• Klaus Meitinger

Il sismografo convince nel 2019

Print Friendly, PDF & Email

Cari lettori,

Seismogaph Dec2019Quando Oliver Schlick, ex Chief Investment Officer del Bayerninvest, e il suo team guidato dal Professor Rudi Zagst dell'Università Tecnica di Monaco di Baviera, hanno tradotto le probabilità di turbolenza sviluppate dal sismografo del mercato dei capitali in uno schema di allocazione delle azioni, il professionista ha perseguito un obiettivo ambizioso. "Il cambiamento sistematico della ponderazione delle azioni, analogo ai risultati del sismografo, non dovrebbe essere solo una sorta di assicurazione, cioè ridurre fortemente le perdite nei movimenti di discesa sostenuti, ma allo stesso tempo garantire che vengano seguite le fasi di rialzo dei mercati azionari", spiega il professionista.

Non è un compito facile. Questo perché i modelli che cercano di farlo hanno problemi, soprattutto nei cosiddetti mercati a zig-zag. Se una tendenza al rialzo viene interrotta da brusche correzioni, vendono dopo un calo iniziale del prezzo per evitare un'eventuale ulteriore caduta in quel momento. Se l'umore sul mercato azionario cambia di nuovo rapidamente, è necessario effettuare nuovi investimenti a prezzi notevolmente più elevati. Se questo accade più spesso, la performance sarà naturalmente notevolmente peggiore, come se l'investitore fosse rimasto semplicemente investito. Questo è il prezzo dell'assicurazione contro il crollo del mercato azionario.

Il sismografo è stato convincente in questa prospettiva nel 2019?

"Tutto sommato, posso dire che l'approccio ha funzionato molto bene nell'ultimo anno, nonostante un ambiente difficile", riassume Schlick. Per renderlo più concreto, abbiamo realizzato un piccolo esperimento informatico nella redazione del patrimonio privato. Da un lato, c'è un portafoglio misto di azioni europee per il 50% e di contanti per il 50%. In questo portafoglio - senza alcuna modifica della dotazione - l'anno scorso sono stati generati circa il 14,5% dei ricavi. Se un investitore avesse modificato la quota di capitale proprio tra lo zero e il 100 per cento nel corso dell'anno secondo i segnali sismografici, il suo rendimento totale sarebbe stato di poco superiore al 16 per cento. Particolarmente degno di nota: in tutte le fasi critiche dell'anno d'investimento - gennaio, maggio e agosto - la quota di capitale proprio effettiva è stata molto bassa. Se in quel momento si fosse stabilita una reale tendenza al ribasso, si sarebbero evitate grosse perdite.

Questo risultato è tanto più notevole in quanto l'anno 2019 ha effettivamente presentato alcune grandi sfide per il sismografo. In considerazione della grave minaccia di recessione, c'era il rischio, ad esempio, che il mercato azionario continuasse a scendere alla fine del 2018. "All'epoca, il sismografo diagnosticò enormi nubi di tuono e quindi consigliò una ponderazione molto difensiva", ricorda Schlick. Quando le banche centrali hanno poi inaspettatamente cambiato la loro politica monetaria e hanno di nuovo calpestato massicciamente il gas, i mercati azionari hanno reagito immediatamente in modo molto positivo nel gennaio 2019, e il deposito sismografo non è stato inizialmente incluso. Da febbraio in poi, i dati del sismografo sono nuovamente migliorati e l'indicatore ha ora dato il via libera a una ponderazione azionaria molto elevata. "Così l'arretrato da gennaio a fine aprile potrebbe essere trasformato in un vantaggio".

La situazione è stata altrettanto difficile nei mesi di maggio e agosto 2019, quando anche le quotazioni di borsa hanno subito una netta correzione al ribasso nel breve periodo. "L'oscuramento della prospettiva riguardo al conflitto commerciale tra USA e Cina, così come il rischio di recessione, come letto dal mercato dall'inversione della curva dei rendimenti, ha fatto sì che la probabilità di turbolenze negative dei mercati aumentasse in modo dinamico e ha portato ancora una volta ad un orientamento fortemente difensivo del sismografo", spiega Schlick.

Anche in questo caso, la situazione sui mercati azionari si è attenuata molto rapidamente. C'è stato un recupero a forma di V. Il sismografo ha reagito con un breve ritardo e poi di nuovo ha suggerito una ponderazione azionaria offensiva superiore alla media. "È interessante notare che anche questo è stato mantenuto in ottobre, anche se le dislocazioni del mercato in quel mese hanno assunto proporzioni simili a quelle di agosto. All'epoca, però, le probabilità al sismografo non indicavano affatto il pericolo di un brusco e prolungato declino", spiega Schlick e quasi insieme: "Alla fine, la gestione del rapporto di capitale proprio, soprattutto attraverso il posizionamento tra febbraio e aprile e da settembre in poi in relazione all'anno nel suo complesso, ha portato a un risultato molto piacevole in termini relativi".

È molto incoraggiante. Da un lato, la partecipazione alle fasi ascensionali ha avuto successo anche in un ambiente difficile e, dall'altro, le ponderazioni difensive non solo sono state stabilite molto rapidamente in caso di perturbazioni dell'ambiente di mercato, ma anche corrette nuovamente senza lunghi ritardi quando le nubi di tuono si sono dissolte.

Attualmente, il sismografo continua a segnalare un contesto di mercato positivo. La probabilità di un mercato azionario calmo e positivo è del 73%. La probabilità di un mercato turbolento e volatile con un trend positivo ("giallo") rimane al 21%. E la probabilità di turbolenze negative è ora scesa al 6%. "La somma delle probabilità "buone" (calma più turbolenza positiva dei mercati) rimane comodamente al di sopra del 90 per cento. La raccomandazione rimane: Significativa sovraponderazione delle azioni", informa Schlick.

Conclusione per gli investitori:

Utilizziamo i risultati del sismografo del mercato dei capitali per il posizionamento a breve termine all'interno del corridoio suggerito dall'indicatore della borsa valori privata. Quest'ultima - derivata dalle prospettive economiche e dalla valutazione del mercato azionario tedesco rispetto al suo fair value - dal 18 dicembre, ha consigliato una ponderazione azionaria compresa tra il 30 e il 70 per cento della quota di azioni pianificata individualmente.

Poiché il sismografo prevede attualmente una significativa sovraponderazione, la ponderazione specifica di equità dovrebbe essere nella fascia superiore della gamma proposta.

Il vostro

Klaus Meitinger

Nota: nonostante l'accurata selezione delle fonti, non ci si può assumere alcuna responsabilità per l'accuratezza del contenuto. Le informazioni fornite nel patrimonio privato hanno solo scopo informativo e non costituiscono un invito all'acquisto o alla vendita di titoli.

Indirizzo editoriale

  • Private Wealth GmbH & Co. KG
    Montenstrasse 9 - 80639 München
  • +49 (0) 89 2554 3917
  • +49 (0) 89 2554 2971
  • This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Lingue

Social media