Tra speranza e dolore.

Print Friendly, PDF & Email

Cari lettori,

ifo VerarbeitendesGewerbe Mar2019andLegendIl clima economico dell'Ifo è aumentato a marzo per la prima volta in sei mesi. Questa, a prima vista, una buona notizia, tuttavia, viene messa in prospettiva quando si esaminano i singoli settori. L'aumento è dovuto al settore dei servizi, al commercio e all'edilizia. Nell'industria, considerata come un indicatore di fiducia per l'economia globale e per i mercati azionari, il calo è proseguito con decisione (grafico 1). Le aspettative degli imprenditori del settore manifatturiero hanno raggiunto il livello più basso da novembre 2012.

Il pessimismo nell'industria si riflette anche nelle aspettative delle esportazioni. Sono praticamente crollate nel mese di marzo (grafico 2).

Un barlume di speranza viene dalla Cina. Il mese scorso abbiamo sottolineato che la maggior parte degli economisti si aspetta la ripresa dell'economia globale nei prossimi mesi, perché la Cina sta nuovamente facendo un passo avanti attraverso la politica monetaria e fiscale. Almeno i primi indicatori mostrano ora un miglioramento iniziale. Se è vero che gran parte della debolezza del settore era dovuta ai problemi della Cina, le aspettative del settore dovrebbero presto aumentare.

I prezzi delle azioni sono quindi già in aumento sui mercati dei capitali. Gli investitori cercano di superare l'attuale debolezza economica e si posizionano per una crescita più forte nella seconda metà dell'anno. La notizia che la disputa commerciale tra la Cina e gli Stati Uniti potrebbe essere finita presto stimolerà ulteriormente l'ottimismo. L'ammaccatura invece della recessione è il verdetto unanime.

E' una posizione di partenza difficile. Se la teoria dell'ipotesi viene effettivamente confermata nei prossimi mesi, l'indicatore del mercato azionario privato probabilmente reagirà troppo lentamente e mancherà alcuni dei guadagni di prezzo. L'indicatore è un modello a lunghissimo termine, che soprattutto tiene d'occhio i rischi. Prima che l'indicatore abbandoni la sua posizione difensiva devono essere osservati chiari miglioramenti.

Questo atteggiamento prudente è attualmente sostenuto anche dai sismografi del mercato dei capitali. Come sapete, si distingue tra tre fasi: "verde" (mercato tranquillo = acquisto), "giallo" (mercato turbolento con aspettativa positiva = investire, ma con copertura) e "rosso" (mercato turbolento con aspettativa negativa = non investire).

Nelle ultime settimane la probabilità per un mercato orso (rosso) è diminuita successivamente. Negli ultimi giorni, tuttavia, questa tendenza positiva si è invertita. Nel frattempo è salito di nuovo al 40%. La probabilità di un mercato azionario calmo e positivo ("green, buy or hold") è del 48%. La probabilità di un mercato turbolento e volatile con trend positivo ("giallo") al 12%. Il sentimento di fondo, molto positivo nel recente passato, è tornato alla normalità", spiega Oliver Schlick, che conclude: "Se i dati fondamentali attualmente ancora deboli non migliorano, c'è il rischio che le probabilità che ne derivano possano ulteriormente peggiorare. Nel complesso, si può ricavare un'allocazione del portafoglio un po' meno offensiva.

Conclusione:

L'indicatore del mercato azionario privato è fuori borsa dalla fine di febbraio 2018. Ciò è stato determinato dal triplice declino delle aspettative degli operatori del settore e dalla contemporanea valutazione molto elevata dei mercati azionari. Da allora, l'indicatore ha proposto una ponderazione minima delle azioni pari allo 0 - 30 per cento della componente azionaria pianificata individualmente.

Per il posizionamento a breve termine all'interno di questo corridoio utilizziamo i risultati del sismografo del mercato dei capitali. Poiché la situazione si è nuovamente deteriorata, la quota di capitale proprio proposta scenderà dal 30 al 25 per cento.

vostro

Klaus Meitinger

Nota: nonostante l'accurata selezione delle fonti, non si assume alcuna responsabilità per l'accuratezza del contenuto. Le informazioni fornite nel patrimonio privato hanno solo scopo informativo e non costituiscono un invito all'acquisto o alla vendita di titoli.

Pin It

Indirizzo di pubblicazione

Private Wealth GmbH & Co. KG
Montenstrasse 9
80639 München

I social media

  • Tel.:
    +49 (0) 89 2554 3917
  • Fax:
    +49 (0) 89 2554 2971
  • Email:
    iQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Soziale Medien

         

   email