• Klaus Meitinger

Controllo della realtà: il sismografo supera la prova del fuoco.

Kapitalmarkt Seismograf 1Cari lettori,

Da più di due anni, vi informiamo regolarmente sugli sviluppi del sismografo del mercato dei capitali. Il nostro obiettivo è quello di aiutarvi a valutare meglio le opportunità e i rischi del mercato azionario. Allo stesso tempo, lo usiamo per ricavare i cambiamenti a breve termine del rapporto di capitale nell'indicatore del mercato azionario della ricchezza privata.

Nel 2019, questo aveva funzionato brillantemente (vedi News from the Editor, 17.01.2020: Il sismografo impressiona nel 2019). Il 2020 era ora l'ultima cartina di tornasole per il modello. Crollo drammatico, recupero a forma di V, poi mercato toro mentre i prezzi scalavano un muro di paura - gli investitori avrebbero potuto sbagliare molto negli ultimi dodici mesi. L'approccio d'investimento basato sul sismografo del mercato dei capitali ha aggiunto valore reale anche nel 2020? Una recensione.

La storia del sismografo del mercato dei capitali è iniziata più di dieci anni fa all'Università Tecnica di Monaco. Il professor Rudi Zagst, insieme a un gruppo di accademici e professionisti rinomati tra cui il dottor Oliver Schlick, l'ex amministratore delegato e Chief Investment Officer di Bayerninvest, aveva sviluppato un modello per prevedere le probabilità di crisi - il sismografo del mercato dei capitali. Questo distingue tre stati di mercato: se il sismografo segnala "verde", significa che ci si aspetta un mercato calmo con una tendenza positiva. Gli investitori possono investire con tranquillità. "Giallo" indica un mercato turbolento con aspettative positive. E il "rosso" indica un mercato turbolento con aspettative negative. Il consiglio è quindi: non investire.

Più tardi, Schlick, insieme a Zagst, ha ampliato il modello in un approccio di investimento che fornisce chiare raccomandazioni riguardo alla ponderazione delle azioni nel rispettivo ambiente di mercato. Dal 2018, il patrimonio privato pubblica regolarmente questi risultati. I redattori collegano quattro aspettative con questo: In primo luogo, il sismografo è destinato a fornire un avviso tempestivo di turbolenza e quindi limitare le perdite in una tendenza al ribasso. In secondo luogo, l'approccio dovrebbe correggere il bias difensivo senza molto ritardo una volta che le nuvole della tempesta si sono schiarite, permettendo agli investitori di partecipare alle fasi di rialzo dei mercati azionari. In terzo luogo, si vuole evitare l'errore frequente di reagire troppo spesso in fasi laterali con forti fluttuazioni. Perché è giustamente vero che l'avanti e indietro rende le tasche vuote. E in quarto luogo, il risultato dell'investimento dovrebbe essere migliore a lungo termine rispetto a una strategia buy-and-hold pura.

L'approccio potrebbe soddisfare queste aspettative nel 2020?

Gennaio 2020: Il cielo sopra il mercato dei capitali è senza nuvole. La probabilità di un aumento dei prezzi delle azioni è superiore al 90%. L'approccio d'investimento raccomanda quindi da settimane un "investimento completo" e ha partecipato al rally iniziale dell'anno sui mercati azionari. Il DAX è quotato a 13450 punti. Sembra essere un buon anno per gli investimenti.

Febbraio 2020: Il barometro azionario tedesco segna un massimo storico a circa 13.790 punti. Il sismografo è in piena attività. Verso la fine del mese, tuttavia, i timori del nuovo tipo di virus Corona si stanno diffondendo. Tuttavia, questo sembra essere ancora un fenomeno limitato alla Cina. Tuttavia, la paura di un crollo dell'economia cinese sta spingendo il DAX giù di circa 1000 punti. Nel caso del sismografo, la probabilità di turbolenza negativa comincia ad aumentare leggermente. Tuttavia, il modello rimane completamente investito.

Inizio marzo 2020: la situazione arriva a un punto morto. Lo sviluppo delle infezioni fuori dalla Cina e i timori di una pandemia globale sono costati al DAX altri 1000 punti nella prima settimana di marzo. La probabilità di turbolenze negative nel modello aumenta ulteriormente - ma non abbastanza da giustificare una riduzione dell'allocazione azionaria a circa 11.500 punti nel DAX. Poi le cose si muovono molto rapidamente. La probabilità di una turbolenza negativa ("rossa") aumenta rapidamente e drammaticamente. Un'enorme tempesta incombe. L'approccio d'investimento raccomanda di ridurre la ponderazione azionaria a zero.

In modalità panico, il mercato scende a poco più di 8000 punti nella seconda metà di marzo. La velocità dello schianto è mozzafiato. Il mercato perde in sole quattro settimane più o meno quello che aveva perso in 15 mesi durante la crisi finanziaria. Data questa velocità, anche il sismografo reagisce solo dopo la prima onda discendente. Ma almeno può limitare la perdita di un portafoglio azionario puro a poco più del 20% rispetto all'inizio dell'anno. "Questo avrebbe potuto risparmiare qualche notte insonne. Dobbiamo ricordare: All'epoca, c'era il panico puro - e nessuno sapeva quanto ancora sarebbero scesi i prezzi delle azioni", commenta Oliver Schlick

Sorprendentemente, il mercato si è poi rapidamente invertito. Grazie alle misure di sostegno della politica monetaria e fiscale, senza precedenti per volume e velocità, il DAX era già risalito a circa 10.000 punti alla fine di marzo. "La domanda cruciale ora era: il modello avrebbe aumentato di nuovo l'equity ratio?" dice Schlick.

Aprile 2020: La ripresa dei mercati azionari continua. E il sismografo reagisce davvero rapidamente. Già all'inizio di aprile, il modello inizia ad aumentare gradualmente la quota di capitale. All'inizio di maggio, l'approccio raccomanda di nuovo un'esposizione del 100%. Nei portafogli misti, questo è un significativo sovrappeso. "Questo ha effettivamente funzionato molto bene. In aprile, quasi nessuno aveva osato investire di nuovo. Il fatto che il modello abbia segnalato in quel momento che la tempesta si stava calmando e che un'alta ponderazione azionaria era di nuovo giustificabile è stato estremamente piacevole", ricorda Oliver Schlick.

Quali sono state le ragioni della svolta? "Tre cose", spiega il professionista: "Primo, la volatilità è scesa molto bruscamente in aprile. In secondo luogo, i tassi di interesse si sono normalizzati. Durante la crisi, la loro struttura aveva segnalato un alto livello di paura nel mercato. Questo è cambiato all'inizio di aprile. E in terzo luogo, i tassi di interesse a breve termine sono scesi massicciamente perché le banche centrali hanno pompato molto denaro nel sistema. Così la probabilità complessiva di turbolenza negativa è scesa drasticamente, la tempesta era finita secondo i nostri indicatori".

Maggio 2020: il DAX riceve una forte spinta da metà mese e torna sopra i 12500 punti nella prima settimana di giugno. "Quasi nessuno di quelli che sono usciti in modalità panico a marzo ha beneficiato di questa mossa. La maggior parte degli investitori erano convinti all'epoca che il mercato degli orsi avesse due fasi - come spesso in passato. Hanno quindi aspettato invano una seconda battuta d'arresto prima di comprare", spiega Schlick.

Da luglio a settembre 2020: il mercato continua ora a tendere verso l'alto - ma con due significative battute d'arresto a luglio e settembre. "Tuttavia, gli indicatori sono cambiati solo molto leggermente durante questa fase e non hanno suggerito alcuna nuova turbolenza negativa", dice Schlick

Ottobre/novembre 2020: una seconda ondata di infezione minaccia, gli indicatori economici puntano di nuovo verso il basso. I mercati azionari perdono circa il dieci per cento. Una correzione? O l'inizio di un altro crollo? "Molti investitori hanno ridotto nuovamente le loro partecipazioni azionarie durante questo movimento. Ciò che è interessante è che non era successo nulla di significativo negli indicatori del modello durante questo periodo. Il LIBOR è rimasto costantemente basso. La volatilità ha smesso di aumentare significativamente. I dati semplicemente non si sono comportati come all'inizio di una crisi. Ecco perché la raccomandazione di investimento completa è rimasta invariata", ricorda Schlick.

Quando la notizia di un vaccino funzionante si è diffusa il 9.11, i prezzi delle azioni sono balzati del 5-10 per cento in pochi minuti. Coloro che avevano precedentemente ridotto la loro esposizione azionaria ora hanno dovuto inseguire i prezzi. L'approccio è stato investito e ha beneficiato della spinta del vaccino.

Dicembre 2020: Il DAX finisce il turbolento anno 2020 a circa 13700 punti. Un portafoglio misto di 50 per cento DAX e 50 per cento cash - senza alcun cambiamento nell'allocazione - avrebbe reso poco meno del tre per cento l'anno scorso. Come si è comportato il sismografo rispetto ai suoi obiettivi in questo ambiente?

"Il segnale di uscita a marzo è arrivato dopo le prime battute d'arresto del mercato, ma non troppo tardi", dice Schlick, "almeno gli investitori azionari non hanno rischiato di perdere casa e casa in una situazione di disastro completamente incerta". In effetti, la perdita è stata limitata a circa il 20 per cento, e il successivo crollo di oltre il 20 per cento è stato evitato. E se il mondo finanziario fosse effettivamente fallito nella primavera del 2020 - nessuno poteva escluderlo all'epoca - gli investitori non sarebbero stati colpiti.

Poi, quando i mercati si sono rapidamente ripresi e le nubi della tempesta si sono dissolte, il modello ha risposto molto bene. In un mondo di paura, è stato estremamente rapido nel raccomandare di nuovo il pieno investimento e lo ha mantenuto nonostante le turbolenze intermedie. Nella fase laterale volatile della seconda metà dell'anno, ha quindi anche soddisfatto perfettamente l'obiettivo numero tre. "Nel complesso, sono molto soddisfatto", conclude Schlick.

E le prestazioni? "Se un investitore avesse cambiato l'allocazione azionaria tra lo zero e il 100 per cento nel corso dell'anno in linea con i segnali del sismografo, il suo rendimento totale sarebbe stato di circa il 3,75 per cento. Anche se il modello è scivolato nel crollo di marzo completamente investito, alla fine ha fatto meglio di un portafoglio misto di 50 per cento DAX e 50 per cento in contanti, che avrebbe reso poco meno del tre per cento. Questo è molto positivo", informa Oliver Schlick.

Come va il sismografo nel nuovo anno?

Nei primi giorni di gennaio, il sismografo continua a mostrare il quadro familiare da settimane. Le probabilità per un mercato azionario calmo e positivo (verde) e un mercato azionario turbolento e positivo (giallo) sommano ben oltre il 90%. Una turbolenza negativa è improbabile. "La raccomandazione rimane: Azioni significativamente sovrappesate", dice Schlick.

La linea di fondo per gli investitori:

Usiamo i risultati del sismografo del mercato dei capitali per il posizionamento a breve termine all'interno del corridoio suggerito dall'indicatore del mercato azionario del patrimonio privato. Poiché l'indicatore economico Ifo è positivo, ma la valutazione sui mercati azionari è ora molto ambiziosa, questo corridoio è tra il 60 e il 90% del capitale destinato agli investimenti azionari. Poiché il sismografo suggerisce che è consigliabile una sovraponderazione, un orientamento offensivo è ancora indicato. A conti fatti, quindi, l'allocazione azionaria dell'indicatore del mercato azionario del patrimonio privato rimane all'80%.

Un punto dovrebbe essere notato, tuttavia: L'unica cosa che attualmente ostacola un'allocazione azionaria ancora più alta è la valutazione dei mercati. Il calcolo di base del fair value del DAX si basa su dati materiali dal 1954 e presuppone, tra l'altro, un ritorno a medio termine dei tassi di interesse reali alle medie a lungo termine. Come si può vedere dalla copertura del Lerbach Round nella rivista attuale, tuttavia, questo presupposto può certamente essere messo in discussione in vista del prossimo decennio. Senza questo presupposto, sarebbe appropriata una ponderazione azionaria significativamente più alta. Nelle prossime due settimane, calcoleremo quindi cosa significherebbe "zero interessi per sempre" per la ponderazione azionaria nel modello.

Vi auguriamo un anno di investimento di successo 2021,

Il tuo

Klaus Meitinger

Nota: Nonostante l'accurata selezione delle fonti, non si può accettare alcuna responsabilità per l'accuratezza del contenuto. Le informazioni fornite nel patrimonio privato sono a scopo informativo e non sono un invito a comprare o vendere titoli.