi quantità di elettricità verde - altre soluzioni sono ancora necessarie per l'aviazione, la navigazione e il trasporto di merci pesanti.

Un'alternativa potrebbe essere i cosiddetti e-fuels, carburanti basati sull'elettricità prodotti da CO2 e acqua: E-kerosene, E-diesel e E-gasolio. Questi combustibili hanno le stesse proprietà e qualità dei combustibili fossili e possono essere riempiti in motori e azionamenti esistenti. Non c'è bisogno di convertire i motori o costruire nuove infrastrutture. E la parte migliore è che la CO2 è necessaria per produrre questi combustibili.

"Quando si parla di decarbonizzazione", dice Sebastian Heitmann, partner della società di investimenti a impatto Extantia, "ci sono essenzialmente due opzioni: Possiamo cercare di evitare di mettere in circolazione più CO2. Questo è di solito laborioso e costoso. Oppure possiamo cercare di convertire il CO2 esistente attraverso tecnologie intelligenti in modo tale da poter soddisfare il nostro fabbisogno di carbonio. Se riusciamo a gestire la CO2 che c'è senza aumentarne la quantità in sé, creiamo un'economia circolare".

Il progetto P2X Copernicus mostra l'aspetto di un tale ciclo. Lì, il primo impianto integrato al mondo produce combustibile da aria, acqua ed elettricità rinnovabile. Oltre al Karlsruhe Institute of Technology (KIT), tre aziende sono coinvolte nel prototipo: Climeworks, Sunfire e Ineratec.

Il carburante viene prodotto in quattro fasi. Nella prima fase, la CO2 viene filtrata dall'aria. In linea di principio, l'anidride carbonica può essere estratta dove viene comunque prodotta, cioè negli impianti industriali o di biogas. Una soluzione molto elegante per questo è offerta dalla società svizzera Climeworks. È leader mondiale con la sua tecnologia e filtra la CO2 direttamente dall'aria ambiente (patrimonio privato, numero 04/2017). "I nostri sistemi", spiega Louise Charles di Climeworks, "possono essere installati in qualsiasi luogo del mondo. Sono modulabili, scalabili e possono essere prodotti in massa".

Il secondo passo è utilizzare la tecnologia di Sunfire. L'azienda è stata fondata nel 2010 e ha sede a Dresda. Oggi, Sunfire è un'azienda leader a livello mondiale nel settore dell'elettrolisi. La sua visione è "una vita senza combustibili fossili".

Nel cosiddetto processo power-to-liquid, sunfire usa l'elettricità rinnovabile per trasformare CO2 e acqua in un gas di sintesi verde, una miscela di idrogeno e monossido di carbonio.

Nella prossima e terza fase, entra in gioco il know-how della società svizzera Ineratec. "Per mezzo della cosiddetta sintesi di Fisher-Troops, il gas di sintesi viene convertito in idrocarburi di diverse lunghezze di catena", spiega Roland Dittmeyer del KIT. "Queste molecole di idrocarburi sono poi i prodotti grezzi per i combustibili sintetici rinnovabili - paragonabili al petrolio greggio".

"Con la sua tecnologia, Ineratec è anni avanti rispetto ai suoi concorrenti", spiega Sebastian Heitmann. Egli ritiene che l'innovativa tecnologia possa ridurre quasi un terzo delle emissioni di CO2 in tutta l'UE. Questo darebbe anche a Ineratec ciò che serve per diventare un Gigacorn - un'azienda che può risparmiare un miliardo di tonnellate di CO2 all'anno.

Nell'ultimo e quarto passo - sviluppato dai ricercatori del KIT - i prodotti grezzi ottenuti in questo modo vengono finalmente convertiti in combustibile liquido in un'ulteriore fase di reazione. Sono così raffinati: in e-kerosene, e-diesel e e-gasolina.

Tutta la tecnologia necessaria per questo entra in un container di nove metri di larghezza. Il ciclo funziona ed è efficiente. "Più del 90 per cento del carbonio che è stato filtrato dall'aria nella prima fase si trova nel prodotto liquido", dice Roland Dittmeyer. Ancora di più: la paraffina sintetica brucia in modo più pulito del combustibile fossile. E: il calore residuo della sintesi nella fase tre può essere riciclato e utilizzato per l'elettrolisi nella fase due. Il 60 per cento dell'elettricità utilizzata viene così immagazzinata nel combustibile liquido.

I combustibili fossili possono quindi essere effettivamente sostituiti da carburanti elettronici rinnovabili e sintetici. Con l'uso di e-kerosene negli aerei, il volo diventerebbe climaticamente neutrale. L'uso di e-fuels nel trasporto pesante potrebbe ridurre le emissioni di CO2 - senza alti costi di investimento per la conversione a nuove tecnologie di propulsione o impianti di rifornimento. Lo stesso vale per la spedizione. Anche qui, i carburanti elettronici possono contribuire significativamente alla decarbonizzazione.

In Norvegia, il primo impianto industriale per la produzione di carburanti elettronici è già stato costruito. I sistemi di filtraggio della Climeworks rimuovono la CO2 dall'aria. I processi di elettrolisi del fuoco del sole lo trasformano in combustibile rinnovabile. L'impianto è alimentato al 100% da elettricità rinnovabile proveniente dalla Norvegia. Entro i prossimi tre anni, dieci milioni di litri di carburante rinnovabile saranno forniti annualmente per il mercato norvegese ed europeo. L'impianto può essere ampliato fino a 100 milioni di litri all'anno.

A Werlte, nel nord della Germania, il più grande impianto power-to-liquid del mondo per la produzione di e-kerosene è stato costruito utilizzando la tecnologia di Ineratec. L'impianto produrrà più di 350 tonnellate di e-kerosene a zero emissioni di CO2 e rifornirà le compagnie aeree tedesche. E questo è solo l'inizio.

Weltretter6

"Nel 2022, Ineratec prevede di avviare un altro impianto industriale pionieristico per la produzione di carburanti sintetici sostenibili a Francoforte sul Meno", dice Philipp Engelkamp, co-fondatore e CEO di Ineratec. L'ubicazione è strategicamente ben scelta, poiché il parco industriale di Höchst garantisce un accesso a basso costo all'idrogeno rinnovabile e alla CO2 di un impianto di biogas.

"Vogliamo produrre qui fino a 3500 tonnellate o 4,6 milioni di litri di e-carburante all'anno", dice Philipp Engelkamp, "da un massimo di 10000 tonnellate di anidride carbonica biogenica ed elettricità rinnovabile. Questo impianto pionieristico sarà il più grande fino ad oggi di Ineratec e servirà da apripista per altri progetti power-to-liquid in tutto il mondo".

Ogni litro di e-fuel sostituirà quindi un litro di combustibile fossile. Il ciclo è iniziato. Ora tutto ciò che rimane è che i politici assicurino che sempre più carburante rinnovabile sia effettivamente utilizzato nel traffico aereo e stradale, aumentando gradualmente le quote di miscelazione per gli e-fuels. La tecnologia ha dimostrato che funziona.

®

Weltretter7

Potenza per l'Africa.

L'energia è la chiave di tutto. Nell'Africa subsahariana, tuttavia, più di 600 milioni di persone non hanno accesso all'elettricità. E quindi anche nessun accesso all'istruzione, alla salute e, in definitiva, all'autodeterminazione. "Se vogliamo che l'Africa si sviluppi e sia a zero emissioni di CO2, dobbiamo dare al continente la possibilità di produrre elettricità a zero emissioni di CO2", dicono Torsten e Aida Schreiber.

I due hanno fondato Africa GreenTec nel 2016. L'azienda porta l'energia solare ai villaggi spesso remoti. A questo scopo, viene assemblato un cosiddetto contenitore solare - un contenitore standard lungo dodici metri con pannelli solari e l'elettronica associata.

I pannelli della centrale solare possono essere installati e messi in funzione sul posto in poche ore con l'aiuto locale. Una cosiddetta mini-grid, una rete elettrica autonoma, distribuisce l'elettricità alle officine e ai negozi dei piccoli imprenditori e alle case degli abitanti. Gli abitanti del villaggio possono pagare l'elettricità attraverso un sistema di tariffe prepagate adattato alle loro possibilità finanziarie. L'Africa Greentec rimane l'operatore, che può anche fornire altri servizi, come frigoriferi o impianti di trattamento delle acque, che possono anche essere impostati e mantenuti da dipendenti locali.

Dato che Aida Schreiber viene dal Mali, la sua azienda è stata in grado di attingere a una vasta rete informale lì. Pertanto, Africa GreenTec ha iniziato a cercare anche ImpactSites, cioè luoghi che hanno una buona possibilità di svilupparsi da soli e i cui abitanti sono motivati a fare la differenza.

Attualmente, sono soprattutto luoghi con 3.000-5.000 abitanti che hanno già una sorta di classe media, una scuola e una stazione sanitaria, dove gli Schreibers stanno installando i loro container solari e le mini-reti. La classe media in Africa significa: artigiani come falegnami, carpentieri, fabbri, sellai, ma anche commercianti al mercato o con piccoli negozi e ristoranti. L'elettricità dà loro la possibilità di crescere economicamente e migliorare il loro standard di vita.

Allo stesso tempo, Africa GreenTec si considera un'impresa sociale. "Tutto ciò che è sopra lo zero nero viene reinvestito", ha detto Schreiber in un'intervista radiofonica. Oggi, 15 di questi ImpactSites sono già stati stabiliti intorno al Solartainer in Mali, e un altro è in Niger. La visione è quella di sviluppare tre milioni di persone in 1000 villaggi africani in ImpactSites che siano autosufficienti e sostenibili entro il 2030.

Una prima campagna di crowdfunding ha raccolto più di quattro milioni di euro. Il prossimo round è in fase di pianificazione. In un altro progetto, Africa GreenTec vuole sostenere l'Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) sul lago Ciad con la sua infrastruttura solare. Per questo, offrirà prestiti subordinati con tassi d'interesse fissi. Più a ovest, in Senegal, le fatiscenti pompe d'acqua alimentate a diesel saranno sostituite da 100 pompe a energia solare. Questo costerà mezzo milione di euro. Anche per questo, l'azienda offrirà presto prestiti subordinati con un tasso di interesse fisso del 4,25 per cento.

Forse gli Schreibers hanno ragione quando trovano che l'investimento privato può essere un contro-modello all'aiuto allo sviluppo tradizionale. Essi credono che con il giusto sostegno, il continente africano può farsi strada da solo verso un'economia efficiente di energia rinnovabile.

®

Weltretter8

Un fornello fresco.

Cucinare è un problema reale in Africa. In Nigeria, per esempio, il 96% delle famiglie usa stufe a carbone o a paraffina. I loro combustibili non sono solo spesso esorbitanti, ma anche pericolosi per la vita, soprattutto per donne e bambini: ogni anno, quattro milioni di persone muoiono a causa dell'inquinamento da fumo. Infine, ma non meno importante, anche l'ambiente e il clima ne soffrono.

"Sono cresciuto in un villaggio e ho visto come le persone si ammalavano di malattie polmonari croniche a causa del fumo dei fuochi aperti", dice Okey Esse. "Ho lasciato il villaggio per studiare fisica - per fortuna. Nei laboratori universitari, ho sperimentato come ottimizzare il processo di combustione nelle stufe".

Nella capitale della Nigeria, Abuja, l'azienda di Esse produce dal 2018 i PowerStove, piccoli fornelli che possono funzionare con pellet di legno e residui del raccolto. Questo sembra a bassa tecnologia, ma è un sistema estremamente sofisticato per bruciare combustibili rinnovabili senza residui - e generare e immagazzinare elettricità lungo la strada. E c'è di più: i fornelli hanno anche una connessione internet.

Grazie a un'ingegnosa alimentazione d'aria attraverso 85 ugelli, il materiale brucia fino a 1000 gradi completamente senza fumo e senza residui. Di conseguenza, il cibo viene cotto in un quinto del tempo rispetto alle stufe a carbone o a paraffina comunemente usate in Africa. Sono corrispondentemente economici, soprattutto perché i pellet sono anche più economici con lo stesso rendimento energetico.

Inoltre, il fornello genera elettricità - una soluzione elegante in molti villaggi che sono lontani da una linea elettrica adeguata. Conservata in una batteria, è disponibile anche fuori dagli orari dei pasti per illuminare e ricaricare i telefoni. "Abbiamo undici diversi modelli in offerta, a seconda delle dimensioni costano tra i dieci e i 110 dollari", dice Esse.

Ma poiché il 42% dei clienti di PowerStove non ha più di due dollari al giorno per vivere, l'azienda di Esse offre la soluzione "Buy as you Cook", dove gli utenti pagano il fornello in piccoli importi secondo i tempi di cottura. A questo scopo viene utilizzata la connessione internet, attraverso la quale i costi possono essere addebitati centesimo per centesimo secondo le ore di funzionamento. Dopo due mesi e mezzo, un fornello si è già ripagato per la maggior parte dei clienti in questo modo, soprattutto se passano dai fornelli a carbone o a paraffina che sono comuni in Africa.

In questo modo, il dispositivo high-tech di Okey Esses risolve uno dei problemi più urgenti del continente. Le emissioni di scarico della PowerStove sono basse come quelle di una cucina a gas, emettendo di conseguenza poca anidride carbonica.

L'anno scorso, la società di venture capital GreenTec Capital Partners ha investito in PowerStove. Questo ha permesso all'azienda di creare un secondo impianto di produzione ad Abuja e di aumentare la capacità di produzione a 25.000 pentole al mese.

Ma Esse pensa ancora più in grande. Vuole che PowerStove diventi un'azienda veramente panafricana. Come prossimo passo, prevede di organizzare l'assemblaggio finale in Zimbabwe. Dato che il paese si trova più o meno al centro dell'Africa meridionale, il mercato in crescita dei paesi vicini può essere servito più rapidamente da qui. 

®

Weltretter9

Una seconda vita per le batterie.

La mobilità elettrica può dare un grande contributo alla mitigazione del cambiamento climatico. Ma crea un nuovo problema: cosa fare con le vecchie batterie che di solito vengono rimosse dalle auto non appena hanno solo l'80% della loro potenza residua?

Entro il 2025, circa sette milioni di batterie usate dalla mobilità elettrica saranno rilasciate - c'è ancora così tanta energia in esse che una città come Berlino potrebbe essere alimentata da batterie per circa 50 giorni. Anche se la batteria viene riciclata, è un puro spreco di energia. "C'è uno tsunami di batterie usate in arrivo. Così mi sono chiesto: non possiamo prolungare la loro vita e metterli a un secondo uso? Con la mia azienda betteries, ho poi sviluppato una soluzione che ha il potenziale di risparmiare 0,5 gigatonnellate di CO2 entro il 2030", dice il fondatore Rainer Hönig.

L'idea è semplice - la tecnologia no: Hönig ha sviluppato un processo con cui può rimuovere il cuore delle batterie elettroniche, i moduli agli ioni di litio, e assemblarli in nuove batterie mobili ad alte prestazioni. "In questo modo, estendiamo la vita produttiva dei moduli agli ioni di litio da cinque a dieci anni. Garantiamo anche che le parti riciclabili delle batterie saranno poi riciclate", ci dice.

Rainer Hönig ha avuto il suo primo impulso a dare forma alle sfide sociali nel 2009: "All'epoca ero un manager alla Rolls-Royce plc in Inghilterra e ho partecipato a un insolito corso di formazione di un anno". Si trattava di mettere insieme grandi aziende di successo con imprenditori sociali. "Nel processo, sono anche andato in Bangladesh per vedere il premio Nobel per la pace Yunus, che ha inventato il microcredito. Abbiamo guardato le sue attività. Questo ha cambiato il mio pensiero, la mia visione delle cose - ha fatto qualcosa per me". Dopo la formazione, Hönig spinge alcune cose in direzione della sostenibilità presso il suo datore di lavoro. Ma non ha l'impatto che avrebbe voluto. Nel 2016, l'ingegnere aerospaziale ha lasciato Rolls-Royce. Vuole dare il suo contributo alla protezione del pianeta, "nell'area in cui so come muovermi: energia e mobilità". Volevo dare al maggior numero di persone possibile l'accesso a un'energia mobile pulita dalle batterie". Dato che lui stesso guida le auto elettriche, ha avuto l'idea di smontare e rimontare le batterie delle auto nel suo garage con alcuni studenti - "è da questo che sono nate le betterie nel 2018".

Le sfide nella creazione di Betteries, dice, sono state immense. "Non c'era ancora nulla - nessun processo efficiente per lo smantellamento dei moduli agli ioni di litio, nessuna esperienza e quasi nessun partner. Perché a quel tempo, molte persone stavano pensando di vendere le e-car, ma quasi nessuno pensava a dove fossero finite le batterie dopo il loro utilizzo". Trova un orecchio comprensivo alla Renault Mobilize. "Il management lì voleva adottare un approccio progressivo alla questione dell'economia circolare già allora". Betteries lavora ora in collaborazione con Renault, che garantisce l'accesso della start-up alle batterie usate e alle capacità di produzione industriale in particolare. Dal 2022, le batterie di seconda vita saranno assemblate nella fabbrica Renault.

I potenziali acquirenti, dice, sono più che sufficienti. "La distribuzione, che vende piccoli generatori oggi e deve offrire sistemi di energia sostenibile domani. Aziende che noleggiano macchinari per l'edilizia, eventi, festival, film e TV. Aziende che installano batterie di seconda vita in altri sistemi, come i piccoli veicoli Piaggio o i tuk-tuk nella regione asiatica che sono attualmente convertiti alla trazione elettrica. O l'intero business dei progetti. Per esempio, si tratta di qualcuno che vuole convertire 50 piccole stazioni sanitarie in Africa all'energia solare e ha bisogno di un sistema di stoccaggio stazionario e mobile, una fornitura di energia decentralizzata che dovrebbe essere rispettosa del clima".

Tuttavia, la concorrenza è intensa. "Dopo tutto, la nostra concorrenza è costituita da nuovi prodotti che diventano più economici ogni anno. Quindi dobbiamo convincere gli acquirenti che il riciclaggio secondario delle batterie non comporta alcuna perdita di prestazioni. Siamo ancora più economici dei nuovi prodotti - se rimane così dipende molto dall'efficienza dei nostri processi e dalla forza innovativa. E l'unica cosa che ci protegge è di correre almeno alla stessa velocità della concorrenza e di essere permanentemente innovativi per creare un valore aggiunto per il cliente".

All'inizio, Hönig ha investito solo il suo denaro, poi gli amici della sua rete si sono uniti a lui come angel investors. Nel primo seed round ufficiale, sottolinea l'allineamento della missione dei suoi finanziatori. "Vogliamo persone che condividano i nostri obiettivi e che lottino nella stessa direzione. Dovrebbero anche aggiungere valore - attraverso la loro rete, i loro punti vendita, la loro esperienza". Ha trovato degli investitori d'impatto - un fondo finanziato dalla Fondazione Shell e un fondo d'impegno di persone ricche che perseguono obiettivi climatici. Entrambi vogliono un ritorno sociale oltre a quello finanziario.

Oggi, la start-up fa già "qualche 100.000 euro di fatturato", come dice Hönig. Ufficialmente, però, l'azienda è ancora nella fase pre-revenue. "Stiamo appena imparando come funziona il lancio del mercato. In Senegal, Portogallo e in Belize, America Centrale, le nostre batterie sono già in uso, anche in Germania. Ma la vera ondata arriverà quando il prodotto sarà approvato l'anno prossimo".

Ecco perché sta anche tornando a cercare investitori con un piano concreto. I prossimi passi sono: Approvare il prodotto entro l'inizio del 2022, lanciare il prodotto, generare le prime vendite, chiudere il round di finanziamento che assicura la crescita per i prossimi 24 mesi, e stabilire la prossima categoria di prodotto, una più grande. "Se avremo successo, entro il 2030 avremo evitato almeno 0,5 gigatonnellate di CO2, fornito elettricità pulita a milioni di persone e dato una spinta all'economia circolare".

Tra cinque anni, dice l'ormai 58enne, sarà fuori e avrà consegnato l'azienda a colleghi più giovani. "Allora lo faranno davvero grande. Lo guarderò e sarò orgoglioso di averlo fatto decollare".   

®

Weltretter10

I salvatori della foresta.

Al vertice mondiale sul clima di Glasgow, più di 100 paesi si sono impegnati a fermare la distruzione delle foreste entro il 2030. Le foreste sono importanti perché assorbono circa un terzo delle emissioni di CO2 emesse dall'uomo ogni anno.

Attualmente, tuttavia, le aree forestali si stanno riducendo in modo allarmante. Secondo i ricercatori presenti al summit sul clima, ogni minuto si perde un'area equivalente a 27 campi da calcio - attraverso disboscamenti, incendi o danni alla foresta.

Anche in Germania ci sono attualmente circa 300.000 ettari di queste cosiddette aree danneggiate. "Qui qualcosa sta andando enormemente male", valuta Ole Seidenberg: "Ogni anno ce ne sono sempre di più, e in più ci sono grandi aree di conversione, cioè foreste che attualmente esistono ancora in monocoltura e che dovrebbero diventare rapidamente foreste miste in modo che possano resistere al cambiamento climatico."

Il problema: la riforestazione è costosa - specialmente in aree difficili da raggiungere. "Attualmente, piantare piantine costa da 4000 a 10000 euro per ettaro. Per assicurare i suoli e le sostanze nutritive sui pendii ripidi, a volte è necessario anche un elicottero. Questo costa 18 euro al minuto. Questo non è il modo di andare avanti su questo tema".

Seidenberg è uno dei tre fondatori della start-up Skyseed. La sua missione: utilizzare un drone appositamente sviluppato e semi di alberi in un involucro di pellet per riforestare aree forestali danneggiate in Germania e in Europa in modo economico ed efficace. "I droni possono essere utilizzati rapidamente e ovunque. Più grande o più difficile da raggiungere è l'area, più utile è il drone. E i pellet assicurano che nessun seme venga sprecato. Il pellet protegge, è puramente ecologico, può immagazzinare più acqua, e i microrganismi e le colture fungine che sono comunque nel suolo della foresta possono formare una migliore simbiosi con i nutrienti nel seme. La germinazione e la crescita sono chiaramente favorite".

Insieme ai fratelli Dominik e Simon Wind, Seidenberg ha costruito una squadra in circa un anno e ha configurato il drone, che può distribuire quasi tutte le specie di alberi in luoghi diversi utilizzando due diversi meccanismi di caduta. La prova del concetto è attualmente in corso: "Abbiamo dieci aree di prova, tra cui una foresta statale, diverse grandi foreste di proprietà della nobiltà e aree che vengono monitorate scientificamente dall'Università Tecnica di Monaco", spiega Seidenberg. In autunno, hanno usato il loro drone per spargere pellet su circa 30 ettari. "Lì ci sono terreni diversi, condizioni climatiche diverse".

E questo è importante, perché l'ultimo round di finanziamento ha fornito alla start-up denaro che durerà fino a febbraio. I fondatori hanno raccolto mezzo milione di euro da 13 investitori finora. La maggior parte di loro contribuisce con la loro esperienza imprenditoriale, i proprietari di foreste anche con i loro contatti con i venditori di semi. "L'uno o l'altro investitore ci sosterrà fino ad aprile, ma poi abbiamo bisogno di risultati - e da 1,5 a due milioni di euro per poter scalare".

La sua visione: in futuro, i proprietari di boschi potranno dare uno sguardo digitale alle loro aree con l'aiuto di Skyseed. Il suolo sarà analizzato in modo da poter determinare in anticipo quali specie di alberi sarebbero più adatte con quale miscela. Allo stesso tempo, sarà possibile utilizzare una catena di approvvigionamento digitale per controllare in tempo reale se e dove i semi desiderati possono essere acquistati e a quale prezzo.

Idealmente, l'offerta al proprietario della foresta viene fatta durante la conversazione. Può accettarlo immediatamente con un clic. Un altro clic fa scattare automaticamente l'ordine e mette in moto il processo. Nel 2022, Skyseed vuole raggiungere 500 ettari di superficie di imboschimento e dimostrare che i semi pellettati hanno un chiaro vantaggio sulle piantine.

Ma questo sarà solo l'inizio. "I droni avranno una portata maggiore, le batterie saranno più forti, potranno trainare di più e volare fuori dalla vista", spiega Seidenberg. Il suo obiettivo è quindi quello di fornire il dieci per cento del mercato tedesco della riforestazione entro cinque anni.

"In realtà, 300000 ettari sono già stati accumulati - solo in Germania. E il problema peggiorerà". A lungo termine, Seidenberg si aspetta circa 120.000 ettari di nuova area di imboschimento all'anno: "Né i vivai né il nostro personale possono tenere il passo. Questo porta a sempre più aree aperte che si seccano e diventano erbose sotto il sole cocente senza una rapida semina. Ecco perché ogni anno conta - ed è qui che entriamo in gioco noi, specialmente con il nostro mix pre-forestale". Per questo sono urgentemente necessarie misure preventive contro la desertificazione in Grecia. O la

®

Gli autori:

Yvonne Döbler, Sabine Holzknecht, Klaus Meitinger, Hanns J. Neubert.

  • Klaus Meitinger

"Se non lo faccio io, non lo farà nessuno".

Adrenomed DSC 0759

Teragnostica. Undici milioni di persone in tutto il mondo muoiono con o a causa della sepsi ogni anno. Covid-19 porta anche allo shock settico nei casi gravi e successivamente a un'insufficienza d'organo multipla. Tuttavia, non è stato possibile sviluppare una terapia contro di essa per 50 anni. Andreas Bergmann ha fatto di questo il lavoro della sua vita. Come scienziato e come imprenditore. "Soprattutto quando il compito è difficile e complesso", ha notato, "non si può aspettare gli altri. Allora devi diventare tu stesso imprenditore". Ecco perché fonda. Uno dopo l'altro. Ora due delle sue aziende - Adrenomed e SphingoTec - sono sul punto di una svolta.

Continua a leggere

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lingue

Social media