• Klaus Meitinger

Il 2021 sarà un anno da top stock?

0802 BullenCari lettori,

Nell'ultimo mese, abbiamo praticamente visitato una dozzina di outlook annuali di banche e gestori patrimoniali. La linea di fondo è chiara: quest'anno, gli auguri si aspettano una ripresa economica massiccia, tassi d'inflazione in aumento e ancora una politica monetaria ultra-espansiva continua. Cosa significa questo per la strategia di investimento?

All'inizio del suo 2021 Annual Outlook ogni anno, Neuberger Berman chiede al pubblico quale classe di attività avrà la migliore performance nell'anno a venire. Questa volta la risposta era chiara. Il 74% - più che in qualsiasi momento negli ultimi cinque anni - ha scelto le azioni.

Non siamo sorpresi. Lo scenario di base di tutti gli esperti - ripresa economica con tassi d'interesse estremamente bassi - è una ricetta per ulteriori aumenti dei prezzi. Questo è il motivo per cui molte case stanno aumentando i loro obiettivi di prezzo per il DAX per quest'anno in direzione di 15.000 punti.

Naturalmente, tutti gli esperti hanno anche sottolineato i rischi. La più frequentemente menzionata è stata una battuta d'arresto dell'economia in relazione all'aumento delle infezioni, alle mutazioni e alla lentezza delle vaccinazioni. "Ma anche in questo caso, la politica fornirebbe un cuscinetto", riflette César Perez Ruiz, CIO di Pictet: "Perché allora i governi sarebbero ancora più favorevoli fiscalmente e le banche centrali farebbero ancora più pressione".

Poiché molti investitori sono preoccupati che le valutazioni siano già troppo alte e che presto dovranno essere corrette, anche questa questione è stata affrontata. In effetti, molti mercati azionari, come misurato dai rapporti prezzo-utili, sono più altamente valutati di quanto lo siano stati dalla bolla dot-com. Tuttavia, questo paragone - dicono gli esperti - non dovrebbe essere tracciato in modo isolato. "La differenza chiave tra allora e oggi è il livello dei tassi d'interesse Allora, il rendimento dei titoli di stato americani a 10 anni era intorno al sei per cento, e quello dei Bund tedeschi intorno al cinque per cento", informa Carsten Klude, capo economista di M.M.Warburg & Co. "Oggi, al contrario, è l'uno per cento e meno 0,5 per cento. "Le valutazioni sono alte, ma non estreme - e ragionevoli data la nuova era dei tassi di interesse", conclude Michael Heise, HQ Trust.

"La chiave ora è che i guadagni arrivino davvero come previsto. Le aziende devono consegnare", chiarisce Georg von Wallwitz, Eyb e Wallwitz. Diamo quindi un'occhiata più da vicino alle previsioni. La società statunitense FactSet raccoglie dati da circa 600 banche, broker e lettere di borsa in tutto il mondo su oltre 17.000 aziende di oltre 55 paesi. Questi vengono pubblicati come cosiddette stime di consenso e riflettono abbastanza bene ciò che "il mercato" pensa e che quindi dovrebbe essere anche approssimativamente prezzato nei prezzi correnti delle azioni.

Nei prossimi due anni, la comunità degli investitori si aspetta un forte aumento dei guadagni. I guadagni - basati sui principali indici DAX, S&P 500, e Nikkei 25 - dovrebbero essere tra il 19 e il 29% più alti nel 2022 rispetto ai guadagni del 2019, e quindi di nuovo sopra i livelli record stabiliti nel 2018.

Sulla base di questi guadagni stimati per il 2022 - e questo è ciò su cui gli investitori si concentreranno nella seconda metà del 2021 - il rapporto prezzo-utili per il DAX è attualmente 13,5, per lo S&P 500 è 19,7, e per il Nikkei è 19,8. Questo non è molto, dati i tassi di interesse ultra-bassi, e lascerebbe spazio per un ulteriore rialzo - soprattutto per il DAX - in prospettiva. "Una parte considerevole del movimento al rialzo dei mercati azionari è stata effettivamente già anticipata. Ma c'è ancora spazio per il rialzo perché la tendenza economica sarà molto positiva", conclude Holger Schmieding, Bankhaus Berenberg.

La domanda cruciale è: le aspettative di profitto molto ottimistiche sono davvero realistiche? I professionisti sono fiduciosi. "Le aziende hanno ridotto rapidamente e radicalmente la loro base di costi e hanno accelerato la trasformazione digitale. Ora, quando arriverà la crescita dei ricavi, l'effetto leva sui profitti sarà enorme", spiega Guilleaume Brisset di Clarton Associèes.

In termini di settori, gli esperti si concentrano ora più sulle aziende cicliche e su quelle che beneficiano di tassi d'inflazione più alti - industriali, materiali, materie prime, beni di consumo. "Un tema molto grande sarà anche quello delle azioni sostenibili", aggiunge Maximilian Kunkel, CIO di UBS: "Ogni decennio ha il suo acronimo. Negli anni '90 era TMT, negli anni '00 BRIC, dal 2010 FANG. Nel prossimo decennio sarà ESG".

Le regioni preferite sono la Germania, l'Europa e soprattutto i mercati emergenti dell'Asia, compresa la Cina. "Un aspetto positivo per l'Asia emergente è che ha resistito bene alla seconda ondata di infezioni. Il divario di crescita con i paesi sviluppati è aumentato, le prospettive di guadagno sono giuste e le valute sono ai minimi storici contro il dollaro", César Perez Ruiz elenca gli argomenti.

Donald Amstad, Aberdeen Standard Investments, prende le difese delle A-shares cinesi. In primo luogo, dice, l'ascesa di molti cinesi nella classe media è ormai inarrestabile. 570 milioni con un reddito annuo attuale tra i 10000 e i 30000 dollari sono sulla loro strada. E in secondo luogo, la Cina ha urgente bisogno di una vera cultura dell'equità per alleviare il problema pensionistico di una popolazione che invecchia nel medio termine con l'aiuto dei dividendi. Quindi il paese continuerà ad aprire rapidamente i suoi mercati dei capitali. L'importanza dei titoli cinesi nei principali indici azionari globali continuerà quindi a crescere. "Oggi, le azioni cinesi hanno un peso di solo il 4,2% nell'indice MSCI AC World. Gli Stati Uniti dominano con il 55,6%. Questo rapporto cambierà significativamente in futuro. Gli investitori dovrebbero quindi investire in Cina ora", dice Amstad

Tutto questo sembra piuttosto promettente. Se lo scenario economico positivo delineato nella prima parte della nostra piccola serie diventa realtà, una sorpresa è addirittura possibile.

Unisciti a noi in un piccolo gioco mentale. Supponiamo che nella seconda metà dell'anno il boom economico globale sincronizzato si materializzi davvero e che i tassi d'inflazione salgano oltre il tre per cento. Con i tassi d'interesse che rimangono comunque a zero, il "denaro" perde un enorme potere d'acquisto per la prima volta dall'inizio dell'espansione monetaria - tre per cento in un solo anno.

Cosa faranno allora coloro che detengono il "denaro"?

A livello globale, secondo Stefan Riße, Acatis, gli afflussi nei fondi del mercato monetario e obbligazionario hanno sommato circa duemila miliardi di dollari ciascuno dal 2016. In Germania, ci sono attualmente 2,7 trilioni di euro in contanti e depositi a vista, e nel resto d'Europa sono certamente diversi trilioni in più. In tutto il mondo, le obbligazioni che valgono da 17 a 18 trilioni di dollari stanno dando solo rendimenti negativi. Quindi, tutto sommato, molti capitali sono colpiti dall'erosione del potere d'acquisto.

Ma la capitalizzazione totale dei mercati azionari a livello globale è solo circa 100 trilioni di dollari. Cosa succederebbe se vedessimo effettivamente la grande rotazione dei risparmi in azioni che è stata spesso prevista per il prossimo anno? In un momento in cui nessuno vuole vendere le sue preziose azioni. Le valutazioni potrebbero alla fine essere simili a quelle per le proprietà residenziali in luoghi privilegiati?

Naturalmente, questa è solo un'idea per il momento. Ma questo scenario non è irrealistico. Il 2021 potrebbe quindi essere un anno molto redditizio per le azioni.

Cordiali saluti,

Klaus Meitinger

Nota: Nonostante l'accurata selezione delle fonti, non si può accettare alcuna responsabilità per l'accuratezza del contenuto. Le informazioni fornite nel patrimonio privato sono solo a scopo informativo e non costituiscono un invito a comprare o vendere titoli.